Pastorizia e Appennino, un binomio da salvaguardare