day : 30/01/2018

  • 30 gennaio 2018

    Traditional Welsh Caerphilly IGP – Regno Unito

    REGNO UNITO - Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 25 del 30/01/2018 è stata registrato il prodotto Traditional Welsh Caerphilly IGP che, nel comparto Food, è la numero 69 nel totale dei prodotti agroalimentari certificati in Regno Unito, la numero 41 delle IGP e la numero 16 nella Classe 1.3. Formaggi. Traditional Welsh Caerphilly IGP - Regno Unito Classe 1.3. Formaggi Reg. Ue 2018/138 del 16.01.2018 - GUUE L 25 del 30.01.2018 SCARICA IL REGOLAMENTO COMPLETO SCARICA IL DISCIPLINARE COMPLETO
  • 30 gennaio 2018

    La rassegna stampa del XV Rapporto Ismea Qualivita

    Presentato martedì 23 gennaio a Roma, alla presenza del ministro Maurizio Martina,  il Quindicesimo Rapporto Ismea - Qualivita sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane DOP IGP STG, l'indagine annuale che analizza i più importanti fenomeni socio-economici del comparto della qualità alimentare certificata. I dati del rapporto, illustrati dal Direttore Generale della Ismea Raffaele Borriello, hanno confermato la importanza economica della qualità agroalimentare certificata DOP IGP, che risulta essere il comparto che forse meglio di ogni altro rappresenta la peculiarità e la forza delle produzioni made in Italy. Segnali di crescita a due cifre sia per il numero dei Prodotti registrati +40% che per il valore della produzione + 70%; a tre cifre per valore dell’export +143% che riferito al solo Food arriva alla percentuale straordinaria del +262%. IN ALLEGATO LA RASSEGNA STAMPA COMPLETA DELL'INIZIATIVA
  • 30 gennaio 2018

    Prosciutto Toscano DOP e Finocchiona IGP alle Anteprime di Toscana 2018

    Il Consorzio del Prosciutto Toscano e il Consorzio di Tutela della Finocchiona IGP il 10 febbraio saranno infatti presenti all'Anteprima Collettiva Regionale che si terrà, nella Fortezza da Basso di Firenze, per accompagnare i principali consorzi vinicoli. Nella giornata di inaugurazione delle Anteprime di Toscana 2018, il Prosciutto Toscano DOP e la Finocchiona IGP saranno al fianco dei migliori vini toscani durante le degustazioni. “La nostra è una felice partecipazione. - dichiara il Presidente del Consorzio del Prosciutto Toscano, Cristiano Ludovici - Insieme abbiamo modo di mostrare ai numerosi buyers internazionali giunti per l'annuale manifestazione, che l'Italia è una penisola composta da un arcipelago di eccellenze. Qui riuniti rappresentiamo la Toscana, un territorio ricco di storia, arte e tradizioni. Tutta questa ricchezza è racchiusa nei suoi prodotti e il Prosciutto Toscano DOP insieme alle maestrie del vino ne rappresentano una perfetta sintesi”. ...
  • 30 gennaio 2018

    DOP e IGP imprgnate per la Corporate Social Responsibility

    In ambito enogastronomico il consumatore deve mediamente fronteggiare un'overdose di bollini di qualità che spesso confondono le idee. Uno di particolare importanza è tuttavia il Corporate Social Responsibility, perciò è fondamentale quanto ha appena censito l'Osservatorio Immagino Nielsen: nonostante il prezzo mediamente più elevato, il giro d'affari dei prodotti CSR è cresciuto — da giugno 2016 a giugno 2017, cioè in tempi di perdurante crisi dei consumi — del 5,6%. Il marchio CSR è una grande famiglia sotto cui rientrano numerosi bollini da Green economy che garantiscono il rispetto per il mondo animale, la presenza di un commercio equo e solidale e la sostenibilità ambientale. «Non tutte le aziende che stanno dietro alle più classiche denominazioni agroalimentari che noi di Qualivita proteggiamo e valorizziamo — DOP, IGP e STG — seguono i dettami CSR, ma da tempo abbiamo iniziato una forte opera di sensibilizzazione», ha dichiarato il direttore ...
  • 30 gennaio 2018

    Revisione PAC, De Castro: più autonomia ad organizzazioni e consorzi

    Paolo De Castro, presidente Comagri al Parlamento europeo, ha guidato i lavori del «Pacchetto omnibus». II «tagliando alla Pac» era necessario? Cosa è cambiato per gli agricoltori italiani? «C'era l'urgenza di modificare il sistema di regole e credo che il punto di equilibrio trovato possa soddisfare gli agricoltori. Vengono risolti problemi strutturali dell'impostazione del 2013, e vengono offerte nuove opportunità agli agricoltori, soprattutto per affrontare le turbolenze del mercato. Le modifiche vanno poi nella direzione di una politica agricola economica più equa e che garantisce maggior autonomia negoziale». E per quanto riguarda lo sviluppo rurale? Tutti coloro che partecipano a un regime di qualità da non più di 5 anni potranno accedere ai fondi previsti dai programmi di sviluppo rurale per la produzione di indicazioni geografiche, e non, co-me in precedenza, solo i nuovi ingressi. Una misura importante per l'Italia, che vanta il primato in Europa dal ...
  • 30 gennaio 2018

    Traditional Welsh Caerphilly IGP, iscrizione denominazione – GUUE L 25

    REGNO UNITO - Iscrizione di una denominazione nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette Traditional Welsh Caerphilly IGP / Traditional Welsh Caerffili IGP - Classe 1.3. Formaggi Fonte: GUUE L 25 del 30/01/2018