Argomento: Slow Food

  • 17 Marzo 2018

    Il Parmigiano Reggiano DOP a fianco del movimento dei formaggi naturali

    Non tutti i consumatori sanno quale sia la differenza tra formaggi a latte crudo e formaggi pastorizzati. Di questo si è discusso oggi a FICO in un incontro che ha coinvolto Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità e i presidenti dei Consorzio dei formaggi DOP più importanti d’Italia: Parmigiano Reggiano DOP e Grana Padano DOP. Piero Sardo nel suo libro “Formaggi naturali. Viaggio alla scoperta dei migliori d’Italia” ci racconta che, rincorrendo la massima igienicità richiesta dalle normative igienico-sanitarie, si è azzerata o quasi la flora ...
  • 9 Ottobre 2017

    G7 agricolo a difesa del reddito. Su dazi e IG posizioni lontane

    La presidenza italiana del G7 Agricoltura ha scelto Bergamo per ospitare il vertice dei ministri dell'Agricoltura dei sette Grandi. Due i temi principali dell'agenda politica. Il primo: tutela del reddito dei produttori di fronte alle crisi di mercato ma anche ma anche legate ai fenomeni naturali, come i terremoti, oppure ai cambiamenti climatici. Il secondo tema è strettamente legato al primo perché spesso quei fenomeni naturali hanno tra le conseguenze anche le migrazioni. E così i ministri dei Sette proveranno a trovare un punto di vista comune sul ruolo che può giocare la ...
  • 26 Settembre 2016

    Parmigiano Reggiano DOP: a Terra Madre la prima guida ragionata ai caseifici

    Sarà in distribuzione dal 5 ottobre la prima guida ragionata ai caseifici produttori di Parmigiano Reggiano DOP, con un approfondimento particolare su 132 caseifici scelti da Slow Food, ciascuno con la sua storia, le sue caratteristiche peculiari, la tipicità del suo prodotto. Un grande viaggio all'interno del mondo che caratterizza la DOP italiana più nota al mondo, compiuto dal Consorzio di Tutela del Parmigiano in collaborazione con Slow Food, che punta soprattutto ad evidenziare quanto siano importanti le differenze che si riscontrano all'interno di un sistema completamente artigian...
  • 28 Luglio 2014

    L’èlitarismo gastronomico, una pratica non sostenibile

    L'UnitàAlzarsi la mattina ed iniziare a sparare contro. In Italia quello di delegittimare tutto e tutti è diventato uno sport nazionale, sulla scia della moda lanciata in politica dal Movimento 5 Stelle. Ieri mattina è stata la volta di Carlo Petrini che nel suo editoriale pubblicato da Repubblica, ha messo in dubbio la bontà del sistema agroalimentare di qualità certificata italiana. Del resto, la sua avversità alle DOP e IGP è storica ed evidente; Slow Food lanciò infatti una sorta di sistema alternativo, quello dei Presidi, che di fatto avevano l’obiettivo di “fare concorrenza” alle Denominazioni riconosciute a livello europeo. Come dire le associazioni private sono più credibili dello Stato?I casi citati da Petrini, ovvero Piadina Romagnola IGP e Bitto DOP, sono innanzitutto elementi isolati e varrebbe la pena spendere del tempo per affrontare la polemica con meno romanticismo e con più senso della realtà.
  • 25 Marzo 2013

    Alla scoperta dell’arte di preparare il formaggio

    Scoprire tutto sul mondo del formaggio. A cominciare da come vengono prodotte le centinaia di varietà di cui l'Italia è ricca per continuare su e come è meglio degustarle.
  • 22 Marzo 2013

    La vera piadina cotta e mangiata

    Corriere di Romagna La piadina romagnola è un mondo che tutto intero dentro al disciplinare che consegna alla burocrazia di un marchio Igp una delle sue innumerevoli ricette, fatica a starci. Il percorso istituzionale però è andato avanti, a gennaio scorso è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale il disciplinare transitorio che ne sancisce la "protezione" a livello nazionale. Dunque non c'è ancora stata la registrazione da parte della Commissione europea, ma intanto si è costituito il Consorzio di promozione della piadina romagnola che coinvolge i territori di Rimini, Ravenna, Forlì-Cesena, Bologna (ovvero il circondario imolese fino a Castel San Pietro compreso) e che si rifà a questo disciplinare. Il consorzio si presenta oggi a Forlimpopoli a Casa Artusi alle 17, testimonial David Riondino, con l'assessore regionale Tiberio Rabboni,
  • 25 Gennaio 2013

    Il cibo che verrà

    Repubblica delle Donne Tacos con cavallette. Pasta di alghe. Papaya ogm. Pomodori incrociati col basilico. Latte "umano" ma munto dalle mucche.Pesci Cobia e Barramundi allevati in vasche cittadine alla velocità della luce. Vino che, grazie alle nanotecnologie, diventa Chianti e Merlot al tocco di un bottone. Lattuga fresca anche dopo mesi. Hamburger in vitro. Non storcete il naso. E' il menu sulla tavola di domani.E se l'hamburger artificiale è ancora un pò lontano ( ci vorranno risorse e tecnologia da Nanosa, quello che si è riuscito ad ottnere finora è - bleah - simile  a un ...
  • 15 Gennaio 2013

    Italy, fast & slow

    Time Una grande catena di supermarket, può diventare un ottima negozio di prodotti culinari e artigianali.Questo è quello che Teodoro Vadalà, ha potuto notare con i propri occhi in un negozio nel centro di Roma.Quattro piani in cui è possibile trovare tra i ristoranti e gli ascensori, ottimi intenditori di prodotti alimentari.Questo nuovo supermarket è stato aperto recentemente, dalla catena Eataly che ha già tanta filiali sparse per il mondo. Dopo New York, Tokyo, Torino e Milano è la volta di Roma. Il motto di Eataly è quello di promuovere una grande catena di alti cibi. Qualità e ...
  • 6 Dicembre 2012

    Qui lo slow food incontra l’industria

    Il Mondo Quarta regione in Italia per produzione alimentare, il Piemonte è il campione dell'export tricolore. Nel 2011, il giro d'affari nel mangiare & bere ha toccato i 12 miliardi di euro e le esportazioni hanno superato i 4 miliardi.Due simboli della riscossa nazionale a tavola sono non a caso piemontesi: Carlo Petrini e Oscar Farinetti. Petrini ha creato, partendo da Bra, un movimento mondiale come Slow food, che ha rivoluzionato il rapporto tra produttori e consumatori e creato, com'è stato scritto, «un nuovo umanesimo che ha nel cibo, nella terra, nell'uomo i suoi perni fondamentali».Farinetti si è inventato Eataly, la catena di supermercati-ristoranti di prodotti alimentari che dall'Italia si è allargata con crescente successo a Tokyo e a New York e punta a Istanbul e Chicago, Los Angeles e San Paolo del Brasile.
  • 26 Ottobre 2012

    La mutazione di Slow Food

    Petrini: «Ecoesistenza pacifica fra contadini e agroindustria». Via le parole «cibo di nicchia»
  • 24 Ottobre 2012

    Salone del Gusto

    25-28 ottobre 2012 - Un legame sempre più forte è quello che unisce il Salone del Gusto e Terra Madre con il territorio piemontese e che ha visto in questi anni gli organizzatori,
  • 20 Ottobre 2012

    Bell’Italia, in piazza i sapori della Penisola

    I sapori d'Italia riconquistano le piazze e soprattutto i palati bassanesi.
  • 11 Marzo 2010

    Il nuovo cibo made in USA

    Come sempre l’America ci sorprende nei suoi eccessi e nei suoi stravolgimenti. Quella “poltiglia”  sociale così multirazziale e multiculturale crea sempre  nuova linfa vitale per rigenerarsi.
  • 3 Dicembre 2009

    Grande distribuzione indispensabile

    E’ appena uscito il nuovo libro di Carlo Petrini, “Terra Madre. Come non farci mangiare dal cibo”, che si aggiunge alla lista delle numerose pubblicazioni sul tema del food.