Argomento: UNIONE EUROPEA

  • 4 Gennaio 2013

    Per Dop e Igp tempi dimezzati

    Gazzetta di Parma È scattata ieri una piccola rivoluzione nel mondo della certificazione dei prodotti alimentari di qualità Ue, un sistema che «protegge» e valorizza molte specialità tipiche italiane. Con l'entrata in vigore del regolamento dell'Unione europea approvato lo scorso autunno si dimezzano - passando da un anno a sei mesi - i tempi entro i quali la Commissione europea dovrà esaminare le richieste di registrazione finalizzate all'ottenimenti dei marchi Dop (Denominazione di origine protetta, come il parmigiano), Igp (Indicazione geografica protetta, come l'abbacchio romano) e Stg (Specialità tradizionale garantita come la pizza napoletana). Inoltre, nasce un'etichetta «ad hoc» destinata a tutelare i prodotti della montagna e si rafforzano le tutele in favore di prodotti «originali» e contro le imitazioni. Per ottenere la «certificazione» europea bisognerà infatti
  • 2 Gennaio 2013

    Europa-Usa libero scambio a ostacoli

    Il Sole 24 Ore Sarebbe l'accordo del secolo. Unione europea e Stati Uniti rappresentano, insieme, metà del Pil mondiale e quasi un terzo dei flussi commerciali globali. Le relazioni economiche tra le due regioni sono le più ricche in assoluto, con oltre 1,8 miliardi di euro di beni e servizi scambiati ogni giorno (702,6 miliardi nei 12 mesi del 2011). L'uno per l'altro, Ue e Usa, rappresentano il primo partner commerciale. L'accordo del secolo, vale a dire il trattato bilaterale di libero scambio tra Bruxelles e Washington, ha però sulla strada ostacoli altissimi. Secondo la stampa statunitense, la Casa Bianca sarebbe più disposta rispetto al passato a fare sul serio. Le barriere tariffarie non sono un problema, essendo già molto basse, in media sotto al 3%, secondo Bruxelles. Le barriere non tariffarie rappresentano al contrario una sorta di campo minato.
  • 23 Dicembre 2012

    Vermicelli, gamberi e pesche la carica dei prodotti cinesi Dop

    Il paese dei falsi esporta in Europa prodotti alimentari Dop e Igp, marchiati cioè con le più importanti etichette di tutela della tipicità e originalità del cibo. I primi sono stati i vermicelli, quasi due anni fa, e fu subito polemica perlo sbarco nel nostro continente di quel tipo di pasta fatta con fagiolini e piselli. Poi sono arrivati mele, tè, aceto di riso, gamberi, aglio. Poi le pesche. L'ultimo è un tipo di asparago, si chiama "Dongshan bai lu sun" e ha ottenuto il riconoscimento nel novembre scorso. Gli italiani lo troveranno insieme agli altri alimenti nei mercati, con il simbolo giallo e blu, le stellette dell'Unione Europea e la scritta "made in China". La concessione dei due marchi fa parte di un progetto che si chiama" 10+10" e mira anche a inserire nel registro cinese delle indicazioni geografiche dieci prodotti europei, che per questo dovranno essere tutelati dai falsi. Per l'Italia sono stati scelti Grana padano e Prosciutto di Parma.
  • 19 Dicembre 2012

    Year report 2012 – Roma

    L’on. Paolo De Castro, Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo, prenderà parte all’incontro YEAR REPORT 2012, per illustrare le attività svolte durante il terzo anno di legislatura.
  • 18 Dicembre 2012

    Aiuti all’agricoltura italiana dall’UE

    La Commissione autorizza aiuti di Stato all’agricoltura italiana per 2,66 miliardi di EUR a seguito dei terremoti di maggio
  • 11 Dicembre 2012

    Coop: giù le mani dagli aiuti alle Op

    Giù le mani dalle organizzazioni dei produttori ortofrutticoli.
  • 11 Dicembre 2012

    La Cina «apre» al Grana Padano

    Agrisole - Il Sole 24 Ore Grana Padano e Prosciutto di Parma sono fra i 10 prodotti Dop e Igp europei che saranno tutelati in Cina. La tutela estesa al «minipaniere» di prodotti europei rientra nel progetto «10+10» le cui trattative erano cominciate fin dal 2007. Il progetto prevede la definizione di una mutua tutela in Cina a dieci denominazioni europee e al parallelo inserimento di dieci prodotti cinesi a indicazione geografica cinesi nel registro europeo dei prodotti Dop e Igp. Il paniere di prodotti europei prevede oltre alle due denominazioni d'origine italiane anche tre prodotti francesi (dai formaggi Comté e Roquefort alla frutta secca Pruneaux d'Angen), tre del Regno Unito (il Salmone Scottish Farmed e i formaggi West Country Farmhause Cheddar e il White Stilton Cheese) e due spagnoli (che sono due oli d'oliva il Sierra Mágina e il Priego de Córdoba).
  • 6 Dicembre 2012

    L’Europa pagala tu

    L'Espresso L'egoismo dei più ricchi. Le richieste dei più poveri. Nord contro Sud. A Bruxelles si litiga. Perché? In sette domande e risposte, la guerra per il budget. Tra litigi, divisioni profonde, minacce di veto, psicodrammi e negoziati sotto banco, l'assemblea condominiale dell'Unione europea va in scena in queste settimane, puntuale come ogni sette anni e con un rituale ormai consolidato, ma questa volta con un clima ancor più teso: gli animi sono esacerbati dalla crisi. «Tutti vogliono tagliare, ma nessuno a casa propria», riassume una fonte comunitaria. All'ordine del giorno il bilancio comunitario 2014-2020: la ricarica della carta di credito della Ue, il limite massimo di spesa per le istituzioni e per i suoi diversi programmi, dall'Erasmus allo sviluppo rurale. Ai piani superiori, attico e superattico, dettano legge ì condomini ricchi -vGran Bretagna, Svezia,
  • 6 Dicembre 2012

    Attacco alla PAC, attacco all’Europa

    L'Unità Se l’euro, dopo dieci anni, è divenuto uno dei simboli dell’UE e rappresenta un elemento tangibile di coesione fra le nazioni, la PAC, con i suoi cinquant’anni, lo è altrettanto e non solo per 17 dei suoi membri ma per tutti i 27 Paesi.Non sembrano però pensarla allo stesso modo alcuni Stati che rischiano di creare ulteriore disgregazione e frammentazione all’interno dell’Europa, al pari di quanto hanno tentato di fare i mercati finanziari.L’oggetto della discordia è la PAC, il contesto è l’approvazione del bilancio europeo, i protagonisti, oltre alle istituzioni di Bruxelles sono la Francia, l’Italia, la Spagna e l’Irlanda da una parte e il Regno Unito, Danimarca, Svezia e l’Olanda dall’altra.Una contesa tutta politica che mette a nudo le diverse visioni dell’Europa e di come essa dovrebbe agire.
  • 6 Dicembre 2012

    Attacco alla PAC, attacco all’Europa

    Assemblea nazionale Forum agricoltura: ribadito il massimo impegno per il budget e sulle correzioni all'impianto della proposta di riforma della PAC da parte del PD
  • 27 Novembre 2012

    La Commissione europea sostiene le IG in Africa

    Il 26 novembre scorso la Commissione europea ha firmato a Zanzibar (Tanzania) un accordo di cooperazione con l’ African Regional Intellectual Property Organization (ARIPO)
  • 23 Ottobre 2012

    Due nuove certificazioni made in Sicily

    Il Giornale di SiciliaIn linea con il nuovo pacchetto normativo e con gli orientamenti comunitari, l'assessorato alle Risorse agricole e alimentari istituisce i due marchi: «QS Sicilia» (QS acronimo di qualità sicura) e «Sicilia Chilometri Zero». Un comitato scientifico istituito presso il dipartimento Interventi strutturali avrà il compito di informare gli operatori, esaminare e istruire i disciplinari e supportare l'ufficio competente nell'istruttoria per la concessione dell'uso del marchio «QS». Potranno chiedere la certificazione QS tutte le imprese primarie, di lavorazione, ...
  • 21 Ottobre 2012

    Scontro sul foi gras

    La Francia difende il fois gras, da tempo nel mirino degli animalisti. Il ministro dell'agroalimentare, Guillaume, al Parlamento europeo ha ricordato come il fegato d'oca ha l'Indicazione geografica protetta Ue. Ma cresce il fronte che chiede la messa al bando. Fonte: La Stampa 20121021_foi_gras_NL.pdf
  • 18 Ottobre 2012

    Dall’UE 500 milioni di euro a favore degli indigenti per il 2013

    Il comitato di gestione dell'OCM unica ha approvato l'assegnazione di un finanziamento di 500 milioni di euro dei fondi UE al programma di aiuti alimentari a favore degli indigenti: si prevede che ne beneficeranno oltre 18 milioni di persone in 19 Stati membri dell'UE. Questo sarà l'ultimo anno di esistenza del regime nella forma attuale, finanziato dalla PAC. Entro la fine di ottobre è prevista la pubblicazione di alcune nuove proposte per un regime più aperto, flessibile e strettamente legato alla politica di coesione sociale, sotto la responsabilità di Laszlo Andor, Commissario europeo ...
  • 11 Ottobre 2012

    Il pecorino di Thiesi perde gusto con la Ue

    Il Sole 24 OreL'Italia è spesso sfacciata e sempre uguale a se stessa, ma è anche una terra silenziosa e piena di misteri. In questa storia ci sono gli uomini dignitosi e duri della Sardegna interna e l'odore forte dei loro formaggi, la suggestione muta e arcaica dei nuraghi e la meccanica poco celeste dei mercati globali, soprattutto quando alterati nella loro fisiologia dal protezionismo. A Thiesi, nella parte del Sassarese chiamata Meìlogu (il luogo di mezzo)', si trova l'epicentro di un sistema produttivo locale agroindustriale fondato sul Pecorino Romano DOP, il formaggio che gli imprenditori laziali insegnarono a fare ai pastori sardi a inizio Novecento, quando l'agro pontino non dava abbastanza erba per saziare la fame delle centinaia di migliaia di pecore che cingevano d'assedio Roma.
  • 28 Settembre 2012

    Risultati del Consiglio europeo sull’agricoltura e la pesca

    Nel corso della sessione del Consiglio europeo dedicato all'agricoltura e alla pesca, le questioni esaminate hanno riguardato le proposte sui regolamenti relativi allo sviluppo rurale e all'organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli nel quadro della riforma della politica agricola comune, nell'ambito dell'agricoltura; per quanto riguarda la pesca, le discussioni dei ministri si sono concentrati sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP), all'interno della riforma della politica comune della pesca.