Argomento: Friuli Venezia Giulia

  • 20 Marzo 2019

    Il Montasio DOP darà gusto al Giro d’Italia femminile 2019

    Il Montasio si tinge di rosa: il tipico formaggio alpino a pasta dura prodotto in Friuli Venezia Giulia e parte del Veneto porta i suoi sapori al Giro Rosa 2019, la  grande e affermata manifestazione ciclistica femminile in programma da 5 al 14 luglio 2019. Ad accompagnare il tour che attraverserà anche i paesaggi naturalistici e montani delle Alpi Giulie, non mancherà quella che è considerata una delle eccellenze della gastronomia italiana, unica DOP del Friuli Venezia Giulia nel settore lattiero-caseario e chiara espressione di una tradizione legata al territorio di produzione. Fra le ...
  • 16 Gennaio 2019

    Prima certificazione di Specialità Tradizionale Garantita “Latte Fieno” in Friuli VG

    È stata consegnata a Graziano Zanello, dell’azienda zootecnica “La sisile” di Talmassons, la prima certificazione rilasciata dal Ceviq (Certificazione vini e prodotti italiani di qualità) in Friuli VG che garantisce la Stg (Specialità Tradizionale Garantita) “Latte-Fieno”. Si tratta della Denominazione europea protetta più giovane, essendo stata approvata dall’Ue soltanto nel  2016 e regolamentata dagli organismi italiani nel 2017. Nel nostro Paese esistono già un centinaio di aziende che utilizzano questa certificazione, ma nessuna in Friuli VG. L’azienda di Zanello, ...
  • 26 Novembre 2018

    Il Consorzio Prosecco DOP in aiuto del territorio martoriato

    "Si delibera di conferire mandato a Stefano Zanette, Presidente del Consorzio di tutela Prosecco DOP al fine di individuare, in accordo con le Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia, la realizzazione di uno o più progetti, a vantaggio dei territori delle due regioni colpite da calamità naturali lo scorso mese di ottobre, per un importo massimo complessivo di Euro 100.000,00 (Centomila). Tale importo, in bilancio, sarà escluso dal computo delle attività “erga omnes”. Così recita la delibera disposta stamani d’urgenza nel Palazzo del Prosecco di piazza Filodrammatici, contando sul ...
  • 3 Luglio 2018

    La Pitina è ufficialmente IGP: via libera dall’Europa

    La Pitina è Indicazione Geografica Protetta: il tradizionale salume a base di carni ovicaprine o di selvaggina ungulata, conservata grazie a un processo di affumicatura e a uno strato protettivo di farina di mais, è diventato prodotto IGP riconosciuto dall'Unione europea. La comunicazione ufficiale, da parte di Bruxelles, è giunta ieri, per la gioia di tutti gli artigiani del Pordenonese che la producono, secondo un'antica ricetta. Si tratta del 296esimo prodotto italiano a entrare nel registro della qualità UE: l'Italia è il Paese che gode del maggior numero di prodotti iscritti al ...
  • 2 Luglio 2018

    Salgono a 296 le DOP IGP Food italiane. Registrata la Pitina IGP.

    Si aggiunge una nuova IG Food italiana nel registro europeo: uscito nella Gazzetta ufficiale Europea il prodotto Pitina IGP appartenente alla Classe 1.2. Prodotti a base di carne (riscaldati, salati, affumicati, ecc.).   EUROPA Con la registrazione del nuovo prodotto, l’Europa raggiunge quota 1.403 IG Food – di cui 625 DOP, 720 IGP e 58 STG – ai quali si aggiungono i 26 prodotti nei paesi Extra-UE, per un totale di 1.429 denominazioni. Il comparto Food rappresenta una fetta pari al 42,1% delle IG complessive in EU (STATISTICHE UE>>). ITALIA L’Italia ha in ...
  • 2 Luglio 2018

    Pitina IGP – Italia

    ITALIA - Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 165 del 02/07/2018 è stata registrata la denominazione Lenticchia di Altamura IGP, che, nel comparto Food, è la numero 127 delle IGP dell’Italia e la numero 296 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari italiane. Italia - Pitina IGP Classe 1.2. Prodotti a base di carne (riscaldati, salati, affumicati, ecc.) Reg. 2018/930 del 19/06/2018 – GUUE L 165 del 02/07/2018 Descrizione del Prodotto: La Pitina IGP è un prodotto a base di carni ovicaprine o di selvaggina ungulata, conservata grazie a un processo di ...
  • 14 Luglio 2017

    Obiettivo influencer per favorire le DOP

    Veneto e Friuli Venezia Giulia alleati nelle attività destinate a "influencer" stranieri per promuovere il made in Italy alimentare. L'iniziativa, promossa e finanziata dal Ministero per lo Sviluppo Economico e organizzata da Assocamerestero, si sta svolgendo in questi giorni, fino a domenica, tra Treviso, Belluno, Verona, Udine e le zone di origine dei prodotti d'eccellenza. Questi ultimi vanno dal Prosciutto di San Daniele DOP ai formaggi Piave DOP e Grana Padano DOP, dal Riso Nano Vialone Veronese IGP al Prosecco DOP, dal Bardolino DOP e Bardolino Superiore DOP all'Amarone della ...
  • 23 Giugno 2017

    Prosciutto di San Daniele DOP, al via la 33sima edizione di “Aria di Festa”

    Inizia oggi la trentatreesima edizione di «Aria di Festa». La storica kermesse,  che fino a domenica 25 giugno celebrerà a San Daniele del Friuli l'omonimo Prosciutto di San Daniele DOP. Il taglio della prima fetta di questa eccellenza friulana all'interno del Parco del Castello sancirà alle ore 19 l'apertura del festival e del suo fitto calendario, che proseguirà con un concerto della Premiata Forneria Marconi. E gli appuntamenti del weekend vedranno tra gli ospiti Cristiana Capotondi, Philippe Daverio, Flavio Insinna, Paolo Cevoli, Andrea Scanzi, Mario Tozzi e Massimo Cirri. Per ...
  • 30 Maggio 2017

    Ribolla Gialla: Friuli a difesa dell’indicazione di origine

    «Oggi la Ribolla gialla è perfettamente tutelata. DOP si può fare solo nel territorio del Friuli Venezia Giulia: ferma e spumantizzata nel Friuli Colli Orientali DOP e nel Collio Goriziano DOP, solo nella versione spumantizzata in tutta la regione, con la nuova DOP Friuli/Friuli Venezia Giulia». Come dire: niente panico. L'ipotetico, annunciato, impianto di qualche barbatella di Ribolla in Sicilia non scuote l'assessore alle Risorse agricole del Friuli Venezia Giulia Cristiano Shaurli che anzi stempera i timori per un possibile scippo dell'apprezzato vino friulano. «Impossibile - a ...
  • 4 Maggio 2017

    Montasio DOP, rinnovati i vertici del Consorzio

    Ai veneti è andata la maggioranza in assemblea, ma il presidente - come previsto dall'uscente Terenzio Borga - è un friulano. Presidente del Consorzio di tutela del formaggio Montasio DOP è stato eletto il numero uno della Latteria sociale di Coderno Maurizio Masotti. Quarantadue anni, titolare di un'azienda zootecnica a Coseano e dal 2010 alla guida della piccola cooperativa friulana, Masotti sarà affiancato da Domenico Sartore (vicepresidente), e da un giunta esecutiva composta da Valentino Pivetta, Linda Del Ben e Christian Roldo. L'obiettivo passa da un progetto di nuova comuni...
  • 14 Marzo 2017

    Nasce il Consorzio di tutela vini DOC delle Venezie: Veneto, Friuli, Trentino

    Si costituisce oggi il Consorzio volontario di tutela vini DOC delle Venezie, associazione dei produttori e imbottigliatori trentini, veneti e friulani del Pinot Grigio: "L'85% del pinot grigio nazionale nasce nelle nostre terre - dichiara l'assessore regionale all'Agricoltura Veneto, Giuseppe Pan - e il riconoscimento del marchio DOC delle Venezie garantirà a questa apprezzata varietà di guadagnare ulteriori quote di mercato in Italia e all'estero, ampliando ulteriormente le proprie potenzialità produttive". La nuova "super DOC" delle Venezie vale quasi 2 milioni di ettolitri(260 ...
  • 3 Marzo 2017

    Friuli DOC ottime premesse, già rivendicati 1.500 ettari

    La denominazione Friuli DOC o Friuli Venezia Giulia DOC (già riconosciuta a livello nazionale e all'esame in Europa per l'inserimento nel registro comunitario)  parte con il piede giusto: i viticoltori hanno infatti rivendicato, nel primo annodi vita, 1.500 ettari di vigne, il che significa che in quelle superfici sarà coltivata l'uva che poi darà vino imbottigliato con la nuova etichetta. «E' un dato molto positivo - annuncia Pietro Discontin, presidente delle DOC del Friuli Venezia Giulia -, penso che in futuro andrà ancora meglio. Ed è proprio per seguire con attenzione la ...
  • 12 Luglio 2016

    Tutta l’uva Glera diverrà Prosecco DOP

    C'è stato il sì a 3 mila nuovi ettari di vigna destinati al Prosecco. Ma la fame mondiale di vino non può attendere, anche perché il rischio solito è che poi ci pensi qualcun altro a piazzare oltreoceano o in altri Paesi un qualche vino bianco con bollitine spacciato per l'originale. E allora a beni estremi, estremi rimedi. Il Friuli Venezia Giulia ha già detto sì, e il Veneto si appresta a fare altrettanto: aumenterà subito, già da questa vendemmia 2016, la superficie di vitigni destinati a produrre Prosecco DOP. Il tutto su richiesta dello stesso Consorzio di tutela della denomin...
  • 22 Marzo 2016

    Jambon de Bosses DOP, bloccato contributo da 281 mila euro

    Duecentottantuno mila euro andati in fumo perché due delle tre aziende scelte per il piano di promozione dello Jambon de Bosses facevano riferimento alla stessa società. La Regione aveva revocato i contributi concessi dal 2012 al 2014 al Comitato per la promozione e valorizzazione del Vallée d'Aoste Jambon de Bosses Dop; il Comitato ha fatto ricorso al Tar, che si è espresso confermando quanto disposto dall'assessorato all'Agricoltura, che aveva revocato i contributi erogati attraverso i fondi europei del Piano di sviluppo rurale disponibili per il «sostegno alle associazioni di produt...
  • 23 Febbraio 2016

    Pinot grigio delle Venezie. Si farà il marchio DOP unico

    Accordo tra Veneto, Friuli e Trentino per un nuovo disciplinare. Moretto (Mostra dei Vini): «Previsto un aumento del 50% della produzione». Una vera e propria rivoluzione nel mondo e soprattutto nel mercato dei vini. Nasce infatti il Doc denominato "Pinot grigio delle Venezie". Con questo marchio si riconosceranno i produttori di Pinot di Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Verranno aggrediti i mercati americano, russo e cinese, in particolare; ma l'"assalto" riguarderà tutto il mondo. Si è calcolato che il potenziale produttivo potrebbe toccare quota 200 milioni di botti ...
  • 19 Gennaio 2016

    Vino: registrati 10 nuovi vitigni resistenti alle malattie

    Quindici anni di ricerche per arrivare a produrre i primi 10 vitigni resistenti alle malattie. Quella di Fleurtai, Soreli, Sauvignon Kretos, Sauvignon Nepis, Sauvignon Rytos e di Cabernet Eidos, Cabernet Volos, Merlot Chorus, Merlot Kanthus e Julius, i "figli" dei tradizionali Tocai, Sauvignon, Cabernet, Merlot e Regent, è una «storia di successo» che trasforma l'Università di Udine e l'Istituto di genomica applicata (Iga) in modelli da prendere a esempio dal Ministero delle Politiche agricole. Ieri sono stati presentati i risultati con tanto di degustazione dei vini prodotti dalle viti ...