Argomento: imprese

  • 12 ottobre 2018

    Qualivita a confronto su imprenditoria e legalità nel settore agroalimentare di qualità

    "Etica, cultura d'impresa e legalità - Essere professionisti e imprenditori": questo il tema dell'incontro a cui parteciperà Fondazione Qualivita  venerdì pomeriggio, a partire dalle alle ore 16.30, a Vibo valentia in Calabria. Saranno al centro dell'incontro i temi dell’agroalimentare, turismo, sostenibilità tecniche d’impresa, valorizzazione delle produzioni DOP e IGP.  All'iniziativa - organizzata da Consorzio Agricoop, Consorzio Blu Calabria e Rotary Club di Vibo Valentia - prenderanno parte dirigenti di aziende italiane attive in vari settori  e imprenditori locali. I lavori, moderati dal giornalista Attilio Sabato, verranno aperti dai saluti del sindaco di Vibo Valentia Elio Costa e della presidente del Rotary Sonia Lampasi. Dopo l'introduzione di Domenico Olivadoti, si darà il via ad una tavola rotonda alla quale parteciperanno Stillitani, Cecchi, Caruso, Montella, Tola, Mais, Malena, Giannuzzi, Brunello e Roschetti. Concluderà l'incontro il ...
  • 6 luglio 2018

    Troppa burocrazia, al vino italiano serve più semplicità

    Quando la politica e le associazioni di categoria arriveranno in concreto a una deburocratizzazione ragionata e vera a vantaggio del mondo del vino, che in Italia vuol dire piccole imprese e non enopoli o bottiglie primo prezzo, l'Italia potrà crescere in termini di economia, identità e occupazione con una forza trainante e senza eguali. «II vino è cultura e lo è profondamente nel nostro Paese, dove è parte della nostra storia e rappresenta il futuro dell'Italia». Non l'ha detto Carlo Petrini di Slow Food e nemmeno qualche super sommelier. L'ha detto Emma Marcegaglia, presidente dell'Università Luiss di Roma, aprendo i lavori, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dell'undicesimo Forum Internazionale della Cultura del vino. E' il caso di fare un breve ripasso rispetto a cosa rappresenti il mondo vitivinicolo nazionale: l'Italia è il primo produttore al mondo di vino e ha il primato mondiale per numero di varietà di uve; il 70% del vino ...
  • 6 aprile 2018

    Digital Food Marketing – l’evoluzione digitale del ristorante in Italia

    Da venerdì 6 aprile sarà in libreria il nuovo libro di Nicoletta Polliotto “ Digital Food Marketing - guida pratica all’evoluzione digitale del ristorante in Italia”edito da Hoepli Si tratta di un manuale dedicato al Digital Food Marketing che accompagna il lettore, in modo semplice e pratico, nella costruzione del piano di marketing digitale per il ristorante, utile per food marketer, foodies, giornalisti alimentari e gastronomi e per studenti di marketing e di food&beverage management. “Il lavoro del marketer digitale – afferma l’autrice Polliotto - ha molto in comune con quello del cuoco: è fatto di discussioni, relazioni, coordinamento e leadership, calcoli, progetti e conti che devono tornare. Azienda, persone e brand che devono crescere. E le coordinate sono: ascolto e sperimentazione. Digital Food Marketing è un libro rivolto a chef, ristoratori e operatori F&B – aggiunge Polliotto - Le nuove generazioni, i nativi digitali, anche se ...
  • 30 marzo 2018

    Distretti industriali, Mozzarella di Bufala Campana DOP nella Top20. Il Consorzio: export e tutela la chiave della crescita costante

    “I dati di Intesa Sanpaolo sui distretti industriali sono la nuova testimonianza di una crescita senza sosta della Mozzarella di Bufala Campana DOP. Export e tutela sono le chiavi del successo del nostro prodotto. Anche il 2018 è iniziato con i migliori auspici, visto che a gennaio la produzione segna un aumento del +13,5% dopo l’anno record del 2017, che ha visto superare la soglia dei 47 milioni di chili di Mozzarella di Bufala Campana DOP sulle tavole di tutto il mondo”. Così il direttore del Consorzio di Tutela, Pier Maria Saccani, commenta lo studio reso noto oggi. “Siamo orgogliosi – aggiunge – di rappresentare la Campania e il Mezzogiorno in una graduatoria che premia la redditività del comparto”. Il distretto agroalimentare che riunisce le aziende produttrici di Mozzarella di Bufala Campana DOP è l’unico polo campano presente nella Top 20 nazionale. La classifica vede la presenza di tre soli distretti del Sud. I dati sono contenuti nel Rapporto ...
  • 12 marzo 2018

    Dazi USA, no a ritorsioni: cresce l’adesione all’appello promosso da Qualivita

    Nervi saldi e no a ritorsioni smisurate per i dazi su acciaio e alluminio decisi da Trump. Coldiretti teme «un effetto a valanga» e Confagricoltura auspica di «scongiurare la guerra commerciale», Confederazione Italiana Agricoltori parla di una «una disputa da evitare», Federalimentare afferma «No a protezionismi ma basta con una globalizzazione basata sul dumping» e da Alleanza Cooperative Alimentari si sottolinea che «a fronte di consumi interni stagnanti verrebbero fortemente penalizzate le nostre vendite negli USA, sbocco prioritario per le nostre produzioni di eccellenza». Un coro unanime di voci che si uniscono a quella della Fondazione Qualivita, che giorni fa ha lanciato un appello al nuovo Parlamento contro l'introduzione di dazi e in favore delle denominazioni d'origine, già sottoscritto da oltre 280 firmatari tra associazioni, Consorzi di tutela e aziende: «L'iniziativa è nata spontaneamente da alcuni imprenditori del settore che girano il mondo e ...
  • 8 marzo 2018

    I dazi agitano le imprese: Qualivita lancia l’appello

    Mercato libero, ma con regole certe: questo chiedono gli oltre 280 firmatari tra aziende, associazioni e Consorzi di tutela dell'appello contro l'introduzione di dazi e in favore delle denominazioni. "L'iniziativa nasce in maniera spontanea da parte di un gruppo di imprenditori del settore agroalimentare, che girano il mondo e sono preoccupati per quanto avviene negli USA in altri settori e da quanto ventilato durante la nostra campagna elettorale", spiega Mauro Rosati direttore generale della Fondazione Qualivita che ha promosso l'appello. "Se si va al muro contro muro, il nostro agroalimentare ne risente per primo. Se mettiamo dazi anche noi, potremmo provocare una spirale negativa". "DOP e IGP rappresentano il 20% del valore delle esportazioni agroalimentari, sono il settore che traina, il biglietto da visita", prosegue Rosati, "chi firma vuole sensibilizzare il governo sulla necessità di aprire il mercati anziché chiuderli. Perché poi il rischio è che gli altri ...
  • 2 marzo 2018

    L’olio DOP Riviera Ligure incontra la ristorazione gourmet italiana

    Nuova strategia del Consorzio di tutela per rilanciare l’olio DOP Riviera Ligure nel settore horeca: degustazioni, incontri, formazione e piano di marketing digitale Il nuovo progetto di valorizzazione lanciato dal Consorzio di Tutela dell’Olio extravergine di oliva DOP Riviera Ligure rivolto al settore Horeca - uno dei comparti chiave di sviluppo per le produzioni di alta qualità - nasce dall’esigenza di favorire un rapporto più proficuo tra le aziende di produzione, gli chef dell’alta ristorazione e la distribuzione gourmet. In programma tre eventi esclusivi in tre capitali dell’alimentazione italiana: Milano, Torino e Parma. Ad accogliere la campagna “Qualità Certificata nell’Alta Cucina” che si terrà nei giorni 6, 7 e 13 marzo saranno rispettivamente il Ristorante Tano passami l’olio a Milano, Les Petites Madeleines di Torino e l’Osteria di Fornio a Fidenza. Tre ambienti differenti: Milano innovativa e dinamica, Torino creativa e nobile, ...
  • 2 marzo 2018

    Appello delle imprese agroalimentari e vitivinicole italiane DOP IGP contro i dazi

    Le imprese dei prodotti Dop e Igp italiani chiedono al nuovo Governo un impegno rafforzato e costante a sostegno della difesa dei diritti delle denominazioni protette nel mercato interno, in quello comunitario e, con particolare priorità, nei mercati extra-comunitari Il sistema delle DOP e IGP è il motore dell'economia agroalimentare del nostro Paese e detiene, nella prospettiva del prossimo decennio, un potenziale enorme di sviluppo nei mercati internazionali. Le imprese di produzione e commercializzazione sono impegnate finanziariamente a sostenere lo sviluppo di queste opportunità. Il Food&Wine di qualità italiano è un mercato che interessa e fa gola ai principali players globali, dagli Usa all'Australia, dal Brasile alla Turchia, paesi che, con il sostegno dei loro governi nazionali, hanno interesse  a "smantellare" attraverso accordi multilaterali e bilaterali le tutele delle denominazioni. In aggiunta, si profila in molte aree e mercati l'affermazione di ...
  • 7 dicembre 2017

    Amarone delle Valpolicella DOP: prove di dialogo Consorzio-Famiglie

    Trovare un accordo, quanto prima, per il bene di uno dei territori più importanti del vino italiano, la Valpolicella, realtà da 60 milioni di bottiglie, 550 milioni di euro di giro d’affari (il 75% all’export), che oggi il Consorzio della Valpolicella guida e tutela, e che, indiscutibilmente le 13 realtà delle “Famiglie Storiche” (questo il nuovo nome, da ieri, poichè dopo la sentenza del tribunale di Venezia non si possono più chiamare “dell’Amarone d’Arte”) hanno contribuito a costruire ed affermare nel mondo. È l’intento dichiarato, e di buon senso, del Consorzio, guidato da Andrea Sartori, e da Sabrina Tedeschi, presidente delle Famiglie, che, auspicabilmente, dopo le due voci, in contraddizione tra loro, del Tribunale di Venezia (che ha accettato le istanze del Consorzio vietando l’uso, come detto, della dicitura “dell’Amarone d’Arte” alle Famiglie, obbligandole a cambiare nome, rimuovere il logo e non solo) e dell’Euipo (l’ufficio Ue ...
  • 2 agosto 2017

    Enoturismo: calici di Stelle tra arte e gastronomia

    Per il terzo anno consecutivo, Calici di Stelle ha scelto qualche giorno fa Venezia per la grande anteprima nazionale della manifestazione che da domani 3 agosto fino al 14 coinvolgerà centinaia tra cantine del Movimento turismo del vino (Mtv) e comuni di Città del Vino con la collaborazione dell'Unione astrofili italiani. Da Nord a Sud il vino sarà il trait d'union di un calendario di eventi tra musica, arte, gastronomia e astronomia che richiamerà circa un milione di enoappassionati. E se a Isera (TN, 5-6 agosto) le osterie del centro faranno da palcoscenico a spettacoli di musica itinerante, a Menfi (AG, 10 agosto) artisti di strada e astronomi saranno i compagni ideali del percorso sulla passeggiata a mare di Porto Palo con i vini della Strada del Vino delle Terre Sicane, abbinati alle proposte culinarie delle Signore della Brigata di Cucina. Fonte: Quotidiano.net SCARICA L'ARTICOLO STAMPA COMPLETO
  • 15 giugno 2017

    ICE-Agenzia: forte presenza italiana a Vinexpo 2017

    Con circa 2.350 espositori da oltre 40 paesi e con oltre 48.000 visitatori internazionali previsti, il 18 giugno p.v. apre  la XIX edizione di Vinexpo 2017, che inaugurerà ufficialmente il 19 giugno alle 10.15 alla presenza del Ministro dell’Agricoltura Francese Jacques Mézard. L’Italia, con circa 225 imprese è la prima nazione estera per numero di espositori, seconda solo ai padroni di casa. Prevista anche la visita del Console Generale d’Italia a Marsiglia, Fabrizio Mazza. Il Salone Internazionale del Vino di Bordeaux rappresenta un tradizionale appuntamento mondiale del settore, un momento globale di confronto delle tendenze dei principali Paesi produttori di vino ed alcolici e palcoscenico per la presentazione di nuove proposte di prodotto e nuovi modelli di comunicazione per far fronte efficacemente ai nuovi trend di consumo. Il mercato francese peraltro dimostra crescente apprezzamento per il vino italiano, con crescita pressoché costante delle consegne negli ...
  • 5 giugno 2017

    Fondi d’investimento sempre più interessati a DOP e IGP italiane: ricerca Qualivita sul valore delle IG

    I fondi d'investimento stranieri sempre più interessati all'universo dei prodotti alimentari DOP IGP italiani. Al di là dello sviluppo dei consumi e dell'export il vero e proprio magic moment del food a denominazione d'origine made in Italy è testimoniato dal crescente interesse imprenditoriale che si sta riscontrando: sempre più stranieri infatti risultano interessati a entrare in una produzione made in Italy a denominazione d'origine. A rivelarlo è il direttore generale della Fondazione Qualivita (tra i principali osservatori italiani sul sistema delle Indicazioni Geografiche), Mauro Rosati. «Dopo le molteplici richieste di incontri dei mesi scorsi - spiega Rosati - abbiamo messo a punto un paper ("Il sistema europeo IG, il modello italiano e il caso dell’Aceto Balsamico di Modena IGP") diretto proprio agli investitori internazionali che vogliano conoscere il sistema DOP. Uno strumento per spiegare il valore aggiunto della qualità certificata (da un ente terzo) e ...
  • 9 marzo 2017

    Dalla grappa all’aceto, le “mosse” di Mazzetti per il made in Italy di eccellenza

    Cesare Mazzetti è presidente della Mazzetti d'Altavilla Spa. L'azienda - grapperia in cima alla collina di Altavilla - ha un fatturato 2015 di 6,5 milioni di euro. Cesare Mazzetti ha alle spalle diverse generazioni di distillatori, per risalire alle origini dobbiamo infatti tornare al 1846 quando Filippo Mazzetti (1816-1855) fondò a Montemagno la sua prima distilleria per la produzione di grappa. Oggi, il presidente della Mazzetti, sia perla grappa che per la sua promozione a largo raggio, veste diversi ruoli regionali e nazionali. Cesare Mazzetti è, infatti, il numero uno dell'Istituto Grappa Piemonte, punto di riferimento degli artigiani promosso dalla Camera di commercio di Asti ed è presidente del Comitato nazionale Acquaviti di Assodistil, realtà che ha svolto un ottimo lavoro di pressione legislativa per il contesto europeo e internazionale, grazie alla quale si è affermato che "ora la Grappa può issare il vessillo del "Made in Italy". C'è poi Qualivita, la ...
  • 10 febbraio 2017

    DOP, indicazione in etichetta col permesso del Mipaaf

    Per le DOP IGP ancora in via di definizione, che pagano l'assenza dell'importante regia di un Consorzio di tutela riconosciuto, l'impresa può richiedere l'autorizzazione per utilizzare nell'etichettatura il riferimento a una denominazione d'origine protetta o a una indicazione geografica protetta al ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. L'autorizzazione concessa non potrà essere ceduta, neanche in subconcessione, a terzi, né a titolo gratuito né a titolo oneroso. E in caso di cessazione dell'attività e/o della produzione specifica, cesserà l'uso del riferimento alla denominazione protetta. E con la nota del Ministero delle Politiche agricole del 9 febbraio 2017, che vengono fissati i criteri per l'utilizzo del riferimento a una denominazione geografica protetta o a una indicazione geografica nell'etichettatura, nella presentazione o nella pubblicità di un prodotto agroalimentare. L'utilizzatore dovrà sottoscrivere l'impegno a registrare mensilm...
  • 11 gennaio 2017

    Cresce il numero di produttori che optano per il sistema DOP IGP

    Cresce, trainato dal Centro-Sud, il numero degli operatori dell'universo DOP IGP. Secondo l'annuale rapporto Istat sui prodotti agroalimentari di qualità sono infatti cresciuti tanto i produttori agricoli quanto i trasformatori coinvolti nel sistema delle denominazioni d'origine. I produttori agricoli sono aumentati del +1,2% (raggiungendo quota 75.483), un progresso frutto del calo registrato al Nord (-2,5%) ma anche dell'incremento rilevato nel Mezzogiorno (+4,7%) e nel Centro (+3,3%). Parallelamente è aumentato il numero dei trasformatori (+4,5% nel complesso) con punte del +8,6% nel Mezzogiorno e del +7% nel Centro. Stabili (+0,2%) le regioni settentrionali. «Si conferma — si legge nel rapporto Istat — quello che è un trend decennale visto che tra il 2005 e il 2015 i produttori sono passati da 55mila a 75mila, gli allevamenti da 29mila a 39mila, i trasformatori da 5.700 a 7.100 e le superfici coltivate per realizzane prodotti DOP IGP sono passate da 109mila a ...
  • 21 novembre 2016

    Pecorino Toscano DOP, il Consorzio orgoglioso dei successi al “World Cheese Awards 2016”

    “Vedere il Pecorino Toscano DOP premiato come uno dei formaggi migliori al mondo è motivo di grande orgoglio per il Consorzio. Al Caseificio ‘Il Fiorino’ di Roccalbegna che ha conquistato tante medaglie e due Super Gold al “World Cheese Awards 2016” vanno i nostri più sinceri complimenti”. Con queste parole Andrea Righini, direttore del Consorzio Tutela Pecorino Toscano DOP commenta il successo ottenuto dall’azienda maremmana a San Sebastian, in Spagna, dove si è svolto “World Cheese Awards 2016” uno degli eventi internazionali dedicati al formaggio più importanti al mondo. Al concorso spagnolo hanno partecipato oltre 3mila formaggi da tutto il mondo. Il riconoscimento più importante, il Super Gold, è stato assegnato a 66 prodotti, due quali realizzati da Il Fiorino. In tutto, i formaggi italiani che hanno ricevuto questa menzione d’onore sono stati 6. Il Caseificio maremmano ha ottenuto anche una medaglia d’argento, una di bronzo e due d’oro, ...