Argomento: TUTELA

  • 16 Aprile 2014

    Controlli e sanzioni controllano la qualità delle cipolle italiane

    L'Informatore AgrarioNe L'Informatore Agrario n. 10/2014 leggiamo un articolo dal titolo «Operatori ortofrutticoli tartassati - Una multa che grida vendetta», a firma di Roberto Piazza. L'articolista se la prende con l'attività di controllo svolta a tutela della Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP, definendo la vicenda «l'ennesimo episodio di mala-burocrazia» e facendo passare alcuni messaggi veramente preoccupanti, specie perché provenienti da una delle testate storiche e più prestigiose dell'agricoltura italiana. La vicenda è semplice: un funzionario dell'Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi
  • 3 Aprile 2014

    Brand Italia, un valore da sfruttare meglio

    In una fase in cui il “villaggio globale” vede la ridefinizione delle grandi economie, diventa necessario reinterpretare concetti che vengono da lontano. Prendendo in analisi il settore agroalimentare, uno dei primi è senza dubbio quello legato all’origine di un prodotto e in particolare al suo paese di provenienza: il “Made in”.
  • 3 Aprile 2014

    Brand Italia, un valore da sfruttare meglio

    L'UnitàIn una fase in cui il “villaggio globale” vede la ridefinizione delle grandi economie, diventa necessario reinterpretare concetti che vengono da lontano. Prendendo in analisi il settore agroalimentare, uno dei primi è senza dubbio quello legato all’origine di un prodotto e in particolare al suo paese di provenienza: il “Made in”. Il significato delle parole “made” e “in” assume in questo contesto particolare rilevanza per le informazioni che è in grado di comunicare al consumatore. Nel 900 questi due termini si portavano dietro un significato ben preciso
  • 1 Aprile 2014

    Domini e web, ecco la sfida per DOP e IGP

    Mauro Rosati, direttore della Fondazione Qualivita, parla degli effetti della tutela ex officio e del futuro digitale dell'agroalimentare italiano. 20140401_Markup.pdf
  • 1 Aprile 2014

    Aceto Balsamico di Modena IGP, le strategie per la tutela

    Il Resto del Carlino Nel Panorama enogastronomico locale, ma anche nazionale, l'Aceto Balsamico di Modena IGP rappresenta un vanto e un patrimonio non indifferente, soprattutto se si pensa che il 90% della sua produzione è rivolta ai mercati esteri. Mercati in cui il fenomeno della contraffazione dei prodotti DOP è altamente presente, e proprio per questo si è arrivati alla creazione del Consorzio di Tutela dell'Aceto Balsamico, che dopo il riconoscimento ministeriale ha presentato ieri le strategie per tutelare questo prodotto.
  • 28 Marzo 2014

    Le nuove strategie di tutela del Consorzio Aceto Balsamico di Modena IGP

    Il Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP presenta le strategie di tutela e il programma per la difesa della denominazione, all’indomani della pubblicazione del decreto ministeriale del 20 gennaio 2014 che ne sancisce la costituzione in un evento ad hoc.
  • 26 Marzo 2014

    Il Gorgonzola DOP rafforza la produzione e la qualità

    Agrisole - Il Sole 24 OreAumentare ulteriormente il livello qualitativo del Gorgonzola DOP e anche la produzione. In un momento di crisi di molti comparti del settore lattiero-caseario questo formaggio erborinato va invece in controtendenza e le aziende devono rincorrere la crescita della domanda. È per questo che l'Associazione temporanea di imprese Filiera Gorgonzola DOP ha presentato un progetto che sostanzialmente punta a questi obiettivi ed è stato finanziato dal Cipe nell'ambito di un bando sui contratti di filiera lanciato a luglio dello scorso anno.
  • 24 Marzo 2014

    Fagiolo di Lamon della Vallata Bellunese IGP, fondi anti-virus

    Il Gazzettino di Belluno«Con la legge finanziaria e il bilancio della Regione, abbiamo reperito 30 mila euro per salvaguardare il prezioso Fagiolo di Lamon della Vallata Bellunese IGP, contrastando i fenomeni di virosi che, specialmente due anni fa, ne hanno falcidiato la produzione». Lo annuncia l'assessore all'agricoltura del veneto Franco Manzato che, nel ringraziare il Consiglio per queste risorse, conferma il suo impegno ad investirle al più presto e nel migliore dei modi per un obiettivo necessario "utile nall'intero agroalimentare del Veneto
  • 19 Marzo 2014

    Washington attacca le DOP Ue

    Italia Oggi L'industria casearia americana torna all'attacco dei formaggi DOP europei. In una lettera indirizzata al segretario di stato per l'agricoltura, Tom Vilsack, e al rappresentante del governo Usa per il commercio, Michael Froman, 50 senatori democratici e repubblicani chiedono di respingere l'utilizzo «protezionista» delle indicazioni geografiche, in particolare dei formaggi. L'iniziativa ha l'obiettivo di influenzare il negoziato commerciale in corso tra Usa e Ue e la tesi è la stessa propugnata dal «Consorzio per la tutela dei nomi generici»
  • 19 Marzo 2014

    La rinuncia Usa alla governance del web apre spiragli per la tutela

    Italia Oggi Gli Stati Uniti sono pronti a rinunciare al ruolo centrale avuto fino ad oggi nella governance di internet per promuovere una rete più plurale e partecipativa. Potrebbe essere una notizia alla quale brindare, magari con vino Docg. La decisione della National Telecommunications and Information Administration americana di fare un passo indietro nella governance dell'Icann (assegna i domini del web), potrebbe infatti sbloccare la vicenda delle estensioni internet «.vin» e «.wine», che ha scatenato tensioni commerciali stile anni 90 tra Usa e Ue.
  • 17 Marzo 2014

    Internet, Martina: bene apertura Usa su domini generici

    Il Ministro Maurizio Martina si esprime sulla rivoluzione politica annunciata dall'Icann: "Nomi e domini di internet gestiti da tutti". Nel Comunicato stampa del ministero delle Politiche agricole le considerazioni in merito alla tutela del Made in Italy sul mondo web.
  • 14 Marzo 2014

    Agroalimentare: appello delle Regioni per i marchi DOP

    La Gazzetta del Mezzogiorno Il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, condivide pienamente il documento della Conferenza dei governatori, preparato dalla Regione Puglia, che chiede al governo di intervenire nelle sedi delle istituzioni comunitarie per la sospensione del sistema di «etichettatura a semaforo» autorizzato dal ministero della Salute del Regno Unito. «La posizione del governo italiano spiega il Ministro - sull'etichetta nutrizionale o a "semaforo" è di contrarietà. Già in occasione del prossimo Consiglio dei ministri europei dell'Agricoltura e della Pesca ho intenzione di coinvolgere su questo tema anche gli altri Paesi che hanno già espresso contrarietà
  • 12 Marzo 2014

    Vino: il prossimo passo è accelerare sul piano della tutela internazionale

    Il Sole 24 Ore - AgrisolePiù tutela per il vino italiano, sia sul mercato che sul piano «digitale». È quanto chiesto dal presidente di Federdoc, Riccardo Ricci Curbastro che, in occasione della presentazione della proposta di «Testo unico della Vite e del Vino». «Attualmente - ha spiegato Ricci Curbastro - l'unico sistema di tutela con qualche valenza operativa è il marchio registrato. Ma registrare un trademark costa circa 200mila euro l'anno a cui va aggiunto un importo che si aggira su un milione di curo l'anno per la difesa legale. A tanto ammontano le risorse che ogni anno un imprenditore vitivinicolo deve togliere alle strategie di internazionalizzazione».
  • 10 Marzo 2014

    Controlli a tutela dei consumatori. Sequestri per 22.000 kg da parte dei NAC

    Nell'ambito del Piano Nazionale dei Controlli a Tutela di Consumatori disposto dal Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari proseguono su tutto il territorio nazionale i controlli straordinari sulla filiera agroalimentare da parte dei Nuclei Antifrodi Carabinieri di Roma, Parma e Salerno.
  • 19 Febbraio 2014

    Crea confusione, lo stracchino non può essere chiamato Gorgonzola

    Il Giorno Alla stretta finale la vicenda dello "stracchino di Gorgonzola" e la controversia che divide Comune e Consorzio Gorgonzola DOP in ordine alla registrazione di un marchio comunale (DeCo) per uno stracchino ritenuto dal tribunale di Milano contraffattorio. Il tribunale ha anche inibito al Comune ogni ulteriore utilizzo della denominazione registrata "Gorgonzola" costituendo un precedente singolare. Per la prima volta infatti un Comune non può far uso del proprio nome, anche se è giusto ricordare che l'inibizione è circoscritta alle "denominazioni registrate" ossia solo a quelle inerenti l'omonimo formaggio.
  • 7 Febbraio 2014

    Agroalimentare, come difendere il made in Italy

    Esportiamo tanto ma dobbiamo proteggere meglio le nostre eccellenze alimentari. Dall'Europarlamento e dal governo una piccola svolta per tutela commerciale dei prodotti