Crisi dell’ortofrutta, cosa fare?