Argomento: #KickOffQualivita

  • 5 febbraio 2019

    “Geographical Indications Kick-Off Meeting” a Siena il 5 Febbraio 2019

    Il Meeting -  Martedì 5 febbraio 2019, a Siena, si terrà il Geographical Indications Kick-Off Meeting è un incontro tecnico, organizzato dalla Fondazione Qualivita in collaborazione con Aicig, Federdoc, Prima, Inao, Origen España, OriGIn e con il patrocinio del Comune di Siena, che mette a confronto le esperienze dei Consorzi di tutela delle Indicazioni Geografiche per definire una nuova proposta strategica a supporto dello sviluppo del settore nel contesto nazionale ed europeo. L'iniziativa è riservata solo agli operatori del settore (consorzi di tutela, organizzazioni di produttori, regioni, ministero ed enti strettamente collegati al mondo delle DOP IGP) che potranno intervenire su cinque temi centrali per lo sviluppo del comparto. #QualivitaKickOff #QualivitaForum  La Location Siena - Santa Maria della Scala Il più grande spazio museale e culturale d’Italia, uno dei più grandi d’Europa. 370 mila metri cubi, 40 mila metri quadri. Luogo suggestivo, ...
  • 4 febbraio 2019

    Convegno “La Toscana delle qualità” a Siena il 4 febbraio 2019

    Il giorno 4 Febbraio 2019 si svolgerà a Siena, un evento pubblico, dedicato alla cultura della qualità in Toscana, organizzato dalla Fondazione Qualivita, in collaborazione con la Regione Toscana e il Comune di Siena. Tutte le produzioni agroalimentari e vitivinicole toscane DOP e IGP saranno protagoniste della giornata per testimoniare il loro forte legame con alcune delle grandi tematiche di sviluppo del territorio: ambiente, cultura, turismo, cucina, benessere e innovazione. L'iniziativa che avrà inizio alle ore 16.00 si terrà nel prestigioso complesso museale Santa Maria della Scala di Siena in Piazza Duomo e sarà aperta al pubblico iscritto tramite il modulo sottostante fino ad esaurimento dei posti. ISCRIVITI ALL'EVENTO [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]
  • 23 gennaio 2019

    Conferenza Stampa per la presentazioni eventi 4 e 5 Febbraio a Siena

    Il Comune di Siena e La Fondazione Qualivita organizzano mercoledì 23 gennaio, alle ore 12 nella Sala delle Lupe del Palazzo Comunale di Siena, la conferenza stampa di presentazione del programma delle due giornate di appuntamenti al Santa Maria della Scala, che il 4 e il 5 febbraio renderanno Siena Capitale della qualità, riproponendo il prestigioso complesso museale senese come centro di appuntamenti di eccellenza: • 4 febbraio 2019 “La Toscana delle qualità”, un appuntamento dedicato alla cultura della qualità attraverso le eccellenze agroalimentari e vitivinicole del territorio • 5 febbraio Geographical Indications Kick-Off Meeting un importante momento di confronto internazionale per definire una nuova proposta strategica a supporto dello sviluppo del settore Alla conferenza interverranno: Luigi De Mossi sindaco del Comune di Siena Mauro Rosati direttore generale Fondazione Qualivita Angelo Riccaboni presidente Fondazione Prima - Partnership on ...
  • 17 gennaio 2019

    Vernaccia di San Gimignano DOP, Campatelli: «Consumatori sempre più consapevoli, come IG bisogna dare di più

    Consumatori sempre più attenti a ciò che bevono con un occhio di riguardo per l’ambiente. Archiviato un 2018 un po’ sottotono a causa di siccità e gelate tardive, il Consorzio del Vino Vernaccia di San Gimignano è pronto a nuove sfide, tra il consolidamento della presenza nei mercati del centro Europa e la promozione e la valorizzazione del “Vernaccia di San Gimignano Wine Experience La Rocca”, la struttura inaugurata nel centro storico della città delle torri. Quale è il bilancio del Consorzio dell’annata 2018? «Il 2018 è stato un anno relativamente difficile a causa dell’andamento dell’annata 2017 che ha avuto una produzione ridotta del 26% in quantità a causa della gelata tardiva e delle siccità. Nel 2018 il numero di bottiglie è pertanto diminuito da 5.300.000 prodotte in media negli ultimi cinque anni a 4.600.000 nel 2018. Questa situazione era ampiamente attesa ma ovviamente tutto è stato più complicato». Cosa vi attende nel 2019? ...
  • 16 gennaio 2019

    Insidie digitali. Federdoc, il presidente Ricci Curbastro: «Indicazioni geografiche? Attenzione agli illeciti sul web»

    La tutela e la valorizzazione delle denominazioni d’origine dei vini italiani sono di fronte a nuove opportunità che celano però delle insidie. Prime su tutte l’apertura di nuovi mercati e l’era del digitale. Sono le sfide che attendono Federdoc, Confederazione Nazionale dei Consorzi Volontari per la tutela dei vini italiani, l’unico organismo interprofessionale esistente in Italia, cioè il tavolo attorno al quale le componenti agricole, industriali, cooperative e commerciali del settore si riuniscono per affrontare in maniera serena e costruttiva i problemi delle denominazioni ricercando le soluzioni comuni e garantendo l’apporto per la tutela e la salvaguardia legale internazionale. Federdoc sarà presente a Siena il 5 febbraio per il Kickoff di Qualivita in cui si farà il punto sulle indicazioni geografiche e sulle opportunità di crescita del sistema delle denominazioni. Cosa ha contraddistinto il 2018 alle spalle? «L’anno appena trascorso ci ha visto ...
  • 16 gennaio 2019

    Indicazioni geografiche. Vera tutela solo con accordi internazionali. De Castro: ma in Europa è tema che interessa solo 5-6 paesi

    Dop e Ipg rappresentano un asset importante, con un valore superiore ai 15 miliardi di euro. Produzioni in gran parte esportate, e quindi è fondamentale riuscire a crescere da questo punto di vista, trovare le strade migliori per la promozione, lavorare sulla certificazione. Penso ad esempio alle modifiche dei disciplinari di produzione, tema molto sentito dai nostri Consorzi. Non si può perdere lo stesso tempo per modificare il disciplinare del Parmigiano Reggiano o del Grana Padano rispetto ad un disciplinare di piccole denominazioni che magari hanno un mercato solo locale. Dobbiamo creare i meccanismi che semplifichino e che non intoppino a livello burocratico, anche con i molti cambiamenti, alcuni dei quali potrebbero essere risolti a livello nazionale». Paolo De Castro, primo vice presidente della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale Parlamento Europeo, anche in qualità di presidente del Comitato scientifico di Qualivia sarà presente a Siena, martedì 5 ...
  • 15 gennaio 2019

    Nel 2018 Asiago DOP in crescita . Rigoni: Dop progetto collettivo che tutela ricchezza territorio e valorizza diversità produzioni

    Asiago DOP chiude il 2018 con una positiva crescita su entrambe le tipologie. Ottima la performance dell’Asiago Stagionato, prodotto in 10.200 forme in più rispetto al 2017, pari al +3,8%, mentre l’Asiago DOP Fresco conta 1.340.776 forme (+0,15% rispetto al 2017) e l’Asiago DOP Prodotto della Montagna, prodotto oltre i 600 metri d’altezza, raggiunge le 66.119 forme. Riconosciuto dal Rapporto ISMEA-Qualivita 2018 tra i primi quindici prodotti italiani a indicazione geografica per valore alla produzione, il formaggio Asiago ha visto, nel 2018, un aumento della produzione per entrambe le tipologie. Asiago DOP Stagionato, in particolare, è stato prodotto in 241.331 forme, 10.200 in più rispetto al 2017, pari al + 3,8% dal 2017 con un aumento, nell’ultimo biennio, dell’8,8%. A confermare il trend positivo del 2018, la crescita dell’Asiago DOP Fresco con 1.340.776 forme prodotte (+0,15% rispetto al 2017) e soprattutto dell’Asiago DOP Prodotto della Montagna, ...
  • 14 gennaio 2019

    Brunello di Montalcino, il Consorzio guarda ad Oriente. Pondini “La politica deve essere più vicina ai Consorzi a sostegno delle indicazioni geografiche”

    Il Brunello di Montalcino è uno dei porta bandiera del made in Italy nel mondo. Con un Consorzio che sta investendo sulla formazione, facendosi promotore di un territorio, per dare continuità ad una tradizione che sta sviluppando nuove opportunità di crescita ed innovazione. In questo ultimo anno, soprattutto, il lavoro del Consorzio sta dimostrando un crescente interesse su dei mercati asiatici, sottolineando come l’impegno e la passione con cui le aziende producono i vini di Montalcino, stia a dimostrare quanto possa essere fondamentale mantenere le caratteristiche peculiari di un territorio. Per comprendere uno dei vini più emblematici nel settore vitivinicolo siamo andati a parlare con Giacomo Pondini, direttore del Consorzio del Brunello di Montalcino, che sarà presente a Siena il 5 febbraio per il Kickoff di Qualivita in cui si farà il punto sulle indicazioni geografiche e sulle opportunità di crescita del sistema delle denominazioni. Direttore, un ...
  • 14 gennaio 2019

    La Piadina Romagnola Igp è diventata grande. Ma serve più ‘chiarezza’ sullo scaffale e tutela nei mercati internazionali

    «Per una indicazione georgrafica come la Piadina Romagnola Igp serve una contrattazione corretta con la grande distribuzione, a tutela della qualità e del prodotto IG. Inoltre che, sempre nella Gdo, venga fatta sullo scaffale una differenziazione più netta e chiara per il consumatore, fra il prodotto che è marchiato Igp e il prodotto che non lo è, per dare ancora più valore che vuol dire qualità e tutela verso il consumatore e che significa valore aggiunto per la filiera produttiva». A dirlo è Alfio Biagini, presidente del Consorzio di Tutela e Promozione della Piadina Romagnola Igp (leggi storia e disciplinare) che ad agicultura.it anticipa alcuni dei temi più importanti per il futuro della Piadina Igp, che vorrà affrontare il 5 febbraio a Siena, in occasione del Kickoff meeting di Qualivita in cui si farà il punto sulle indicazioni geografiche e sulle opportunità di crescita del sistema delle denominazioni. (Piadina: storia, ricette e disciplinare) Nel ...
  • 11 gennaio 2019

    Consorzio Arancia Rossa di Sicilia IGP, Selvaggi: “serve un piano agrumicolo nazionale e regole uguali per crescere ancora”

    Un’Arancia Rossa di Sicilia IGP da record quella che ha chiuso il 2018, dove si sono raggiunte le 18 mila tonnellate di prodotto commercializzato. Un traguardo mai tagliato prima che rappresenta però solo una tappa, seppur importante, nel percorso di crescita che sta facendo il Consorzio dell’Arancia Rossa. Consorzio impegnato sia nella crescita quantitativa del prodotto, sia nella tutela e per la competitività sui mercati dell’arancia rossa, partendo da regole internazionali uguali per tutti i paesi competitor. Consorzio che sarà presente a Siena il 5 febbraio per il Kick-off di Qualivita in cui si farà il punto sulle indicazioni geografiche e sulle opportunità di crescita del sistema delle denominazioni. Ad agricultura.it il direttore del Consorzio Arancia Rossa Igp Giovanni Selvaggi. Direttore Selvaggi, come si presenta l’Arancia Rossa Igp nel nuovo anno, 2019? «Abbiamo chiuso la campagna 2018 con un risultato mai raggiunto in passato (18mila tonn) ed ...
  • 9 gennaio 2019

    Consorzio Mozzarela di Bufala Campana DOP, Saccani: «Cibo è cultura ed economia. Ma per le IG serve regia unica»

    E’ uno dei prodotti più amati dagli italiani e un simbolo del made in Italy nel mondo. Una filiera produttiva giovane e dinamica, dove solo il 14% di chi opera nella ‘filiera DOP’ ha un’età superiore ai 50 anni. Ed un Consorzio che proprio per questo punta a crescere ulteriormente in qualità, non solo a livello di prodotto finale, puntando su formazione e cultura. La Mozzarella di Bufala Campana è il più importante marchio Dop del centro-sud Italia. Nel 2017 sono stati prodotti poco più di 47 milioni kg di Mozzarella di Bufala Campana DOP (+6,3% sul 2016). Non sono ancora definitivi i dati del 2018 ma la crescita produttiva e l’interesse intorno alla mozzarella di bufala campana DOP sono destinati a crescere.   Direttore Pier Maria Saccani, come si è chiuso il 2018. Qual è lo stato salute della DOP?   «E’ stato un anno molto positivo il 2018, chiuderemo con un aumento di produzione di oltre il 5 per cento, che va a concludere un ...
  • 8 gennaio 2019

    Prosecco DOC, Direttore Giavi: ‘Ai consorzi maggiore dinamismo dentro regole UE’

    Un trend di crescita che non si arresta e perfettamente in linea con quello mondiale di settore. Il Prosecco DOC si apre a nuovi mercati ed è pronto a raccogliere le sfide di una domanda che corre sia in Italia che all’estero con un consumatore sempre più attento ed esigente. Con Luca Giavi, direttore generale del Consorzio di tutela Prosecco DOC abbiamo fatto un bilancio dell’anno appena concluso con un’attenzione particolare alle proposte per il rafforzamento del sistema delle Indicazione Geografiche che sarà al centro del #KickOffQualivita, meeting in programma a Siena il prossimo 5 febbraio e in cui il direttore sarà coordinatore della sessione tematica "IG: un nuovo patto con i consumatori e le comunità locali". Direttore, che hanno è stato quello appena concluso? Il 2018 si è concluso in linea con le attese. Avevamo previsto nella nostra programmazione triennale una crescita tra il 5 e il 7% annua. Il 2018 si è concluso con circa un +6% di incremento ...