Argomento: Commissione europea

  • 10 Dicembre 2019

    La Commissione UE lancia una consultazione pubblica su DOP IGP e STG

    La Commissione europea ha lanciato nelle scorse settimane una consultazione pubblica sui regimi di qualità UE. L'iniziativa è rivolta sia agli stakeholder che ai cittadini europei ed ha come obiettivo quello di raccogliere feedback e indicazioni sulla comprensione e la percezione dei regimi di qualità Denominazione di origine protetta (DOP), Indicazione geografica protetta (IGP) e Specialità tradizionali garantite (STG). Ai partecipanti è richiesto di esprimere la propria opinione sul funzionamento dei sistemi di qualità e su quali procedure possano semplificarli e migliorarne l'effic...
  • 28 Novembre 2019

    Italia, vicino il riconoscimento di una nuova IG: il Cappero delle Isole Eolie DOP

    Pubblicata questa mattina sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea (GUUE) la domanda di registrazione di una nuova Indicazione Geografica italiana, il Cappero delle Isole Eolie DOP - classe 1.3 ortofrutticoli e cereali. La pubblicazione, stadio precedente il riconoscimento come nuova DOP, conferisce il diritto di opporsi alla domanda entro tre mesi dalla data della presente pubblicazione (Articolo 51 del regolamento (UE) n. 1151/2012). Prosegue quindi l’iter di questa eccellenza siciliana, la cui zona di produzione ricade nel Comune di Lipari con le isole di Lipari, Vulcano, ...
  • 19 Novembre 2019

    Vermouth di Torino IG, la UE dà il via libera al riconoscimento

    Via libera dalla UE al riconoscimento del Vermouth di Torino IG: la Commissione europea ha terminato la valutazione del fascicolo tecnico dell`Indicazione geografica e, nei prossimi mesi, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il disciplinare dello storico vino aromatizzato torinese, bevuto come aperitivo, avrà piena applicazione. Dell`Istituto del Vermouth fanno parte 18 produttori e l'iter per ottenere l'IG è durato vent`anni. Fonte: Il Sole 24 Ore SCARICA L'ARTICOLO COMPLETO
  • 19 Luglio 2019

    Opposizione della Nuova Zelanda alla tutela giuridica delle IG, la risposta dei Consorzi italiani

    Entra nel vivo il negoziato per l'accordo commerciale UE- Nuova Zelanda con le Indicazioni Geografiche in primo piano. Il sistema produttivo neozelandese ha infatti inviato alla Commissione Europea un documento contenente tutti i casi riguardanti le DOP IGP per le quali lamenta elementi di opposizione alla tutela giuridica. Il sistema dei Consorzi italiani si organizza per dare risposta alle istanze sollevate, attraverso la regia di Origin Italia che coordina la raccolta dei contributi e della documentazione idonea a fare fronte alle opposizioni. Ecco la lista delle Indicazioni Geogra...
  • 3 Aprile 2019

    Europa, Rosati: “Nuovo database IG un primo passo, ma sempre ampio il gap digitale della UE su DOP IGP”

    A margine dell'esposizione “GIs – Italian cultural heritage” curata da Qualivita e tenutasi oggi a Bruxelles, gli stakeholder del settore DOP IGP italiano hanno avuto l'occasione di valutare "eAmbrosia – i registri delle indicazioni geografiche dell’UE", la nuova banca dati pubblica lanciata il 1 Aprile 2019 dalla Commissione europea per facilitare l’accesso alle informazioni sulle Indicazioni Geografiche comunitarie (visita eAmbrosia). Inizialmente, la banca dati comprenderà esclusivamente vini IG dell’UE. Entro l’estate 2019 includerà bevande spiritose IG dell’UE. ...
  • 2 Aprile 2019

    La Commissione UE lancia la nuova banca dati delle Indicazioni Geografiche

    La Commissione europea ha annunciato il lancio di una nuova banca dati pubblica per facilitare l'accesso alle informazioni sulle indicazioni geografiche dell'UE, compreso il loro stato, le loro specifiche di prodotto e un collegamento diretto alla base giuridica quando sono ufficialmente protetti. Il database si chiama"eAmbrosia - i registri delle indicazioni geografiche dell'UE". Per tutto il 2019, il lancio avverrà in tre fasi. Inizialmente, la banca dati comprenderà esclusivamente vini IG dell'UE. Entro l'estate 2019 includerà bevande spiritose IG dell'UE. Infine, entro la fine del ...
  • 14 Marzo 2019

    Commissione UE: positivo l’accordo sulla maggior tutela delle Indicazioni Geografiche

    Il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione hanno raggiunto un accordo politico sulle norme che stabiliscono in che modo l'UE opererà come membro dell'Atto di Ginevra, il trattato multilaterale per la protezione delle Indicazioni Geografiche gestito dalla WIPO (Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale). Phil Hogan, Commissario per l'Agricoltura e lo Sviluppo rurale, ha dichiarato: "Con questo accordo politico, le Indicazioni Geografiche dell'Ue possono avere una tutela migliore a livello multilaterale che andra’ ad integrare la protezione garantita attraverso ...
  • 13 Febbraio 2019

    Il Commissario Hogan in Australia promuove il sistema europeo delle IG

    Il Commissario europeo per l' agricoltura e lo sviluppo rurale Phil Hogan, ha parlato all'apertura del semestre accademico alla prestigiosa "Bond University" australiana , proponendo una panoramica dell'esperienza europea in materia di regolamentazione e promozione dei prodotti a Indicazione Geografica, promuovendo questo approccio pienamente applicabile anche all'Australia. In particolare,  Hogan ha posto l'accento su che cosa significa adottare un sistema IG: l'impegno a fornire ai consumatori informazioni chiare e trasparenti sulle caratteristiche del prodotto che acquistano e ...
  • 21 Novembre 2018

    Prodotti agroalimentari UE: 191 milioni per i programmi promozione

    Approvato dalla Commissione europea il programma di lavoro 2019 per la promozione dell’agrifood UE, con uno stanziamento complessivo di 191,6  mln di euro contenente un aumento di 12,5 mln di euro rispetto al 2018. I programmi per il 2019 destinati alla promozione dei prodotti agroalimentari dell'UE saranno incentrati principalmente sui mercati esterni all'UE che presentano il più alto potenziale di crescita. Gli inviti a presentare proposte per campagne specifiche saranno pubblicati nel mese di Gennaio 2019. I progetti potranno essere proposti da un’ampia gamma di organismi, ...
  • 13 Novembre 2018

    Indicazioni Geografiche: la Commissione UE su etichette sostiene posizione italiana

    La Commissione europea, rispondendo a una interrogazione dell'On. Mara Bizzotto, per bocca del commissario all'agricoltura, interviene sulle questioni delle etichette e delle politiche discriminatorie contro gli alimenti DOP e IGP, a seguito dei tentativi di  forzatura da parte dell'OMS. Il Terzo Forum di Alto Livello sulle malattie non trasmissibili dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 27 settembre 2018 ha adottato la dichiarazione politica che stabilisce impegni per la lotta alle malattie non trasmissibili. Le denominazioni di origine protette e le indicazioni geografiche ...
  • 29 Agosto 2018

    EUIPO – Protezione e controllo delle IG del settore agroalimentare in Europa

    Questo Report è il risultato di uno studio sulla protezione e sul controllo delle Indicazioni Geografiche agricole e agroalimentari, per il quale la Direzione Generale Agricoltura e Sviluppo rurale della Commissione europea si è avvalsa della collaborazione dell'EUIPO, l'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale. Lo scopo principale della ricerca è quello di fornire una migliore conoscenza dei sistemi di controllo e protezione delle Indicazioni Geografiche nei 28 Stati membri dell'Unione europea attraverso la mappatura di tutte le autorità competenti e delle procedure ...
  • 24 Maggio 2018

    EDITORIALE – Le opportunità globali delle IG europee

    Sfide e opportunità per le produzioni a qualità regolamentata Origo, il forum globale per le produzioni a denominazione di origine, nasce da un lavoro condiviso che la Regione Emilia-Romagna ha avviato con la Commissione europea, il Governo italiano, l’Unione Parmense degli Industriali e con le Reti europee AREPO e AREFLH, con OriGIn (l’organismo internazionale delle denominazioni di origine) e, ovviamente, Qualivita. Questa edizione ha visto la presenza del Commissario per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale Phil Hogan, a testimonianza di quanto la Commissione creda nel valore del ...
  • 5 Maggio 2018

    OrIGo 2018 – Intervista al Commissario europeo Phyl Hogan sul futuro delle Indicazioni Geografiche

    In vista dell’edizione 2018 di OrIGo – il Forum mondiale delle Indicazioni Geografiche – che si svolgerà l’8 maggio prossimo a Parma, il direttore generale della Fondazione Qualivita, MauroRosati, intervista in esclusiva il Commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale Phil Hogan sui temi prioritari del settore delle DOP, IGP e STG. Intervista a Phil Hogan Il crescente successo del sistema delle DOP IGP che si registra in molti Paesi europei sia in termini di aumento di produzione, sia in termini di numero di prodotti registrati, impone sicuramente una ...
  • 8 Febbraio 2018

    UE, Hogan a De Castro: tutela Prosecco DOP su mercato USA non si tocca

    La Commissione europea è a conoscenza di un’usurpazione sul mercato statunitense della Dop ‘’Prosecco” e non esiterà a intervenire se il caso dovesse riprodursi. Lo rende noto con “soddisfazione” Paolo De Castro, primo vicepresidente della commissione agricoltura del Parlamento europeo, alla luce della risposta ricevuta oggi dal commissario Ue all’agricoltura Phil Hogan, alla interrogazione scritta in cui denunciava – rispetto all’accordo UeUsa - l’abuso del nome dell’eccellenza italiana, come per il ‘Prosecco’ prodotto in Moldavia. “La Commissione europea è ...
  • 1 Febbraio 2018

    Aicig: plauso a Martina per gli accordi commerciali sostenuti a Bruxelles

    Ci sono anche gli accordi commerciali di libero scambio tra i temi portati dal Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Maurizio Martina al Consiglio dei Ministri europei dell’agricoltura e della pesca tenutosi a Bruxelles. In una nota diffusa dal Mipaaf in merito alla partecipazione del Ministro al suddetto summit, si legge come esso abbia definito tali accordi commerciali “uno strumento estremamente importante per aprire nuovi mercati e dare opportunità ai produttori”, per gestire i quali “sono necessarie regole giuste”. “La nostra priorità – si legge ...
  • 19 Aprile 2017

    UE, ora il governo punta su riso e pasta tracciabili

    Se tutto andrà bene, tra non troppo tempo anche la pasta e il riso commercializzati in Italia dovranno indicare in etichetta e in modo indelebile - così come già avviene per il latte e i suoi derivati - il luogo di provenienza e quello di lavorazione. Questo è l'intendimento del governo italiano che, incassato positivamente il via libera di Bruxelles alla sperimentazione dell'etichetta del latte con tracciabilità, adesso punta a stringere i tempi per ottenere lo stesso trattamento per quanto riguarda altri due prodotti «tradizionali» e importanti per la nostra dieta, la nostra cultura ...