Tag: WINE ECONOMY

  • 25 June 2019

    Il Chianti Classico DOP celebrato dal New York Times

    Il New York Times celebra il Chianti Classico DOP. Lo fa con un articolo sul sito online di ieri a firma di Eric Asimov, critico enologico del prestigioso giornale americano dal 2004. Uno spot per il Chianti Classico e per le vendite negli Usa e oltre confine, con l'export che registra una crescita costante. L'articolo, dal titolo «Chianti Classico, oltre il fiasco», ne esalta la qualità e le caratteristiche, aggiungendo tuttavia che viene talvolta «snobbato», perché - come scrive Asimov - ad eccezione di qualche eccellente ristorante italiano, non molte liste di vini lo mettono in ...
  • 20 June 2019

    Vigne costiere, in Italia una DOP su tre ha la vista mare

    Basterebbe aprire un atlante e ricordare gli 8mila km di coste che può vantare l'Italia. Eppure certi numeri, quando li leggi per la prima volta, sono sorprendenti. Nel nostro Paese, quasi una DOP del vino su 3 ha una finestra sul mare. Dalle spettacolari terrazze delle Cinque Terre dove si produce lo Sciacchetrà al fenomeno Vermentino di Sardegna, e dallo storico Marsala al celebre Passito di Pantelleria, i «vini da mare» (e da amare) sono tantissimi e svelano un legame tra terra, acqua, aria e sale che si perde nella notte dei tempi. A fare il punto ci pensa il responsabile di ...
  • 20 June 2019

    Brunello di Montalcino DOP, nuove strategie di mercato

    Svolta per il Brunello di Montalcino DOP. D'ora in poi meno bottiglie, di migliore qualità, a prezzi più alti. E l'idea di Fabrizio Bindocci, il nuovo presidente del Consorzio che tutela il grande rosso toscano. Negli ultimi decenni il Brunello è stato protagonista di una corsa produttiva: fino a raggiungere più di 8 milioni di bottiglie l'anno. Una crescita che non è stata accompagnata da un parallelo aumento del valore medio: una bottiglia delle vendemmie più recenti si acquista nelle enoteche online anche a meno di 3o euro. «Bisogna aumentare la qualità anche riducendo la ...
  • 18 June 2019

    Export di vino, il Chianti DOP mette la freccia

    Il Chianti DOP conquista nuovi mercati. Crescono le esportazioni di vini rossi DOP della Toscana, soprattutto nei Paesi extra Ue. Un aumento in molti casi superiore alla media nazionale: dal 2013 al 2018 l'export ha fatto registrare una crescita del 17%  negli Usa (più 12% il dato nazionale) e del +47% in Svizzera (è del 16% la crescita italiana). E le vendite all'estero dei rossi made in Tuscany superano quelle di Veneto e Piemonte. E quanto emerge dalla ricerca Wine Monitor Nomisma per Consorzio Vino Chianti presentata a Roma, al Ministero dell'agricoltura. La Toscana conquista la ...
  • 18 June 2019

    Regolare il mercato delle filiere vitivinicole nella prospettiva di riforma della PAC

    L'Accademia dei Georgofili organizza per mercoledì 26 giugno, dalle ore 9 presso le Logge Uffici Corti a Firenze, l'incontro "Regolare il mercato delle filiere vitivinicole nella prospettiva di riforma della PAC", riflessioni dal confronti tra i casi Champagne DOP, Chianti Classico DOP e Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOP. Per gli interessati sarà possibile iscriversi fino a lunedì 24 giugno, compatibilmente con la capienza della sala (100 persone).   Programma: 9:00 Registrazione dei partecipanti 9:15 Saluti | Massimo Vincenzini (Presidente Accademia dei Georgofili) Ma...
  • 13 June 2019

    Nasce il Consorzio Vino Toscana, a tutela del Toscano IGP, la seconda denominazione della Regione

    La Toscana è un marchio forte del made in Italy, soprattutto nel vino. Che ora sarà valorizzato ancora di più dal Consorzio Vino Toscana, evoluzione dell’Ente Tutela Vini di Toscana, che gestirà e tutelerà l’Igt Toscana, la seconda denominazione della Regione in termini produttivi, espressione di 12.400 ettari di vigneto, con una media di 76 milioni di bottiglie prodotte da 1.770 produttori imbottigliatori, per un valore alla produzione di 380 milioni di euro. A guidare il nuovo consorzio è stato chiamato alla presidenza Cesare Cecchi, alla guida della storica realtà di famiglia a ...
  • 12 June 2019

    Chianti Classico DOP in buona salute, prezzi costanti e vendite in aumento dell’8%

    Numeri positivi dalla terra del Gallo Nero: nei primi cinque mesi del 2019, confrontati con lo stesso periodo dell'anno precedente, si rileva un aumento dell'8% di bottiglie sul mercato, nelle tre tipologie di Chianti Classico. Lo ha annunciato il presidente Giovanni Manetti all'assemblea dei soci del Consorzio Chianti Classico. In particolare, la `Gran Selezione' segna un + 19%, arrivando al 6% della produzione totale, guadagnando un punto percentuale sul 2018. Nel 2019 infatti, anno in cui può essere immessa al commercio la vendemmia 2016, Trecentesimo Anniversario della zona di ...
  • 10 June 2019

    Gavi DOP, anche il bianco invecchia bene

    Fino a non molto tempo fa nessuno avrebbe scommesso un euro su un bianco secco invecchiato. Invece ieri, ultimo giorno del festival Di Gavi in Gavi, nella corte del centro storico, denominata «Lunga vita al Gavi» dal Consorzio tutela di questo vino, il Gavi invecchiato è stato apprezzato dai tanti turisti e abitanti. Il Consorzio, che fa riferimento a un territorio di undici Comuni e a circa 190 associati, in questi anni ha organizzato svariate degustazioni verticali con gli esperti del settore, per verificare la qualità dell'evoluzione del Gavi DOP. Un vino che, spiega Roberto Ghio, ...
  • 16 May 2019

    Le bollicine dell’Asti DOP protagoniste al World Pastry Stars

    L’Asti Docg ed il Moscato d’Asti Docg saranno i protagonisti assoluti del più grande congresso internazionale dedicato all’arte della pasticceria che si svolge in Italia (Milano – 20 e 21 maggio, Marriott Hotel), a cui parteciperà una selezionata platea di oltre 600 pasticceri ed operatori di settore. Voluto da Iginio Massari, World Pastry Stars riunirà i più importanti Maestri pasticcieri mondiali, che daranno vita ad un evento all’insegna della dolcezza e delle bollicine a base Moscato. Nel suo ruolo di partner beverage esclusivo, l’Asti Docg saprà certamente conquistare ...
  • 30 April 2019

    Asti, il più antico spumante italiano

    Il direttore Bosticco:“la filosofia dellaqualità guida la realizzazione dei nostri vini. Con l’Asti Secco, possiamo ampliare la nostra offerta” Dal 1932 il Consorzio dell’Asti DOCG accompagna la filiera della denominazione di origine Asti (Asti Secco, Dolce e Moscato d’Asti DOCG) nel suo percorso di crescita, adattando i suoi compiti in relazione alle necessità e alle esigenze produttive degli associati. Nato per promuovere e tutelare il più antico spumante aromatico italiano, è stato fin da subito attivo nella tutela e nella valorizzazione di una denominazione che agli esordi ...
  • 30 April 2019

    Federdoc: serve un cambiamento per il futuro delle nostre denominazioni

    Ricci Curbastro: “L’attuale sistema delle Denominazioni italiane mostra delle criticità che non possiamo più ignorare” Riccardo Ricci Curbastro è il presidente di Federdoc, la Confederazione Nazionale dei Consorzi di Tutela dei Vini a Denominazione di Origine che da oltre 30 anni tutela e promuove il patrimonio vitivinicolo italiano a livello nazionale e internazionale e tutte le aziende coinvolte. Presidente, di recente è tornato a sottolineare l’esigenza di un cambiamento del volto delle Denominazioni italiane per garantire, nel futuro, perfomances degne dell’unicità del ...
  • 29 April 2019

    Agroalimentare, settore forte del made in Italy

    L'economia italiana va male e su questo non ci sono dubbi ma non mancano i settori che continuano a far bene. Si tratta di industrie particolarmente forti che riescono a prosperare nonostante le difficoltà sul mercato interno - caratterizzato da consumi deboli - e gli ostacoli su quelli esteri, dove il numero e l'intensità delle guerre commerciali è in decisa crescita. Fra queste spicca il comparto agroalimentare, non a caso uno dei fiori all'occhiello del Made in Italy non solo dal punto di vista commerciale ma anche culturale. Secondo le stime Istat rielaborate dall'Osservatorio Tuttof...
  • 24 April 2019

    Aziende del vino, conti ok: +52% in 10 anni

    Crescono i bilanci delle aziende italiane vitivinicole di capitale. Chi produce uva e vino ha visto un trend positivo negli ultimi 10 anni del +52% e con un +7% nel 2018 rispetto all'anno precedente. Ad evidenziarlo è uno studio dell'Osservatorio Qualivita Wine e InfoCamere, che hanno elaborato i dati di 3 mila aziende con bilancio depositato, da cui risulta un fatturato complessivo di oltre 11,2 mld di euro nel 2018, un valore aggiunto di 2 mld di euro e 3,7 mld di euro di valore della produzione. Una crescita che, se per numero di imprese con bilancio depositato, è stata pari al +33% in ...
  • 17 April 2019

    Lambrusco, nei supermercati veneti batte anche il Prosecco. In grande crescita Bardolino e Lugana

    Clamoroso al Cibali, è il Lambrusco il vino più venduto nella grande distribuzione in Veneto, seguito da Cabernet, Merlot, Custoza DOP, Bardolino DOP. Lo riferisce la ricerca dell'istituto di ricerca IRI elaborata in esclusiva per Vinitaly e che in quella sede è stata presentata. In compenso, nella classifica dei vini più venduti in Italia si piazza il Prosecco con 4 milioni e 311mila litri, con un prezzo medio a bottiglia di 4,72 euro. Nella speciale classifica dei vini con maggior crescita a volume troviamo al primo posto il Lugana (prodotto anche nel bresciano), con un balzo del 22,1% ...
  • 16 April 2019

    QUALIVITA-INFOCAMERE – Bilanci delle aziende italiane del vino

    Bilanci delle aziende italiane produzione di vino e uva: 11,2 miliardi nel 2018 e crescita del +7% sul 2017 e del +52% in dieci anni In occasione del Vinitaly 2019, Osservatorio Qualivita Wine e InfoCamere hanno svolto un’analisi sulle imprese italiane legate alla produzione di vini e alla coltivazione di uva che nel 2018 hanno depositato il bilancio presso il Registro delle Imprese delle Camere di Commercio. Si tratta di 3.000 aziende che rappresentano lo spaccato più strutturato del settore. Un’analisi su dati ufficiali e originali basata sui bilanci d’esercizio delle aziende del ...
  • 15 April 2019

    L’origine del vino più forte di marchio e denominazione

    Concluso Vinitaly è tempo di riflessioni e bilanci. Suggerisco di partire dall'indagine Mercato Italia - Gli italiani e il vino, realizzata da Nomisma Wine Monitor con l'Osservatorio Vinitaly. ll ceo di Veronafiere, Giovanni Mantovani, spiega: «Per gli italiani il vino va oltre lo status symbol e rappresenta un tassello fondamentale della cultura tricolore, al contrario di altri Paesi consumatori. E Vinitaly è un brand riconosciuto come bandiera: tre italiani su quattro conoscono infatti la nostra manifestazione, dato che sale al Nord, per l'81%, e tra gli italiani con un alto livello di ...