Argomento: MARKETING DIGITALE

  • 10 aprile 2014

    Online etichette false sulle bottiglie di Brunello di Montalcino

    Corriere di SienaIl Brunello di Montalcino DOP ed il suo Consorzio di tutela si trovano a dover fare i conti con malintenzionati e truffatori. "Se da una parte - spiega il presidente del Consorzio del Brunello, Fabrizio Bindocci - essere tra i vini più famosi, apprezzati da appassionati e addetti ai lavori, e bevuti di tutto il mondo è un vanto e un onore per il re del Sangiovese dall'altra essere un prodotto blasonato e d'eccellenza porta con se dei pericoli ai danni, non solo di chi produce ma anche dei consumatori". Sono due, in questo periodo, le inchieste aperte, che portano la firma del pm Aldo Natalini che sta coordinando più forze di polizia  per fare piena luce sui due raggiri ai danni del Brunello di Montalcino DOP.
  • 9 aprile 2014

    QUALIVITA E-COMMERCE DOP IGP STG e Bio

    Online il primo e-commerce dell’agroalimentare italiano certificato
  • 2 aprile 2014

    Boom di sequestri: triplicano le frodi al finto Made in Italy nel web

    Il GazzettinoL'agroalimentare made in Italy in guerra con la contraffazione. Dai dati del Nuclei antifrodi carabinieri risulta nel 2013 un incremento boom nei sequestri di cibo irregolare (9,7 mila tonnellate di prodotti, +34% sul 2012 ed oltre 3 milioni di etichette/packaging illegali) e nella scoperta di truffe ai danni dello Stato (28,3 milioni di illeciti finanziamenti). Sul fronte delle frodi Ue il Comando carabinieri politiche agricole e alimentari ha accertato circa il 70% dei finanziamenti risultati percepiti illecitamente
  • 2 aprile 2014

    La guerra del vino si combatte online

    Il Fatto Quotidiano La cosa da tenere presente è che questa società statunitense sconosciuta ai più ha in mano il futuro del settore vinicolo italiano e sembra intenzionata a distruggerlo.La liberalizzazione di questo tipo di domini è un processo importante quanto pericoloso: l'Icann, per dire, adesso si è messa in testa di vendere i domini.wine e vin al miglior offerente, senza alcuna tutela delle indicazioni geografiche e relativi marchi. In sostanza, chiunque potrebbe acquistare il dominio "chianti.wine" o "champagne.vin", anche se non ha nulla a che fare col Chianti e la Champagne
  • 27 marzo 2014

    L’obiezione del GAC all’operazione di cessione dei domini .”vin” e “.wine”

    Il Comitato consultivo governativo dell'ICANN, nonostante le obiezioni dell'Unione europea, nei giorni scorsi ha dato il via alla cessione del controllo della gestione dei nomi e domini internet ".vin" e ".wine".
  • 21 marzo 2014

    Il futuro digitale dell’agroalimentare

    L'UnitàIn settimana l’Ntia (National Telecommunications and Information Administration) il dipartimento Usa per le Telecomunicazioni – ha annunciato una fase di transizione da qui alla fine del 2015, con cui intende cedere il controllo della gestione dei nomi e domini internet a una “comunità globale di attori”. Finora la governance mondiale era accentrata su l’Icann (Internet Corporation for Assigned Named and Numbers), un ente privato di diritto californiano. La notizia di per sé è positiva anche perché togliere il controllo totale della rete a un unico Paese rappresenta un guadagno di democrazia economica.
  • 19 marzo 2014

    La rinuncia Usa alla governance del web apre spiragli per la tutela

    Italia Oggi Gli Stati Uniti sono pronti a rinunciare al ruolo centrale avuto fino ad oggi nella governance di internet per promuovere una rete più plurale e partecipativa. Potrebbe essere una notizia alla quale brindare, magari con vino Docg. La decisione della National Telecommunications and Information Administration americana di fare un passo indietro nella governance dell'Icann (assegna i domini del web), potrebbe infatti sbloccare la vicenda delle estensioni internet «.vin» e «.wine», che ha scatenato tensioni commerciali stile anni 90 tra Usa e Ue.
  • 18 marzo 2014

    L’agricoltura biodinamica punta sul porta a porta

    La Stampa Prima Milano. Poi Genova. E adesso Torino. L'agricoltura biodinamica prova a farsi strada attraverso il porta a porta. Tutto parte da Novi Ligure, tra le colline di Gavi, all'interno dell'azienda agricola La Raia. Qui cinque anni fa Tom Dean e sua moglie Caterina Rossi Cairo hanno gettato le basi di un progetto che ha messo in rete 22 produttori locali, quindici di loro con radici piemontesi (due nel torinese) che ogni settimana producono 3000 chili di frutta e verdura, il 60% di origine biodinamica e il restante bio che, dopo essere stata selezionata, viene consegnata a domicilio. Web e passaparola.
  • 17 marzo 2014

    Internet, Martina: bene apertura Usa su domini generici

    Il Ministro Maurizio Martina si esprime sulla rivoluzione politica annunciata dall'Icann: "Nomi e domini di internet gestiti da tutti". Nel Comunicato stampa del ministero delle Politiche agricole le considerazioni in merito alla tutela del Made in Italy sul mondo web.
  • 10 marzo 2014

    Colpaccio del Consorzio Prosecco DOP: a tavola con Google

    La Tribuna di Treviso Il Prosecco DOP è sempre più attivo nel co-marketing internazionale: Google ha scelto le bollicine nostrane per il brindisi organizzato al termine della presentazione della sua ultima novità legata ai Google Glass. Si tratta di Swill, la prima app dedicata al mondo del bere, avvenuta in questi giorni nel quartier generale della Google a Chelsea, New York, di fronte a 150 tra giornalisti delle più prestigiose testate e autorevoli. «Si tratta dell'ennesima operazione di co-marketing avviata dal Consorzio di tutela Prosecco doc» spiega il presidente Stefa no Zanette, « nei giorni precedenti eravamo a Monaco organizzando degustazioni all'interno di Inorghenta Munich,
  • 10 marzo 2014

    Un passaporto digitale per facilitare l’export

    L'Arena L'export salverà il food made in Italy, ma solo se si trovano in fretta tutti i mezzi necessari alle aziende per affrontare i mercati esteri. «Non è una questione di finanziamenti, ma di strumenti che permettano ai prodotti italiani di circolare liberamente nei Paesi di destinazione». A sostenerlo è Giuseppe Patat, amministratore unico di Total Quality Food (Tqf), società di consulenza veronese specializzata nell'attività di promozione e sviluppo della qualità agroalimentare. E per realizzare questa sua missione Tqf ha realizzato in vent'anni di storia, una serie di servizi finalizzati ad accompagnare l'imprenditore davanti alle problematiche imposte dalle normative,
  • 10 marzo 2014

    Ecommerce, così il made in Italy può trovare un posto al sole

    Corriere della SeraIl made in Italy è in pieno boom economico sulla Rete. E’ in continuo aumento il numero di persone (+8% rispetto al 2012) che scandagliano siti Internet alla ricerca dei prodotti del Bel Paese sia da pc che da mobile (le ricerche su smartphone in un anno sono aumentate del 40%). Non si tratta di un fenomeno inatteso visto che quando gli stranieri pensano all'eccellenza e allo stile immediatamente pensano Italia. E molti di loro si informano e formano le loro preferenze online. Non così facile e scontata però è la prospettiva per il sistema delle nostre imprese: solo il 34% ha un proprio sito web. E tra i pochi attivi sulla Rete, prevale l'adozione di una strategia di presenza digitale indistinta
  • 7 marzo 2014

    Il formaggio Nostrano Valtrompia DOP finisce in rete: ecco il sito dedicato

    Giornale di BresciaÈ operativo il sito del formaggio Nostrano di Valtrompia DOP. All'indirizzo www.nostrano-valtrompia.it, si trovano le informazioni necessarie per conoscere uno dei prodotti di punta del territorio. Il tutto corredato da filmati e fotografie. Passo dopo passo, il Nostrano di Valtrompia DOP prosegue dunque sulla strada di un sempre maggior impegno nell'attività di promozione, che si affianca e sponsorizza la produzione. A tal proposito, attualmente gli alpeggi con vocazione alla produzione di Nostrano Valtrompia DOP sono venti, mentre le aziende monticanti sono poco meno di cinquanta.
  • 18 febbraio 2014

    Il boom del Prosciutto di Modena DOP

    Gazzetta di Modena Con un aumento della produzione pari al 50% rispetto all'anno precedente, il Prosciutto di Modena Dop chiude in positivo il 2013. Un bilancio incoraggiante: 75mila cosce prodotte contro le 50mila del 2012. Sulla crescita della produzione incide anche la piattaforma di commercio digitale firmata "Piacere Modena", canale preferenziale per la valorizzazione e l'acquisto anche all'estero delle tipicità culinarie della tradizione emiliana. Lanciato nei mesi scorsi, l'e-shop consente di acquistare direttamente online sul portale multilingue numerose proposte alimentari dei Consorzi di tutela e delle Dop e Igp
  • 12 febbraio 2014

    Biologico 2.0, un database per conoscere i produttori

    Terra e Vita DataBio da febbraio sarà accessibile dai siti internet di Accredia e FederBio per informare i consumatori, gli Stati membri UE devono rendere disponibili i dati sugli operatori e sui prodotti assoggettati al sistema di controllo per l'agricoltura biologica. Lo prevede il reg, Ue 426/2011, che impone di rendere accessibili nei modi opportuni, compresa la pubblicazione su internet, gli elenchi aggiornati con nomi e indirizzi degli operatori. Con il decreto 2049/2012 il ministero ha così istituito il Sistema informativo biologico (Sib) come costola del Sistema informativo agricolo nazionale (Sian)
  • 24 gennaio 2014

    Cresce la Borsa merci telematica

    Libertà Piacenza Dati in crescita per la Borsa merci telematica italiana (Bmti) che nel 2013 ha registrato 15mila contratti (con un incremento del 10 per cento rispetto al 2012), 1,8 milioni di tonnellate di merci scambiate (+6 per cento) per un valore totale di transazioni di 530 milioni di euro (+3 per cento). Tra i singoli settori, cereali e coltivazioni industriali sono il primo comparto merceologico per contratti conclusi (37 per cento), seguiti dall'ortofrutta (31 per cento). La Borsa merci telematica è diventato luogo di scambio anche per i prodotti di qualità come il Grana Padano DOP