Argomento: MADE IN ITALY

  • 25 giugno 2018

    Protezionismo, perchè l’Italia (isolata) rischia due volte

    L'effetto domino del protezionismo è sotto gli occhi di tutti. Si comincia, anche con qualche buona ragione, ma non si sa dove si finisce. L'Europa ha reagito ai dazi di Trump su acciaio, alluminio, lavatrici e pannelli solari aumentando le tariffe applicate a una serie di prodotti americani, dalle noccioline al Bourbon. Mosse analoghe sono annunciate da messicani e canadesi. Sullo sfondo il conflitto ormai deflagrato fra Stati Uniti e Cina. Washington ha minacciato un innalzamento delle tariffe sul io per cento dell'import da Pechino, un valore di 200 miliardi di dollari. Il protezionismo sta al libero mercato come la legge del taglione alla giustizia. La ritorsione è la regola. E nel vociare indistinto, si perdono facilmente di vista le ragioni che giustificano misure dirette a combattere la concorrenza sleale, le vendite in dumping, le pratiche scorrette. Secondo l'ufficio studi di Confindustria, le misure protezionistiche annunciate potrebbero portare, se estese per ...
  • 24 giugno 2018

    Qualivita alla presentazione “stellata” del libro di Valeria Piccini “Cucina madre”

    Domenica 24 giugno alle ore 12 presso la Biblioteca Comunale di Storia dell’arte di Montemerano, Mauro Rosati, direttore generale di Qualivita  e la storica  Marilena Pasquali, presentano Valeria Piccini, autrice del libro "Cucina madre",  un occasione ulteriore per valorizzare i grandi settori italiani della ristorazione e dell'agroalimentare di qualità. "Cucina madre" è una lettura che si farà tutta d’un fiato, perché in quel frangente ci si sentirà un po’ chef anche noi, un po’ esperti e ogni riga in più che leggeremo ci avvicinerà a quel tanto variegato, complesso, ma altrettanto affascinante mondo che è la cucina. L’argomento poi è di sicuro interessante e coinvolgente, ma la differenza, come sempre in ogni situazione, la fanno le persone e Valeria è una di quelle persone che la differenza la fa, eccome! Perché non tratta quella materia come se fosse inarrivabile a tutti gli altri, ma instilla in ogni lettore, in ogni interlocutore, quel ...
  • 22 giugno 2018

    L’olio EVO Toscano IGP conquista gli USA

    L'olio EVO Toscano IGP si sta affermando soprattutto all'estero: negli Stati Uniti, in Canada e, gradualmente, anche nei mercati orientali. Il valore dell'olio esportato dalla nostra regione si aggira sui 600 milioni di euro. Ma si potrebbe fare di più. Per il mercato americano, esistono norme di legge, ma anche regole non scritte, che le aziende agroalimentari che vogliono esportare negli Stati Uniti dovrebbero conoscere. A illustrarle, nel corso di uno degli incontri organizzati dal Consorzio dell'olio EVO Toscano IGP  (20 annidi attività), è Fabrizio Mani, presidente e fondatore della Mani Milano inc., società americana specializzata nel supporto all'internazionalizzazione delle imprese italiane in Usa. «L'America - spiega - è molto diversa da quello che ci si può immaginare guardandola dall'Italia. Chi esporta olio, ma questo vale anche per le altre aziende, deve adattarsi alle regole di quel mercato. Deve studiare e prepararsi. Ad esempio è importante che ...
  • 21 giugno 2018

    Parole-truffa anti Made in Italy

    L'ultima stima di Coldiretti fa salire a oltre 100 miliardi di euro il valore del falso Made in Italy agroalimentare nel mondo, con un aumento record del 7o% nel corso dell'ultimo decennio. I Paesi che falsificano di più i nostri prodotti alimentari non sono quelli poveri ma quelli più sviluppati. In testa ci sono gli Stati Uniti, ma anche all'interno della UE troviamo copie malfatte di Made in Italy. Lo stratagemma più diffuso è usare nella confezione del prodotto «truffa» parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che richiamano l'Italia: è il fenomeno dell'"Italian sounding" difficile da combattere a livello internazionale. E gli accordi bilaterali che l'UE stringe con i Paesi terzi si prestano a una doppia lettura: introducono riconoscimenti prima inesistenti ma non sempre sufficienti. Il Parmigiano La contraffazione del parmesan I prodotti più colpiti da contraffazione sono i formaggi con in testa il Parmigiano Reggiano DOP e il Grana ...
  • 24 maggio 2018

    EDITORIALE – Spargere i semi buoni

    Editoriale a cura di Mauro Rosati - Direttore Editoriale Consortium Nasce Consortium, un nuovo magazine trimestrale concepito ed ideato per raccontare da vicino le molteplici esperienze del mondo agroalimentare e vitivinicolo dei prodotti ad Indicazione Geografica (IG). Una rivista che ha come focus quello di analizzare e far conoscere le attività dei consorzi di tutela e delle imprese ad essi associate. Espressioni dei territori nelle molteplici articolazioni, i consorzi sono una realtà tutta italiana, che nel corso degli ultimi 25 anni ha supportato con determinazione gran parte dello sviluppo economico di settore, contribuendo ad una crescita imprenditoriale e culturale di molte filiere legate intimamente alla nostra agricoltura. Un contributo che si è sostanziato attraverso una costante evoluzione qualitativa e un’espansione commerciale dei prodotti made in Italy sui mercati internazionali. Ma, guardando oltre la loro mission istituzionale, i consorzi di tutela con ...
  • 3 maggio 2018

    DOP IGP STG: i marchi a Tutela del made in Italy

    I DOSSIER DI FAMIGLIA CRISTIANA Luoghi incantevoli e buona cucina: da sempre questi due concetti riassumono il bello dell'Italia nell'immaginario collettivo. Pomodori maturati al sole di Pachino o di San Marzano sul Sarno, il Parmigiano Reggiano su un piatto di spaghetti, una pizza napoletana con mozzarella di bufala campana, il profumo dei limoni di Amalfi e del melone mantovano. E non si tratta di un cliché: il nostro Paese può realmente vantare il più alto numero di eccellenze alimentari connesse al territorio, tutelate, a livello legislativo, dai marchi Dop, Igp, Stg. Il sistema di certificazione europeo lega indissolubilmente i prodotti ai luoghi di origine: così facendo preserva l'ambiente, salvaguardando ecosistemi e biodiversità, sostiene la coesione sociale e le tradizioni locali, conferisce uno speciale valore al meglio del "made in Italy" nei Paesi esteri e, allo stesso tempo, dà maggiori garanzie ai consumatori, con un elevato livello di tracciabilità e di ...
  • 18 aprile 2018

    UE, ok etichetta origine su ingrediente principale

    I Paesi membri dell'Ue, inclusa l'Italia, hanno approvato a larga maggioranza, con le sole astensioni di Germania e Lussemburgo, il regolamento esecutivo sull'indicazione in etichetta dell'origine dell'ingrediente principale degli alimenti, come il grano per la pasta o il latte. Le norme specificano le modalità con cui i produttori saranno obbligati a fornire informazioni sull'origine in etichetta quando il luogo di provenienza dell'alimento è indicato o anche semplicemente evocato e non è lo stesso di quello del suo ingrediente primario. Il regolamento lascia molta flessibilità sulla portata geografica del riferimento all'origine (da 'Ue / non Ue', fino all'indicazione del paese o della regione), non si applica ai prodotti DOP, IGP e STG (già provvisti di un disciplinare di produzione molto chiaro), né quelli a marchio registrato. Il regolamento entrerà in vigore dopo tre giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ue e si applicherà dall'aprile 2020. Resta da ...
  • 27 marzo 2018

    Qualivita e AICIG: il mio panino DOP e IGP

    Una manifestazione per far conoscere i prodotti DOP e IGP agli chef di domani, facendoli provare sul campo, organizzata da Qualivita e AICIG. Protagonisti i giovani allievi degli Istituti Alberghieri Gioberti e Vespucci di Roma, chiamati a inventare un panino innovativo usando solo prodotti a Indicazione Geografica. Fonte: Gambero Rosso
  • 27 marzo 2018

    Il panino DOP IGP conquista i giovani aspiranti chef

    Fast food, Street food, Food delivery, in altre parole nuova ristorazione, un settore che in 5 anni è cresciuto dell'8% e con 210mila esercizi ha sorpassato di gran lunga la ristorazione tradizionale che ne conta 120mila. Ma il fenomeno si segnala soprattutto perché punta sempre più alla qualità adoperando prodotti certificati DOP e IGP, i consumi dei quali in 10 anni sono cresciuti in valore del 64%. Ed è così che nell'Anno del cibo italiano, il 2018, la Fondazione Qualivita, Aicig e i Consorzi di tutela DOP e IGP italiani lanciano un'iniziativa per mettere a confronto i giovani aspiranti chef, ovvero gli studenti degli istituti alberghieri, con il mondo della qualità agroalimentare. Ieri a Roma, presso la Fondazione Exclusiva, si è tenuto il primo incontro di questo progetto che si intitola «Il mio panino DOP IGP», dove sono intervenuti più di cento studenti degli istituti Gioberti e Vespucci che si sono sfidati in una gara per realizzare il miglior panino ...
  • 20 marzo 2018

    Via al progetto “Ambasciatori del Limone di Siracusa IGP”

    Per celebrare il 2018 Anno nazionale del cibo italiano e con il supporto del Comune di Siracusa, il Consorzio di tutela del Limone di Siracusa IGP ha inaugurato un nuovo progetto, "Ambasciatori del Limone di Siracusa IGP/Ambassadeurs du Citron de Syracuse IGP", che si prefigge lo scopo di accorciare le distanze fra la platea dei produttori di Limone di Siracusa IGP e il mondo della ristorazione. È stato chiesto stato chiesto a circa 90 fra baristi, chef, pizzaioli, barman, e albergatori dislocati fra i nove quartieri della città di Siracusa, i nove comuni dell'areale di coltivazione del limone di Siracusa IGP, diverse regioni italiane e più aree della Francia, di realizzare un piatto, un cocktail, un gelato, una pizza con un campione del nostro prodotto fresco. L'iniziativa verrà presentata mercoledì 21 marzo dalle 9.30 e le 12.30 presso l'Urban Center (ex Sala Randone), in via Nino Bixio n. 1 a Siracusa. È necessario confermare la propria partecipazione scrivendo a ...
  • 16 marzo 2018

    Oliva Ascolana del Piceno DOP: riconosciuto il Consorzio di tutela

    Le imprese produttrici di Oliva Ascolana del Piceno DOP che nello scorso autunno hanno fondato un Consorzio hanno ottenuto l’ok dal Ministero delle Politiche agricole, alimentari  e forestali. Avranno l'incarico di tutelare e soprattutto di valorizzare la denominazione Oliva Ascolana del Piceno DOP che comprende l'oliva in salamoia e la famosa oliva ripiena. Il Consorzio - che si presenterà alla cittadinanza nei prossimi giorni con una iniziativa pubblica - ha eletto come componenti del Consiglio di amministrazione Ugo Marcelli, Isabella Mandozzi, Giovanni Clerici, Luigi Tempera, Augusto Migliori e Primo Valenti. In seno al CdA è stato eletto presidente Primo Valenti e vicepresidente Isabella Mandozzi. "E' doveroso ricordare – si legge nella nota inviata dal presidente - che nel 2005 grazie ad un intenso lavoro interdisciplinare delle più qualificate e generose professionalità locali, durato circa un decennio, venne assegnato dall'Unione Europea il più ...
  • 12 marzo 2018

    Dazi USA, no a ritorsioni: cresce l’adesione all’appello promosso da Qualivita

    Nervi saldi e no a ritorsioni smisurate per i dazi su acciaio e alluminio decisi da Trump. Coldiretti teme «un effetto a valanga» e Confagricoltura auspica di «scongiurare la guerra commerciale», Confederazione Italiana Agricoltori parla di una «una disputa da evitare», Federalimentare afferma «No a protezionismi ma basta con una globalizzazione basata sul dumping» e da Alleanza Cooperative Alimentari si sottolinea che «a fronte di consumi interni stagnanti verrebbero fortemente penalizzate le nostre vendite negli USA, sbocco prioritario per le nostre produzioni di eccellenza». Un coro unanime di voci che si uniscono a quella della Fondazione Qualivita, che giorni fa ha lanciato un appello al nuovo Parlamento contro l'introduzione di dazi e in favore delle denominazioni d'origine, già sottoscritto da oltre 280 firmatari tra associazioni, Consorzi di tutela e aziende: «L'iniziativa è nata spontaneamente da alcuni imprenditori del settore che girano il mondo e ...
  • 12 marzo 2018

    Taiwan apre alle carni suine e ai salumi italiani. Era l’ultimo mercato asiatico inacessibile

    Dopo una lunga negoziazione durata oltre cinque anni, con ben due missioni in Italia da parte degli ispettori del Bureau of Animal and Plant Health Inspection and Quarantine Food and Drug Administration (BAPHIQ), di cui l’ultima svoltasi lo scorso settembre, le Autorità di Taiwan hanno approvato l’esportazione di carni suine e salumi dall’Italia. “La trattativa è stata lunga e complessa ma l’impegno che il Ministero della Salute italiano, l’Agenzia ICE di Taipei e la Commissione europea hanno costantemente riservato a questo obiettivo, portato avanti dalla nostra Associazione con forte tenacia, ha consentito di raggiungere il risultato sperato”, ha affermato con soddisfazione Nicola Levoni, Presidente di ASSICA, Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi. “Ringrazio tutte le Istituzioni nazionali e comunitarie, che hanno lavorato collaborando con professionalità, dimostrando quanto possiamo essere efficaci quando facciamo Sistema”. “La ...
  • 12 marzo 2018

    XXVI edizione dell’Ercole Olivario

    I numeri e le novità del prestigioso Premio dedicato alle Eccellenze Olearie Territoriali Italiane, che da 26 anni valorizza e seleziona le migliori produzioni dello Stivale sarà presentato, martedì 13 marzo alle ore 12.00 a Roma, presso la sala Comitato di Unioncamere, in Piazza Sallustio 21. Da Nord a Sud, anche quest’anno sono centinaia le etichette in gara che saranno giudicate da un panel di degustatori esperti, in vista della premiazione finale, in programma sabato 7 aprile a Perugia. Fonte: Ercole Olivario  
  • 8 marzo 2018

    I dazi agitano le imprese: Qualivita lancia l’appello

    Mercato libero, ma con regole certe: questo chiedono gli oltre 280 firmatari tra aziende, associazioni e Consorzi di tutela dell'appello contro l'introduzione di dazi e in favore delle denominazioni. "L'iniziativa nasce in maniera spontanea da parte di un gruppo di imprenditori del settore agroalimentare, che girano il mondo e sono preoccupati per quanto avviene negli USA in altri settori e da quanto ventilato durante la nostra campagna elettorale", spiega Mauro Rosati direttore generale della Fondazione Qualivita che ha promosso l'appello. "Se si va al muro contro muro, il nostro agroalimentare ne risente per primo. Se mettiamo dazi anche noi, potremmo provocare una spirale negativa". "DOP e IGP rappresentano il 20% del valore delle esportazioni agroalimentari, sono il settore che traina, il biglietto da visita", prosegue Rosati, "chi firma vuole sensibilizzare il governo sulla necessità di aprire il mercati anziché chiuderli. Perché poi il rischio è che gli altri ...
  • 2 marzo 2018

    Appello delle imprese agroalimentari e vitivinicole italiane DOP IGP contro i dazi

    Le imprese dei prodotti Dop e Igp italiani chiedono al nuovo Governo un impegno rafforzato e costante a sostegno della difesa dei diritti delle denominazioni protette nel mercato interno, in quello comunitario e, con particolare priorità, nei mercati extra-comunitari Il sistema delle DOP e IGP è il motore dell'economia agroalimentare del nostro Paese e detiene, nella prospettiva del prossimo decennio, un potenziale enorme di sviluppo nei mercati internazionali. Le imprese di produzione e commercializzazione sono impegnate finanziariamente a sostenere lo sviluppo di queste opportunità. Il Food&Wine di qualità italiano è un mercato che interessa e fa gola ai principali players globali, dagli Usa all'Australia, dal Brasile alla Turchia, paesi che, con il sostegno dei loro governi nazionali, hanno interesse  a "smantellare" attraverso accordi multilaterali e bilaterali le tutele delle denominazioni. In aggiunta, si profila in molte aree e mercati l'affermazione di ...