Argomento: ALIMENTAZIONE

  • 26 Novembre 2012

    Cibo. La variabile (irrisolta) dei prezzi

    CorrierEconomia L’eterno conflitto tra la scarsità delle risorse e i bisogni delle persone trova nel settore alimentare il suo campo di battaglia più doloroso. Eppure il progresso tecnologico nel comparto dell'agribusiness, un maggior coordinamento internazionale delle politiche agricole, una migliore distribuzione delle derrate alimentari, politiche sociali e demografiche volte a frenare l'esplosione dei grandi centri "urbani, soprattutto nei Paesi emergenti, potrebbero portare a una soluzione di equilibrio soddisfacente. Questi temi, collegati a un altro problema che può essere affrontato, quello dei cambiamenti climatici, saranno al centro del dibattito del Quarto Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione che si terrà a Milano, nella sede dell'Università Bocconi il 28 e il 29 novembre prossimi,
  • 23 Novembre 2012

    Alimentazione, agricoltura ed ecosistema: la sostenibilità delle produzioni alimentari

    Venerdì 23 novembre, al Polo economico-giuridico dell'Università di Udine si terrà il convegno "La sostenibilità delle produzioni agroalimentari: valore nutrizionale, aspetti ambientali, problemi economici e giuridici” organizzato nell’ambito della settimana Unesco di educazione allo sviluppo sostenibile.
  • 15 Novembre 2012

    Fast food etico. Basta cibo nocivo e a prezzi stracciati

    Velvet - La Repubblica Una moralità alimentare analizza pure lo sfruttamento nei ristoranti e nelle catene.Il cibo, si sa, è ora uno dei "laboratori" delle nuove idee per cavalcare la crisi (e/o aggirarla per sopravvivere).E così, nel settore, qualche paradosso della contemporaneità rischia di diventare edificante. Come quello del fast food etico e "buono" in tutti i sensi, che, detto così, parrebbe una contraddizione in termini. Succede, come spesso queste cose, negli States, Paese che ha dato divulgazione smart anche alle nostre ossessioni gastronomiche e alle ristoinvenzioni. La ...
  • 31 Ottobre 2012

    Gli equivoci della tavola a chilometri zero

    tSt, tutto Scienze e tecnologiaAll'ora dei pasti la nostra coscienza sussulta, facendoci perdere l'appetito. Si susseguono documenti e convegni che analizzano ogni nostro comportamento alimentare da talmente tanti punti di vista da lasciarci poca speranza di sederci a tavola senza sentirci dei vermi insensibili ai temi ecologici, sanitari o di sviluppo economico. Se ci mettiamo alla ricerca di un cibo sano, ambientalmente sostenibile, legato alle tradizioni e culture locali, sufficiente per tutti, solidale e adeguatamente remunerato, finiremo per paralizzarci di fronte a una qualunque pietanza, o decideremo di ignorare tutti i consigli. Da anni si parla di «chilometro zero» come se questa fosse la quadratura del cerchio. In realtà, fatte salve poche produzioni tipiche che vanno tutelate, il chilometro zero
  • 30 Ottobre 2012

    La dittatura della polpetta

    InternazionaleCuochi trattati come rock star. Libri di ricette in testa alle classifiche. La tv invasa dalle trasmissioni sulla cucina. Mangiar bene è la nuova religione laica: una moda insopportabile, sostiene lo scrittore inglese Steven Poole. In una fresca serata d'autunno nella zona nord di Londra, il furgone di una rosticceria ambulante è parcheggiato davanti a un giardino. Le sue spettrali luci verdi lampeggiano e il profumo di pollo arrosto aleggia nell'aria. Un tipo sulla trentina si avvicina mentre parlo con un amico al lato della strada e ci informa che è rimasto deluso da quello ...
  • 25 Ottobre 2012

    Il cibo che può battere la crisi

    il Sole 24 OreQuesta mattina al Lingotto di Torino accoglierà il ministro delle Politiche agricole, con cui ha collaborato strettamente nella stesura del provvedimento sulla difesa dei suoli, e aprirà ufficialmente la nona edizione della sua creatura più nota, il Salone del gusto. Ma l`inaugurazione che ha acceso più emozioni è stata quella di ieri sera, quando insieme a José Graziano da Silva ha incontrato contadini e produttori di 400 comunità provenienti da cento Paesi. Lontani i tempi in cui della manifestazione torinese emergeva solo il profilo gastronomico. Oggi le parole ...
  • 24 Ottobre 2012

    International Summit – Eurochocolate Perugia 2012

    Presentati i risultati preliminari della ricerca sulle proprieta' salutistiche del Cioccolato di Modica.
  • 22 Ottobre 2012

    “On the road” con uno stuzzichino

    La StampaSi diffonde l'abitudine del cibo da strada: gusti sempre più esotici e i prezzi restano convenienti. Un veloce hot dog tra i grattacieli di Manhattan, un gyros farcito passeggiando per le vie di Atene o una scodella di pho, brodo di carne con noodles di riso, per una delicata colazione in Vietnam. Tutto ed esclusivamente «on the road», tra bancarelle, chioschi e venditori ambulanti che con i loro odori e sapori penetrano nei ritmi delle metropoli. In tutto il mondo c'è un forte ritorno allo «street food» e in Italia la tendenza è confermata con una voglia tangibile di riscoprire i piatti da passeggio: tanto che più di 90 mila persone sono accorse a Cesena in occasione del recente Festival Internazionale del cibo di strada, e anche il prossimo Salone del gusto e Terra madre darà ampio spazio alla cucina tradizionale.
  • 19 Ottobre 2012

    Con i cibi ufo annulliamo la nostra identità

    SETTE - Il Corriere della Sera Pasti ad hoc per i commensali, informazioni contraddittorie, alimenti onnipresenti. È così che sparisce lo spirito conviviale. Mangio, dunque sono. Due parole per riassumere il pensiero di Claude Fischler. Direttore della ricerca presso il Cnrs, l'agenzia nazionale di ricerca francese, responsabile del Centre Edgar Morin, in Italia noto anche per il saggio L'onnivoro (Mondadori, 1992), ha sempre indagato il ruolo del cibo e dell'alimentazione nelle società. Perché il cibo riguarda tutti, e tutto: il tempo e lo spazio, la salute e il piacere, la qualità ...
  • 16 Ottobre 2012

    Panino portato da casa ma con certificazione: i genitori non ci stanno

    Il Gazzettino A scuola si può consumare solo il "panino certificato" in alternativa al servizio della mensa comunale. Come dire che i genitori dei bambini delle scuole dell'obbligo di Mogliano dovranno esibire lo scontrino per dimostrare che il panino è stato acquistato in un negozio che garantisce le norme igieniche. Nuovo motivo di attrito tra una parte rilevante dei genitori e la direzione scolastica sul problema della refezione scolastica. Il Comitato genitori democratici ha preso posizione contro la lettera che la direzione del Secondo Istituto Comprensivo cittadino ha inviato alle ...
  • 15 Ottobre 2012

    Giornata mondiale dell’alimentazione

    È in programma domani, a Roma, la Giornata mondiale dell'alimentazione nell'ambito della manifestazione Roma InConTra. L'incontro si svolgera' dalle ore 9 all'Ara Pacis Augustae. "Alimentare la terra, coltivare il futuro" è il tema del convegno internazionale su sicurezza alimentare, alimentazione e nutrizione. Dopo l'apertura dei lavori (ore 9,30: con Michele V alensise, segretario generale del ministero degli Affari esteri), al via la sessione su "Nutrire il pianeta: la sfida del terzo millennio che l'Italia raccoglie con Expo 2015, vincere la fame e la povertà". A ...
  • 15 Ottobre 2012

    In mensa pasti a chilometro zero

    CorrierEconomia Quello della ristorazione collettiva non è un business semplice. E' complessa la gestione delle risorse umane, l'utilizzo delle materie prime e la fornitura di servizi alle aziende.Come se non bastasse, si tratta di un settore dominato dalle multinazionali. Eppure ci sono anche piccole realtà capaci di "contrastare" lo strapotere dei colossi del settore, magari ricorrendo ad idee nuove e servizi efficienti. E' questo il piano imprenditoriale messo in campo da Marangoni, azienda piemontese di ristorazione che dal 2002 ha dato una svolta all'attività attraverso l'impiego di prodotti a "chilometro zero" e alimenti biologici. Una strategia che ha permesso alla società di Grinzane Cavour di registrare interessanti performance economiche.
  • 18 Settembre 2012

    È l’ora dei locavori

    L'EspressoI nuovi partigiani del cibo sano ora mangiano solo a Km 0. Il trucco è controllare le etichette e salvare solo il cibo prodotto in un raggio di 200 chilometri da casa, e vi assicuriamo che alla fine ne resterà ben poco: niente caffè, né zucchero. Eppure i sotenitori della filiera corta aumentano in tutto il mondo, nonostante questa filosofia susciti anche molte critiche, perché accorciare le distanze potrebbe anche voler dire usare più pesticidi e più acqua. In Toscana, ed in particolare ad Arazze, è stata crata una Fondazione Via dei Locavori, sostenuta dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena e dalla provincia. Un centinaio di persone che organizza eventi e lezioni nelle scuole per promuovere la conoscenza dei prodotti del territorio.