day : 24/05/2013

  • 24 May 2013

    Rassegna Stampa 24 Maggio 2013

    Temi principali: Aceto Blasamico di Modena IGP, Culatello di Zibello DOP, Prosciutto di San Daniele DOP, Montasio DOP, Speck Alto Adige IGP, Ricciarelli di Siena IGP, Panforte di Siena IGP, Salmerino del Trentino IGP, Agnello dell'Italia Centrale IGP.
  • 24 May 2013

    Asiago DOP: il futuro passa da una tutela senza compromessi

    Il Consorzio Tutela Fomaggio Asiago plaude l’assemblea annuale di AICIG, Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche e l’on. Paolo De Castro che esprimono con voce unanime la ferma condanna delle DE.CO.
  • 24 May 2013

    Copy of Campi e greggi, così i giovani trovano lavoro

    Li hanno chiamati con diversi nomi («choosy», bamboccioni), ma molto probabilmente sarà la prima generazione dal dopoguerra ad essere più povera di quella che l'ha preceduta.
  • 24 May 2013

    Salmerino del Trentino IGP – Italia

    ITALIA - Nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea L138 del 24 maggio 2013 è stato registrato il Salmerino del Trentino IGP, che è il numero 97 delle IGP italiane e il 254 nel totale.
  • 24 May 2013

    Agnello del Centro Italia IGP – Italia

    ITALIA - Nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea L138 del 24 maggio 2013 è stato registrato l'Agnello del Centro Italia IGP, che è il numero 96 delle IGP italiane e il 253 nel totale.
  • 24 May 2013

    Il marketing mette le orecchie

    Italia Oggi Prima c'erano il marchio e il prodotto e questo spesso bastava per vendere. Oggi c'è un consumatore difficile da accontentare, che sa ciò che vuole e chiede di più. Prima c'erano sondaggi e focus group per conoscere il cliente, oggi è lui stesso che racconta di sé online, e dice talmente tanto che non si riesce a stargli dietro senza l'ausilio di tecnologie sofisticate. Prima le persone erano clienti e basta, oggi possono essere alleate dell'azienda, aiutandola a vendere grazie al suo passaparola o, per contro, stroncandola e vendendo i prodotti della concorrenza. Per questo il marketing non è più quello del passato. «Questa funzione e il ruolo dei cmo (chief marketing officer, i direttori marketing, ndr), devono cambiare», dice Maria Cristina Farioli, responsabile marketing,
  • 24 May 2013

    La forma perfetta nasce in 28 minuti

    Corriere della Sera Il momento chiave, dove l'occhio e la mano sono tutto, arriva alle 7.12: ed è solo il primo di una serie che si ripete ogni giorno. E il momento della rottura della cagliata: vuol dire che il latte scaldato a 23 gradi - milletrecento litri per ciascuna delle 32 caldaie - sta per diventare parmigiano. E' il momento in cui il casaro - il «nostro» casaro è Antonio Taffurelli, 67 anni, detto Tonino, al lavoro da 38 - immerge lo «spino» appena sotto la superficie del liquido bianco, «con un movimento rotatorio, ma delicato così, con una mano sola». Con la disinvoltura e l'attenzione dettate dall'esperienza di un maestro: e infatti, qui alla Latteria Vo Grande di Pegognaga (che lavora Zoo mila litri di latte all'anno), sono di casa gli scolari ma anche gli studenti
  • 24 May 2013

    Locomotiva Food

    L'Espresso Un tempo la chiamavano la locomotiva d'Italia. Gli artigiani, le piccole e medie imprese familiari che danno slancio all'economia e la proiettano fuori dai nostri confini. Adesso che il Nord Est paga uno dei prezzi più alti della crisi - solo nel primo trimestre di quest'anno hanno chiuso oltre 8 mila aziende, la battuta d'arresto più forte a livello nazionale secondo i dati Unioncamere-Movimprese - a trainare l'economia sono le vendite all'estero del sistema moda e dell'industria agroalimentare: le carni, i dolci, la pasta e i vini di Verona, con il boom dell'Amarone della ...
  • 24 May 2013

    Campi e greggi, così i giovani trovano lavoro

    L'Unità Li hanno chiamati con diversi nomi («choosy», bamboccioni), ma molto probabilmente sarà la prima generazione dal dopoguerra ad essere più povera di quella che l'ha preceduta. La pubblicazione del dato sul tasso di disoccupazione giovanile - che nell'ultimo anno in Italia ha toccato il record assoluto del 35,3%, il livello più alto dal lontano 1977 - è stata una scossa per il mondo politico che finalmente ha preso atto del fatto che non è più il caso di temporeggiare, ma di adattarsi ai nuovi cambiamenti imposti dalla nostra società. Come annunciato anche dal presidente del Consiglio Enrico Letta in conferenza stampa subito dopo l'ultimo vertice straordinario del Consiglio Ue, il tema della disoccupazione giovanile è una «questione cruciale». E urgente, viene da aggiungere.