Argomento: OMS

  • 27 Giugno 2019

    Il Prosecco DOP promuove la dieta mediterranea alla sede dell’ONU

    E' il passaggio conclusivo di un intervento pronunciato il 24 giugno, a Ginevra, dal Direttore Generale del Consorzio di Tutela del Prosecco Doc, Luca Giavi, invitato fra i relatori di un evento dedicato alla promozione del sistema agroalimentare italiano e alla sensibilizzazione sui benefici della dieta mediterranea, nell'ambito della Settimana della Cucina italiana promossa nella città elvetica. L'evento si è svolto su iniziativa di ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (ITA – Italian Trade Agency) e della Rappresentanza ...
  • 13 Novembre 2018

    Agroalimentare, nuovi pericoli all’ONU per il made in Italy

    Allerta massima per il made in Italy agroalimentare. Ieri alla Seconda commissione dell'Assemblea generale dell'ONU è stata presentata la risoluzione introdotta dai sette paesi del gruppo Foreign Policy and Global Health che contiene, tra le altre cose, il contestato paragrafo "ammazza prodotti tipici". Era già stata mitigata nel vertice ONU il 27 settembre la proposta dell'OMS di introdurre tasse, semafori rossi, etichette penalizzanti con giganteschi bollini neri, e restrizioni nel marketing su "cibi e bevande non salutari". Cibi non salutari che, secondo i tecnici dell'Organizzazione ...
  • 13 Novembre 2018

    Indicazioni Geografiche: la Commissione UE su etichette sostiene posizione italiana

    La Commissione europea, rispondendo a una interrogazione dell'On. Mara Bizzotto, per bocca del commissario all'agricoltura, interviene sulle questioni delle etichette e delle politiche discriminatorie contro gli alimenti DOP e IGP, a seguito dei tentativi di  forzatura da parte dell'OMS. Il Terzo Forum di Alto Livello sulle malattie non trasmissibili dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 27 settembre 2018 ha adottato la dichiarazione politica che stabilisce impegni per la lotta alle malattie non trasmissibili. Le denominazioni di origine protette e le indicazioni geografiche ...
  • 23 Luglio 2018

    ONU e OMS possono mettere a rischio l’agroalimentare italiano di qualità

    L 'ONU attacca il made in Italy, il Parmigiano Reggiano DOP e il prosciutto. Li vuole tassare e mostrare sulle confezioni immagini raccapriccianti come per le sigarette: questa la sintesi spicciola di quanto circola da giorni. C'è chi accusa l'OMS di voler demonizzare l'eccellenza dell'agroalimentare italiano e chi nega qualsiasi accanimento. La verità? Sta, in modo molto poco originale, nel mezzo. Made in Italy Né OMS né ONU hanno mai preso di mira in modo diretto ed esplicito i prodotti italiani. Si stanno però seriamente discutendo alcune iniziative che dovrebbero sfociare in ...
  • 20 Luglio 2018

    ONU, OMS e industria chimica minacciano le produzioni tipiche italiane

    A forza di tirare la corda su grassi, sali, zuccheri, alcol e altre sostanze che nuocciono gravemente alla salute, verranno tutti qui. Da noi, a mangiar bene, in questo trapezio bislungo, inciso dal Po e che ci ostiniamo a chiamare Food Valley. Una valle del cibo che Giovanni Boccaccio 667 anni fa aveva classificato nel Decameron come il Paese di Bengodi, più reale di qualsiasi surrealismo valpadano: ed eravi una montagna tutta di formaggio parmigiano grattugiato, sopra la quale stavan genti che niuna altra cosa facevan che far maccheroni e raviuoli e cuocergli in brodo di capponi, e poi ...
  • 20 Luglio 2018

    OMS e ONU. Grana Padano DOP: cibi da vietare, grave come una fake news

    Così il presidente del Consorzio Grana Padano DOP, Nicola Cesare Baldrighi, definisce quanto sostenuto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e dall'Onu, che nello stilare la lista dei cibi che possono ridurre entro il 2030 la diffusione di malattie non trasmissibili cardiovascolari e metaboliche, hanno individuato come dannosi alcuni prodotti che da sempre fanno parte della Dieta Mediterranea. "Ha dell'incredibile – prosegue Baldrighi – constatare che istituzioni così importanti mettano sul banco degli imputati produzioni da sempre riconosciute come esempio di eccellenza ...
  • 18 Luglio 2018

    OMS, Deserti – Consorzio Parmigiano Reggiano: «Così si favoriscono solo le imitazioni»

    Un attacco diretto al Parmigiano Reggiano DOP e alle altre principali eccellenze DOP e IGP alimentari italiane, che andrebbe a danneggiare i consorzi di riferimento. L'Onu e l'Oms in settembre potrebbero decidere di applicare sui prodotti made in Italy una nuova tassa e un'etichettatura allarmistica simile a quella dei pacchetti di sigarette. Perché? Per combattere diabete, cancro e malattie cardiovascolari. E già in trincea Riccardo Deserti, direttore Consorzio Parmigiano Reggiano. Deserti, che cosa ne pensa? « E una presa di posizione che si muove sulla falsariga di un sistema ...
  • 17 Luglio 2018

    ONU, dieta mediterranea sotto attacco

    Il Parmigiano Reggiano DOP, il Prosciutto di Parma DOP, ma anche la pizza, il vino e l'olio d'oliva. Tutti rischiano di fare la fine delle sigarette: tassati, e con tanto di immagini raccapriccianti sulle confezioni per ricordare che «nuocciono gravemente alla salute». L'Organizzazione Mondiale della Sanità e l'ONU hanno dichiarato guerra al diabete, al cancro e alle malattie cardiovascolari: i morti per queste malattie non trasmissibili dovranno essere ridotti di un terzo entro il 2030. Come? Riducendo nella dieta l'apporto di grassi saturi, sale, zuccheri e alcool. Il guaio è che ...
  • 27 Ottobre 2015

    In Italia il consumo di carne e salumi molto al di sotto dei quantitativi individuati come potenzialmente rischiosi

    Secondo lo IARC, come pubblicato ieri sulla rivista inglese Lancet Oncology, le carni rosse sono state inserite nel gruppo 2A, cioè nel gruppo per il quale la correlazione tra un consumo eccessivo di carni rosse e l’insorgenza di tumori al tratto intestinale è considerata “probabile”. Le carni rosse trasformate, invece, sono state catalogate fra i cancerogeni appartenenti al gruppo 1. Le quantità indicate dallo studio (100 grammi al giorno per la carne rossa e 50 grammi al giorno per quella trasformata) come condizione per un aumento comunque modesto del rischio sono molto più alte ...
  • 28 Maggio 2014

    Per l’ortofrutta europea calano produzioni, consumi e import

    Terra e Vita Per l'ortofrutta europea calano produzioni, consumi e import siamo sotto ai 400 g/giorno pro-capite raccomandati dall'Oms. Solo 387 grammi al giorno di orto frutta (168 g. di frutta; 219 g. di verdura). Un calo dell'8%, rispetto al 2011. L'Europa consuma meno ortofrutta nel 2012 e scende sotto ai 400 g. di prodotto fresco procapite al giorno raccomandati dall'Oms, l'Organizzazione mondiale della sanità. Succede in ben 18 Paesi sui 28 Stati membri. La frutta cala del 12% rispetto al 2012 e dei 14% rispetto al 2007-2011, gli ortaggi scendono del 5,3%