Argomento: Brunello di Montalcino DOP

  • 14 gennaio 2019

    Brunello di Montalcino, il Consorzio guarda ad Oriente. Pondini “La politica deve essere più vicina ai Consorzi a sostegno delle indicazioni geografiche”

    Il Brunello di Montalcino è uno dei porta bandiera del made in Italy nel mondo. Con un Consorzio che sta investendo sulla formazione, facendosi promotore di un territorio, per dare continuità ad una tradizione che sta sviluppando nuove opportunità di crescita ed innovazione. In questo ultimo anno, soprattutto, il lavoro del Consorzio sta dimostrando un crescente interesse su dei mercati asiatici, sottolineando come l’impegno e la passione con cui le aziende producono i vini di Montalcino, stia a dimostrare quanto possa essere fondamentale mantenere le caratteristiche peculiari di un territorio. Per comprendere uno dei vini più emblematici nel settore vitivinicolo siamo andati a parlare con Giacomo Pondini, direttore del Consorzio del Brunello di Montalcino, che sarà presente a Siena il 5 febbraio per il Kickoff di Qualivita in cui si farà il punto sulle indicazioni geografiche e sulle opportunità di crescita del sistema delle denominazioni. Direttore, un ...
  • 29 agosto 2018

    Vini su internet, è il Prosecco DOP il re dei social media

    Anche il vino è sempre più "instagrammabile", lo dimostra il Prosecco DOP. Come emerge da un'analisi condotta da WineNews sul social network di riferimento di chi ha tra i 18 e i 30 anni, e che conta ormai più di un miliardo di utenti in tutto il mondo, decine di miliardi di post, accompagnati dagli immancabili hashtag. Nell'analisi sui tag più utilizzati e le produzioni più popolari al mondo, tra i vini italiani stravince il Prosecco DOP (#prosecco), a cui sono dedicati ben 2.677.441 post (a cui vanno aggiunti i 117.514 post messi insieme dal popolare hashtag #proseccotime), seguito dal Barolo (#barolo), a quota 346.667 post, mentre sul gradino più basso del podio si piazza il Franciacorta  (#franciacorta) con 314.076 post. Alla posizione n. 4 troviamo il Lambrusco   (#lambrusco, 169.608 post), al quinto posto l'Amarone   (#amarone, 145.373 post), seguito al sesto dal Brunello DOP (#brunello, 111.886 post). Al settimo troviamo l'Aglianico (#aglianico, 34.122 ...
  • 21 giugno 2018

    Da Bangkok a Beverly Hills il Brunello di Montalcino DOP è una superstar sempre più internazionale

    L'estate è iniziata con un vero e proprio tour mondiale per il grande rosso toscano, diventato protagonista di due importanti eventi a livello internazionale. Alla scoperta dell'Oriente, prima, e poi negli States, niente meno che nell'assolata Beverly Hills, partner di una nota manifestazione motoristica. "Benvenuto Brunello Bangkok" si è rivelata un'ottimo modo per veicolare le caratteristiche dell'etichetta toscana in un mercato potenzialmente interessantissimo. Altro appuntamento da vera star, invece, negli Usa domenica scorsa: il Brunello di Montalcino DOP è approdato al 'Rodeo Drive Concours d'Elegante' nel cuore di Beverly Hills, di cui il Consorzio del Brunello è partner ufficiale. Si tratta di un evento molto popolare negli States, dedicato alle automobili di lusso ed ai loro possessori, con un parterre di vip d'eccezione. In una delle location icona del lusso internazionale, quattrocento invitati hanno avuto l'occasione di conoscere il Brunello e, per i più ...
  • 22 gennaio 2018

    Al via la Fondazione Brunello di Montalcino DOP

    La “Fondazione Territoriale Brunello di Montalcino DOP” - voluta fortemente dai produttori del territorio - inizia ufficialmente la propria attività. Presentata  a Montalcino, la realtà guidata da Fabrizio Bindocci potrà dedicarsi fattivamente alla propria missione che è quella di reinvestire a Montalcino parte dei profitti ottenuti dalla produzione e dalla vendita del Brunello. Sul modello di quelle bancarie, la Fondazione, la cui creazione è stata approvata nel 2016 dall’Assemblea del Consorzio del Brunello, è nata per sostenere finanziariamente progetti di sviluppo del territorio su diversi fronti: dal turismo al recupero e restauro di beni artistici e culturali ma anche nel campo del sociale e dell’integrazione. Il Cda è composto da Fabrizio Bindocci (Presidente), Remo Grassi (vice presidente), Silvio Franceschelli (Sindaco di Montalcino), Andrea Cortonesi, Patrizio Cencioni (Presidente del Consorzio del Brunello), Manuele Bartolommei e, in qualità ...
  • 16 maggio 2017

    Brunello di Montalcino DOP, nuova App studiata e realizzata dal Consorzio di tutela

    E' scaricabile gratuitamente dalla homepage del sito del Consorzio www.consorziobrunellodimontalcino.it la nuova App "Brunello" voluta dall'organismo di tutela del Brunello di Montalcino DOP per fornire ad appassionati, curiosi e turisti un nuovo strumento per scoprire il territorio ilcinese. Presentata in occasione dei 50 anni del Consorzio, la App fornisce informazioni dettagliate sulle aziende vinicole, i vigneti, le tipologie di vini prodotti e altre informazioni utili a scoprire questa zona del centro Italia. "Con il nostro impegno a sostegno di Applicazione Per raccontare il vino ilcinese questo progetto - commenta il presidente del Consorzio Patrizio Cencioni - il Consorzio conferma il proprio impegno a supportare, valorizzare e incentivare lo sviluppo turistico di Montalcino e i numeri degli ultimi anni dimostrano che siamo sulla strada giusta". Fonte: Corriere di Siena SCARICA L'ARTICOLO STAMPA COMPLETO
  • 2 maggio 2017

    Brunello di Montalcino DOP: chiuse le celebrazioni per i 50 anni, ora si punta su web e clienti cinesi

    Il Brunello di Montalcino DOP guarda al futuro. Se ne è discusso durante l'incontro condotto dal giornalista del Corriere della Sera Luciano Ferraro con il fondatore della app Vivino Heini Zachariassen, il responsabile di Wine Monitor per Nomisma Denis Pantini, Marcello Masi conduttore Linea Verde (RAI) e Giuseppe De Filippi vicedirettore TG5. Per i vini italiani sono molte le prospettive di crescita, soprattutto sui mercati esteri, in particolar modo intercettando i Millennials, cioè quei consumatori che hanno una fascia d'età compresa tra 18 e 35 anni e che sono i consumatori del futuro. Secondo i dati di Wine Monitor, sono loro i maggiori bevitori di vino rosso negli Usa (62%) e tra i principali in Canada (66%). Stando alle diverse ricerche realizzate da Wine Monitor, per il futuro vanno tenuti in considerazione anche altri aspetti che esulano dalla sola denominazione e che attengono principalmente i Millennials americani. «A nostro avviso - spiega Pantini - la vera ...
  • 26 aprile 2017

    Consorzio del Brunello di Montalcino DOP, il territorio festeggia i 50 anni

    Il Consorzio del Brunello di Montalcino compie 50 anni. E per festeggiarlo a Montalcino sono previsti due giorni, venerdì 28 e sabato 29 aprile, ricchi di iniziative. Due convegni,la presentazione di una guida creata con Michelin, la cena di gala finalizzata alla raccolta fondi. A Montalcino, insomma, arriveranno i protagonisti della sfida del Brunello di Montalcino DOP iniziata nel 1967 e gli esperti chiamati a tracciare gli scenari futuri in cui i produttori dovranno muoversi per non perdere la propria leadership. “I cinquanta anni sono un traguardo importante ma anche uno stimolo per riflettere – ha detto il presidente del Consorzio Patrizio Cencioni- per questo abbiamo voluto immaginare una serie di iniziative che tributassero il giusto riconoscimento a chi ha posto le basi per il successo del Brunello ma anche per dare ai nostri associati stimoli e provocazioni interessanti per vincere la sfida del mercato mondiale”. Si inizia così venerdì 28, il giorno esatto ...
  • 27 marzo 2017

    Vino, la superstar è il Brunello di Montalcino DOP

    Il Brunello di Montalcino  DOP consolida il primato di vino con la maggiore valutazione d'Italia. Ma è la conferma che solo le grandi denominazioni salvano i listini. Secondo i dati Ismea, nella calma piatta che contrassegna le borse merci delle principali regioni vitivinicole, fanno eccezione poche grandi etichette. Il Brunello di Montalcino DOP nelle scorse settimane ha spuntato il prezzo di 1.010 euro a ettolitro, pari quindi a oltre 10 euro al litro. Valore che è risultato in crescita del 3,6% rispetto al mese precedente e del 14,1% su base annua. Tra i vini rossi bene anche l'Etna DOP valutata 145 euro a ettolitro (+2,8% sul mese precedente).Tra i vini bianchi le migliori performance sono state messe a segno dal Conegliano Valdobbiadene-Prosecco DOP valutato 26o euro a ettolitro (+4% su base mensile). Stabile invece il Prosecco DOP a quota 185 euro a ettolitro.Tra i bianchi cresce il Soave Classico DOP quotato 92,5 euro a ettolitro (+2,8% sul mese precedente). ...
  • 22 febbraio 2017

    Consorzio del Vino Brunello di Montalcino DOP, conferma incarico – GURI n. 44

    ITALIA - Conferma dell'incarico al Consorzio del Vino Brunello di Montalcino DOP, in Montalcino a svolgere le funzioni di tutela, promozione, valorizzazione, informazione del consumatore e cura generale degli interessi di cui all'articolo 17, comma 1 e 4, del decreto legislativo 8 aprile 2010, n. 61, per la Brunello di Montalcino DOP e per le Moscadello di Montalcino DOP, Rosso di Montalcino DOP e Sant'Antimo DOP. Fonte: GURI n. 44 del 22/02/2017
  • 20 febbraio 2017

    Anteprima Brunello di Montalcino DOP 2017: edizione speciale per i 50 anni del Consorzio

    Ha aperto all'insegna dei festeggiamenti per i 50 anni del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino DOP e di alcune novità dedicate ai wine lovers di tutto il mondo la 25esima edizione di "Benvenuto Brunello 2017", durante la quale sarà presentata l'annata 2012, che aveva ricevuto le 5 stelle. "Il 2017 è per noi un anno importante, non solo per l'elevata qualità dei vini che presentiamo - commenta il presidente del Consorzio Patrizio Cencioni - ma anche perché quest'anno ricorrono i 50 anni della nostra associazione. Era infatti il 1967, all'indomani del riconoscimento della Doc, quando il Consorzio si costituisce con lo scopo di tutelare il nostro grande vino. Da allora alcune cose sono cambiate, le generazioni si sono succedute, ma il vino, la passione e la dedizione dei nostri produttori restano sempre le stesse, così come la loro capacità di trasformare un'uva pregiata in quello che è un marchio riconosciuto nel mondo". Questa nuova edizione si apre anche ...
  • 30 gennaio 2017

    Nuova sede per Il consorzio del Brunello di Montalcino DOP

    Mercoledì 1° febbraio sarà inaugurata la nuova sede del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino. Sono le suggestive stanze dell’ex seminario del Complesso di Sant’Agostino ad accogliere gli uffici dai quali il Consorzio opera quotidianamente per promuovere le Denominazioni di Montalcino nel mondo. L’appuntamento per il taglio del nastro è stato fissato alle 17 in via Boldrini 10 a Montalcino alla presenza del presidente del Consorzio, Patrizio Cencioni e del direttore, Giacomo Pondini, per conoscere il significato del progetto. Sede centralissima, visto che sarà una parte dello storico complesso dell'ex seminario vescovile di Sant'Agostino a ospitare l'associazione degli oltre 250 produttori di Montalcino, che celebra quest'anno i cinquant'anni di di lavoro consortile per promuovere i vini di Montalcino nel mondo. Il Consorzio avrà a disposizione per la nuova e prestigiosa sede un suggestivo spazio di oltre 800 metri quadrati che diventerà il cuore pulsante di ...
  • 20 dicembre 2016

    Brunello di Montalcino DOP: Il Consorzio saluta i francesi

    «E' un'operazione importante». Poche, ma significative, parole da parte del Consorzio del Brunello sull'accordo fra Biondi Santi e i francesi di Epi per la tenuta «Il Greppo». «La priorità per il territorio - spiegano dal Consorzio - è che sia garantita la continuità attraverso un piano imprenditoriale capace di garantire la qualità e l'eccellenza del brand coerentemente con la storia del Brunello di Montalcino DOP, le tradizioni del prodotto e del territorio». L'accordo fra Jacopo Biondi Santi e Christopher Descours - il patron di Epi Group che possiede importanti etichette francesi (champagne e vino) e controlla anche un polo del lusso che va dall'abbigliamento alle calzature e al settore immobiliare - è un'operazione di partnership che permetterà di investire sulla distribuzione e di dare un nuovo impulso alla filosofia aziendale, per continuare nel futuro ad essere la "storia del Brunello di Montalcino DOP". Fonte: La Nazione SCARICA L'ARTICOLO COMPLETO
  • 16 giugno 2016

    Eletto il nuovo presidente del Consorzio del Brunello di Montalcino DOP

    Consolidare quanto di positivo è stato fatto nell’ultimo triennio (nuova sede, mappatura del territorio, crescita mercato internazionale, Fondazione) e potenziare il ruolo trainante del Consorzio per sviluppare l’economia montalcinese “perché solo con un territorio forte c’è un Brunello vincente”. Questi i punti caratterizzanti il nuovo mandato. Il Consiglio di Amministrazione ha eletto Patrizio Cencioni alla guida del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino. Cencioni resterà in carica fino al 2019. Il Consiglio ha inoltre eletto i tre Vicepresidenti: Tommaso Cortonesi (31 anni alla guida della tenuta La Mannella), Andrea Machetti (50 anni Amministratore Delegato di Mastrojanni, Gruppo Illy), Riccardo Talenti (37 anni è il proprietario dell’omonima azienda). Patrizio Cencioni, 60 anni, alla guida dell’azienda Capanna, una delle tenute storiche della terra del Brunello era già stato Presidente nel 2008 e vicepresidente durante lo scorso mandato. Il ...
  • 3 giugno 2016

    Brunello di Montalcino DOP, ecco il nuovo CdA. Via alla mappatura dei vigneti

    Il Consorzio Vino Brunello di Montalcino DOP ha un nuovo consiglio di amministrazione. Ne fanno parte Patrizio Cencioni, Riccardo Talenti, Tommaso Cortonesi, Emilia Nardi, Elisa Fanti, Elia Palazzesi, Ferruccio Ricci, Fabian Schwarz, Adriano Rubegni, Angelo Zannoni, Gianni Bernazzi, Simone Pallesi, Maria Allegrini, Andrea Machetti e Stefano Cinelli Colombini, in rappresentanza delle categorie degli imbottigliatori (11 membri) vinificatori (2) e viticoltori (2). 115 componenti del nuovo consiglio (su un totale di 24 candidati) sono stati eletti il 31 maggio scorso dall'assemblea consortile, con una votazione proseguita fino alle 22. Il Cda appena insediato ha, adesso, venti giorni di tempo per scegliere al suo interno il nuovo presidente del Consorzio e i tre vicepresidenti, che resteranno in carica per il prossimo triennio. Il primo compito che attenderà i nuovi dirigenti del Consorzio sarà la gestione del grande progetto di mappatura dell'intero territorio comunale, ...
  • 27 maggio 2016

    Montalcino, via alla mappatura del territorio finanziato dal Consorzio del Brunello

    24.000 ettari a disposizione del turista e dell’appassionato di vino per scoprire, conoscere, gustare e attraversare uno dei territori icona della Toscana nel mondo. E’ il cuore del progetto di mappatura del territorio voluto dal Consorzio del Vino Brunello di Montalcino DOP che ha siglato un accordo con la società montalcinese Copernico al fine di mappare nel dettaglio tutta l’area del comune di Montalcino. Un progetto unico del suo genere in Italia che renderà fruibile ai visitatori la localizzazione dei vigneti e di tutte le colture presenti rendendo onore ad un elemento caratterizzante il territorio ed unico il Brunello di Montalcino DOP: la biodiversità e l’equilibrio tra i vari ambiti territoriali. L’idea di fondo è quella di partire dalla valorizzazione di questo concetto: Montalcino non è una vigna sterminata ma un unicum creato nei decenni che ha reso possibile l’affermazione mondiale del Brunello di Montalcino DOP. Una realtà che il Consorzio vuole ...
  • 2 maggio 2016

    Consorzio Brunello di Montalcino: varata la nascita della Fondazione

    La neonata Fondazione "Brunello di Montalcino" sarà aperta anche a contributi esterni e finanzierà progetti di crescita e sviluppo territoriale e di interesse sociale. La gestione sarà autonoma rispetto al Consorzio e verrà sostenuta grazie a contributi volontari da parte dei produttori. Previsto un budget iniziale tra i 150 ed i 200mila euro Il “sistema Montalcino” da oggi è più forte. E stata infatti approvata dall’assemblea del Consorzio del Brunello la creazione della “Fondazione Territoriale Brunello di Montalcino”. Sul modello di quelle bancarie, la Fondazione è nata per sostenere finanziariamente progetti di sviluppo del territorio su diversi fronti: dal turismo al recupero e restauro di beni artistici e culturali ma anche nel campo del sociale e dell’integrazione. La Fondazione, pur essendo espressione del Consorzio, avrà una gestione autonoma e non sarà comunque chiusa a partecipazioni e contributi esterni. Le risorse da destinare al ...