Notizie

  • 24 febbraio 2017

    Grana Padano DOP, il marchio “Il nostro latte” indicherà la provenienza del latte utilizzato

    Si chiamerà "Il nostro latte" ed è un marchio a disposizione di tutti i produttori di Grana Padano DOP fin d’ora. Un'iniziativa, ideata e realizzata dal Consorzio di tutela del prodotto DOP più consumato del mondo (oltre 4 milioni e 850 mila forme annue), che permetterà alle aziende che aderiranno al progetto di far conoscere al consumatore - attraverso un segno distintivo ben identificabile -  le aree di provenienza del latte utilizzato per la realizzazione del Grana Padano DOP commercializzato. «Il logo "Il nostro latte", accompagnato dalla dicitura proviene solo da qui - spiega Nicola Cesare Baldrighi, presidente del Consorzio Grana padano DOP - potrà essere utilizzato esclusivamente e su base volontaria solo per il Grana Padano DOP. Si tratta di un'immagine con sfondo giallo che rappresenta l'Italia divisa per regioni e che indicherà in nero le zone geografiche da cui proviene il latte utilizzato per la produzione di una determinata confezione di Grana Padano DOP. ...
  • 24 febbraio 2017

    Il Pecorino Toscano DOP a Dubai per conquistare il mercato mediorientale

    Missione mediorientale per il Pecorino Toscano DOP. Dopo Vietnam e Stati Uniti d’America, da domenica 26 febbraio a giovedì 2 marzo il Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP parteciperà a GulFood, il grande evento dedicato alle eccellenze alimentari di tutto il mondo in programma presso il World Trade Centre di Dubai. Per l’occasione, sono attesi negli Emirati Arabi Uniti circa 5mila aziende provenienti da più di cento paesi e oltre 80mila visitatori, per un evento internazionale in grado di mettere in connessione realtà e aziende di tutto il pianeta. “Partecipiamo con piacere a GulFood - afferma Andrea Righini, direttore del Consorzio del Pecorino Toscano DOP - La 22esima edizione dell’evento di Dubai è un’opportunità per incontrare tanti potenziali consumatori e sviluppare contatti con realtà lontane dalla nostra. Il Pecorino Toscano DOP guarda al mercato mediorientale con grande interesse, vista l’attenzione mostrata verso il nostro formaggio da paesi come gli ...
  • 23 febbraio 2017

    Mortadella Bologna IGP: l’originale ricetta di Carnevale

    Continua “AmoRosa - passione in cucina”, il Fil Rouge che vede la Mortadella Bologna IGP protagonista di nuove ed originali ricette. In pieno clima Carnevalesco, non poteva di sicuro mancare una ricetta a tema - ideata dal Consorzio di tutela Mortadella Bologna, con la collaborazione dell’Associazione I Love Italian Food e la sapiente esperienza dello Chef Andrea Ruisi, Chef Event di ALMA - La Scuola Internazionale di Cucina Italiana - Zeppole nere salate con cuore di Mortadella Bologna IGP. Questa ricetta rappresenta un’altra tappa del viaggio culinario della Mortadella Bologna IGP attraverso le principali festività del calendario italiano che, partendo dal web, si snoda nella quotidianità delle cucine per sedersi a tavola con gli amanti della ristorazione “homemade”. Fonte: Consorzio Mortadella Bologna IGP SCARICA IL COMUNICATO COMPLETO
  • 23 febbraio 2017

    Chianti DOP: il Consorzio diminuisce la produzione per innalzare la qualità

    Diminuire la quantità incentivando l'ammodernamento dei vigneti e incrementare così la qualità di tutta la Denominazione per essere ancora più competitivi sul mercato internazionale. In questa direzione la scelta del Consorzio Vino Chianti DOP di modificare il disciplinare in occasione dell'assemblea dei soci riunita a Firenze. E' stata infatti anticipata di un anno la scelta di ridurre le rese 'a ceppo' da 5 a 3 chilogrammi relativa alla produzione dei vecchi vigneti che fino ad oggi godevano di un regime in deroga particolare. “Questa permetterà di riequilibrare la Denominazione – spiega Giovanni Busi, presidente del Consorzio Vino Chianti DOP – garantendo una migliore qualità dei nostri vini. Una scelta in linea con quanto deciso dall'ultimo Consiglio di Amministrazione del Consorzio che nei giorni scorsi ha deliberato la riduzione del 10% della produzione massima di uva a ettaro per la vendemmia 2017 che permetterà di mantenere l'equilibrio della nostra Denominazione ...
  • 23 febbraio 2017

    Martina consegna il decreto di riconoscimento al Consorzio Ricotta di Bufala Campana DOP

    Il Ministro delle politiche agricole Maurizio Martina ha consegnato questa mattina il decreto di riconoscimento da parte del Ministero del Consorzio di tutela della Ricotta di Bufala Campana DOP, costituito nel 2015. Martina è stato accolto nella sede delle Cavallerizze all’interno della Reggia di Caserta dal Presidente del Consorzio della Ricotta di Bufala DOP Benito La Vecchia e dal Presidente del Consorzio Mozzarella DOP Domenico Raimondo. “Qui è realizzato un esperimento di interesse nazionale – dichiara il ministro Martina - La Mozzarella di Bufala Campana DOP è regina del comparto ma guai ad accontentarsi. Bisogna insistere sulla strada di sviluppo tracciato e sul modello di sinergia con i beni culturali e le altre risorse del territorio  in un legame che rende tutti più forti.” Soddisfatto il presidente La Vecchia: “Siamo orgogliosi della visita del Ministro – dichiara - da oggi siamo il soggetto ufficialmente incaricato di tutelare e valorizzare un ...
  • 22 febbraio 2017

    Consorzio Prosciutto di Parma DOP in prima linea con Mipaaf e ICQRF contro le frodi

    In riferimento alle perquisizioni dell’Ispettorato Centrale Repressione Frodi (ICQRF) effettuate oggi presso alcune aziende attive nel settore suinicolo, il Consorzio del Prosciutto di Parma DOP desidera ringraziare il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e tutte le forze di polizia che hanno portato alla luce l’illecito a tutela del Made in Italy e in particolare dei prosciutti DOP. Ribadisce inoltre che le aziende accusate di associazione per delinquere finalizzata alla frode in commercio aggravata hanno agito a totale insaputa dei produttori di Prosciutto di Parma. "Siamo parte lesa in questa situazione che danneggia enormemente il lavoro di tutto il comparto – ha dichiarato Vittorio Capanna, presidente del Consorzio. Allo stesso tempo siamo orgogliosi che il sistema di controllo che regola la qualità delle DOP funzioni, anche grazie alle attività incrociate tra i nostri ispettori e quelle delle forze dell’ordine". E’ bene inoltre ricordare ...
  • 22 febbraio 2017

    Mipaaf, Operazione ICQRF: scoperte imprese che producevano falsi Prosciutti DOP

    Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf) rende noto che dall’alba di oggi l’Ispettorato Centrale Repressione Frodi (ICQRF), su delega della Procura della Repubblica di Torino, sta effettuando decine di perquisizioni in Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto all’interno di imprese attive nel settore suinicolo e nella fornitura di materiale genetico agli allevamenti. L’operazione mira a tutelare le produzioni a denominazione di origine protetta Prosciutto di Parma DOP e Prosciutto di San Daniele DOP. Indagati oltre 30 titolari di imprese, accusati di associazione per delinquere finalizzata alla frode in commercio aggravata, che avrebbero utilizzato suini non ammessi dal disciplinare di produzione, vale a dire senza le caratteristiche di qualità e tipicità richieste per produrre prosciutti DOP. “Il Mipaaf – afferma il Ministro Maurizio Martina – conferma la massima attenzione nella tutela delle produzioni italiane di qualità e ...
  • 21 febbraio 2017

    Speck Alto Adige IGP a 20 anni dalla denominazione il 33% esportato in UE e USA

    Il Consorzio Speck Alto Adige IGP festeggia con grande soddisfazione i primi venti anni trascorsi da quando l'Unione europea ha riconosciuto la denominazione a indicazione geografica protetta.  In questi venti anni, grazie al suo inconfondibile gusto e  alla sua versatilità in cucina lo Speck Alto Adige IGP si è affermato sul mercato sia nazionale che internazionale. La significativa crescita dell'export che ha raggiunto nel 2016 il 33,2 % delle vendite globali conferma infatti che lo Speck Alto Adige IGP è un prestigioso ambasciatore della genuina qualità altoatesina . Trattandosi di uno dei prodotti più esportati della salumeria italiana, lo Speck è diventato anche uno degli esponenti di rilievo della qualità e bontà dei prodotti italiani. Per rafforzare questa posizione, nel prossimo triennio lo Speck Alto Adige IGP, insieme all'Asiago DOP e il Pecorino Romano DOP, sarà il testimone nei più importanti mercati dell'America del Nord, con il progetto "Enjoy, it's ...
  • 17 febbraio 2017

    Il Gorgonzola DOP stupisce come ingrediente di una rivisitazione delle frittelle di Carnevale

    Il Gorgonzola DOP è un’ ingrediente sempre più ricercato dagli chef per dar vita a preparazioni originali che stupiscono:  dalle frittelle di Carnevale  ai tramezzini Mimosa perfetti per la festa della donna, dai muffin ai  biscotti salati, fino ad un inaspettato gelato. Ogni stagione è buona per consumare del buon Gorgonzola DOP, un formaggio che ha addirittura origini leggendarie. Le più celebri leggende sulla sua nascita  sono due e la fanno risalire una alla sbadataggine, l’altra all’amore. Nel primo caso si racconta che un mandriano si fermò a Gorgonzola e, avendo dimenticato l'attrezzatura per lavorare il latte destinato a diventare crescenza o quartirolo, lasciò la cagliata in un recipiente riservandosi di unirla a quella del giorno dopo, per poi lavorare il tutto con gli attrezzi recuperati. Tuttavia l’unione delle due “paste” di consistenza diversa provocò il passaggio dell’aria negli interstizi e di conseguenza la diffusione delle muffe. Nacque ...
  • 17 febbraio 2017

    Consorzio Zampone Modena Cotechino Modena IGP: “Le quattro stagioni del sapore”

    La collezione dei ricettari del Consorzio di tutela Zampone Modena Cotechino Modena IGP si arricchisce di un nuovo volume: “Le quattro stagioni del sapore”. Un volume con ben 116 ricette provenienti dalle Scuole Alberghiere di tutta Italia che hanno partecipato al Concorso nazionale di cucina promosso dal Consorzio e che ha visto come vincitori l’IPSSAR Buscemi di San Benedetto del Tronto con la “Mela rozza dei Sibillini con Cotechino Modena IGP in porchetta e anice verde di Castignano”. Non resta quindi che lasciarsi catturare dalla curiosità di provare nuovi sapori, dalla voglia di cimentarsi in cucina e di sperimentare. Ma soprattutto non resta che munirsi di questo divertente ricettario scaricabile anche dal sito http://www.modenaigp.it/ I piatti sono suddivisi per stagione in quanto quest’anno i ragazzi si sono cimentati nella prova di destagionalizzare il prodotto, che è solitamente consumato durante le festività ma che si presterebbe ad un uso, soprattutto ...
  • 17 febbraio 2017

    Pomodoro di Pachino IGP: nuove attestazioni dalla comunità scientifica

    Migliora la pressione, induce rilassamento, favorisce la concentrazione e regola il flusso intestinale: il Pomodoro di Pachino IGP riceve nuove attestazioni dalla comunità scientifica grazie alle sue proprietà nutrizionali d’eccezione, frutto di una combinazione delle condizioni di suolo, clima e acqua irripetibile in altri territori. Nell’articolo pubblicato da Piera Stefania Arfò, biologa nutrizionista specializzata in patologia clinica e pubblicato sul numero di luglio/dicembre di Enpab Magazine (la rivista ufficiale dell’Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza in favore dei Biologi), le proprietà nutrizionali del pomodoro di Pachino Igp sono state vagliate attraverso la risonanza magnetica, come metodo di studio dei metaboliti:”Le proprietà nutrizionali ed organolettiche del pomodoro di Pachino IGP- spiega la dott.ssa Arfò-  dipendono dal metodo di coltivazione in serra, dalle acque di irrigazione, caratterizzate da una salinità compresa tra 1.500 e 10.000 ...
  • 17 febbraio 2017

    Trattato Ue-Canada: soddisfatto Il Consorzio del Parmigiano Reggiano DOP

    "Non spetta a noi entrare nel merito complessivo dell'intesa Il vantaggio per i nostri produttori - sottolinea il presidente del Consorzio, Alessandro Bezzi - ma il buon esito per i nostri produttori si riscontra su due fattori, ovvero sul raddoppio della quota dei formaggi comunitari esportabilii e, a maggior ragione, sull'avvio di nuovi meccanismi di protezione rispetto alle imitazioni e alle contraffazioni". "Se si considera il fatto che il Canada sta già facendo segnare costanti e rilevanti aumenti delle importazioni di Parmigiano Reggiano DOP (oltre il 12% nel 2016), è evidente - spiega Bezzi - che con la firma del trattato si potranno cogliere al meglio le opportunità commerciali che nel Paese nordamericano abbiamo costruito con forti azioni di comunicazione e, soprattutto, con accordi che hanno interessato le maggiori catene distributive canadesi". "Il trattato commerciale - osserva Bezzi - non interviene in modo del tutto restrittivo sulle produzioni canadesi che si ...
  • 17 febbraio 2017

    Il Consorzio Grana Padano DOP: ok l’intesa Ue-Canada

    Cesare Baldrighi, Presidente del Consorzio Grana Padano, il prodotto DOP più consumato del mondo con oltre 4 milioni e 800 mila forme annue, e Presidente Afidop (associazione di tutti i consorzi dei formaggi DOP), giudica così l'imminente entrata in vigore dell'accordo 'Ceta' (Comprehensive Economic and Trade Agreement) tra Unione Europea e Canada che, dopo 7 anni di difficili negoziati, porterà al riconoscimento di 176 prodotti europei agroalimentari ad indicazione d'origine, 41 dei quali italiani. “Questo accordo - spiega Baldrighi - tutelerà le nostre DOP e IGP vietando 'scimmiottature' o falsi realizzati in Canada con l’uso di simboli o diciture che richiamano 'l’italianità' evitando così che il consumatore abbia una falsa percezione sull'origine di ciò che acquista”. Una piaga, quella dell'agropirateria che crea un danno, solo per quanto riguarda il Grana Padano quantificabile in circa un miliardo di euro l'anno, 700 milioni dei quali riguardante il mercato ...
  • 16 febbraio 2017

    Si chiama Prosciutto di Parma DOP anche in Canada

    La firma dell’accordo di libero scambio UE-Canada, segna un risultato storico per il Prosciutto di Parma DOP che prende possesso del proprio nome in Canada a seguito dell’accordo di libero scambio – CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) – tra Unione Europea e il Canada approvato dal Parlamento europeo. Il CETA, tra le altre cose, introduce un quadro di riferimento per la disciplina delle Indicazioni Geografiche a cui sono riconosciuti uno status speciale e una maggiore protezione sul mercato canadese. Nello specifico, l’intesa prevede la coesistenza della denominazione “Prosciutto di Parma” e del marchio “Parma” attualmente detenuto dalla società canadese Maple Leaf. "E’ un traguardo tanto atteso – ha dichiarato Vittorio Capanna, presidente del Consorzio del Prosciutto di Parma – che premia la tenacia dei nostri produttori che finalmente potranno vendere il nostro Prosciutto sul mercato canadese con la corretta denominazione "Prosciutto di ...
  • 15 febbraio 2017

    NY, il Consorzio Prosecco DOP si sdoppia

    Duecento bottiglie di Prosecco DOP sono state stappate a New York in occasione delle sfilate di alta moda femminile della Couture Fashion Week (10-12 febbraio) e dell’Oxford Fashion Studio Runway Show (11 febbraio). Durante gli After Party e Evening Show della Couture Fashion Week, presso l’Hospitality Suite del Crowne Plaza in Times Square, nello spazio del  Consorzio di Tutela del Prosecco DOP si sono avvicendati giornalisti, designer, modelle, platinum guest e top consumer: 75 ospiti VIP (ogni biglietto d’ingresso valido un giorno venduto a 1.500 $) che hanno brindato con le bollicine più famose del mondo, servite da sommelier di calibro internazionale. “Riteniamo fondamentale essere presenti negli Stati Uniti, nostro secondo mercato in termini di export, con attività di promozione che ci permettono di aiutare il consumatore a riconoscere ed apprezzare appieno la qualità delle nostre produzioni e in contesti dove il nostro Prosecco ben si coniuga con importanti ...
  • 15 febbraio 2017

    Salame di Varzi DOP, una crescita che non si arresta: +12,8%

    L’eccellenza della salumeria dell’Oltrepò Pavese, il Salame di Varzi DOP, (Denominazione di Origine Protetta) continua crescere nella produzione. Nel 2016 sono stati 471.023,76 i chili di Salame certificato, con un aumento del 12,8% rispetto al 2015. I Salami di Varzi DOP sono stati 515.633 (+14,5%), prodotti perlopiù nel formato di piccola pezzatura, più adatti al consumo domestico. Sul fronte del preaffettato il numero è stabile con circa 60.000 vaschette. “Il consumatore si sta indirizzando a richiedere salami più piccoli. Sicuramente perché riesce a conservarli meglio e non va incontro allo spreco. In più è sicuramente più gustoso mangiarlo fresco e al momento” ha affermato Fabio Bergonzi, Presidente del Consorzio di tutela del Salame di Varzi. Il Salame di Varzi oggi è conosciuto e apprezzato in Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna e Veneto ma il Consorzio sta cercando di aumentare la sua diffusione anche grazie ad un accordo fatto con l’Associazione ...