Articoli Stampa

  • 10 Marzo 2020

    I rappresentanti del Consorzio Tutela Aceto Balsamico di Modena da Sergio Mattarella

    Il presidente Cesare Mazzetti, modenese, il direttore Mauro Rosati e il presidente del Comitato scientifico Paolo De Castro, della Fondazione Qualivita insieme al direttore Massimo Bray dell'Istituto dell`Enciclopedia Italiana Treccani, sono stati ricevuti dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il presidente della Fondazione Qualivita Cesare Mazzetti nell'occasione ha potuto descrivere al Presidente della Repubblica l'unicità del sistema delle Indicazioni Geografiche e dei Consorzi di tutela italiani, affermando il ruolo centrale che ricoprono nell'economia dei nostri territ...
  • 10 Marzo 2020

    Che cos’è la DopEconomy? Lo svela il Rapporto Ismea-Qualivita

    La chiamano, a ragione, Dop Economy. Quel segmento del food a Indicazione geografica (Ig) con targa made in Italy, che rappresenta un quinto del valore dell’agroalimentare nazionale e che è stato capace di superare quota 16,2 miliardi di euro nel 2018 (+6%) e di triplicare il valore dell’export in dieci anni. Il Rapporto 2019 Ismea-Qualivita, presentato a Roma, certifica il ruolo centrale delle Ig (tra Dop, Igp e Stg), non solo sul fronte interno ma anche nel mondo, considerando che oltre un prodotto su quattro è italiano: 300 marchi contro i 251 della Francia. “In un sistema in ...
  • 10 Marzo 2020

    Il Piemonte è la quarta regione italiana per valore di Vino e Cibo IG

    Un valore alla produzione che supera 1,2 miliardi di euro, malgrado il calo del -5,0% su base annua: questo il patrimonio delle produzioni agroalimentari e vitivinicole DOP IGP del Piemonte, che si conferma la quarta regione in Italia per impatto economico delle filiere certificate. Questo e molto altro riporta il XVII Rapporto Ismea-Qualivita che analizza i dati produttivi del 2018 del settore delle Indicazioni Geografiche italiane che, per la regione Piemonte, conta 82 prodotti DOP IGP per quasi 13mila operatori coinvolti nelle filiere. Il vino è il settore di punta, con 59 ...
  • 9 Marzo 2020

    Ismea Qualivita: DOP e IGP, le alleanze sul territorio spingono i nuovi distretti

    Una volta erano Parma con la sua food valley (anche se ancora non era chiamata così), la Toscana col Chiantishire e poco altro. Adesso invece l`Italia del vino e del cibo di qualità appare come un universo policentrico e che in anni recenti insieme al tumultuoso sviluppo dei prodotti DOP e IGP ha visto nascere e rafforzarsi molteplici distretti produttivi, spesso attorno a più di un prodotto in modo da proporre ai mercati anche esteri un vero e proprio menu a denominazione d`origine, finendo così anche per esercitare un significativo richiamo turistico sui territori. È quanto emerge ...
  • 9 Marzo 2020

    Basilicata, Prodotti DOP e IGP aumenta il «peso»

    Un paniere di prodotti piccolo piccolo, ma in grado di generare, negli ultimi anni, ottime performance sul mercato. E anche se la Basilicata rimane relegata in fondo alla classifica dell`impatto economico territoriale dei prodotti agroalimentari a marchio Ue, le ottime percentuali di incremento del valore fanno ben sperare per il futuro. L`ultimo Rapporto Ismea-Qualivita sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole di qualità stilato da Ismea, con dati relativi al 2018, parla di un aumento dell`impatto economico territoriale dei prodotti a marchio Ue pari al 25,1%, pari ad un valore di 13 ...
  • 9 Marzo 2020

    Carni e salumi fanno bene al Pil

    Sei italiani su dieci consumano salumi più volte alla settimana. Il trend di consumo è stato fotografato da Assica, l`associazione di categoria. In particolare sono le donne, più degli uomini, a preferire maggiormente i salumi nei loro pasti. Dal report economico emerge che il consumo pro-capite di salumi nel 2018 è stato di circa 11 chili/anno, quello pro-capite di salumi e carni suine fresche di 18 chili. Il fatturato industriale della produzione delle carni trasformate (salumi, carni in scatola, grassi suini lavorati) in Italia è pari a oltre 8 miliardi di euro (dati Assica, riferiti ...
  • 9 Marzo 2020

    Il dramma commercio: danni enormi e rischio chiusura per bar, ristoranti e negozi

    Danni "incalcolabili", rischi "chiusure" per le perdite e i mancati guadagni ma anche serrate volontarie per l`impossibilità di far rispettare l`obbligo di distanza di 1 metro ai clienti. Bar e ristoranti delle zone "chiuse" dal decreto notturno del governo fanno i conti con una serie di nuove, pesanti limitazioni stabilite dal governo nel decreto notturno contro il coronavirus, a partire dall`orario 6 -18 e al divieto, non assoluto, alla mobilità dei cittadini, se non per recarsi al proprio lavoro o tornare a casa. Gli esercizi commerciali erano già in realtà semi vuoti e basta un giro ...
  • 9 Marzo 2020

    Formaggi e prosciutti DOP Italia al primo posto nella UE

    Nel 1992, quando vennero certificati i primi prodotti agroalimentari geografici, l`idea di New Green Deal neanche esisteva. O meglio, era solo una vaga idea di qualche visionario considerato stravagante, e pertciò inascoltato. «Oggi possiamo forse dire che Dop e Igp hanno anticipato la moderna percezione della qualità». Ne è fortemente convinto il direttore generale dell`Ismea, Raffaele Borriello. Il Rapporto 2019 Qualivita-Ismea sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane a denominazione geografica protetta dimostra che la Dop Economy italiana vola: supera i 16,2 miliardi di ...
  • 9 Marzo 2020

    Il cibo che verrà

    Coltivazione, produzione, preparazione, consegna: tutto sarà sempre più artificiale e robotizzato. Con ripercussioni sui posti di lavoro e, in parte, sull'ambiente. E in italia? Una cameriera-robot consegna l`ordinazione ai tavoli dell`Hajime Robot Restaurant di Bangkok, Thailandia.  In alto da sinistra e in senso orario: robot all`Asian Cumula Festival. Pechino 2019; sperimentazioni presso l`Istituto per `intelligenza Artibuale dell`Universda di Brama: tecnici nella cucina di un ristorante a Pechino: controllo della consegna automatica. Una pizza a tre braccia Gli esempi sono tanti. La ...
  • 6 Marzo 2020

    Etichette a semaforo: agricoltori francesi con l’Italia

    L'Italia che combatte contro il nutriscore, cioè l'etichetta alimentare a semaforo che penalizza dall'olio extravergine al Parmigiano, serra le fila e cerca di fare lobby per convincere Bruxelles ad adottare un meccanismo di etichettatura alternativo. E primi frutti cominciano a vedersi. Ora gli agricoltori tedeschi sono con noi, così come i nutrizionisti olandesi. Ma soprattutto, siamo riusciti a spaccare il fronte francese: da una parte il governo di Parigi, che ha notificato a Bruxelles la sua proposta di Nutriscore; dall'altra gli agricoltori di Francia, contrari tanto quanto i nostri ...
  • 6 Marzo 2020

    Il sostegno di Mattarella al “patrimonio” agroalimentare italiano nell’incontro con Fondazione Qualivita

    Il cibo ed il vino, quelli veri e certificati, patrimonio culturale italiano a tutti gli effetti, sono motore trainante non solo dell’economia ma anche dell’immagine dell’Italia del mondo, con il sostegno della massima carica dello Stato italiano: il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, ieri, nell'incontro al Quirinale con la Fondazione Qualivita, ha testimoniato ancora una volta la sua vicinanza al sistema made in Italy, rappresentato dalle Indicazioni Geografiche, dai consorzi di tutela e dai sistemi di certificazione raccontati nell'Atlante Qualivita 2020, realizzato ...
  • 6 Marzo 2020

    Fondazione Qualivita, riconoscimento di Stato «L’Italia ripartirà dalle eccellenze»

    «In questi venti anni abbiamo parlato di qualità, legame con il territorio, ambiente, certificazioni. Quando sarà il momento, sarà questa una delle chiavi per rilanciare l'Italia e attrarre turismo». Mauro Rosati, direttore generale di Qualivita, legge così il post-crisi da coronavirus. È reduce da un colloquio al Quirinale con il presidente Mattarella, insieme al presidente della fondazione Cesare Mazzetti, al parlamentare europeo ed ex ministro Paolo De Castro, Massimo Bray, direttore generale della Treccani, che ha pubblicato l'ultima edizione dell'Atlante Qualivita. «Abbiamo ...
  • 5 Marzo 2020

    #DopEconomy, Rosati: “grande lavoro dei Consorzi a livello nazionale e internazionale”

    Secondo il rapporto Ismea-Qualivita la produzione certificata agroalimentare e vinicola nel 2018 mette a segno un +6% rispetto all’anno precedente arrivando a 16,2 miliardi. Si conferma un trend di crescita ininterrotto che dura da dieci anni e che solo nel 2018 ha fatto registrare un aumento di un miliardo del valore del paniere proposto dai 285 Consorzi di tutela riconosciuti, per oltre 800 Indicazioni Geografiche. Secondo la ricerca la #DopEconomy che arriva a fornire un contributo del 20% al fatturato complessivo del settore agroalimentare nazionale, crescita trainata dalle performance ...
  • 5 Marzo 2020

    Italia leader mondiale di prodotti certificati: la #DopEconomy pesa il 20% del fatturato del settore agroalimentare

    Vola la DOP-economy italiana, e per la prima volta supera i 16,2 miliardi di euro di valore, in crescita del 6%. A certificarlo è il 17esimo rapporto Ismea-Qualivita, che si basa sui dati 2018 - gli ultimi disponibili - e che per i prodotti a indicazione protetta segnala un export italiano superiore ai 9 miliardi di euro. Il contributo maggiore al risultato delle nostre DOP e IGP sui mercati internazionali arriva dal comparto dei vini, con un valore di oltre 5,4 miliardi, mentre il segmento agroalimentare all`estero ha incassato intorno ai 3,6 miliardi di euro. I 285 Consorzi di tutela ...
  • 5 Marzo 2020

    Record DOP e IGP: valore economico e territoriale

    I prodotti alimentari di alta qualità made in Italy vengono sempre più apprezzati nel mondo. E, soprattutto, acquistati. La dimostrazione viene dal 17° Rapporto Ismea-Qualivita 2019 che analizza i dati - relativi al 2018 - delle oltre 800 Indicazioni geografiche del settore cibo e vino DOP e IGP. Un rapporto che mette in luce come questa fetta di economia nel periodo preso in esame abbia superato, per la prima volta, i 16,2 miliardi di euro di valore alla produzione con una crescita del 6% in un anno, equivalente ad un miliardo in più. Vola l'export che ha superato i 9 miliardi di euro ...
  • 5 Marzo 2020

    Vola la #DopEconomy italiana, patrimonio da 16,2 miliardi +6%

    Vola la #DopEconomy italiana che per la prima volta supera i 16,2 miliardi di euro di valore alla produzione, mettendo a segno una crescita del 6% in un anno, un miliardo di euro in più. Lo certifica il 17esimo Rapporto Ismea-Qualivita 2019 che analizza i dati del 2018 delle oltre 800 Indicazioni Geografiche del settore Food e Wine DOP  e IGP, driver fondamentale per i distretti agroalimentari. Quanto all'export, sfonda la soglia dei 9 miliardi di euro in aumento del 2,5% rispetto al 2017, grazie al lavoro di oltre 180 mila operatori e l'impegno dei 285 Consorzi di tutela riconosciuti. Il ...