Argomento: Paolo De Castro

  • 18 Giugno 2014

    Gli Stati Uniti non digeriscono le DOP

    Italia OggiIl nostro sistema è diverso, c'è sicuramente un modo per trovare una soluzione, ma ci vuole una migliore comprensione e un dialogo continuo». Così se la cava il segretario di stato americano all'agricoltura Tom Vilsack in tour europeo, rispondendo a chi gli chiede cosa pensano gli americani del sistema Ue dei marchi a denominazione di origine. Con il negoziato per un patto commerciale transatlantico (Ttip) sempre sullo sfondo, è centrale la tutela delle Dop e l'annunciata ma mai praticata apertura delle frontiere Usa per il manzo europeo.
  • 16 Giugno 2014

    L’IGP della Salama da sugo è vicina, primo ok da Strasburgo

    La Nuova FerraraGli organizzatori delle sagre: «Un'opportunità per far conoscerei i prodotti fuori provincia, siamo orgogliosi». Un quarto di goletta, un quarto di capocollo, un quarto di pancetta, un quinto di spalla, il 3% di lingua e il 2% di fegato: la Salama da sugo, quella IGP, è servita. Il gustoso prodotto ferrarese, tramandato dai beccai della Corte Estense fino ai giorni nostri, è ormai a un passo dall'ottenimento dell'Indicazione geografica protetta, un iter avviato nell'ottobre del 2012, quando Regione e Ministero dell'Agricoltura riconobbero degni di attenzione i documenti ...
  • 30 Aprile 2014

    Convegno “Parliamo di food a 365 giorni da Expo2015”

    La presentazione degli interventi del convegno organizzato da FieraMilano e la sua manifestazione TuttoFood a un anno dall'Esposizione Universale, per fare il punto sull'industria alimentare italiana.
  • 28 Aprile 2014

    Salto di qualità per l’Insalata di Lusia IGP

    La Voce di Rovigo Riflettori europei puntati su "sua maestà verde", l'Insalata di Lusia IGP, che nella giornata di ieri è stata il tema principale della visita di Paolo De Castro, presidente della commissione Agricoltura e sviluppo rurale del parlamento europeo. L'onorevole De Castro, invitato dalla Confederazione italiana agricoltori di Rovigo, ha colto l'occasione per ribadire l'importanza di sfruttare le numerose risorse "messe in campo" dall'Unione Europea: "Lusia può e deve ambire a diventare un distretto ortofrutticolo di eccellenza nel panorama internazionale"
  • 1 Aprile 2014

    PAC: scontro finale sugli atti delegati

    Agrisole - Il Sole 24 oreIl braccio di ferro istituzionale continua come se nulla fosse successo. L'altolà dell'Europarlamento sui criteri applicativi della riforma Pac è caduto nel vuoto, la Commissione ha approvato le proposte relative agli atti delegati (10 regolamenti), senza apportare quasi nessuna delle modifiche chieste da Strasburgo su agricoltori attivi, giovani, aiuti accoppiati e vincoli ambientali. «L'adozione degli atti delegati è l'ultima tappa, dopo la quale gli Stati membri potranno elaborare le norme di attuazione della nuova Pac»
  • 1 Aprile 2014

    Aceto Balsamico di Modena IGP, le strategie per la tutela

    Il Resto del Carlino Nel Panorama enogastronomico locale, ma anche nazionale, l'Aceto Balsamico di Modena IGP rappresenta un vanto e un patrimonio non indifferente, soprattutto se si pensa che il 90% della sua produzione è rivolta ai mercati esteri. Mercati in cui il fenomeno della contraffazione dei prodotti DOP è altamente presente, e proprio per questo si è arrivati alla creazione del Consorzio di Tutela dell'Aceto Balsamico, che dopo il riconoscimento ministeriale ha presentato ieri le strategie per tutelare questo prodotto.
  • 10 Febbraio 2014

    Pac, altolà dell’Europarlamento

    Il Sole 24 Ore È scontro a Bruxelles sui cosiddetti atti delegati della nuova Pac, i provvedimenti esecutivi della riforma che la Commissione europea sta preparando ma l'Europarlamento vuole bloccare perché «non rispettano lo spirito dell'accordo e soprattutto dei regolamenti di base appena pubblicati», spiega il presidente della commissione Agricoltura del Parlamento Ue, Paolo De Castro. Al centro della contestazione c'è la formulazione giuridica della figura dell'agricoltore attivo cui riservare l'accesso ai sussidi, che secondo l'esecutivo dovrebbe essere basata esclusivamente su parametri economici, come il rapporto tra aiuti e reddito dell'azienda
  • 24 Gennaio 2014

    La Pasta di Gragnano IGP festeggia

    Dopo il riconoscimento della denominazione Pasta di Gragnano IGP, nella cittadella del napoletano c'è aria di festa. Tutto è pronto per l'evento del 25 gennaio “Pasta&Basta”: un’intera giornata dedicata alla conoscenza della città, della sua storia e della sua produzione per eccellenza.
  • 23 Gennaio 2014

    Torna “Protagonisti dell’Ortofrutta italiana”

    A Dozza (BO), nella splendido resprt Monte del Re, il 24 gennaio 2014 tornano gli “oscar” della frutta assegnati dal Corriere Ortofrutticolo. Questo sarà l’anno mediterraneo dell’Unione europea con la presidenza affidata prima alla Grecia e poi all’Italia.
  • 7 Gennaio 2014

    Indicazioni Geografiche: il servizio di Rai 3 – Regione Europa

    Rai Tre Ragione Europa analizza il comparto delle Indicazioni Geografiche italiane attraverso il Rapporto Qualivita Ismea 2013. Un'analisi e un’interpretazione dei più significativi fenomeni socio-economici del comparto agroalimentare italiano dei prodotti di qualità certificata DOP IGP STG.
  • 28 Novembre 2013

    ComAgri Year report 2013

    Mercoledì, 18 dicembre, ore 11.30 a Roma, via IV Novembre 149 presso l'Ufficio d’Informazione in Italia del Parlamento europeo, l’On. Paolo De Castro, Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale del Parlamento europeo, aprirà l’incontro YEAR REPORT 2013 - LE ATTIVITÀ SVOLTE DURANTE IL QUARTO ANNO DI LEGISLATURA. invito_18_Dicembre.pdf
  • 20 Novembre 2013

    La svolta dell’agricoltura Ue. Così gli aiuti per i giovani

    Corriere della Sera Maggiore attenzione alle coltivazioni del Mediterraneo, sostegno ai giovani, più tutela all'ambiente: dopo il via libera ieri al nuovo bilancio europeo, ridotto a 960 miliardi per i prossimi 7 anni, oggi a mezzogiorno il Parlamento, riunito a Strasburgo, vota sulla riforma della Pac, la Politica agricola comune europea, che porta molte novità. E' un momento storico: se passa, per la prima volta il Parlamento europeo riesce a cambiare profondamente la proposta iniziale della Commissione per riformare uno dei cardini dell'Unione europea fin dalle origini, come segnalano gli oltre ottomila emendamenti presentati dagli eurodeputati. L'Italia nel complesso riceverà circa 6 miliardi in media all'anno (4 miliardi di aiuti diretti e 2 miliardi per lo sviluppo rurale) per i prossimi 7 anni.
  • 6 Novembre 2013

    Olivi del Salento: il batterio ci costa già 30 mln

    Italia Oggi Gli olivi salentini muoiono e le polemiche crescono. L'infezione da Xylella fastidiosa che rischia di falcidiare migliaia di piante nel sud della Puglia è al centro di una querelle tecnico scientifica, ma anche politica. Andiamo con ordine. Dopo che il servizio fitosanitario pugliese aveva identificato in Xylella fastidiosa l'agente responsabile del rapido disseccamento degli olivi, l'Accademia dei Georgofili ribatte che il batterio sarebbe «coinvolto nel quadro eziologico come compartecipe». Dietro alla moria degli olivi salentini vi sarebbero, insomma, altre e più complesse cause. Gli esperti fitoiatrici dell'accedemia hanno già elebaorato rilevazioni importanti.
  • 30 Ottobre 2013

    Coop, la trasparenza sale in tavola

    Avvenire Dalla tavola al campo. Con Origini trasparenti parte la nuova campagna di Coop. Lo scopo è rendere disponibile in tempo reale l'informazione relativa all'origine delle materie prime dei prodotti alimentari confezionati. Una campagna, unico esempio in Europa, che punta alla trasparenza dell'informazione, per quanto attiene ai prodotti a marchio confezionati: in totale oltre 1.400 di uso quotidiano. «Per noi di Coop precisa Enrico Migliavacca, vicepresidente vicario di Ancc Coop (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori Coop)- è doveroso mettere i consumatori nelle condizioni di scegliere responsabilmente».
  • 15 Ottobre 2013

    Largo al green farming

    Green Business Gli impegni ambientali della nuova Pac, la lotta contro gli sprechi alimentari, la sfida dell'Expo, Paolo De Castro racconta le iniziative di sostenibilità made in Europe "quella di oggi è una giornata di eccezionale importanza per milioni di agricoltori Europei". Era il 26 giugno scorso quando Paolo De Castro, presidente della commissione agricoltura della Ue, celebrava lo storico accordo sulla riforma della politica agricola comune post 2014, costato due anni di lavoro, quasi 8 mila emendamenti e una cinquantina di incontri inter istituzionali. «Una grande Fatica, ma una bella soddisfazione»
  • 26 Settembre 2013

    Ok alla politica agricola Ue. La riforma favorisce i piccoli

    La Stampa La nuova politica agricola europea, Pac per farla breve, è pronta al decollo. Il trilogo tra Commissione Ue, Consiglio (gli stati membri) ed Europarlamento ha chiuso l'altra notte il testo dell'insieme di regole che scandiranno la vita di allevatori e coltivatori a partire dal 2014. Il nuovo passaggio più importante è la riduzione del 5% per i finanziamenti alle aziende che ricevono più di 150mila euro di sostegno comunitario, decisione che però accompagna la caduta della proposta di «capping», ovvero dell'introduzione di un tetto per i contributi comunitari. Serviva a limitare il flusso di denaro a vantaggio delle industrie più grandi.