Argomento: olio

  • 30 Luglio 2019

    Premio Leivi 2019: vince olio DOP Riviera Ligure Riviera di Levante Frantoio Lucchi & Guastalli

    Si è concluso domenica 28 luglio l’annuale premio Leivi dedicato agli oli extravergini, con particolare attenzione al DOP Riviera Ligure. La categoria riservata proprio alla specifica espressione della territorialità olivicola ligure, in questo caso DOP Riviera Ligure sottomenzione Riviera di Levante ha visto vincitore il Frantoio Lucchi & Guastalli, di Santo Stefano Magra, con la loro Razzola in purezza. Un olio che ha convinto il panel della Camera di Commercio di Genova, guidato da Francesco Bruzzo, vincendo su altri cinque concorrenti. Ovviamente si sono tenute degustazioni ...
  • 20 Maggio 2019

    I produttori dell’olio Monte Etna DOP a raccolta oggi a Randazzo

    Dopo il boom del vino dell'Etna, è il turno dell'olio. Da umile prodotto della cucina quotidiana a baluardo del cibo di qualità a km zero, a oggetto del desiderio del popolo dei gourmet. Il richiamo del vulcano supera tutti i confini e fa da traino a uno dei prodotti siciliani d'eccellenza. In attesa di strade e "movimenti" dell'olio, il settore cerca spazio soprattutto all'ombra dell'Etna. Se ne parlerà oggi dalle 10.30 alle 16.30 nel chiostro del Municipio di Randazzo per la seconda edizione di Etna Olive Oil Award, l'iniziativa lanciata da Federico Meli, giovane farmacista che vive e ...
  • 4 Maggio 2019

    Olio Riviera Ligure DOP protagonista ai Rolli Days 2019

    In occasione dei “Rolli Days 2019” appuntamento con “Olio oro mediterraneo” che Ligucibario® il 4 e il 5 maggio terrà alle ore 16 presso Palazzo Tobia Pallavicino a Genova. L’Olio Riviera Ligur DOP sarà protagonista di primo piano in questo omaggio ai Palazzi dei Rolli (patrimonio UNESCO dal 2006), alla dieta mediterranea (patrimonio UNESCO dal 2010) e ai muretti a secco (patrimonio UNESCO dal 2018). Durante il “gustincontro” con Umberto Curti si svolgerà anche una degustazione di extravergini DOP locali celebrando le diverse cultivar liguri, sensibilizzando il pubblico ...
  • 17 Aprile 2019

    Selezione 2019: ecco le 47 eccellenze dell’olio extravergine toscano

    Sono 47 gli oli extravergini di oliva che rappresentano l'eccellenza della produzione Toscana. I 47 oli sono stati scelti fra i 70 campioni presentati alla "Selezione regionale degli oli extravergini di oliva 2019" promossa dalla Regione Toscana con la collaborazione di Promo Firenze, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Firenze. Gli oli certificati appartengono a tutte le categorie delle certificazioni toscane dell'olio extravergine di oliva: DOP (Chianti Classico, Lucca, Seggiano, Terre di Siena) e IGP Toscano. La Selezione 2019 è stata ufficialmente presentata oggi a Firenze ...
  • 21 Marzo 2019

    A Catania la selezione dei migliori oli top quality italiani

    Ha fatto tappa a Catania la diciassettesima edizione del Premio «Sirena d'Oro» dedicato agli oli extravergini di oliva DOP, IGP e BIO italiani, con la selezione dei migliori oli siciliani che parteciperanno alla premiazione (Sorrento, 29-31 marzo). Nel corso della due giorni catanese, gli oli candidati sono stati sottoposti ad analisi sensoriali da parte di un panel di assaggio, che ha valutato e classificato secondo i metodi del Coi (Consiglio oleicolo internazionale) e dell'Unione Europea. Un'edizione che ha riservato alla Sicilia una sorpresa importante, con l'istituzione del «Premio ...
  • 1 Marzo 2019

    Olio extravergine is the new wine, come sceglierlo e poi degustarlo

    Ma quando arriverà il vero rinascimento dell'olio extravergine? Ce lo chiediamo da anni. Ma resta per noi un mistero il motivo per cui un prodotto nobile come l'olio, vanto mediterraneo, non riesca a conoscere il new deal vissuto dal vino - con cui condivide molti aspetti - due o tre decenni fa. Da quel momento abbiamo iniziato a capire che di vino non ne esiste uno soltanto o al massimo quattro (bianco, rosso, rosato e spumante) ma decine di tipi con caratteristiche, prezzi e per momenti e abbinamenti i più vari. Con l'olio ci siamo mossi poco dallo scaffale del supermercato, dove acquis...
  • 28 Febbraio 2019

    L’olio istriano ora diventa una DOP UE

    La Commissione europea ha approvato ieri una nuova denominazione al registro delle denominazioni di origine protette. Si tratta dell'olio d'oliva «Istra» DOP (Istria, ndr), comune in Croazia e Slovenia. Dopo lo « Istarski prsut / Istrski prsut», un prosciutto affumicato registrato nel 2015, è la seconda volta che Croazia e Slovenia hanno deciso di condividere una DOP comune. « Istra» è un olio extra vergine di oliva ottenuto da olive raccolte e lavorate nella penisola istriana. Le radici dell'olivicoltura, nella regione, sono antiche e le anfore romane scoperte portavano le ...
  • 4 Luglio 2018

    La valorizzazione dell’olio attraverso la tracciabilità e l’informazione nutrizionale

    Con più di 200 milioni di fatturato l'Oleificio Zucchi, con sede a Cremona, è un'azienda a gestione familiare che vanta oltre 200 anni di storia. Tradizionale produttore di olio di semi, da quindici anni è tornato a imbottigliare olio extravergine di oliva, puntando su un prodotto a marchio, che affianca l'attività di copacker. La tracciabilità è stata il fondamento per sviluppare un disciplinare molto evoluto che regola una filiera con un centinaio di soggetti, tra frantoi e conferitori (non totali). "Il 70% dell'olio viene venduto in promozione e spesso sottocosto - spiega Giovanni ...
  • 29 Giugno 2018

    Olio italiano, accordo tra produttori sul prezzo minimo

    Un accordo definito storico per la tutela e difesa dell'olio italiano. E' quello annunciato ieri da Coldiretti, Unaprol ( il maggiore consorzio olivicolo toscano) Federolio (la principale associazione di categoria delle imprese del settore) e Fai , che promuove e organizza sui mercati le produzioni italiane. In pratica si tratta del più grande contratto di filiera, per un quantitativo di 10 milioni di chili e un valore di oltre 50 milioni. I protagonisti del contratto di filiera hanno aderito al progetto promosso da Coldiretti di realizzare una filiera agricola italiana per difendere la ...
  • 19 Aprile 2018

    ISMEA – Olio EVO: indagine sui consumatori italiani

    Negli ultimi dieci anni è cambiato sugli scaffali della GDO lo spazio a disposizione dei diversi oli: si è ridotto quello dedicato all'olio di oliva (dall'1,7% del 2008 allo 0,5% del 2017 sul lineare), ed è aumentato quello dedicato all'olio EVO 100% italiano (dal 13,3% al 26,6%) e a quello DOP-IGP (dal 10,6% al 12,9%). Il consumatore, nonostante i bisogni emergenti - ricerca della qualità, del gusto, dell'origine, ecc. - mostra ancora una notevole confusione nei confronti del prodotto, non riuscendo a identificare le differenze tra le tipologie (extravergine, vergine, ecc.) o l'esatta ...
  • 17 Gennaio 2018

    Consorzio Olio Seggiano DOP: 38 progetti per un valore di 4 milioni di euro

    Si è chiuso il 3 gennaio 2018 il bando della Regione Toscana per Progetti integrati di filiera agroalimentare – PIF. Sull’Amiata grossetana il Consorzio Olio Seggiano DOP, come capofila, ha presentato un progetto di filiera integrato relativo all’olivicoltura. Il PIF con un valore complessivo degli investimenti, di 4 milioni e 732.388 euro e con un contributo richiesto di 2 milioni e 210.186 euro, ha coordinato ben 38 progetti, con la partecipazione di 27 aziende agricole professionali olivicole, 2 frantoi (Coop La Seggianese e Frantoio Franci), un agenzia formativa (Heimat), due ...
  • 13 Aprile 2017

    Nel 2016 aumenta l’export di olio d’oliva italiano e spagnolo

    Ripartono nel 2016 le esportazioni di oli di oliva, la Spagna, per la seconda volta (la prima nel 2014), si è portata sopra la soglia di 1 milione di tonnellate. Secondo l'analisi Istat  anche l'Italia ha potuto registrare all'estero un buon risultato, esportando poco meno di 400.000 tonnellate per un valore di oltre 1,6 miliardi di euro. Il bilancio per gli oli di oliva made in Italy è stato positivo su tutti i fronti, in base ai dati ancora provvisori dell'Istat. Oltreconfine frantoiani e confezionatori italiani hanno potuto inviare il 10% in più dei quantitativi 2015, grazie a una ...
  • 12 Aprile 2017

    Mipaaf, al via la campagna istituzionale a sostegno dell’Olio extra vergine d’oliva

    Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che questa mattina, in concomitanza all'inaugurazione del salone Sol&Agrifood, all'interno di Vinitaly 2017, è stata presentata la campagna di comunicazione istituzionale del Mipaaf "Olio Extra Vergine. La Sua Ricchezza. La Nostra Fortuna" per promuovere il consumo di Olio extra vergine di oliva e sensibilizzare i consumatori sulla lettura dell'etichetta per conoscere le caratteristiche nutrizionali, la varietà, l'origine e la tracciabilità del prodotto. La campagna, che partirà alla fine di aprile, avrà come ...
  • 31 Marzo 2017

    Terra D’Otranto DOP, riconoscimento del Consorzio – GURI n. 76

    ITALIA - Riconoscimento del Consorzio per la tutela dell'olio extravergine di oliva DOP Terra D'Otranto e attribuzione dell'incarico di svolgere le funzioni di cui all'articolo 53 della legge 24 aprile 1998, n. 128, come modificato dall'articolo 14, comma 15, della legge 21 dicembre 1999, n. 526, per Terra D'Otranto DOP. Fonte: GURI n. 76 del 31/3/2017
  • 14 Ottobre 2016

    Olio d’oliva italiano -37% sul 2015: male soprattutto il Sud

    Annata difficile per i produttori di olio, con la campagna di raccolta 2016-2017 che preannuncia risultati disastrosi: -37% rispetto al 2015 la resa prevista secondo le stime del Consorzio olivicolo italiano (Unaprol), che attestano la produzione complessiva intorno alle 289mila tonnellate. Oltre un terzo della produzione nazionale è in pericolo a causa di fenomeni come il batterio Xylella o la mosca olearia. A rischio ci sono soprattutto le regioni del Sud. Niente drammi, comunque, per il presidente di Unaprol, David Granieri perché restiamo comunque la seconda potenza mondiale ...
  • 22 Settembre 2016

    L’olio d’Italia va in secca

    Sarà la seconda peggior campagna olearia di sempre in Italia, superata solo dall'annus horribilis 2014. L'Italia produrrà meno di 250 mila tonnellate d'olio d'oliva, una produzione quasi dimezzata rispetto alle 445 mila tonnellate ottenute l'anno scorso secondo Ismea. A condizionare l'annata i cambiamenti climatici, che hanno causato perdite in fioritura e allegagione, ma soprattutto la mosca olearia, che ha flagellato le regioni centrali dalla metà di luglio. Ma sarà un'annata di scarica, dopo quella mediocre dell'anno scorso, in tutto il bacino del Mediterraneo, secondo le rilevazioni ...