OQ-LEGISLATIVO

  • 23 February 2017

    Sardegna, “Pegno rotativo” a garanzia dei Formaggi DOP

    La Regione Sardegna, per risolvere alcune criticità sul prodotti lattiero caseari DOP ha adottato il "pegno rotativo" che rappresenta una forma di garanzia sui formaggi a media e lunga stagionatura. Questo strumento tecnico è stato istituito con un decreto Mipaaf del luglio 2016. Con il pegno rotativo il trasformatore può ricevere un sostegno finanziario dalle banche, mettendo a pegno le proprie riserve casearie collocate in locali di stoccaggio. Il pegno rotativo si realizza con la sostituzione delle forme sottoposte a pegno con quelle nuove da stagionare. Queste operazioni vengono annotate in un registro vidimato da un notaio. Il risultato è stato reso possibile grazie alla collaborazione con l'Abi, l'Associazionismo professionale di categoria, il Consorzio fidi e il Consorzio di tutela Pecorino Romano DOP. «Con il pegno rotativo - afferma Raffaele Paci vice presidente della Giunta - si fa un passo avanti verso la razionalizzazione della filiera del Pecorino Romano DOP ...
  • 23 February 2017

    Riconosciuto il Consorzio di tutela del Salame d’Oca di Mortara IGP

    Il Ministero delle politiche agricole ha riconosciuto con proprio atto del 18 gennaio 2017 il Consorzio di tutela del Salame d'Oca di Mortara IGP quale soggetto incaricato, per i prossimi tre anni, di svolgere le funzioni di tutela, promozione, valorizzazione, informazione del consumatore e di cura generale degli interessi relativi all'indicazione, come previsto dalla legge 526/1999. Le attività in capo al Consorzio sono definite dalla normativa nazionale e comunitaria in rnateria di tutela delle DOP  e IGP riconosciute, riportate nel testo del decreto ministeriale, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 29 dello scorso 4 febbraio. Fonte: L'Informatore Agrario SCARICA L'ARTICOLO COMPLETO  
  • 23 February 2017

    Martina consegna il decreto di riconoscimento al Consorzio Ricotta di Bufala Campana DOP

    Il Ministro delle politiche agricole Maurizio Martina ha consegnato questa mattina il decreto di riconoscimento da parte del Ministero del Consorzio di tutela della Ricotta di Bufala Campana DOP, costituito nel 2015. Martina è stato accolto nella sede delle Cavallerizze all’interno della Reggia di Caserta dal Presidente del Consorzio della Ricotta di Bufala DOP Benito La Vecchia e dal Presidente del Consorzio Mozzarella DOP Domenico Raimondo. “Qui è realizzato un esperimento di interesse nazionale – dichiara il ministro Martina - La Mozzarella di Bufala Campana DOP è regina del comparto ma guai ad accontentarsi. Bisogna insistere sulla strada di sviluppo tracciato e sul modello di sinergia con i beni culturali e le altre risorse del territorio  in un legame che rende tutti più forti.” Soddisfatto il presidente La Vecchia: “Siamo orgogliosi della visita del Ministro – dichiara - da oggi siamo il soggetto ufficialmente incaricato di tutelare e valorizzare un ...
  • 22 February 2017

    Consorzio di tutela del Morellino di Scansano DOP, operativo il nuovo direttore

    Nominato il nuovo direttore del Consorzio tutela del Morellino di Scansano DOP: si tratta di Alessio Durazzi, 38 anni, laureato in Economia e Commercio all'Università di Firenze, esperto di marketing con esperienza decennale nell'export management di aziende agroalimentari, e alle spalle anche un importante contributo, come direttore per due anni, allo sviluppo del Consorzio di tutela Montecucco DOP. «E' da circa un anno - dice Giuseppe Mantellassi, presidente del Consorzio - che stiamo rafforzando la nostra struttura consortile con l'obiettivo di renderla sempre più compatibile con le responsabilità che gli sono state assegnate sia sul fronte della tutela che della promozione. In particolare, il nostro obiettivo è di consentire che il Consorzio di tutela diventi una struttura moderna, più vicina ai fabbisogni dei propri soci, più capace di interpretare le complesse evoluzioni dei mercati. E per farcela è fondamentale avere al nostro interno le competenze adeguate. ...
  • 22 February 2017

    Mipaaf, Operazione ICQRF: scoperte imprese che producevano falsi Prosciutti DOP

    Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf) rende noto che dall’alba di oggi l’Ispettorato Centrale Repressione Frodi (ICQRF), su delega della Procura della Repubblica di Torino, sta effettuando decine di perquisizioni in Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto all’interno di imprese attive nel settore suinicolo e nella fornitura di materiale genetico agli allevamenti. L’operazione mira a tutelare le produzioni a denominazione di origine protetta Prosciutto di Parma DOP e Prosciutto di San Daniele DOP. Indagati oltre 30 titolari di imprese, accusati di associazione per delinquere finalizzata alla frode in commercio aggravata, che avrebbero utilizzato suini non ammessi dal disciplinare di produzione, vale a dire senza le caratteristiche di qualità e tipicità richieste per produrre prosciutti DOP. “Il Mipaaf – afferma il Ministro Maurizio Martina – conferma la massima attenzione nella tutela delle produzioni italiane di qualità e ...
  • 21 February 2017

    Domande Pac per il 2017: doppia scadenza a maggio

    Doppio termine di presentazione delle domande Pac, campagna 2017. Le istanze iniziali potranno essere presentate dal 15 maggio 2017 e quelle di modifica dal 31 maggio 2017. Le domande potranno essere presentate con un ritardo di 25 giorni civili successivi rispetto al termine previsto del 15 maggio e, quindi, fino al 9 giugno 2017. In tal caso l'importo al quale l'agricoltore avrebbe avuto diritto, se avesse inoltrato la domanda in tempo utile, viene decurtato dell'1% per ogni giorno lavorativo di ritardo. In caso di ritardo superiore a 25 giorni civili, la domanda di assegnazione dei titoli è considerata irricevibile e all'agricoltore non viene assegnato alcun diritto all'aiuto E' con la circolare del 17 febbraio 2017 n. 14300 che l'Agea detta le istruzioni per la domanda unica di pagamento campagna 2017. Le domande iniziali pervenute oltre il 9 giugno 2017 saranno irricevibili. La domanda unica 2017 consente, infatti, la partecipazione al regime di pagamento di base, al pagamento ...
  • 20 February 2017

    Nocciola del Piemonte IGP: i Paesi bassi rinunciano al marchio “Tonda gentile delle Langhe”

    I Paesi Bassi hanno avviato la procedura di cancellare dal proprio registro delle varietà vegetali la «Tonda gentile delle Langhe». L'iscrizione era attiva dal 2012 e adesso la moral suasion esercitata dal governo italiano con una lettera inviata a dicembre dal ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina ha permesso di ottenere il passo indietro: «Ringrazio il ministro Martijn van Dam - spiega Martina - per l'attenzione alla nostra richiesta, che serve a tutelare i produttori piemontesi. Le nocciole sono una delle produzioni che più si identificano col territorio delle Langhe e dobbiamo fare in modo che non ci siano forzature nell'utilizzo di queste denominazioni». Dal suo punto di vista il «governo continua il lavoro insieme alla filiera per valorizzare le produzioni made in Italy». La soluzione positiva della querelle con l'Olanda dovrebbe mettere la parola fine alle polemiche nate nei mesi scorsi con la decisione del ministero, in accordo con le Regioni, di ...
  • 17 February 2017

    Sicilia DOP: i controlli funzionano

    Sono 30 i casi sospetti di violazioni delle regole di etichettatura e commercializzazione riscontrati nei vini a marchio Sicilia DOP. È questo il risultato del primo anno di attività della task force attivata dal Consorzio di tutela Vini Sicilia DOP. Le etichette controllate all'interno di supermercati, enoteche, ristoranti e siti di e-commerce sono state complessivamente più di 300, sia in Italia sia in Germania e Svizzera. I casi sospetti sono stati trasmessi agli uffici della Repressione frodi (Icgrf) a cui spetta il compito, una volta accertata l'irregolarità, di applicare le sanzioni previste. Tra le irregolarità rilevate dal Consorzio di tutela quella più comune riguarda l'uso improprio del termine «Sicilia». «Il sistema di vigilanza - ha evidenziato in una nota il direttore del Consorzio, Maurizio Lunetta - segue un piano di lavoro concordato annualmente con i vertici nazionali della Repressione frodi. Nel 2016 sono stati effettuati i controlli privilegiando la ...
  • 16 February 2017

    Commercio, UE e Canada avanti senza gli Usa: via libera al CETA

    Sì dell'Europarlamento al CETA, acronimo che sta per "Comprehensive Economic and Trade Agreement", accordo di libero scambio tra UE e Canada. Abolito il 99% dei dazi, il Pil può crescere di 12 miliardi. Per l'Italia occasione export. Il parlamento europeo ha detto sì. Al più tardi dal primo aprile potrà entrare in vigore al 95%. Restano in sospeso le ratifiche nazionali della parte che riguarda la soluzione delle controversie fra imprese e Stati, di stretta competenza nazionale e uno degli elementi al centro della "rivolta" di settori di opinioni pubbliche, associazioni di consumatori e ambientaliste di mezza Europa, partiti euroscettici ed eurofobici di destra come settori della sinistra europea. Non è stata una passeggiata neppure al Parlamento: 408 sì, 254 no, 33 astenuti. Mentre si votava, 700 manifestanti con cartelli e fischietti avevano "assediato" il "Colosseo" UE di Strasburgo. Neppure qualche mese fa, quando la Vallonia aveva bloccato il via libera dei 28 Stati ...
  • 16 February 2017

    Si chiama Prosciutto di Parma DOP anche in Canada

    La firma dell’accordo di libero scambio UE-Canada, segna un risultato storico per il Prosciutto di Parma DOP che prende possesso del proprio nome in Canada a seguito dell’accordo di libero scambio – CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) – tra Unione Europea e il Canada approvato dal Parlamento europeo. Il CETA, tra le altre cose, introduce un quadro di riferimento per la disciplina delle Indicazioni Geografiche a cui sono riconosciuti uno status speciale e una maggiore protezione sul mercato canadese. Nello specifico, l’intesa prevede la coesistenza della denominazione “Prosciutto di Parma” e del marchio “Parma” attualmente detenuto dalla società canadese Maple Leaf. "E’ un traguardo tanto atteso – ha dichiarato Vittorio Capanna, presidente del Consorzio del Prosciutto di Parma – che premia la tenacia dei nostri produttori che finalmente potranno vendere il nostro Prosciutto sul mercato canadese con la corretta denominazione "Prosciutto di ...
  • 16 February 2017

    Testo unico del vino: il nuovo quadro normativo per il settore vitivinicolo

    La legge 12 dicembre 2016, n. 238, sulla Disciplina organica della coltivazione delle vite e della produzione e del commercio del vino, meglio conosciuta come Testo unico del vino, è entrata in vigore il 12 gennaio 2017 e costituisce la disciplina nazionale di riferimento del settore vitivinicolo italiano. Essa, infatti, ha abrogato e sostituito il decreto legislativo 10 agosto 2000, n. 260, la legge 20 febbraio 2006, n. 82 e il decreto legislativo 8 aprile 2010, n. 61, razionalizzando, semplificando e innovando la disciplina vitivinicola nazionale. Da qui, nasce l'idea di una Guida al Testo unico del vino, per fornire a quanti interessati uno strumento di lettura facile e immediato che consenta un primo approccio alle novità normative introdotte. Nella guida sono riportati tutti gli articoli del Testo singolarmente commentati uno ad uno, evidenziando le novità introdotte. Per le disposizioni sanzionatorie si è preferito tratteggiare esclusivamente i punti salienti delle ...
  • 15 February 2017

    DQA, operazione Aristeo: “Funziona la sinergia tra i sistemi di certificazione e quello dei controlli”

    L’operazione della Guardia di Finanza di Caserta, nell'ambito di un'indagine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere in materia di contrasto alle frodi agroalimentari ed in particolare nella filiera di produzione della Mozzarella di Bufala Campana DOP, ha evidenziato come la sinergia tra i sistemi di certificazione e quello dei controlli funzioni perfettamente. L’operazione Aristeo, che ha visto coinvolti allevatori e trasformatori del casertano, è partita subito dopo l’entrata in vigore dell’attuale sistema dei controlli che impone ad allevatori, raccoglitori e caseifici di dichiarare quotidianamente tutte le proprie produzioni. Con il decreto sulla tracciabilità del latte bufalino, entrato in vigore alla fine del 2014, infatti, tutte le produzioni sono strettamente controllate. Il Dipartimento Qualità Agroalimentare (DQA), l’ente di certificazione della filiera della mozzarella Dop, è impegnato, oltre che nell’attività di certificazione della ...
  • 14 February 2017

    Vino, la promozione nei Paesi terzi resta dubbia

    Vino: alcuni recenti provvedimenti ministeriali, pubblicati tra il 29 dicembre 2016 e l'11 gennaio scorso, hanno modificato la normativa nazionale che applica la misura della promozione sul mercato dei Paesi terzi, contenuta nel Programma nazionale di sostegno per il settore vitivinicolo per il quinquennio 2014-2018. Si tratta in particolare dei seguenti atti legislativi. • Il decreto 18-4-2016 contenente le modalità attuative della Misura, pubblicato sulla GURI n. 8 dell'11-1-2017 che abroga, con effetto dalla campagna 2016-17, il precedente provvedimento (dec. 4123 del 22-7-2010). • Il decreto del 28-12-2016 che modifica quello del 18-4-2016 nella parte relativa alla tempistica da rispettare nell'esecuzione dei programmi di promozione relativi all'annualità 20162017. Si tratta di una deroga alla regola di validità generale in base alla quale le attività del programma finanziato sono effettuate a decorrere dal 16 ottobre successivo a quello della stipula del contratto tra ...
  • 14 February 2017

    Patata dell’Alto viterbese IGP: Consorzio ufficiale e modifica del disciplinare

    "Importante passo avanti per la modifica del  disciplinare della  Patata dell'Alto viterbese IGP richiesta dal Copavit di Acquapendente e da tutti i produttori dell'Alto Lazio. Dopo il parere favorevole della Regione Lazio, si è svolta presso la sala del Ccorav di Grotte di Castro la riunione di pubblico accertamento con i rappresentanti del ministero delle Politiche agricole che hanno sollecitato i produttori a fare un ulteriore passo avanti, giungendo anche alla costituzione di un Consorzio di bonifica". A dichiararlo è Bruna Rossetti, presidente di Confcooperative Lazio Nord. Le modifiche approvate seguiranno ora un iter imprescindibile per il loro recepimento, "questo vorrà molto probabilmente dire - prosegue la Rossetti - che non potranno essere applicate alla prossima campagna di raccolta". La patata dell'Alto Viterbese (o dell'Alto Lazio) è una varietà di patata che viene coltivata a nord del Lago di Bolsena, tra i territori del Lazio, dell'Umbria e della Toscana. ...
  • 14 February 2017

    CETA domani l’approvazione: riconosciute 145 IG, segnale forte agli USA

    La maggioranza per far passare l'Accordo di libero scambio tra UE e Canada ci sarà e domani il CETA sarà approvato dal Parlamento europeo riunito a Strasburgo. Un segnale forte dell'Europa all'America di Trump: mentre gli USA virano sul protezionismo, il Vecchio Continente continua a credere che apertura e libero scambio (se ben regolati) portino benefici a imprese, lavoratori e cittadini. Affondato il TTIP l'importanza strategica del CETA è lievitata al punto che giovedì, all'indomani del voto, lo stesso primo ministro Justin Trudeau sarà a Strasburgo per festeggiare il successo. Non tutti nel mondo politico e nell'opinione pubblica europea lo considerano un traguardo positivo: i critici sostengono che il Trattato negoziato dalla Commissione favorirà le multinazionali a scapito delle piccole e medie imprese. Dal canto loro i favorevoli rispondono che al contrario delle Pmi, le grandi industrie già riescono ad entrare nei mercati protetti, situazione che verrebbe ...
  • 10 February 2017

    DOP, indicazione in etichetta col permesso del Mipaaf

    Per le DOP IGP ancora in via di definizione, che pagano l'assenza dell'importante regia di un Consorzio di tutela riconosciuto, l'impresa può richiedere l'autorizzazione per utilizzare nell'etichettatura il riferimento a una denominazione d'origine protetta o a una indicazione geografica protetta al ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. L'autorizzazione concessa non potrà essere ceduta, neanche in subconcessione, a terzi, né a titolo gratuito né a titolo oneroso. E in caso di cessazione dell'attività e/o della produzione specifica, cesserà l'uso del riferimento alla denominazione protetta. E con la nota del Ministero delle Politiche agricole del 9 febbraio 2017, che vengono fissati i criteri per l'utilizzo del riferimento a una denominazione geografica protetta o a una indicazione geografica nell'etichettatura, nella presentazione o nella pubblicità di un prodotto agroalimentare. L'utilizzatore dovrà sottoscrivere l'impegno a registrare mensilmente il ...