Nuove registrazioni IG

  • 28 marzo 2017

    West Wales Coracle Caught Sewin IGP – Regno Unito

    REGNO UNITO – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 43 del 21/02/2017 è stata registrata la denominazione West Wales Coracle Caught Sewin IGP, che, nel comparto Food, è la numero 37 delle IGP del Regno Unito e la numero 64 nel totale delle DOP e IGP agroalimentari del Regno Unito. Regno Unito – West Wales Coracle Caught Sewin IGP Classe 1.7. Pesci, molluschi, crostacei freschi e prodotti derivati Reg. UE 2017/596 del 15/03/2017 – GUUE L 81 del 28/03/2017 Descrizione del Prodotto: La West Wales Coracle Caught Sewin IGP è la denominazione attribuita al pesce della specie Salmo trutta (trota di mare), catturato utilizzando l’antico metodo tradizionale gallese di pesca con il coracle. Pesa almeno 1 kg e al massimo 10 kg. Deve avere una maculatura perfetta e non presentare distorsioni sulla coda, sulle pinne o sulla testa; il pesce è abbastanza rotondo e di corporatura robusta. La pinna caudale è normalmente rettangolare o convessa. Aspetto e ...
  • 21 febbraio 2017

    West Wales Coracle Caught Salmon IGP – Regno Unito

    REGNO UNITO – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 43 del 21/02/2017  è stata registrata la denominazione West Wales Coracle Caught Salmon IGP, che, nel comparto Food, è la numero 36 delle IGP del Regno Unito e la numero 63 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari del Regno Unito   Regno Unito – West Wales Coracle Caught Salmon IGP Classe 1.7. Pesci, molluschi, crostacei freschi e prodotti derivati Reg. UE 2017/293 del 08/02/2017 – GUUE L 43 del 21/02/2017 Descrizione del Prodotto: Il West Wales Coracle Caught Salmon IGP è la denominazione attribuita al pesce della specie Salmo Salar, catturato utilizzando l’antico metodo tradizionale gallese di pesca con il «coracle». Il West Wales Coracle Caught Salmon IGP pesa almeno 1 kg e al massimo 15 kg,  è di colore argento, con il dorso blu scuro e macchie nere che si trovano prevalentemente sopra la linea laterale anche se la pinna caudale di solito è senza macchie. Aspetto e ...
  • 15 febbraio 2017

    Lucques du Languedoc DOP – Francia

    FRANCIA – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 38 del 15/02/2017  è stata registrata la denominazione Lucques du Languedoc DOP, che, nel comparto Food, è la numero 99 delle DOP Francesi e la numero 241 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari francesi   Francia – Lucques du Languedoc DOP Classe 1.6. Ortofrutticoli e cereali, freschi o trasformati Reg. UE 2017/255 del 08/02/2017 – GUUE L 38 del 15/02/2017 Descrizione del Prodotto: Le olive provengono esclusivamente dalla varietà Lucques. L’oliva Lucques du Languedoc DOP è un’oliva verde, intera, né tagliata, né rotta. Essa è deamarizzata mediante soluzione alcalina ed è commercializzata in salamoia refrigerata o pastorizzata.  Aspetto e Sapore: la drupa è di colore verde, la forma è asimmetrica, in crescendo. La polpa è di colore chiaro. Il nocciolo ha forma lunata. La buccia è sottile, non rugosa. Può avere lievi protuberanze. Al sapore la Lucques du Languedoc DOP ...
  • 14 febbraio 2017

    Folar de Valpacos IGP – Portogallo

    PORTOGALLO - Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 37 del 14/02/2017 è stata registrata la denominazione Folar de Valpaços IGP, che, nel comparto Food, è la numero 73 delle IGP portoghesi e la numero 138 nel totale delle denominazioni nazionali DOP IGP STG.   Folar de Valpaços IGP Classe 2.3. Prodotti della panetteria, della pasticceria, della confetteria o della biscotteria Reg. Ue 2017/249 del 01.02.2017 - GUUE L 37 del 14.02.2017 Descrizione dl Prodotto: Il Folar de Valpaços IGP è un prodotto di panetteria, di forma rettangolare, preparato con pasta di pane di frumento, uova, olio d’oliva di Trás-os-Montes DOP o avente caratteristiche organolettiche analoghe, margarina vegetale e/o strutto, farcito di carne di maiale grassa e/o diversi tagli di pancetta salata e secca (non affumicata), salumi e salsiccia di maiale affumicati («salpicão» e «linguiça»), prosciutto affumicato o a stagionatura naturale e/o spalla di maiale affumicata....
  • 10 febbraio 2017

    Traditionally Reared Pedigree Welsh Pork STG – Regno Unito

    REGNO UNITO– Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 35 del 10/02/2017 è stata registrata la denominazione Traditionally Reared Pedigree Welsh Pork STG, che, nel comparto Food, è la numero 4 delle STG del Regno Unito e la numero 62 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari del Regno Unito Regno Unito – Traditionally Reared Pedigree Welsh Pork STG Classe 1.1. Carni fresche (e frattaglie) Reg. UE 2017/229 del 09/02/2017 – GUUE L 35 del 10/02/2017 Descrizione dl Prodotto: Il Traditionally Reared Pedigree Welsh Pork STG è un suino prodotto esclusivamente da maiali di razza «Pedigree Welsh». Il Traditionally Reared Pedigree Welsh Pork STG è caratterizzato da muscoli dorsali ben sviluppati e notevole lunghezza del lombo, prosciutti ben sviluppati. Lardo dorsale minimo di 10 mm a un peso di macellazione > 50 kg (peso morto) e lardo dorsale minimo di 14 mm a un peso maggiore (> 75 kg — peso morto). Di colore chiaro, ma più intenso con ...
  • 27 gennaio 2017

    Raclette de Savoie IGP – Francia

    FRANCIA – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 22/6 del 27/01/2017  è stata registrata la denominazione Raclette de Savoie IGP, che, nel comparto Food, è la numero 141 delle IGP della Francia e la numero 240 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari francesi. Francia – Raclette de Savoie IGP Classe 1.3 Formaggi Reg. UE 2017/138 del 16/01/2017 – GUUE L 22/6 del 27/01/2017 Descrizione del Prodotto: La Raclette de Savoie IGP è un formaggio a pasta pressata non cotta, elaborato a partire da latte vaccino crudo o termizzato. Si presenta in forma circolare, di diametro compreso tra 28 e 34 cm per un’altezza dello scalzo compresa tra 6 e 7,5 cm. Aspetto e Sapore: La Raclette de Savoie IGP è caratterizzata da una crosta lavata (croûte morgée) ricoperta da una patina di colore variabile dal giallo al bruno e da una pasta di colore dal bianco al giallo paglierino. La pasta può presentare occhiature e la sua consistenza è soda e fondente. ...
  • 20 gennaio 2017

    Miel Villuercas-Ibores DOP – Spagna

    SPAGNA – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 16/1 del 20/01/2017  è stata registrata la denominazione Miel Villuercas-Ibores DOP, che, nel comparto Food, è la numero 89 delle IGP della Spagna e la numero 195 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari spagnole. Spagna – Miel Villuercas-Ibores DOP Classe 1.4 Altri prodotti di origine animale (uova, miele, prodotti lattiero-caseari ad eccezione del burro, ecc.) Reg. UE 2017/93 del 10/01/2017 – GUUE L 16/1 del 20/01/2017 Descrizione dl Prodotto: Il Miel Villuercas-Ibores DOP è un miele ottenuto dalla flora autoctona elaborata dalle api Apis mellifera. In funzione dei differenti tipi di vegetazione si definiscono i seguenti tipi di miele: Miele monoflora di retama, Miele monoflora di castagno, Miele millefiori e Miele di melata. Metodo di produzione: Il Miel Villuercas-Ibores DOP è ricavato esclusivamente da arnie ubicate nella zona di produzione, la transumanza al di fuori di questa zona ...
  • 20 gennaio 2017

    Brillat-Savarin IGP – Francia

    FRANCIA – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 15/36 del 19/01/2017  è stata registrata la denominazione Brillat-Savarin IGP, che, nel comparto Food, è la numero 140 delle IGP della Francia e la numero 239 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari francesi. Francia – Brillat-Savarin IGP Classe 1.3 Formaggi Reg. UE 2017/91 del 10/01/2017 – GUUE L 15/36 del 19/01/2017 Descrizione dl Prodotto: Il Brillat-Savarin IGP designa un formaggio a pasta molle ottenuto da una cagliata lattica, fabbricato con latte vaccino e crema di latte vaccino, per il quale la prima immissione sul mercato ha luogo al più presto tre giorni dopo la cagliatura. Può essere venduto nelle tipologie fresco e stagionato. Metodo di produzione: Il latte destinato alla fabbricazione del Brillat-Savarin IGP è un tipo di latte vaccino intero, raccolto entro un massimo di due giorni a decorrere dal giorno della prima mungitura. La crema lavorata proviene unicamente dalla ...
  • 22 dicembre 2016

    Olio di Calabria IGP – Italia

    ITALIA – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 345 del 20/12/2016 è stata registrata la denominazione Olio di Calabria IGP - EVO, che, nel comparto Food, è la numero 123 delle IGP italiane e la numero 291 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari nazionali. Olio di Calabria IGP Classe 1.5. Oli e grassi (burro, margarina, olio, ecc.) Reg. Ue 2016/2301 dell0 08/12/2016 GUUE L 345 del 20/12/2016   Descrizione del Prodotto: l'Olio di Calabria IGP è un olio extravergine ottenuto dai frutti provienienti dalle seguenti cultivar autoctone: Carolea, Dolce di Rossano , Sinopolese, Grossa di Gerace , Tondina, Ottobratica , Grossa di Cassano, Tonda di Strongoli, presenti da sole o congiuntamente, in misura non inferiore al 90 %. Il restante 10 % può provenire da cultivar di olive autoctone di minore diffusione. Aspetto e Sapore: l’Olio di Calabria IGP come descrittori (considerando il CVR% minore o uguale a 20) presenta la mediana del ...
  • 15 dicembre 2016

    Oliva di Gaeta DOP – Italia

    ITALIA – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 340 del 15/12/2016 è stata registrata la denominazione Oliva di Gaeta DOP, che, nel comparto Food, è la numero 571 delle DOP italiane e la numero 290 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari nazionali.     Oliva di Gaeta DOP – Italia Reg. Ue 2016/2252 dello 01/12/2016 GUUE L 340 del 15/12/2016 Classe 1.6. Ortofrutticoli e cereali, freschi o trasformati Descrizione del prodotto: l'Oliva di Gaeta DOP è riservata all'oliva della varietà «Itrana», detta anche Gaetana. Non è ammessa l’utilizzazione di piante di «Itrana» geneticamente modificate. È vietato destinare alla produzione dell’ «Oliva di Gaeta» partite di olive che presentino drupe immature, molli, con epicarpo di colore rosso e/o assenza di «insanguamento» della polpa. Metodo di produzione: l'Oliva di Gaeta DOP «Itrana» è una varietà a duplice attitudine caratterizzata da una maturazione tardiva. Le ...
  • 3 dicembre 2016

    Burrata di Andria IGP – ITALIA

    ITALIA– Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 327 del 02/12/2016 è stata registrata la denominazione Burrata di Andria IGP, che, nel comparto Food, è la numero 122 delle IGP italiane e la numero 289 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari italiane Italia – Burrata di Andria IGP Classe 1.3. Formaggi Reg. UE 2016/2103 del 21/11/2016 – GUUE L 327 del 02/12/2016 Descrizione dl Prodotto: La Burrata di Andria IGP è un formaggio prodotto con latte vaccino e ottenuto dall’unione di panna e formaggio a pasta filata. L’involucro è costituito esclusivamente da pasta filata che racchiude, al suo interno, una miscela di panna e pasta filata sfilacciata. Aspetto e Sapore: La Burrata di Andria IGP ha l’aspetto di un piccolo sacchetto di pasta filata, bianco e lucido. Il ripieno è di stracciatella, ottenuto con pasta filata stracciata rigorosamente a mano e immersa in panna ripieno, ha una consistenza spugnosa immersa nella panna ha una forma ...
  • 3 dicembre 2016

    Vale of Evesham Asparagus IGP – Regno Unito

    REGNO UNITO– Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 327 del 02/12/2016 è stata registrata la denominazione Vale of Evesham Asparagus IGP, che, nel comparto Food, è la numero 35 delle IGP del Regno Unito e la numero 61 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari del Regno Unito Regno Unito – Vale of Evesham Asparagus IGP Classe 1.6. Ortofrutticoli e cereali freschi o trasformati Reg. UE 2016/2104 del 21/11/2016 – GUUE L 327 del 02/12/2016 Descrizione dl Prodotto: Il Vale of Evesham Asparagus IGP designa asparagi verdi coltivati fra aprile e luglio. Aspetto e Sapore: Il colore del Vale of Evesham Asparagus IGP può variare dal verde chiaro al verde scuro, con punte color porpora, a seconda della velocità di crescita e delle temperature notturne. La forma dipende dalle varietà e può presentare sottili differenze. Tipicamente, i turioni sono di forma lunga e sottile, il diametro oscilla fra 8 mm (intermedio) e 24 mm. La lunghezza massima per ...
  • 9 novembre 2016

    Anguria Reggiana IGP – Italia

    ITALIA – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 301 del 09/11/2016 è stata registrata la denominazione Anguria Reggiana IGP, che, nel comparto Food, è la numero 121 delle IGP italiane e la numero 288 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari nazionali.     Anguria Reggiana IGP – Italia Reg. Ue 2016/1959 del 07/11/2016 GUUE L 301 del 09/11/2016 Classe 1.6. Ortofrutticoli e cereali, freschi o trasformati Descrizione del prodotto: l’Anguria Reggiana IGP designa tutti i frutti della specie botanica Citrullus Ianatus suddivisi nelle varietà Ashai Mijako, Crimson e Sentinel, rispettivamente con forma tonda, ovale e allungata. Metodo di produzione: l'Anguria Reggiana IGP può essere coltivata in pieno campo e/o ambiente protetto (tunnel piccolo, serra fredda o tunnel piccolo) con copertura in materiale protettivo completamente rimovibile. La semina per la produzione delle piantine da trapianto avviene tra il 10 gennaio e il 31 ...
  • 4 novembre 2016

    Hannlamb DOP – Svezia

    SVEZIA – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 297 del 04/11/2016 è stata registrata la denominazione Hånnlamb DOP, che, nel comparto Food, è la numero 3 delle DOP svedesi e la numero 8 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari svedesi. Hånnlamb DOP Classe 1.1. Carni fresche Reg. Ue 2016/1920 del 19/10/2016 GUUE L 297 del 04/11/2016 Descrizione dl Prodotto: l'Hånnlamb DOP designa le carcasse o i tagli di agnelli e pecore della razza «gutefår» che sono nati, allevati e macellati nella zona geografica delimitata di Gotland. Nel dialetto di Gotland, «hånnlamb» significa «pecora con le corna». Aspetto e Sapore: l'Hånnlamb DOP presenta una grande varietà in aspetto e sapore. Gli ovini adulti «gutefår» variano in peso, anche all’interno della stessa fascia d’età. Il peso vivo medio delle pecore è 50 kg, ma può variare tra 40 kg e 70 kg, con una corrispondente variazione per i montoni di 60-80 kg. Il clima secco di ...
  • 4 novembre 2016

    Poularde du Périgord IGP – Francia

    FRANCIA – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 297 del 04/11/2016 è stata registrata la denominazione Poularde du Périgord IGP, che, nel comparto Food, è la numero 139 delle IGP francesi e la numero 238 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari francesi.   Poularde du Périgord IGP Classe 1.1. Carni fresche Reg. Ue 2016/1922 del 20/10/2016 GUUE L 297 del 04/11/2016 Descrizione dl Prodotto: la Poularde du Périgord IGP è un volatile da cortile a carne gialla proveniente da tipi genetici a crescita lenta di tipo a collo nudo. Aspetto e Sapore: la Poularde du Périgord IGP allevata per un periodo minimo di 120 giorni è una gallina giovane ingrassata. Si tratta di un volatile da cortile che si consuma in occasione delle festività e caratterizzato da carni sode e una massa muscolare molto sviluppata su uno scheletro sottile. La pelle, molto sottile, di colore giallo intenso ed uniforme, lascia trasparire uno stato di ingrassamento ...
  • 21 ottobre 2016

    Šoltansko Maslinovo Ulje DOP – Croazia

    CROAZIA – Nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 286 del 21/10/2016 è stata registrata la denominazione Šoltansko Maslinovo Ulje DOP, che, nel comparto Food, è la numero 8 delle DOP croate e la numero 14 nel totale delle denominazioni d’origine agroalimentari croate.   Šoltansko maslinovo ulje DOP Classe 1.5. Oli e grassi (burro, margarina, olio ecc.) Reg. UE 2016/1865 del 10/10/2016 – GUUE L 286 del 21/10/2016 DESCRIZIONE: Lo Šoltansko Maslinovo Ulje DOP è prodotto dal frutto delle varietà autoctone di ulivo conosciute come Levantinka sinonimo: Šoltanka) e Oblica. La varietà Levantinka deve rappresentare almeno il 50 %, mentre la percentuale delle varietà Levantinka (sinonimo: Šoltanka) e Oblica combinate deve essere almeno del 95 %. Il restante 5 % o meno può provenire da altre varietà coltivate negli uliveti di Solta e, data la percentuale ridotta, non avrà alcun effetto sulle proprietà definitive del prodotto. L’olio extra ...