Articoli Stampa

  • 15 marzo 2019

    L’export del vino vale 6 miliardi, segno positivo in tutti i principali mercati di destinazione

    Superano i 6,2 miliardi di euro le esportazioni di vino italiano nel 2018 per una crescita in valore del +3,3% rispetto al 2017 (a fronte di un calo del -8,1% in quantità). Secondo le elaborazioni dell'Osservatorio Qualivita Wine su dati Istat, in termini di valore le esportazioni hanno segno positivo in tutti i principali mercati di destinazione: dal +4% di USA e Germania, fino al +10,1% della Francia e il +7,5% della Svezia. Nella "Top ten" si riscontra un lieve flessione solo per Giappone (-0,6%) e Danimarca (-5,9%). Proseguendo, anche Cina e Russia mostrano un freno per l'export vinicolo ...
  • 14 marzo 2019

    Internet e agroalimentare, usati bene e con accortezza

    Internet per tutto, anche per l'agroalimentare. Non è esattamente così, ma che il web giochi ormai una parte fondamentale nel mercato del cibo, è cosa risaputa. Non siamo alla digitalizzazione degli alimenti (ci mancherebbe altro) ma la Rete conta molto sulle possibilità di crescita dei prodotti, e quindi sui bilanci delle imprese. E anche in questi casi, ciò che conta non è solo il prezzo e la qualità del prodotto, ma anche la sua immagine, il "nome" che lo accompagna, la sua reputazione. Frontiera ancora relativamente nuova per le imprese agroalimentari, nuovissima di fatto per ...
  • 14 marzo 2019

    Soluzione blockchain CSQA per la tracciabilità nel settore food

    CSQA - organismo di certificazione italiano leader nel settore agroalimentare - ha presentato "CSQA Choral Trust", la soluzione blockchain realizzata come supporto per tutte le aziende del settore agroalimentare per migliorare la gestione dei dati delle filiere e garantire al consumatore sicurezza e qualità dei prodotti agroalimentari assicurando informazioni dirette e trasparenti. Specificamente progettato per il settore agroalimentare, questo strumento garantisce un vantaggio competitivo, migliora la trasparenza della supply chain dal campo alla tavola, aumenta l'efficienza permettendo ...
  • 13 marzo 2019

    Vino, è record per l’export: 6,2 miliardi nel 2018 (+3,3%)

    Corre all’estero, in ripresa in Italia. È l'attuale momento del vino made in Italy secondo quanto emerge dai dati Istat sulle esportazioni e sul rapporto Iri sulle vendite nella grande distribuzione resi noti ieri. Sul fronte dei mercati internazionali il 2018 ha fatto registrare un nuovo record per le spedizioni di etichette italiane che hanno superato quota 6,2 miliardi di euro (+3,3%) con un incremento in 12 mesi di ben 200 milioni. Al positivo dato sul fatturato realizzato estero fa da contraltare la flessione delle quantità commercializzate calate infatti dell'8,1% a conferma della ...
  • 12 marzo 2019

    Boom social per le DOPe IGP Italiane

    Boom social per le DOP e IGP italiane che crescono sempre di più sul web, soprattutto con i loro canali social negli ultimi due anni, e soprattutto su Instagram. Le tipicità sono veicoli di narrazione per raccontare realtà e territori a 360 gradi: non solo dal punto di vista alimentare ma anche turistico, ambientale, ecc…e coinvolgono in modo importante anche i paesi stranieri. Sono i risultati che emergono dallo studio WEB DOP, la prima ricerca sulla presenza online e l’attività digitale delle indicazioni geografiche italiane realizzata da Fondazione Qualivita. Si parla di 6.500 ...
  • 12 marzo 2019

    Lo Speck Alto Adige IGPchiude il 2018 in crescita, produzione +1,9%.

    Sono numeri positivi quelli che accompagnano il bilancio dell’anno 2018 per lo Speck Alto Adige IGP, che si conferma un salume con prospettive di crescita all’interno del comparto, sia nel mercato italiano che in quello estero. 2.755.541 sono le baffe di speck che, nel 2018, sono state contrassegnate con il marchio di qualità Speck Alto Adige IGP, con una crescita di produzione del +1,9% rispetto all’anno 2017. 38 i milioni di confezioni di Speck Alto Adige IGP preaffettato che sono state prodotte, con un aumento importante del numero di confezioni con grammatura inferiore a 90 ...
  • 11 marzo 2019

    Viani, Consorzio del Prosciutto Toscano: “Obbiettivo consolidamento del marchio”

    È Fabio Viani il nuovo presidente del Consorzio del Prosciutto Toscano, succedendo nell'incarico a Cristiano Ludovici, che aveva ricoperto la presidenza a partire dal 2013. «Sono onorato di rivestire questo ruolo. Mi impegnerò a dare continuità all'eccellente lavoro portato avanti finora dai miei predecessori», ha dichiarato Fabio Viani assumendo il suo nuovo incarico. «Con la collaborazione dei colleghi consiglieri rafforzeremo le attività di comunicazione volte alla promozione del Prosciutto Toscano DOP sia in Italia che all'estero, e dovremo fare un ulteriore sforzo per far ...
  • 11 marzo 2019

    La rete protegge e sostiene DOP e IGP del Belpaese

    La  promozione e la difesa delle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane certificate DOP e IGP trovano nel Web un grande alleato. I 147 Consorzi di tutela del Belpaese ne hanno colto appieno la portata e sono pronti ad investire di più sul capitolo di spesa dedicato al digital marketing. All'azione di vigilanza, i Consorzi di tutela stanno affiancando un'azione di promozione in Rete che comincia a dare i suoi frutti. Sono oltre 6.500 contenuti al giorno veicolati su blog, forum, siti di notizie, social network in tutto il mondo, con oltre la metà delle conversazioni all'estero ...
  • 11 marzo 2019

    Presentazione Tuttofood 2019: CSQA con la soluzione blockchain

    Quanto è affidabile (e verificabile) la tracciabilità nel settore agroalimentare? Mai abbastanza, probabilmente. Perché la garanzia di origine e di percorso di un prodotto è un fatto serio. Che tutela il consumatore, ma anche le stesse aziende che compongono la filiera. È rincuorante venire a conoscenza che enti come il CSQA - l'organismo italiano per la certificazione dei prodotti, socio fondatore di Qualivita e Valoritalia - si adoperino per portare soluzioni innovative proprio in materia di tracciabilità agroalimentare. Una, molto importante, è arrivata giusto qualche settimana fa: ...
  • 11 marzo 2019

    Vino rosso, crescono le vendite dell’Italia in Cina

    Cresce l'export dei vini rossi italiani in Cina, un mercato che negli anni scorsi i nostri produttori hanno fatto fatica a raggiungere. Secondo i dati di Nomisma Wine Monitor sul rapporto tra Italia e Francia nell'export di vino imbottigliato, le vendite dei rossi made in Italy sono cresciute nel Paese asiatico dell'82%, quello francese del 40%. La ricerca Nomisma Wine Monitor ha messo a confronto i rossi DOP delle tre regioni vinicole italiane di riferimento (Toscana, Piemonte, Veneto) con quelli delle regioni francesi (Bordeaux, Borgogna). Mentre l'export dei vini made in Italy cresce ...
  • 11 marzo 2019

    Su web spopolano le DOP e IGP italiane, 100.000 utenti al dì

    In rete le produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane certificate DOP IGP lasciano il segno con oltre oltre 6.500 contenuti al giorno veicolati su blog, forum, siti di notizie, social network in tutto il mondo, con oltre la metà delle conversazioni all'estero (55%), soprattutto negli USA (26%), e con più di 100.000 utenti ingaggiati quotidianamente. Sono alcuni dei numeri che emergono dallo studio WEB DOP, la prima ricerca sulla presenza online e l'attività digitale delle DOP IGP italiane realizzata dalla Fondazione Qualivita. Lo studio è frutto di un progetto durato nove mesi, ...
  • 8 marzo 2019

    Cambia il mercato della carne: boom di consensi per il biologico

    Il biologico conquista il mercato della carne, premiando gli allevamenti di qualità dove i bovini sono alimentati in modo naturale e pascolano liberamente. Una scelta ben precisa da parte dei consumatori che preferiscono magari pagare un prezzo superiore pur di avere un prodotto di alta qualità Se infatti uova di gallina (19,2%) e olio extravergine sono tra i prodotti bio (13,8%) più apprezzati dai consumatori, al primo posto dei favori la carne che supera il 30%. A riportarlo è uno studio di «Italiani Coop» sull'ecoindustria italiana elaborato nel confronto tra il primo semestre ...
  • 8 marzo 2019

    Domani un convegno sul futuro del Prosciutto di Norcia IGP

    Lo stato dell'arte declinato in tutti gli aspetti, da quello produttivo e della certificazione della qualità, al posizionamento sul mercato, sino alle strategie innovative per la valorizzazione e la promozione del territorio grazie ad un piano di azione integrato che vedrà il Prosciutto di Norcia IGP protagonista nelle principali città italiane Questi gli elementi che caratterizzeranno l'incontro di domani, organizzato dal Consorzio di Tutela del Prosciutto di Norcia IGP, sul tema "La Strada del prosciutto IGP Norcia - Identità e innovazione: la tradizione del prosciutto IGP di Norcia ...
  • 8 marzo 2019

    Prezzi degli agrumi a picco alberi tagliati nel Tarantino

    La guerra degli agrumi fa strage di alberi nel Tarantino e pare non avere fine. Nei campi la disperazione degli agricoltori si mescola alla rabbia. L'atmosfera è infernale: le clementine e le arance non rappresentano più una fonte di reddito e finiscono al macero. «In questi giorni in tanti mi hanno chiesto cosa si provi ad espiantare un agrumeto. I miei alberi avevano 60 anni, producevano clementine Igp, li avevo ereditati da mio padre. Il senso di impotenza che mi ha portato a questa decisione è grande, la sofferenza per aver dovuto sradicare i miei alberi di più. Ma non avuto ...
  • 7 marzo 2019

    Unesco, niente scippo Parma avrà il Forum

    Il dietrofront di ieri pomeriggio della Farnesina ha chiuso il casus belli dello "scippo" del IV Forum Unesco sulla cultura alimentare ai danni di Parma che il Governo stava programmando ed evitato, così, un'altra magra figura al nostro Paese sul palcoscenico internazionale. Oltre a confermare il valore della capacità di fare squadra del territorio emiliano: 28 le firme apposte da soggetti pubblici e privati della food valley, in calce alla lettera inviata ieri al premier Giuseppe Conte chiedendo un suo immediato intervento riparatore. Dalle istituzioni locali agli industriali, dai consorzi ...
  • 7 marzo 2019

    Consumi di carne suina in calo, un piano per la salute

    Meno carne fresca di suino sulla tavola degli italiani: i numeri degli allevamenti lombardi, che valgono da soli il 50 per cento dell'intero comparto nazionale, rivedono al ribasso le cifre dei capi forniti al mercato. La speranza è riuscire a intercettare la domanda di nuovi consumatori, specie lontano dal territorio europeo. La Cina in prima battuta, dove una timida liberalizzazione delle importazioni potrebbe creare sbocchi interessanti per le aziende di trasformazione e per gli allevamenti della pianura padana. Risolto il problema delle quotazioni basse, specie per i tagli destinati ...