day : 13/11/2017

  • 13 November 2017

    Alti Formaggi, Pisani: “legare prodotti e bellezze del territorio”

    Nel 2009 nasce il progetto Alti Formaggi grazie a tre Consorzi di tutela lombardi: Provolone Valpadana DOP , Taleggio DOP, Salva Cremasco DOP. È il primo esempio di sinergia tra Consorzi di Tutela in Italia. Un modo per fare sistema e divulgare meglio sapere e informazioni sui prodotti di qualità. Vittorio Emanuele Pisani è segretario di questa realtà unica, che si concretizza in uno spazio comune di informazione, valorizzazione e promozione, rivolto a consumatori e appassionati. Alti formaggi si sostituisce a tutte le attività dei tre Consorzi che rappresenta o si occupa solo di alcuni aspetti? “No, non si sostituisce affatto, segue la comunicazione e il rapporto diretto con il consumatore, non la tutela e la vigilanza. Alti Formaggi rappresenta tre realtà diverse e complementari una all’altra, non ci sono sovrapposizioni, perché sono tre tipologie diverse di formaggio e in ogni iniziativa che facciamo, abbiamo sempre un cuoco che lavora i tre formaggi ...
  • 13 November 2017

    Calabria, i Consorzi di tutela DOP IGP approvano la strategia comune

    L'unione fa la forza anche quando si parla di food. A pensarla così sono i dieci consorzi di tutela DOP IGP calabresi che vogliono fare massa critica per poter entrare meglio sui mercati anche internazionali e per trattare con la Regione che gestisce il Piano di sviluppo rurale, praticamente i fondi europei per l'agricoltura. Questa la strategia per il prossimo anno dei produttori dell'agroalimentare calabrese di qualità con i marchi DOP e IGP. Tutte eccellenze che da qualche anno hanno conquistato una cospicua fetta di mercato, facendo salire l'export calabrese che è pur sempre basso, e registrando la crescita più importante nell'economia secondo i più recenti rapporti congiunturali della Banca d'Italia. "Qualità Calabria" sarà il nuovo motto dei consorzi che si sono incontrati nella sede di Unioncamere a Lamezia per mettere a punto una strategia condivisa. Alla riunione coordinata dal dottore agronomo Giuseppe Perri c'erano praticamente tutti: Ezio Pizzi del ...
  • 13 November 2017

    Formaggi DOP al vertice di un settore da 15 miliardi in Italia

    Supera i 15 miliardi di euro il giro d'affari generato dal settore lattiero-caseario in Italia, l'industria più grande dell'agroalimentare del Paese con 1.500 imprese e 2.500 addetti (indotto compreso) e un export, in crescita, da 2,8 miliardi di euro e quasi interamente generato dai formaggi. 36 milioni di litri di latte prodotti giornalmente dalle mucche distribuiti in 50mila punti vendita, riforniti ogni 24 ore. Un mercato complesso, dominato per anni dalle quote latte che hanno generato tensioni e proteste fino alla loro cessazione, nell'aprile del 2015. Ma è il costo della materia prima all'origine fa ancora discutere: nell'ultimo anno l'Italia è fra i Paesi UE che ha aumentato la produzione di latte ( +3,2%) ma questo, per una volta, non sembra aver coinciso con una flessione dei prezzi pagati agli allevatori, che viaggia attorno ai 38,31 euro al quintale (+16% rispetto all'anno precedente, fonte Clal). L'incremento è legato piuttosto alla domanda estera, in ...
  • 13 November 2017

    Premio Ecofriendly al Consorzio Prosecco DOP

    Stefano Zanette,  presidente del Consorzio Prosecco DOC ha ricevuto, sul palco del Teatro Puccini di Merano, il “Premio Speciale Ecofriendly 2018, indetto dalla Guida Vinibuoni d’Italia del TuoringClub - nell’ambito della 26^ edizione del Merano Wine Festival. “Ringrazio per questo riconoscimento che apprezzo in modo particolare perché testimonia il serio impegno del Consorzio a favore della sostenibilità nella sua accezione più ampia, che quest’anno si è tradotta in precise richieste di modifica al Disciplinare di produzione del Prosecco. Un evento senza precedenti nel mondo delle DO, le Denominazioni d’Origine” - dichiara Zanette nel ricevere il premio  dalle mani di Alessandro Bocchio di Verallia, colosso del vetro alimentare che insieme ad Amorim Cork Italia e Repower risulta tra le aziende sostenitrici del premio. “Il Premio Ecofriendly da alcuni anni viene attribuito dalla guida Vinibuoni d’Italia alle aziende vitivinicole virtuose e ai ...
  • 13 November 2017

    Le eccellenze toscane DOP IGP fanno squadra e volano in UK

    Una “squadra” di eccellenze toscane a tavola sempre più forte e pronta a conquistare nuovi palati in tutta Europa. E’ quella che unisce il Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP, il Consorzio del Prosciutto Toscano DOP, il Consorzio Vino Chianti Classico DOP e il Consorzio Olio Chianti Classico DOP ed è pronta a volare a Londra nei prossimi giorni per un evento dedicato a buyer, operatori e giornalisti britannici del settore food and beverage. L’appuntamento rappresenta una nuova tappa del progetto EAT, European Art of Taste, che riunisce i quattro prodotti a marchio DOP e DOCG del panorama agroalimentare e vinicolo toscano cofinanziato dall’Unione Europea nel 2016 con oltre 700 mila euro. Nel corso della serata londinese, ogni consorzio presenterà il proprio prodotto con relatori qualificati e puntando a esaltare e valorizzare le singole peculiarità e qualità, prima di lasciare spazio a degustazioni guidate. Il progetto EAT ha durata triennale e, nei mesi ...
  • 13 November 2017

    Ecco come il Consorzio per la tutela dei vini Valpolicella cambia passo

    Sostenibilità, mercati esteri e difesa del marchio,  Il Consorzio dei vini veronesi pronto a celebrare il cinquantenario della Doc con una serie di novità. Il Consorzio per la tutela dei vini Valpolicella, nato nel lontano 1924 – anno in cui l'Italia viveva ben altri climi, non solo dal punto di vista meteorologico – vanta un fatturato vitivinicolo complessivo di 550 milioni di euro (secondo le stime dell'Osservatorio vini Valpolicella), di cui 330 di solo Amarone della Valpolicella. Anche per il presidente consortile, Andrea Sartori (Casa vinicola Sartori), i circa 15 milioni di bottiglie non rappresentano ancora un tetto massimo in volume. Come, invece, sembrano essere gli ettari vitati in Valpolicella, che entro il 2017 dovrebbero toccare per la prima volta quota ottomila: "Il vigneto può considerarsi chiuso" spiega Sartori "e questo aumento è dovuto all'impianto di vigneti che fanno parte di diritti acquisiti. Ritengo che ci fermeremo per puntare a una ...