Argomento: CETA

  • 26 Giugno 2017

    Consorzio Grana Padano DOP, criticità del sistema: tagli alla zootecnia e rischi sul fronte CETA

    Il Consorzio del Grana Padano DOP commenta due diverse criticità per il sistema caseario made in Italy e, più in generale, per l'agroalimentare di qualità. In primis il taglio previsto per i fondi alla zootecnia: "Il sistema allevatoriale italiano, garanzia assoluta per il mantenimento qualitativo del latte italiano, non può e non deve venire penalizzato in questo modo", commenta Stefano Berni, Direttore Generale Consorzio Grana Padano. "Il rilevante taglio previsto, oltre a creare serie problematiche occupazionali nel comparto, comprometterebbe la zootecnica italiana e, di conseguenza, ...
  • 20 Giugno 2017

    Doppia esclusione del Prosecco DOP: il caso Canada e il caso Cina

    Il Prosecco DOP, la più grande Denominazione italiana sia in termini di volumi che di valore economico, in questi giorni si è trovato al centro di un dibattito sull’importante tema della protezione internazionale delle IG (Indicazioni Geografiche) sui mercati extra europei. L’assenza delle bollicine più amate del mondo dall’elenco dei prodotti oggetto dell’accordo tra Unione Europea e CINA da un lato e dal CETA, (accordo di commercio internazionale che non ha bisogno di presentazioni) dall’altro,  ha scatenato reazioni più o meno composte sullo sfondo di una ricerca di ...
  • 31 Maggio 2017

    Dal Ceta una spinta potenziale all’export alimentare italiano

    Bene. Noi pensiamo di poter raddoppiare le vendite in Canada. Ma dipende: adesso che cosa cambierà davvero per le quote di importazione dei formaggi "Made in Italy"? Perché è vero che crescono le tonnellate di formaggio europeo che potranno entrare in Canada senza dazi, ma chi potrà acquistarle? Solo la Gdo? Anche i distributori minori? Gli importatori per hotel e ristoranti? O anche le cooperative e i produttori locali che vogliono diversificare l'offerta?». Per Paolo Ganzerli, International Sales direcotor di Parmareggio (330 milioni di fatturato globale) la sfida è tutta qui. Ovvero, ...
  • 3 Maggio 2017

    Prosciutto di Parma DOP in missione in Canada con la UE

    In occasione della prossima entrata in vigore del CETA, l’accordo di libero scambio tra Unione Europea e Canada, il Prosciutto di Parma DOP parteciperà alla missione di alto livello condotta da Phil Hogan, Commissario europeo per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale, che si recherà a Toronto dal 1 al 4 maggio. La delegazione, composta da circa 60 realtà produttive europee dell’agroalimentare in rappresentanza di diverse categorie merceologiche, vuole contribuire ad assicurare che Unione Europea e Canada stiano compiendo i dovuti progressi verso l’applicazione dell’accordo, ma sarà ...
  • 15 Marzo 2017

    L’industria USA contro DOP e IGP

    L'industria lattiero-casearia americana fa appello al presidente Donald Trump per chiedere il pugno duro contro le politiche europee di promozione dei prodotti a Indicazione Geografica (DOP e IGP) e contro il Canada, reo di averle riconosciute nel trattato commerciale CETA. Le richieste vengono dal «Consorzio denominazioni generiche» (Consortium for Common Food Names, Ccfn), strumento di lobby dell'industria USA attivo ormai da anni, in un'audizione tenuta l'8 marzo al dipartimento americano per il commercio. Oltre a chiedere a Trump di agire «aggressivamente» contro i tentativi ...
  • 7 Marzo 2017

    Aceto Balsamico di Modena IGP: case history del Made in Italy alla LUISS di Roma

    Costruire un’identità attraverso la definizione di contenuti, valori e confini per offrire trasparenza, affidabilità e chiarezza: questo il concetto chiave espresso da Federico Desimoni, Direttore Generale del Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP nel corso dell’intervento che lo ha visto protagonista al workshop da titolo “Made in Italy, nuove forme di tutela e strategie di promozione” tenutosi sabato 4 marzo alla School of Law dell’Università Luiss di Roma nell’ambito del Master in Food Law. L’intervento del Direttore del Consorzio Aceto Balsamico di ...
  • 6 Marzo 2017

    CETA, per gli oli di oliva mancano tutte le principali DOP e IGP

    Il dato positivo è che sono ben 140 i prodotti DOP e IGP europei per i quali è riconosciuta una tutela nel CETA e di questi ben 41 sono made in Italy, il che rappresenta sicuramente un passo in avanti che lascia ben sperare soprattutto in vista di accordi futuri. Ma il principio condivisibile non implica che si siano effettuate scelte indiscutibili riguardo ai prodotti da tutelare. Vanno bene per i prosciutti, per i grandi formaggi, ma nel caso dell'olio d'oliva, altro prodotto simbolo del made in Italy alimentare, si riscontrano delle evidenti lacune. «Con l'intesa CETA - ha detto ...
  • 3 Marzo 2017

    UE-Canada: che cosa cambia con il CETA per DOP e IGP

    Nella settimana in cui si è celebrato l'avanzo record delle esportazioni italiane, che nel 2016 ha sfondato il muro dei 51 miliardi di euro, e il nuovo primato del valore dell'export agroalimentare (a 38,4 miliardi, anche se con bilancia commerciale ancora in saldo negativo), il Parlamento europeo ha approvato il Ceta, il trattato di libero scambio tra UE e Canada. Si completa così l'iter di ratifica a livello europeo dell'accordo che aveva ottenuto un primo sì nel 2013. Una volta arrivato l'ok formale anche di Ottawa, il trattato entrerà in applicazione provvisoria, probabilmente in ...
  • 27 Febbraio 2017

    CETA: un quadro sull’accordo fra UE e Canada

    Il Parlamento europeo ha ratificato mercoledì 15 febbraio scorso l'accordo economico e commerciale globale UE-Canada (Ceta), che ha l'obiettivo di aumentare il commercio in beni e servizi e gli investimenti. L'accordo sarà applicato in via provvisoria già dall'aprile 2017 (per essere applicato in via definitiva servono 38 ratifiche tra parlamenti nazionali e regionali). L'accordo è stato approvato con 408 voti in favore, 254 voti contrari e 33 astensioni. «Con l'adozione del Ceta abbiamo preferito l'apertura, la crescita e standard elevati al protezionismo e alla stagnazione - ha ...
  • 17 Febbraio 2017

    Trattato Ue-Canada: soddisfatto Il Consorzio del Parmigiano Reggiano DOP

    "Non spetta a noi entrare nel merito complessivo dell'intesa Il vantaggio per i nostri produttori - sottolinea il presidente del Consorzio, Alessandro Bezzi - ma il buon esito per i nostri produttori si riscontra su due fattori, ovvero sul raddoppio della quota dei formaggi comunitari esportabilii e, a maggior ragione, sull'avvio di nuovi meccanismi di protezione rispetto alle imitazioni e alle contraffazioni". "Se si considera il fatto che il Canada sta già facendo segnare costanti e rilevanti aumenti delle importazioni di Parmigiano Reggiano DOP (oltre il 12% nel 2016), è evidente - ...
  • 17 Febbraio 2017

    Il Consorzio Grana Padano DOP: ok l’intesa Ue-Canada

    Cesare Baldrighi, Presidente del Consorzio Grana Padano, il prodotto DOP più consumato del mondo con oltre 4 milioni e 800 mila forme annue, e Presidente Afidop (associazione di tutti i consorzi dei formaggi DOP), giudica così l'imminente entrata in vigore dell'accordo 'Ceta' (Comprehensive Economic and Trade Agreement) tra Unione Europea e Canada che, dopo 7 anni di difficili negoziati, porterà al riconoscimento di 176 prodotti europei agroalimentari ad indicazione d'origine, 41 dei quali italiani. “Questo accordo - spiega Baldrighi - tutelerà le nostre DOP e IGP vietando 'scimmio...
  • 16 Febbraio 2017

    Commercio, UE e Canada avanti senza gli Usa: via libera al CETA

    Sì dell'Europarlamento al CETA, acronimo che sta per "Comprehensive Economic and Trade Agreement", accordo di libero scambio tra UE e Canada. Abolito il 99% dei dazi, il Pil può crescere di 12 miliardi. Per l'Italia occasione export. Il parlamento europeo ha detto sì. Al più tardi dal primo aprile potrà entrare in vigore al 95%. Restano in sospeso le ratifiche nazionali della parte che riguarda la soluzione delle controversie fra imprese e Stati, di stretta competenza nazionale e uno degli elementi al centro della "rivolta" di settori di opinioni pubbliche, associazioni di consumatori e ...
  • 16 Febbraio 2017

    Si chiama Prosciutto di Parma DOP anche in Canada

    La firma dell’accordo di libero scambio UE-Canada, segna un risultato storico per il Prosciutto di Parma DOP che prende possesso del proprio nome in Canada a seguito dell’accordo di libero scambio – CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) – tra Unione Europea e il Canada approvato dal Parlamento europeo. Il CETA, tra le altre cose, introduce un quadro di riferimento per la disciplina delle Indicazioni Geografiche a cui sono riconosciuti uno status speciale e una maggiore protezione sul mercato canadese. Nello specifico, l’intesa prevede la coesistenza della denomina...
  • 14 Febbraio 2017

    CETA domani l’approvazione: riconosciute 145 IG, segnale forte agli USA

    La maggioranza per far passare l'Accordo di libero scambio tra UE e Canada ci sarà e domani il CETA sarà approvato dal Parlamento europeo riunito a Strasburgo. Un segnale forte dell'Europa all'America di Trump: mentre gli USA virano sul protezionismo, il Vecchio Continente continua a credere che apertura e libero scambio (se ben regolati) portino benefici a imprese, lavoratori e cittadini. Affondato il TTIP l'importanza strategica del CETA è lievitata al punto che giovedì, all'indomani del voto, lo stesso primo ministro Justin Trudeau sarà a Strasburgo per festeggiare il successo. ...
  • 14 Dicembre 2016

    Il patto Europa-Canada “aiuta indicazioni geografiche e pasta”

    Il Ceta favorirà l'agroalimentare italiano «Pasta e indicazioni geografiche in primis». E comunque, Trump o non Trump, «l'Ue non fermerà la ricerca di nuovi mercati da aprire mediante accordi di libero scambio»: lo dice Mauro Petriccione, italiano, vice direttore generale per il commercio della commissione Ue e capo-negoziatore per il Ceta.  ItaliaOggi lo ha raggiunto, per capire come evolve la politica commerciale di Bruxelles. Sullo sfondo la commissione affari sociali del Parlamento europeo che ha votato una mozione per respingere l'accordo CanadaUe; è un parere che forse non ...
  • 6 Dicembre 2016

    Asiago DOP, Speck Alto Adige IGP e Pecorino Romano DOP: 2,5 mln da investire in USA e Canada

    Asiago DOP, Speck Alto Adige IGP e Pecorino Romano DOP scelgono, nel triennio 2017-2019, la strada comune della promozione in USA e Canada e la loro progettualità viene co-finanziata dalla UE con 2,5 milioni di euro nell’ambito di "Enjoy, it's from Europe”, la nuova politica di valorizzazione dedicata a promuovere il consumo dei prodotti agricoli europei.  Prima volta dopo l’entrata in vigore delle nuove regole europee di promozione e dell’applicazione del Regolamento (UE) 1144/2014, che riporta in capo alla Commissione UE la scelta dei progetti meritevoli di finanziamento, il ...