Tag: Europa

  • 21 May 2019

    Giappone, aumentano le chance di investimento

    I rapporti economici tra Italia e Giappone vedono una prospettiva di intensificazione grazie a nuovi fattori che analisti e operatori ritengono in grado di spronare le attività di business nei due sensi. Il primo è l'Economic Partnership Agreement (Epa) tra Ue e Sol Levante, entrata in vigore il primo febbraio scorso, che oltre all'eliminazione o abbattimento dei dazi tende a ridurre le barriere non tariffarie. Il secondo è l'intesa bilaterale tra Roma e Tokyo nel "procurement" militare, in applicazione da poche settimane fa: combinandosi con un allentamento dei limiti di derivazione ...
  • 9 April 2019

    Nuovi dazi USA in vista per Prosecco, pecorino, olio ed altri prodotti agroalimentari

    Ecco l’elenco dei nuovi probabili prodotti sottoposti a dazi che l’ufficio del negoziatore Lighthizer ha stilato: fanno parte di questa  lunga lista elicotteri ad a uso civile prodotti in Spagna, Regno Unito, Germania o Francia ma anche pesce, burro, formaggi incluso il pecorino, olio di oliva, marmellate, vini, liquori e, tra gli altri prodotti, olii essenziali prodotti in uno qualsiasi dei 28 Paesi membri dell’Unione Europea. La lista comprende Pecorino e altri formaggi come Emmental, cheddar, ma anche yogurt, burro, vini frizzanti (tra cui il Prosecco) e non, agrumi, olio extra ...
  • 28 February 2019

    L’olio istriano ora diventa una DOP UE

    La Commissione europea ha approvato ieri una nuova denominazione al registro delle denominazioni di origine protette. Si tratta dell'olio d'oliva «Istra» DOP (Istria, ndr), comune in Croazia e Slovenia. Dopo lo « Istarski prsut / Istrski prsut», un prosciutto affumicato registrato nel 2015, è la seconda volta che Croazia e Slovenia hanno deciso di condividere una DOP comune. « Istra» è un olio extra vergine di oliva ottenuto da olive raccolte e lavorate nella penisola istriana. Le radici dell'olivicoltura, nella regione, sono antiche e le anfore romane scoperte portavano le ...
  • 22 February 2019

    Perché l’agricoltura francese si sta riprendendo

    L'apertura del Salone dell'Agricoltura questo sabato, indica l'ora dei bilanci per il settore. Se si ignora lo zucchero, nel bel mezzo di una crisi, il recupero della maggior parte delle produzioni è indiscutibile. La Francia conferma la sua leadership europea con una posizione di primo produttore. Ma il rapporto debito / PIL delle aziende agricole nazionali è il secondo più alto in Europa al 42% e si distingue come un indicatore di fragilità. Il mondo agricolo deve impegnarsi in un profondo cambiamento al servizio di un consumatore sempre più esigente e in un'Europa che fatica a ...
  • 17 January 2019

    Brexit: “Minimizzare impatto drammatico di un no-deal per agroalimentare”

    Il Parlamento europeo non è disposto ad aprire un secondo negoziato nella procedura di divorzio tra l’Ue e il Governo britannico ( Brexit ), se non alla condizione di migliorare l’attuale accordo a favore dei cittadini, degli agricoltori e dell’intera filiera agroalimentare europea. Siamo consapevoli che entriamo in un periodo di grande incertezza e stiamo già riflettendo come ‘parare’ l’impatto rovinoso di un ‘no-deal’. Personalmente, ritengo che sia necessario trovare nel bilancio Ue post-2020 i fondi necessari per tener sotto controllo tutte le possibili perturbazioni di ...
  • 16 January 2019

    Indicazioni geografiche. Vera tutela solo con accordi internazionali. De Castro: ma in Europa è tema che interessa solo 5-6 paesi

    Dop e Ipg rappresentano un asset importante, con un valore superiore ai 15 miliardi di euro. Produzioni in gran parte esportate, e quindi è fondamentale riuscire a crescere da questo punto di vista, trovare le strade migliori per la promozione, lavorare sulla certificazione. Penso ad esempio alle modifiche dei disciplinari di produzione, tema molto sentito dai nostri Consorzi. Non si può perdere lo stesso tempo per modificare il disciplinare del Parmigiano Reggiano o del Grana Padano rispetto ad un disciplinare di piccole denominazioni che magari hanno un mercato solo locale. Dobbiamo ...
  • 25 September 2018

    Accordo Ue-Giappone, più tutele per la Mozzarella di Bufala Campana DOP

    La Mozzarella di Bufala Campana DOP è l’unico formaggio del Sud nell’elenco dei prodotti tutelati dall’accordo di partenariato economico (APE) Ue-Giappone firmato a luglio scorso. E dal 27 al 29 settembre il Consorzio di Tutela volerà a Tokyo proprio per partecipare a un importante summit internazionale. È in programma la consultazione preliminare per l’implementazione dell’accordo nella parte riguardante i formaggi, alla presenza dei rappresentanti della Commissione europea, del ministero dell’Agricoltura giapponese e degli operatori economici. Da parte italiana, accanto al ...
  • 25 September 2018

    Formaggio Asiago DOP: più forte la presenza in Cina e Giappone

    Il Consorzio Tutela Formaggio Asiago DOP vola in Giappone, invitato a Tokyo dal Ministero dell’Agricoltura nipponico, per partecipare agli incontri bilaterali Ue-Giappone e al primo evento, il prossimo 29 settembre, interamente dedicato ai formaggi d’origine protetta europei. Alla vigilia della ratifica dell’accordo di partenariato economico con l’Unione Europea (EPA) e dopo il pieno riconoscimento dei diritti di proprietà intellettuale sancito da una serie di vittorie legali contro tentativi di usurpazione ottenute nel paese del sol levante e in Cina, il Consorzio Tutela Formaggio ...
  • 5 May 2018

    OrIGo 2018 – Intervista al Commissario europeo Phyl Hogan sul futuro delle Indicazioni Geografiche

    In vista dell’edizione 2018 di OrIGo – il Forum mondiale delle Indicazioni Geografiche – che si svolgerà l’8 maggio prossimo a Parma, il direttore generale della Fondazione Qualivita, MauroRosati, intervista in esclusiva il Commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale Phil Hogan sui temi prioritari del settore delle DOP, IGP e STG. Intervista a Phil Hogan Il crescente successo del sistema delle DOP IGP che si registra in molti Paesi europei sia in termini di aumento di produzione, sia in termini di numero di prodotti registrati, impone sicuramente una ...
  • 13 April 2018

    Indicazioni Geografiche europee nel mirino degli USA

    Tracciabilità e  indicazioni geografiche europee DOP IGP STG  le "barriere" europee nel mirino degli Stati Uniti. Abbassare i dazi sull'auto, ma soprattutto abbattere i divieti su carne agli ormoni, mais Ogm e molto altro. La lista delle possibili richieste Usa a Bruxelles, in cambio dell'esenzione definitiva dalle tariffe su acciaio e alluminio, è contenuta in un cahier de doleances di 47 pagine, all'interno del "National Trade Estimate Report onForeign Trade Barriers 2018", redatto dall'Ufficio del Rappresentante Usa per il commercio, guidato dal falco Robert Lighthizer. Il rapporto ...
  • 16 March 2017

    Biologico nel mondo: cresce l’Europa, ma non solo

    Il mercato del biologico vale più di 80 miliardi a livello globale, con 50,9 milioni di ettari di terre coltivate (+14,7% rispetto al 2014) e 2,4 milioni di addetti che segnano un aumento per gli operatori del +7,2% sul 2014: sono i principali dati presentati all'ultima edizione di Biofach di Norimberga, la manifestazione più importante del mondo dedicata al comparto. Nella classifica generale l'Italia è al secondo posto in Europa per ettari coltivati (1,49 milioni) e per numero di produttori: oltre 52mila, con un trend di crescita del +15%. Le aziende certificate sono il 3,6% del ...
  • 26 September 2016

    Ok al CETA dai ministri UE. Sul TTIP si negozia a vista

    Via libera all'accordo di libero scambio con il Canada e alla prosecuzione del negoziato con gli Usa, in attesa che i capi di Stato europei decidano il da farsi nel prossimo vertice di ottobre. Queste le decisioni prese all'incontro di Bratislava tra i ministri europei con delega al commercio, dove la delegazione italiana è tornata a chiedere garanzie sul processo di riconoscimento dello status di mercato della Cina. Ok al Ceta. La ratifica dell'accordo tra Ue e Canada (Ceta), sembra avere la strada spianata. Il 18 ottobre un consiglio straordinario dei ministri del commercio approverà ...
  • 2 August 2016

    Vino, Germania frena l’import: l’Italia tiene e resta il primo fornitore

    La Germania è il primo importatore mondiale di vino e spumante, ma inizia male il 2016: nel solo primo trimestre gli acquisti tedeschi hanno subito una contrazione del -9% attestandosi intorno ai 3,4 milioni di ettolitri (contro i 3,8 nel gennaio-marzo 2015) e in valore la riduzione è del -7% con una spesa di 537 milioni di euro contro i 577 del primo trimestre dello scorso anno. Il dato ha messo in allarme le cantine italiane, francesi e spagnole che nel mercato tedesco realizzano i maggiori fatturati. L'Italia registra un calo del -6,5% in volumi e -3,9% in valore di export di vino in ...
  • 22 July 2016

    Carni suine: lieve crescita per la produzione UE 2016-17

    La produzione di carni suine in Europa è destinata a crescere debolmente: dopo il +3,5% dello scorso anno, nel 2016 l’andamento sarà pressoché stabile (+0,2%), pari a oltre 23,4 milioni di tonnellate e appena più dinamico nel 2017 (+0,8%). È quanto comunica l'Associazione Nazionale Allevatori Suini (ANAS) sulla base dei dati della Dg Agricoltura e Sviluppo rurale della UE. Nel 2016 si prevede una forte accelerazione degli scambi, con export in crescita del +18% (si parla complessivamente di quasi 2,5 milioni di tonnellate esportate) e import in aumento del +12%, sebbene su ...
  • 20 May 2016

    Export agroalimentare +2% nel primo trimestre, sfiora 9 miliardi

    Export agroalimentare in controtendenza: in un contesto generale in cui la domanda estera del made in Italy registra un calo del -1,7% nel primo trimestre del 2016, le vendite agroalimentari si muovono un +2% su base annua e arrivano a sfiorare i 9 miliardi di euro. Se il trend fosse confermato a fine anno, il valore di prodotti agricoli, cibi e bevande esportati nel mondo avvicinerebbe i 38 miliardi di euro: è questa la lettura dell'Ufficio Studi della Cia-Agricoltori Italiani degli ultimi dati Istat sul commercio estero diffusi in questi giorni. L'area EU continua a rappres...
  • 17 May 2016

    Italia quarto Paese per consumo pro-capite di IG: 131 euro per cittadino

    Il consumo pro-capite di prodotti IG in Italia è di 130,88 euro (in termini di prezzi alla produzione ): fatta 100 la media dei Paesi EU28, il consumo pro-capite di IG in Italia è di 137. L'Italia è il quarto Paese di una classifica europea che vede la Francia al primo posto con un valore record di 245, il Lussemburgo 185 e il Portogallo a 143. Il dato emerge dallo studio di EUIPO (Eropean Union Intellectual Proprerty Office) sulla contraffazione dei prodotti a Indicazione Geografica nell'Unione Europea pubblicato ad aprile (vai allo studio). I dati relativi all'Italia mostrano...