Argomento: dieta mediterranea

  • 21 novembre 2018

    Grana Padano DOP, lezioni di sana alimentazione

    Diffondere i fondamenti della corretta alimentazione per puntare a stili di vita sani da parte dei consumatori. È il leit-motiv di una serie di iniziative avviate negli anni da Grana Padano DOP, Consorzio senza fini di lucro nato per tutelare e promuovere quello che è uno dei formaggi più noti nel mondo. Quindi non siamo di fronte a un produttore o a un'azienda che promuove un brand, bensì al marchio distintivo di un prodotto DOP (denominazione di origine protetta). Precisazioni che aiutano a comprendere meglio l'anima sociale, che tra le altre cose si estrinseca attraverso il programma "Educazione Nutrizionale Grana Padano", che ha come mission quattro obiettivi: contribuire a migliorare la salute dei cittadini di ogni età; divulgare i principi della corretta alimentazione e dell'attività fisica, come forma di prevenzione delle principali malattie; fornire alla classe medica informazioni e aggiornamenti sull'alimentazione; infine fornire a cittadini e pazienti strumenti ...
  • 6 novembre 2018

    Grana Padano DOP sa mettere d’accordo gusto e benessere

    Ricette, materie prime e abbinamenti: la cucina per noi italiani è una vera passione, e che altro aspettarsi dal Paese della dieta mediterranea, dove trionfano programmi e contest per aspiranti chef? Mettersi a tavola, del resto, è un piacere, ma oggi c'è anche un altro aspetto che suscita il nostro interesse: da ciò che mettiamo nel piatto - o da ciò che "non" ci mettiamo - dipende, infatti, in larga misura il nostro benessere. Intolleranza al lattosio o al glutine, ipercolesterolemia, ipertensione. Fare la spesa sembra essere diventato un lavoro di sottrazione, ma in realtà c'è un alimento che non dovrebbe mancare nel nostro frigo, un jolly dalle infinite virtù: il Grana Padano DOP. Tra i must del made in Italy il Grana Padano DOP è un vero e proprio pezzo di storia: le sue origini risalgono al lontano 1135, quando fu creato dai monaci dell'abbazia di Chiaravalle, a pochi chilometri da Milano. Le sue proprietà, però, lo rendono estremamente "moderno", perchè si ...
  • 6 novembre 2018

    DOP e IGP: tasse e divieti, l’ONU ci riprova

    A volte ritornano. È ancora allarme sul made in Italy agroalimentare. L'Oms torna alla carica per cercare di far passare la proposta di introdurre tasse e bollini di pericolo sulle etichette per i prodotti a maggior contenuto di grassi, zuccheri e sale.  E lo fa attraverso il gruppo dei paesi riunito sotto l'insegna "Foreign la difesa dei prodotti di eccellenza Policy e Global Health" (Fpgh), capitanato dal Brasile ma composto anche da Francia, Indonesia, Norvegia, Senegal, Sudafrica e Thailandia, che ha riaperto un capitolo che no fuori legge i prodotti con alto sembrava chiuso dopo la Dichiarazione politica adottata all'Assemblea generale dell'Onu il 27 settembre durante il Vertice Oms sulle malattie non trasmissibili. La rappresentanza permanente del Brasile a Ginevra in occasione di  meeting dell'Organizzazione mondiale della sanità ha ripresentato la proposta di risoluzione "ammazza prodotti tipici" che va a favore del "cibo di plastica" modificato chimicamente in ...
  • 23 luglio 2018

    ONU e OMS possono mettere a rischio l’agroalimentare italiano di qualità

    L 'ONU attacca il made in Italy, il Parmigiano Reggiano DOP e il prosciutto. Li vuole tassare e mostrare sulle confezioni immagini raccapriccianti come per le sigarette: questa la sintesi spicciola di quanto circola da giorni. C'è chi accusa l'OMS di voler demonizzare l'eccellenza dell'agroalimentare italiano e chi nega qualsiasi accanimento. La verità? Sta, in modo molto poco originale, nel mezzo. Made in Italy Né OMS né ONU hanno mai preso di mira in modo diretto ed esplicito i prodotti italiani. Si stanno però seriamente discutendo alcune iniziative che dovrebbero sfociare in una dichiarazione politica, con voto, il 27 settembre durante l'High Level Meeting delle Nazioni Unite sulle malattie non trasmissibili. Un documento non vincolante ma comunque espressione di capi di Stato e di governo. Il contenuto riguarda i prodotti d'eccellenza italiani come centinaia in tutto il mondo. Contenuti Si discute da tempo di due misure: tassazione dei prodotti considerati ...
  • 20 luglio 2018

    ONU, OMS e industria chimica minacciano le produzioni tipiche italiane

    A forza di tirare la corda su grassi, sali, zuccheri, alcol e altre sostanze che nuocciono gravemente alla salute, verranno tutti qui. Da noi, a mangiar bene, in questo trapezio bislungo, inciso dal Po e che ci ostiniamo a chiamare Food Valley. Una valle del cibo che Giovanni Boccaccio 667 anni fa aveva classificato nel Decameron come il Paese di Bengodi, più reale di qualsiasi surrealismo valpadano: ed eravi una montagna tutta di formaggio parmigiano grattugiato, sopra la quale stavan genti che niuna altra cosa facevan che far maccheroni e raviuoli e cuocergli in brodo di capponi, e poi gli gittavan quindi giù, e chipiù ne pigliava più se n'aveva. Se l'Organizzazione Mondiale della Sanità il 27 settembre dovesse davvero procedere con la segnalazione e l'etichettatura dei prodotti "a rischio", si spalancherebbero paesaggi straordinari. Popoli di turisti enogastronomici approderebbero nelle pianure, sui rilievi, le lagune, i golfi e le isole della Penisola per intossi...
  • 20 luglio 2018

    OMS e ONU. Grana Padano DOP: cibi da vietare, grave come una fake news

    Così il presidente del Consorzio Grana Padano DOP, Nicola Cesare Baldrighi, definisce quanto sostenuto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e dall'Onu, che nello stilare la lista dei cibi che possono ridurre entro il 2030 la diffusione di malattie non trasmissibili cardiovascolari e metaboliche, hanno individuato come dannosi alcuni prodotti che da sempre fanno parte della Dieta Mediterranea. "Ha dell'incredibile – prosegue Baldrighi – constatare che istituzioni così importanti mettano sul banco degli imputati produzioni da sempre riconosciute come esempio di eccellenza alimentare anche e soprattutto per le proprie qualità di salubrità e di alta valenza nutrizionale". Sulla stessa linea Stefano Berni, direttore generale del Consorzio del prodotto DOP più consumato al modo, con quasi 5 milioni di forme all'anno. "Ci attiveremo con tutti i mezzi per difendere il nome e la storia del Grana Padano DOP – commenta Stefano Berni – e di tutti gli altri ...
  • 17 luglio 2018

    ONU, dieta mediterranea sotto attacco

    Il Parmigiano Reggiano DOP, il Prosciutto di Parma DOP, ma anche la pizza, il vino e l'olio d'oliva. Tutti rischiano di fare la fine delle sigarette: tassati, e con tanto di immagini raccapriccianti sulle confezioni per ricordare che «nuocciono gravemente alla salute». L'Organizzazione Mondiale della Sanità e l'ONU hanno dichiarato guerra al diabete, al cancro e alle malattie cardiovascolari: i morti per queste malattie non trasmissibili dovranno essere ridotti di un terzo entro il 2030. Come? Riducendo nella dieta l'apporto di grassi saturi, sale, zuccheri e alcool. Il guaio è che sotto il fuoco amico dell'OMS rischiano di finirci anche i prodotti a più alta qualità del Made in Italy. Come il Parmigiano Reggiano DOP: per un grammo di sale di troppo, finisce per essere equiparato al fumo. Con buona pace dei principi della dieta mediterranea, riconosciuta come la più salutare anche da quella stessa OMS che ora la attacca. L'industria agroalimentare non ci sta: tutto ...
  • 20 aprile 2018

    Consorzio Arancia Rossa di Sicilia IGP, formazione e laboratori sensoriali agli studenti

    Continua l’impegno del Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia IGP nell’azione di promozione e di sensibilizzazione dei giovani. Sabato 21 aprile dalle ore 9,00 alle 13,00 presso la sede di Nicolosi, il Consorzio illustrerà agli studenti dell’IPSSAT R. Chinnici le qualità e le caratteristiche dell’Arancia Rossa IGP oltre ai ruoli che lo stesso svolge per la tutela e la valorizzazione di questa eccellenza. Seguirà un laboratorio sensoriale, curato dall’esperto esterno, la dott.ssa Giaquinta, in cui i ragazzi avranno modo di valutare le peculiari caratteristiche sensoriali dell’arancia rossa IGP nel prodotto fresco e in una marmellata di arance preparata dai ragazzi stessi nel corso del laboratorio di cucina. La giornata sarà altresì l’occasione per affrontare il tema della sana e corretta alimentazione, della promozione della dieta mediterranea in cui l’Arancia Rossa IGP di colloca quale simbolo della Sicilia e sinonimo di salute. ...
  • 12 gennaio 2016

    Consumi: torna la dieta mediterranea, +17% olio di oliva, +4% frutta

    Sembra proprio un ritorno alla dieta mediterranea, con ​un aumento del +4% negli acquisti di frutta, del +17% per quelli di olio di oliva, del +5% nella spesa per il pesce e del +1% per gli ortaggi freschi e per la pasta secca: dati in netta controtendenza rispetto agli anni della crisi dove si era registrato un drastico crollo. E’ quanto emerge dal primo bilancio della Coldiretti sui consumi alimentari degli italiani nel 2015 che dopo sette anni di calo tornano a salire debolmente del +0,3% ma con un deciso orientamento a privilegiare cibi salutari per una maggiore consapevolezza dello stretto rapporto tra alimentazione e benessere, secondo elaborazioni su base dei dati Ismea relativi ai primi nove mesi del 2015. Si tratta di una importante inversione di tendenza dopo anni di tagli progressivi che avevano portato i consumi dei prodotti base della dieta mediterranea su valori da minimo storico: per la frutta, ad esempio, i consumi per persona erano scesi a ...
  • 3 dicembre 2015

    Gustus, a Napoli l’Expo dei sapori mediterranei

    GUSTUS è stata selezionata ufficialmente dal Ministero delle Politiche Agricole come unica fiera di riferimento del Mezzogiorno e si terrà dal 3 al 5 Dicembre alla Mostra d'Oltremare di Napoli in continuità con l’EXPO. La fiera è organizzata dalla Progecta ed ha come partner istituzionali il Ministero delle Politiche Agricole e l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania che saranno presenti con un' area espositiva e con una serie di attività mentre i partner operativi per il settore Export sono l’ ICE – Istituto per il Commercio Estero e Simest che realizzeranno workshop gratuiti riservati agli espositori. Obiettivo di GUSTUS far incontrare il mondo professionale del Centro Sud e i mercati internazionali consolidati ed emergenti. Il successo della prima edizione, testimonia che GUSTUS è la risposta all’assenza di appuntamenti del settore nel Centro Sud Italia e certamente, con il supporto necessario, può diventare una fiera di riferimento come ...
  • 14 settembre 2015

    La Dieta Mediterranea fa bene anche all’economia

    Il 17 Novembre del 2010 la quinta sessione del Comitato Intergovernativo dell’UNESCO ha riconosciuto ufficialmente la Dieta Mediterranea come patrimonio culturale immateriale dell’umanità, sancendo uno status rappresentativo che i Paesi affacciati sul Mare Nostrum non si sono neppure mai sognati di mettere in discussione. La motivazione della commissione è chiara e riassume bene l’insieme dei fattori che nei secoli hanno dato forma al concetto: “la Dieta Mediterranea rappresenta un insieme di competenze, conoscenze, pratiche e tradizioni che vanno dal paesaggio alla tavola, includendo le colture, la raccolta, la pesca, la conservazione, la trasformazione, la preparazione e, in particolare, il consumo di cibo”. Questo riconoscimento ha però alimentato la giusta sensibilità per interrogarsi circa la possibilità di far leva sulla Dieta Mediterranea per creare valore, economico e sociale, sostenibile. La designazione come ‘dieta’ nel senso moderno è ...
  • 11 settembre 2015

    Il Mediterraneo del cibo si riunisce ad Expo

    Dietro al cibo e ad ogni prodotto della Dieta Mediterranea si nascondono cultura, storia, tradizione, lavoro: tutti elementi che è importante trasmettere quando si parla di uno stile di vita sano che si identifica con uno stile alimentare chiamato appunto Dieta Mediterranea. Se ne parla venerdì 18 settembre a Expo Milano, nella Sala Europa del Padiglione Unione Europea in occasione della quinta edizione del Forum Internazionale Dieta Mediterranea, il simposio organizzato da Camera di Commercio di Imperia e Azienda Speciale Promimperia e dal MIPAAF, che vede coinvolti 13 Paesi affacciati sul Mediterraneo ed aderenti a Re.C.O.Med. Dopo quattro edizioni svoltesi a Imperia, il Forum si trasferisce a Expo per inserirsi nel programma degli eventi coordinati dal MIPAAF per la Settimana della Dieta Mediterranea a Expo, e in concomitanza con la Prima Giornata Mondiale della Dieta Mediterranea, istituita con l'Expo delle Idee per la giornata del 18 settembre. Il Forum non sarà solo ...
  • 10 settembre 2015

    Il Forum della Dieta mediterranea all’Expo di Milano

    Il Forum della Dieta mediterranea «sbarca» all'Expo di Milano e porta Imperia alla ribalta mondiale venerdì 18, nella giornata dedicata a questo tipo di alimentazione, riconosciuto come bene immateriale dell'umanità dall'Unesco nel 2010: il capoluogo ponentino ne è il simbolo. Il programma del 18, che accanto a esponenti imperiesi vedrà la presenza del ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina, sarà il clou di un'intera settimana nel segno della Dieta mediterranea all'esposizione internazionale, da lunedì 14 a domenica 20. Sarà l'occasione per mettere in vetrina i prodotti tipici del Ponente, con l'olio extravergine in testa, «ossatura» della Dieta mediterranea. Commenta Enrico Lupi, presidente dell'azienda speciale PromImperia della Camera di commercio, che sarà presente all'evento: «Il Forum è stato costituito nel 2011, subito dopo il riconoscimento ufficiale da parte dell'Unesco. Si è rivelato un format vincente e ora sarà l'evento di punta all'Expo 2015. ...
  • 21 luglio 2015

    La dieta mediterranea apre alla Mozzarella di Bufala Campana DOP

    A poche settimane dall'inaugurazione - a Expo - della settimana sulla dieta mediterranea, curata dalla professoressa Elisabetta Moro dell'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, ci dice in esclusiva il direttore del Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana DOP Antonio Lucisano: "Questo prodotto potrebbe rientrare nel novero degli alimenti previsti dalla dieta mediterranea." In effetti, quella che sembrerebbe una provocazione è il frutto di una serie di ricerche i cui risultati sono stati presentati da poco al Reale Yacht Club Canottieri Savoia di Napoli, a due passi da Castel dell'Ovo. "Sulla Mozzarella di Bufala Campana DOP non si fa sempre buona informazione" afferma il presidente del Consorzio "nella migliore delle ipotesi si dice che fa ingrassare, nella peggiore si getta fango su un intero settore che dà lavoro a 15000 persone." Fonte: Il Messaggero SCARICA L'ARTICOLO COMPLETO
  • 24 giugno 2015

    Il ministro Lorenzin prescrive la Dieta Mediterranea

    In questi anni, sballottati tra regimi iperproteici che promettono il dimagrimento immediato e sirene vegetariane che assicurano di salvare il pianeta, gli italiani si stanno allontanando dalla propria tradizione alimentare. Per spiegare loro quanto sia importante mantenere gli usi dei nonni, il ministero della Salute chiederà anche l'aiuto dei medici di famiglia, che nei loro ambulatori vedono passare in un anno gran parte dei cittadini italiani. Del resto non è una questione solo culturale ma anche sanitaria. Mangiare meglio vuoi dire ammalarsi di meno. E così dopo l'estate i camici bianchi riceveranno un volumetto che spiega i corretti stili nutrizionali per poterli illustrare ai pazienti che hanno smesso di seguirli. L'allarme sulla tendenza ad abbandonare la Dieta Mediterranea arriva da Aidepi, parte in causa nella questione visto che si tratta della sigla che riunisce anche i produttori di pasta. È vero che da noi, secondo un sondaggio commissionato dall'associaz...
  • 21 maggio 2015

    La Dieta Mediterranea modello per tutti

    La ricerca italiana e internazionale si spende per la dieta mediterranea. Giovedì scorso, durante la conferenza «Esiste ancora la Dieta Mediterranea?» - organizzata dal Cnr, Cra, Ciheam-lamb, Enea, Fmfc in collaborazione con l'Ifined, Ciiscam, Fdm e col supporto tecnico della Fao, presso il centro conferenze del Padiglione Italia a Expo Milano 2015 - è stata lanciata la call internazionale «Med Diet Expo 2015 Call: Time to act» , che sollecita le istituzioni e i governi a identificare congiuntamente e a porre in essere nuove strategie, soluzioni e azioni che rivitalizzino la Dieta Mediterranea quale modello alimentare sostenibile. È stata anche lanciata Med Diet 4.0, versione aggiornata della Dieta Mediterranea che tiene conto di quattro dimensioni: salutare, culturale, ambientale ed economica. Elaborata dal Ciheam-Iamb in collaborazione con la società Expo Milano 2015, l'Ifined, il Ciiscam e la Fondazione dieta mediterranea e già a sottoscritta dai capi di governo ...