OQ-LEGISLATIVO

Osservatorio Qualivita Legislativo

  • 24 maggio 2017

    UE, ritiri ortofrutta: aiuti al via

    Sarà pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale Ue, per entrare in vigore il 1° giugno, il regolamento delegato che prevede l'aumento dei prezzi applicati dall'Ue per il ritiro dal mercato di frutta e verdura in caso di crisi. La pubblicazione del testo dovrebbe avvenire contestualmente a quella dell'atto che prolunga oltre la scadenza prevista del 1° luglio 2017 le misure straordinarie di aiuto su alcune tipologie di ortofrutta più colpite dall'embargo russo, in modo che i produttori possano procedere ai ritiri con le tariffe aggiornate. Per gli agricoltori aderenti alle organizzazioni dei produttori, il prezzo di ritiro di frutta e verdura in caso di squilibrio di mercato passa dal 30 al 40% del prezzo medio di mercato Ue negli ultimi cinque anni per la distribuzione gratuita (i cosiddetti ritiri di beneficenza), e dal 20 al 30% per i ritiri destinati ad altri scopi (produzione di compost, mangimi, distillazione). Fonte: Italia Oggi SCARICA L'ARTICOLO STAMPA ...
  • 22 maggio 2017

    Ecco le novità del Monferrato Nebbiolo DOP

    Si punta decisi sull'alta qualità con rese in vigna molto contenute con la modifica al disciplinare Monferrato Nebbiolo DOP, approvata all'unanimità dal Comitato Vitivinicolo regionale mercoledì scorso, anche l'enologia dell'Astigiano, e più in generale tutto il Monferrato, potrà fregiarsi di due tipologie di nebbiolo, vitigno da sempre presente in questo areale: "Monferrato Nebbiolo" e "Monferrato Nebbiolo Superiore". "Di fatto - rileva il presidente di Coldiretti Asti, Roberto Cabiale - viene regolarizzata una situazione da sempre presente nel Monferrato. Il Nebbiolo è sempre stato coltivato, anche perché era già un vitigno raccomandato dalla Regione Piemonte, ed è anche da sempre vinificato da numerosissimi vignaioli. Pur avendo quindi tutte le caratteristi per potersi fregiare di una DOP, finora non era possibile farlo. E' così che l'inserimento del nebbiolo nella DOP Monferrato, ora colmerà questa lacuna. Per i viticoltori è sicuramente un'opportunità in più per ...
  • 19 maggio 2017

    Cina: sbloccato export agrumi italiani e firmato protocollo d’intesa su attività agricole

    Il Mipaaf ha dichiarato finalmente concluso il negoziato relativo all'apertura del mercato cinese agli agrumi italiani: saranno avviate le prime spedizioni già a partire dalla prossima campagna commerciale. È stato inoltre firmato un Protocollo di intesa con il Ministro dell'Agricoltura della Repubblica Popolare Cinese, Han Changfu. A rappresentare l'Italia era presente l'ambasciatore Italiano in Cina Ettore Sequi. "La conclusione del negoziato rappresenta un passo in avanti importante per la nostra agrumicoltura che oggi può approcciare un mercato dal grande potenziale come quello cinese. Sono molto soddisfatto del lavoro diplomatico portato avanti in questi mesi." Così il Ministro Maurizio Martina. "Il protocollo firmato con le autorità cinesi - conclude Martina - rafforza la collaborazione strategica nel settore agricolo e si inserisce in un più ampio quadro di relazioni tra i nostri Paesi. La costruzione di una nuova via della seta potrà favorire anche gli scambi ...
  • 17 maggio 2017

    Tutela DOP e IGP: presentato a Montecitorio il monitoraggio internazionale 2016

    Pizze e altri prodotti con riferimenti alla Mozzarella di Bufala Campana DOP sul mercato tedesco senza autorizzazione, abuso del termine Parmesan e “aceti balsamici” in Inghilterra e Francia. Ma ancora, Prosciutto di Parma DOP affettato fuori dalla zona di origine (Olanda), diversi utilizzi illeciti del termine Grana ed evocazioni come “Perisecco” e “Più Secco”. Questi alcuni dei risultati delle attività di monitoraggio dei mercati svolte dai principali Consorzi di tutela dei prodotti DOP e IGP nel corso dello scorso anno. L’importanza del monitoraggio per la tutela dei prodotti DOP e IGP in Europa è il tema al centro della conferenza stampa che si è tenuta ieri mattina nella Sala Stampa della Camera dei Deputati a Montecitorio, organizzata dal Consorzio Tutela Grana Padano DOP, Consorzio Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP, Consorzio Formaggio Parmigiano Reggiano DOP, Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana DOP, Consorzio Prosciutto di Parma DOP e ...
  • 16 maggio 2017

    Sicurezza agroalimentare, NAC: sequestrate oltre 36 tonnellate di prodotti evocanti BIO e DOP

    I Nuclei Antifrodi Carabinieri, a seguito di accertamenti svolti sul territorio nazionale, hanno sequestrato 31 tonnellate di concentrato, polpa e pelati di pomodoro e 9.806 vasetti di conserva di pomodoro fraudolentemente dichiarati come DOP e provenienti da agricoltura biologica, per un valore commerciale pari a  130mila euro. Venivano denunciate 2 persone per frode in commercio, aggravata per l’uso di denominazioni protette (artt.515 e 517 bis c.p.). Nell’ambito dei controlli preordinati finalizzati al contrasto delle frodi alimentari venivano sottoposti a sequestro anche 66 kg di alimenti congelati vari (carne, pesce e dolci), per cattivo stato di conservazione, e 50 kg di formaggio fresco a pasta filata evocante indebitamente la “Mozzarella di Bufala Campana DOP”. Nel corso di tali azioni di tutela del comparto agroalimentare, sia a favore degli operatori che dei consumatori, venivano elevate sanzioni per 6mila euro. Fonte: Comando Carabinieri politiche ...
  • 12 maggio 2017

    Vino, da luglio tutte le operazioni su registro telematico

    Slitta dal 30 aprile al 30 giugno 2017 la tenuta in forma dematerializzata dei registri nel settore vitivinicolo: dal 1° luglio, perciò, tutte le operazioni dovranno essere registrate nel registro telematico. La prima annotazione che dovrà essere effettuata sarà relativa alle giacenze dei prodotti detenuti al 1° gennaio 2017. Queste le istruzioni sul registro telematico contenute nella circolare del Mipaaf del 9 maggio 2017. Dopo la prima annotazione relativa ai prodotti detenuti al 1° gennaio potrà essere riportata, per ogni prodotto, in alternativa all'annotazione delle singole operazioni, la sommatoria delle variazioni dei volumi intervenute a seguito di operazioni di cantina documentalmente dimostrabili (ad es. operazioni di carico/scarico, tagli, perdite/ superi, pratiche enologiche che hanno portato a variazione dei volumi). Fino al 30 giugno 2017, per gli operatori che abbiano abilitato lo stabilimento al registro telematico, l'omessa o l'irregolare annotazione ...
  • 11 maggio 2017

    Melannurca Campana IGP, novità nel disciplinare

    La Melannurca Campana IGP semplifica il disciplinare di produzione e porta le rese ammesse per ettaro da 35 a 45 tonnellate. Le modifiche, che sono entrate in vigore nelle scorso dicembre, sono state illustrate alla Fiera agricola Caserta, svoltasi dal 21 al 25 aprile, durante un convegno organizzato dal Consorzio di tutela Melannurca Campana IGP. Si potranno infittire i frutteti già esistenti, passando da 1.200 a 1,666 piante per ettaro, potendo approfittare della caduta di qualsiasi vincolo sulla forma di allevamento e nel rispetto di un sesto d'impianto di un metro e mezzo. Giuseppe Giaccio, presidente del Consorzio di tutela, ha sottolineato: «Sono modifiche rese necessarie per rendere le aziende competitive su un mercato sempre più dinamico». Marcello Forlani ha ricordato nel suo intervento l'importanza delle mele Annurca e della Rossa del Sud in Campania, coltivar che coprono oltre l'80% degli impianti della regione. Fonte: L'Informatore Agrario SCARICA L'ARTI...
  • 10 maggio 2017

    Mipaaf, agricoltura: proroga domande PAC al 15 giugno

    Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali - Mipaaf rende noto che la Commissione europea ha autorizzato la proroga fino al 15 giugno 2017 del termine ultimo per la presentazione delle domande 2017 della Politica agricola comune (Pac). In particolare si tratta della domanda unica e di alcune misure dello sviluppo rurale. La modifica è stata formalizzata oggi dal Sottosegretario Giuseppe Castiglione nel corso della Conferenza Stato-Regioni. "La proroga che abbiamo ottenuto - afferma il Ministro Maurizio Martina - è un segnale positivo verso migliaia di aziende agricole che potranno così beneficiare degli strumenti della Pac, senza rischiare di perdere risorse. Abbiamo lavorato molto in questi mesi e ringrazio il Commissario Phil Hogan di aver dato seguito concretamente agli impegni presi a Verona ad aprile". Fonte: Mipaaf
  • 10 maggio 2017

    NAC: sequestrati 4 quintali di alimenti senza tracciabilità con evocazione DOP e BIO

    Intensificati i controlli sulla tracciabilità finalizzati al contrasto alle frodi alimentari effettuati dal comando Carabinieri politiche agricole e alimentari - Nuclei Antifrodi Carabinieri -  nel campo agroalimentare a tutela dei comparti del biologico e dei marchi di tutela. I Nuclei Antifrodi Carabinieri, a seguito di accertamenti svolti sul territorio nazionale, hanno sequestrato circa 4 quintali di alimenti privi di tracciabilità, 55 confezioni di prodotti alimentari vari (yogurt, frutta fresca, prodotti da forno, legumi) e 70 kg di prodotti ortofrutticoli dichiarati come biologici, 145 kg insaccati e 83.800 etichette evocanti prodotti a Denominazione di Origine Protetta. Nell’ambito dei controlli preordinati finalizzati al contrasto delle frodi alimentari, eseguiti con  l’I.C.Q.R.F. di Napoli, sono stati sottoposti a sequestro  239 barattoli  di miele dichiarato biologico. Venivano riscontrate violazioni alle normative in materia di tracciabilità e qualità ...
  • 9 maggio 2017

    Oliva Taggiasca: il Comitato promotore per la DOP prosegue i lavori per il riconoscimento

    Prosegue il lavoro del Comitato promotore per la DOP, Denominazione di origine protetta dell'Oliva Taggiasca che insieme all'assessore regionale all'Agricoltura Stefano Mai e ai rappresentati di Cia, Coldiretti e Consorzio di tutela Olio DOP Riviera Ligure ha incontrato il vice ministro per le politiche agricole Andrea Olivero. L'incontro si è svolto nella sede della Provincia di Cuneo. Spiega il presidente del Comitato promotore Taggiasca Roberto De Andreis: «Si è trattato di un confronto molto proficuo, dove sono state da tutti ribadite e sostenute le ragioni del riconoscimento della DOP Taggiasca. Una unità di vedute che ha visto sulla stessa linea il Ministero delle politiche agricole, la Regione e il sistema della rappresentanza economica olivicola del territorio. L'incontro, primo di una lunga serie, è stato necessario anche per pianificare i successivi passaggi dell'iter ministeriale necessari all'ottenimento della denominazione protetta Taggiasca». Prosegue De ...
  • 9 maggio 2017

    Martina, a Tuttofood annunciata l’etichetta d’origine anche per pasta e riso

    Dopo il latte e i prodotti caseari, tra pochi mesi anche la pasta di semola di grano duro e il riso potrebbero riportare sulle confezioni l'etichetta di origine della materia prima. Così ha annunciato il Ministro Maurizio Martina durante la cerimonia di inaugurazione di TuttoFood a Milano: «Questa mattina abbiamo inviato a Bruxelles il testo del decreto interministeriale Politiche agricole-Sviluppo economico, in cui si indicano le modalità per applicare l'etichettatura di origine. Seguiremo lo stesso iter di quanto già fatto dall'Italia per il latte e confidiamo in un esito positivo della procedura d'esame. Con questo provvedimento - aggiunge Martina - prosegue l'azione di tutela e di valorizzazione dei prodotti italiani nell'interesse degli agricoltori e dei consumatori». Soddisfazione da parte di Coldiretti che il presidente Moncalvo esprime così: "Con pasta e riso, e dopo il latte e l'olio extravergine di oliva, si arrivano a coprire i due terzi degli acquisti ...
  • 5 maggio 2017

    Consorzio Asti DOP: dopo la nomina del nuovo CdA si punta al rinnovamento

    Obiettivo ridare slancio a un vino di prestigio in una fase di difficoltà. Così l’Asti DOP ha messo in moto negli ultimi mesi un processo di rinnovamento importante, come dimostra l’avvio dell’iter della nuova denominazione Asti Secco (Dry) che non sostituisce, ma integra la gamma di produzione ed è l’esempio di un percorso appoggiato e condiviso sia dagli agricoltori che dagli industriali. Un cambiamento che, in questi giorni, sta investendo anche la dirigenza del Consorzio di tutela: uno dei sistemi di rappresentanza vitivinicola più antico di Italia associando 1.106 realtà tra case spumantiere, aziende vitivinicole, vinificatori e cantine cooperative, oltre a circa 800 produttori di uva soci di cantine sociali con delega di rappresentanza, coprendo un territorio di 52 comuni, con sede istituzionale a Isola d'Asti. La superficie interessata è di 9.700 ettari per una produzione annua di 54 milioni di bottiglie di Asti DOP e 31 milioni di bottiglie di Moscato d’Asti ...
  • 4 maggio 2017

    Bonarda dell’Oltrepò Pavese DOP: potrebbe essere eliminata la versione ferma

    L'Oltrepo del vino si interroga sulla decisione del nuovo disciplinare di eliminare la versione ferma della Bonarda dell'Oltrepò Pavese dall'elenco delle DOP. Se ne è parlato martedì 2 maggio, all'Enoteca regionale, durante l'ultimo dei tre incontri organizzati dal Consorzio di tutela Vini Oltrepò Pavese per spiegare la riforma. Nel corso del dibattito alcuni produttori di Rovescala hanno sollevato il problema, chiedendo il mantenimento tra le DOP della versione ferma del prodotto accanto a quella frizzante. Il presidente del Consorzio, Michele Rossetti, ha replicato con i dati della produzione, su cui si è basata la scelta operata nel nuovo testo del disciplinare: «Vogliamo trasformare la Bonarda nel rosso frizzante del territorio - ha affermato Rossetti -. Secondo i dati la produzione di Bonarda nella versione ferma si attesta al 10%». Ora le osservazioni pervenute saranno analizzate, poi il testo passerà all'assemblea del Consorzio e, infine, seguirà l'iter definitivo ...
  • 3 maggio 2017

    Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato DOP conferma i vertici

    Filippo Mobrici è stato rieletto presidente del Consorzio di tutela Barbera d’Asti e Vini del Monferrato DOP.  Lo ha eletto all’unanimità il Consiglio di amministrazione appena insediato. Il secondo mandato lo vedrà in carica per i prossimi tre anni fino al 2019. Al suo fianco nel ruolo di vicepresidenti confermati Stefano Chiarlo (Michele Chiarlo Azienda Vitivinicola) e Lorenzo Giordano (Cantina sociale di Vinchio e Vaglio Serra). Agronomo, 50 anni, due figli, Mobrici è il responsabile viticolo dei poderi della Bersano, storica azienda con sede a Nizza Monferrato, di cui gestisce con attenzione all'ambiente e alla conservazione del paesaggio, un patrimonio unico di terre e vigneti. E’ stato riconfermato anche il consiglio di amministrazione che guiderà l’ente fino al 2019. Insieme al presidente e ai due vice, i consiglieri eletti sono: Giulio Bava (Bava Azienda Vitivinicola), Luigi Bersano (MGM Mondo del Vino), Gianni Bertolino (Tenuta Olim Bauda), Pietro Brillando ...
  • 28 aprile 2017

    Made in: maxi sequestro di Europol-Interpol di alimenti contraffatti da 230 milioni di euro

    Quanto vale il falso Made in e il cibo contraffatto? Tanto, tantissimo, cifre da capogiro. Europol e Interpol hanno sequestrato alimenti alterati per un valore complessivo di 230 milioni di euro, e in soli quattro mesi. Opson VI, la vasta operazione condotta dall’1 dicembre 2016 al 31 marzo 2017, ha portato alla confisca di 9.800 tonnellate e oltre 26,4 milioni di litri di cibi e bevande “potenzialmente nocive” per la salute umana. Alcolici, acqua minerale, dadi, sughi già pronti, olio d’oliva, frutti di mare, e persino prodotti di lusso come il caviale: non c’è categoria di cibo che si salvi dalle contraffazioni. La maxi-operazione è stata condotta in 61 Paesi, 21 dei quali Ue, per operazioni a tappetto che ha visto più di 50mila perquisizioni e controlli in negozi, mercati, porti, aeroporti, siti industriali. “Opson VI ha confermato la minaccia rappresentata dalla frode alimentare, che riguarda tutti i tipi di prodotti in tutte le regioni del mondo”, spiega ...
  • 28 aprile 2017

    Esame del Dna sui maiali per il Prosciutto di San Daniele DOP

    Si sta allargando a macchia d'olio l'indagine dei carabinieri del Nas sugli allevamenti e stabilimenti di produzione del Prosciutto San Daniele DOP. Mentre sale il numero degli indagati nella Marca, l'attività degli allevamenti, finiti nel mirino del Nas di Udine, è praticamente bloccata. I verri (maiali maschi da riproduzione), oggetto dell'indagine, sono stati posti sotto sequestro ed è stato disposto l'esame del Dna su un campione di "suinetti" di ciascun allevamento finito nelle maglie dei controlli per capire se sono stati riprodotti dai verri ammessi alla filiera DOP e, dunque, se è stata rispettata la filiera del prosciutto a Denominazione d'origine protetta. Il sospetto degli investigatori è, infatti, quello che la produzione del prosciutto San Daniele DOP  sia stata contaminata da verri da riproduzione non ammessi al DOP. In particolare verri danesi, la cui carne è sanissima ma senza le caratteristiche di qualità e tipicità richieste per produrre prosciutti che ...