Argomento: CULTURA

  • 23 Luglio 2014

    Bufala, quattro cose da imparare quando la lavorazione è DOP

    Il Mattino Ma davvero conosciamo la Mozzarella di Bufala Campana DOP? Sappiamo distinguere tra la Dop (denominazione di origine protetta), il marchio risconosciuto dall'Unione Europea, e una mozzarella semplice? Qui vi proponiamo i quattro punti cardinali per capire fino in fondo il prodotto e i suoi segreti a cominciare dal nome. Può chiamarsi mozzarella di bufala solo quella che ha il marchio del Consorzio mentre gli altri tipi, anche se buone, devono semplicemente chiamarsi mozzarella e basta. Ma ci sono cose, dall'odore al sapore e alla consistenza, che comunque ci possono aiutare al momento dell'acquisto ad evitare di essere raggirati da persone con pochi scrupoli che purtroppo in queste, come in altri, settore non mancano e non sono mancate.
  • 18 Luglio 2014

    Formaggio Piave, bandiera d’Italia

    Il Gazzettino Il formaggio Piave DOP Lattebusche rappresenterà il made in Italy all'Expo 2015 e nel mondo. A presentarlo sarà Gianfranco Vissani, uno degli chef italiani più conosciuti e apprezzati a livello internazionale e che il Ministero delle politiche agricole ha incaricato - assieme alla Rai - di documentare 180 prodotti Dop e Igp che rappresentano le eccellenze agroalimentari della Penisola. Nella sua lista c'era anche il Piave DOP di Lattebusche così ieri lo chef si è presentato con la sua troupe di Rai Uno alla porta del direttore del Consorzio di tutela del Piave, Chiara Brandalise, che ha fatto da Cicerone e da spalla all’eclettico chef.
  • 4 Luglio 2014

    Guida al biologico

    La Repubblica - BolognaIl termine "agricoltura biologica", secondo il Regolamento CEE 2092/91, e a livello nazionale con il D.M. 220/95, indica un metodo di coltivazione e di allevamento che impiega solo sostanze presenti in natura, escludendo l'utilizzo di sostanze chimiche, come diserbanti o insetticidi. Per difendere le colture si provvede soprattutto selezionando specie resistenti alle malattie e intervenendo con tecniche quali la rotazione delle colture, mentre come fertilizzante viene utilizzato il letame compostato e altre sostanze organiche come trifoglio o senape. In caso di necessità è possibile intervenire con estratti di piante, insetti o minerali naturali. La massima attenzione viene data anche ai metodi di allevamento.
  • 24 Giugno 2014

    Il cibo entra dentro i musei per raccontar le sue storie

    Il Sole 24 Ore Tra gli ultimi nati è il Museo della pasta. Un luogo che evoca tante storie di uomini e di aziende, che racconta no anche un pezzo importante della cultura alimentare del Paese nel cuore della food valley emiliana. Nella corte agricola medioevale di Giarola, comune di Collecchio, è appena stata aggiunta un'altra tappa al circuito dei Musei del cibo, il progetto ideato dalla Provincia di Parma e dai comuni interessati insieme ai consorzi di tutela e all'università. Il nuovo allestimento, dedicato a uno dei simboli dell'italianità, mette in mostra dal primo campione di pasta industriale a una collezione di utensili e oggetti per la lavorazione artigianale, tra speronelle e comuni scolapasta.
  • 20 Giugno 2014

    Studio “The most influential brands in Italia”

    Un estratto della la ricerca internazionale “The most influential brands in Italia ” condotta da Ipsos con l’obiettivo di comprendere l’impatto che i marchi hanno nella nostra vita quotidiana e nella nostra esperienza del mondo. Le indagini - condotte su un campione di 2000 persone analizzando 100 marchi - hanno prodotto una classifica che piazza al sesto posto il Parmigiano-Reggiano DOP, primo tra i 22 brand del settore food. IPSOS_Most_Influential_Brands_Italia.pdf
  • 9 Giugno 2014

    Studenti a lezione di tipicità locali DOP e IGP

    Prima Pagina ModenaAgronomi e personalità del mondo produttivo a disposizione dei ragazzi. Far conoscere le tipicità enogastronomiche emiliano-romagnole e l'importanza che la cooperazione riveste all'interno del tessuto produttivo imprenditoriale regionale. Con questo obiettivo Fedagri-Confcooperative Emilia-Romagna e Confcooperative Modena hanno tenuto una lezione davanti agli studenti dell'Istituto di Istruzione Superiore Ignazio Calvi di Finale Emilia. L'agronomo Daniele De Leo, esperto in comunicazione agroalimentare con particolare riferimento alle produzioni tipiche territoriali DOP e ...
  • 4 Giugno 2014

    Un manuale per le scuole dal Consorzio Salumi Piacentini DOP

    Libertà Piacenza Arriva il libro "I salumi piacentini nella storia", realizzato dal Consorzio Salumi Piacentini DOP per le scuole, è stato distribuito ai bambini della scuola primaria di Piacenza, Pavia, Lodi e Milano. Un testo molto utile per far conoscere ai ragazzi il proprio territorio, la storia, la cultura, le tradizioni enogastronomiche, tra cui si collocano sicuramente i Salumi DOP Piacentini. "La conoscenza della storia e della tipicità dei salumi potrà senza dubbio essere di supporto al lavoro degli insegnanti impegnati oggi anche in un'azione di educazione alimentare
  • 30 Maggio 2014

    Gorgonzola DOP, il formaggio per chi è intollerante ai latticini

    Corriere della SeraCe lo immaginiamo sempre come un alimento invernale, da abbinare alla polenta e ai funghi, o in alternativa da mescolare al Parmigiano Reggiano DOP e al Taleggio DOP per preparare una gustosissima pasta ai quattro formaggi. E invece il Gorgonzola DOP si può mangiare tutto l'anno perché tra i formaggi stagionati è quello più digeribile. «Bisogna sfatare il mito che il Gorgonzola DOP sia grasso e pesante - spiega Erasmo Neviani, professore ordinario di Microbiologia degli alimenti all'Università di Parma autore di diversi libri sul settore caseario.
  • 27 Maggio 2014

    Dal Consorzio Salumi Piacentini DOP il manuale per le scuole

    Piacenza 27 maggio 2014 - Rinnovato completamente nella grafica il libro “I salumi piacentini nella storia”, realizzato dal Consorzio Salumi Piacentini Dop, è stato distribuito ai bambini della scuola primaria di Piacenza, Pavia, Lodi e Milano.
  • 22 Maggio 2014

    “Piave DOP un fiume, un territorio, un formaggio”

    Venerdì 23 maggio alle ore 11.00 presso la sala della biblioteca comunale di Cesiomaggiore (BL) verrà presentato il libro "Piave, un fiume, un territorio, un formaggio". Il libro, scritto a più mani, con la regia del Consorzio, è nato con lo spirito di valorizzare l’impegno, la grande passione e il sacrificio che si nascondono dietro l’allevamento di Montagna.
  • 22 Maggio 2014

    Pomodoro: l’oro rosso nella dispensa

    La RepubblicaUna pianta ornamentale. Così veniva considerato il pomodoro in Europa nel XVI secolo. Da allora, il "pomme d' amour", originario dell'America Centrale e arrivato a noi grazie ai conquistatori spagnoli, ne ha fatta di strada. Passato, pelato, concentrato, inscatolato, imbottigliato, o semplicemente "nature", è tra i prodotti principe della tradizione italiana. Non a caso, il nostro Paese, che ospiterà dall'8 all' 11 giugno, a Sirmione sul Garda, il World Processing Tomato Congress, figura al secondo posto, nella graduatoria mondiale per la produzione e trasformazione.
  • 22 Aprile 2014

    Studio “Promozione del vino e del Food italiani nei mercati terzi”

    Una sintesi dei lavori del workshop "Promozione del vino e del Food italiani nei mercati terzi" organizzato da Sapienza - Università di Roma in collaborazione con Fondazione Qualivita.
  • 18 Aprile 2014

    Educazione alimentare. Dove se non a scuola?

    Sfogliando un qualsiasi giornale, navigando in internet o guardando la tv, il cibo è sempre più frequentemente in primo piano. Molto più che in passato, nella comunicazione odierna veniamo investiti da innumerevoli informazioni attinenti all’alimentazione, che spaziano dalle diete miracolose fino alle improbabili ricerche sugli effetti benefici di questo o quell’altro prodotto, spesso in contraddizione l’una con l’altra. L’educazione alimentare, questa sconosciuta. Oggi i protagonisti sono i mass media, con i loro limiti e il loro potenziale.
  • 15 Aprile 2014

    Parte dalla scuola la promozione dell’Asparago Verde di Altedo IGP

    Prende avvio ufficialmente la campagna dell'Asparago Verde di Altedo IGP presentata con una iniziativa, organizzata da Cso nell'ambito del Psr 2013 Regione Emilia Romagna, all' Istituto Alberghiero Orio Vergani di Ferrara dove i giovani allievi chef hanno preparato un menu tutto a base di Asparago Verde di Altedo IGP. L'Asparago Verde di Altedo IGP, è un prodotto riconosciuto in Italia per le straordinarie caratteristiche organolettico/gustative dovute alla particolarità dell'ambiente di coltivazione in terreni sabbiosi e prodice in circa i 600 ettari, pari ad una produzione certificata di oltre 300 tonnellate.
  • 21 Marzo 2014

    Mozzarella e cultura sull’asse Colombia-Italia

    Il Mattino di Caserta Dalla Mozzarella di Bufala Campana DOP alla Reggia di Caserta, dalla dieta mediterranea alle tecniche di coltivazione del terreno. Finiscono nel «mirino» del governo colombiano le ricchezze culturali ed enogastronomiche a denominazione di origine e le competenze del Casertano. Ieri mattina, l'ambasciatore iBetancur e il console  Maione hanno, infatti, incontrato a Caserta il presidente dell'Osservatorio per la Dieta mediterranea Amendolara per gettare le basi di una futura collaborazione che esporti nel paese dell'America Latina, negli ultimi anni tra quelli che vantano il maggiore tasso di crescita
  • 19 Marzo 2014

    Culatello di Zibello DOP, un re tra due alfieri

    Gazzetta di ParmaTrai prodotti di punta dell’agroalimentare parmense rientra a pieno titolo il Culatello di Zibello DOP. Un capolavoro della norcineria emiliana talmente carico di storia e cultura da guadagnarsi - eccezione rara - sia la tutela comunitaria con il marchio Dop, sia quella di Slow Food. Due sono dunque le realtà impegnate nella salvaguardia e nella promozione del Culatello di Zibello DOP. Da un lato il Consorzio di Tutela, che in questo periodo sta promuovendo con Agriform un percorso formativo per 45 aspiranti "macellini"