Tag: Confagricoltura

  • 30 August 2018

    Vendemmia 2018 ottimismo del settore, crescita prevista fra il +10% e il +15%

    La vendemmia del 2018 parte nel segno dell'ottimismo secondo le prime indicazioni di due delle principali organizzazioni agricole del Paese. Confagricoltura prevede un aumento dei raccolti in Emilia Romagna del +25%, in Veneto, Trentino e Umbria tra il +15% ed il +20%, in Lombardia e Marche tra il +5% ed il 10% ed in Puglia raccolti probabilmente nella media, nonostante le pesanti grandinate che hanno colpito i filari del Primitivo di Manduria. In alcuni areali del Lazio, invece, si annuncia un calo della produzione dovuta alla forte pressione di malattie fungine. Peronospora e mal ...
  • 3 October 2016

    Italia, grano: tutelare l’origine per remunerare i coltivatori

    Grano e Irpef agricola: a livello politico saranno questi i temi centrali per i coltivatori italiani in autunno. Il governo vuol portare la battaglia per il prezzo del grano in Europa e tutelare il grano italiano a indicazione di origine in modo che i coltivatori possano spuntare un prezzo maggiore come riconoscimento della qualità. Obiettivi da conseguire anche attraverso un “patto di filiera”. Il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, annuncia: “Serve un patto nazionale tra agricoltori e produttori per il grano e la pasta italiani: etichettatura, contratti di filiera...
  • 24 June 2016

    Piano Mipaaf in cinque punti a sostegno della suinicoltura

    Nel mese di maggio la suinicoltura ha registrato una timida ripresa (redditività in crescita del +1,1% e prezzi medi alla Borsa merci di Modena in aumento del +3,1%), ma lo scenario rimane ancora teso. Al punto che al Tavolo della suinicoltura, convocato nei giorni scorsi a Brescia dal Mipaaf arriva una proposta articolata in cinque punti per tamponare le falle di una filiera che da anni non trova la via del decollo. Come per il latte, il modello rimane la Francia "con il Label Rouge a costituire un marchio ombrello per garantire al consumatore l'italianità al 100% del prodotto", ...
  • 20 June 2016

    Sviluppo Rurale, Il Biologico cresce e il budget a arriva a 1,6 miliardi

    La riforma comunitaria del biologico proposta dalla Commissione Ue due anni fa è ancora in altomare. Lapresidenza di turno olandese aveva detto di voler chiudere la partita entro giugno, ma fonti di Bruxelles lasciano intendere che ormai se ne parlerà nel 2017. E comunque il settore in Italia continua a crescere. Con un valore al consumo che l'anno scorso, in base a un'indagine Nielsen, ha superato i 2,1 miliardi, con un incremento del 2o per cento. «In25 anni il nostro mondo è cresciuto in modo tumultuoso, è un settore sano, ma ha bisogno di supporto istituzionale», ha sintetizzato a ...
  • 30 May 2016

    L’Italia subito in campo per studiare una nuova PAC

    Molti Paesi all’interno della Comunità Europea stanno affrontando il tema di come la Politica Agricola Comune 2014-2020 stia realmente supportando il mondo dell’agricoltura. Di fronte all’attuale andamento dei mercati, sempre più instabili, e all’emergere di nuove sfide, sono infatti molti i dubbi sulla reale efficacia delle misure entrate in vigore solamente un anno fa. In un momento in cui i primi dati stanno confluendo verso gli organismi dell’Unione Europea e ad un solo anno da quella che potrebbe essere la riforma di medio termine (2017) per correggere i difetti emersi, sono ...
  • 11 May 2016

    L’agricoltura e le risposte della politica

    Che le politiche agricole non siano più uno spazio di discussione solo per gli addetti ai lavori è ormai chiaro; Expo ci ha dimostrato che esiste una larga parte della società che desidera confrontarsi con queste tematiche ed è per questo che il Partito Democratico ha sentito la necessità di coinvolgere oltre 60 relatori, soprattutto giovani, con esperienze diverse per discutere del  futuro agricolo del  nostro Paese, al forum #GenerazioneAgricola che si è tenuto sabato scorso a Bologna. Il Ministro  Martina nel suo intervento conclusivo è andato oltre prefigurando come  alcuni dei ...
  • 25 January 2016

    Deregulation vini DOP IGP: il Ministro Martina oggi a Bruxelles per dire no

    La Commissione Ue sta lavorando a una modifica del regolamento 607 del 2009 per rivedere le norme sull'etichettatura delle denominazioni d'origine. L'ipotesi allo studio punta a una profonda liberalizzazione che consenta ai produttori di qualsiasi Paese di utilizzare in etichetta anche i nomi dei vitigni oggi riservati a singoli Stati. Di fronte a questa prospettiva le organizzazioni della filiera vitivinicola italiana (Alleanza delle cooperative, Assoenologi, Cia, Confagricoltura, Federdoc, Federvini, Unione italiana vini) hanno scritto al Ministro Maurizio Martina, richiedendo un interve...
  • 21 December 2015

    Agricoltori e banche: accordo in vista degli 8 miliardi dei piani rurali

    Stanno partendo i piani rurali delle regioni e potrebbero portare alle imprese del settore agricolo in italia fino a 8 miliardi di euro entro il 2020, come aiuti a fondo perduto per investimenti in tecnologie e macchinari per lo sviluppo del comparto. Le imprese però dovranno coprire il 60% degli investimenti. E' per questo motivo che Confagricoltura ha sottoscritto accordi con otto istituti di credito (Cariparma, Bnl, Popolare di vicenza, Credem, Banco Popolare le maggiori) per favorire la concessione dei prestiti con tempi certi e più rapidi, e soprattutto a prezzi vantaggiosi per gli ...
  • 27 November 2015

    Basilico genovese DOP in crisi: nel mercato “vince” il pesto pronto

    Il Basilico Genovese DOP non vive un momento positivo. La sofferenza si registra un po’ in tutta la Liguria e in particolar modo nella zona tra Pra’ e Voltri, centro dell’ingrediente numero uno del pesto. Confagricoltura Liguria parla di “una vera e propria crisi, paragonabile a quella del latte di cui tanto si parla in questo periodo”. I fattori sono molteplici. Innanzitutto molti costi e poco guadagno: se  il mazzetto di basilico arriva nelle cucine a circa 1 euro al pezzo, il ricavo per le aziende si ferma a 60 centesimi, un valore “assolutamente insostenibile”. C'è ...
  • 14 October 2015

    McDonald’s: “Fattore Futuro” premia giovani agricoltori italiani e innovazione

    Fattore Futuro: il progetto McDonald's per la selezione di giovani agricoltori italiani. Con il patrocinio del Ministero delle politiche agricole, il progetto ha selezionato 20 imprenditori agricoli under 40 del nostro Paese che diventeranno fornitori McDonald's Italia per i prossimi tre anni. L'iniziativa è stata realizzata in collaborazione con le associazioni di giovani di Coldiretti, Confagricoltura e Cia nelle fasi di promozione e raccolta delle candidature, mentre la Fondazione Qualivita si è occupata della fase di raccolta e screening delle candidature. Sono state presentate ...
  • 12 June 2014

    Nocciole, una buona annata con qualità e prezzi in crescita

    La StampaSi prospetta una «buona annata» per il raccolto delle nocciole di quest'anno, sia dal punto di vista fitosanitario che della produzione. Lo sostengono agricoltori, tecnici ed esperti del settore commerciale dopo aver verificato che le piante, nel periodo della fioritura, non hanno sofferto improvvise gelate o nubifragi che potessero compromettere il ciclo vegetativo. Il tecnico corilicolo di Confagricoltura, Antonio Marino, conferma che anche la qualità delle «tonde» sarà ottima. «L'abbondante fiori tura di quest'anno ci fa ben sperare - spiega -. Apparentemente la produzione sembra elevata e con una buona resa alla sgusciatura, ma solo a fine giugno ci saranno i primi risultati. Anche i prezzi sono in aumento rispetto agli altri anni».
  • 28 May 2014

    Fucino: nascono le patate anti-imitazione

    Il CentroOltre 150 produttori di patate, associati a Confagricoltura e Cia, hanno fatto richiesta per essere inseriti negli elenchi dei produttori della patata Igp del Fucino. Oggi alle 17, nella sede dell'ex Arssa di Avezzano, i tecnici Fabrizio Piva e Alberto Albertini del Ccpb di Bologna (l'organismo che è stato delegato dal MIPPAF a controllare il rispetto delle norme comunitarie) illustreranno il disciplinare di produzione che gli agricoltori dovranno rispettare per ottenere il prestigioso riconoscimento comunitario. Il Ccpb entrerà nel dettaglio della tecnica di coltivazione
  • 14 May 2014

    Mozzarella di Bufala Campana DOP, pressing sul doppio stabilimento

    Il Mattino di CasertaLa nuova operazione della magistratura sulla Mozzarella di Bufala Campana DOP, che ha portato a 13 arresti e alla scoperta di una serie di frodi compiute dai titolari dell'azienda Cantile di Sparanise, diventa subito lo spunto per vecchie e nuove rivendicazioni del comparto. Coldiretti e Confagricoltura partono dall'ultimo allarme per chiedere subito l'immediata applicazione della legge 205/2008 sul doppio stabilimento. Le nuove norme, dopo l'accordo al ministero delle Politiche agricole, sono in attesa di sostanziali modifiche
  • 28 March 2014

    Il biologico sulle tavole dei sardi

    L'Unione Sarda.Il biologico piace ai sardi ma si piazza bene anche oltre Tirreno. Nell'Isola sono ben quattro le organizzazioni di produttori attive, oltre la media delle altre regioni italiane, e le stime di crescita sono più che buone. A dirlo sono le associazioni di categoria che anzi chiedono che vengano investiti nuovi fondi. In totale gli imprenditori sardi aderenti alle Op sono 466 cori un fatturato che al 31 dicembre scorso ammontava a 8.750.000 euro. La produzione spazia dai latticini agli ortaggi, dalla carne alla frutta e viene richiesta soprattutto da fuori «visto che i consumi sardi sono limitati dalla popolazione poco numerosa», fa notare Ignazio Cirronis,
  • 19 March 2014

    Mozzarelle di Bufala Campana DOP tracciate passo passo

    Un sistema di tracciabilità, gratuito, per la Mozzarella di Bufala Campana DOP, e utilizzo soltanto di latte da area Dop per tutti i tipi di formaggio. È questa la base dell'accordo raggiunto da Cia, Coldiretti e Confagricoltura di Caserta.
  • 13 February 2014

    La risaia parla sempre più cinese

    La Stampa.Le risaie di Vercelli e provincia parlano sempre più straniero. Cinese e polacco in primis. Così le nostre terre devono dire addio alle mondine italiane: niente più Silvana Mangano che in «Riso Amaro» mondava in calzoncini. Da qualche anno ad attraversare il mare a quadretti restano solo i giovani orientali con gli occhi a mandorla. Così se a livello nazionale uno su quattro è di origine straniera, solo nel Vercellese l'80% della manodopera impiegata è cinese. I restanti «mondariso» invece sono polacchi, romeni e moldavi.