Press Review

  • 18 July 2017

    Prodotti tipici, bio e salutari: piacciono e riempiono i supermercati

    Se il cibo va "lento", quando  si parla di  prodotti tipici, i consumi corrono. Ed ecco che, per soddisfare la richiesta, gli scaffali della grande distribuzione si riempiono di prodotti  regionali, fatti alla "vecchia maniera", e spesso associati alla salute (senza conservanti) e al benessere (prodotti bio) degli ingredienti. Secondo l'osservatorio Immagino, promosso da Gsl Italy e Nielsen, il richiamo in etichetta al territorio d'origine dei prodotti alimentari è il nuovo motore che muove carrelli della spesa che a lungo sono rimasti inceppati. La cultura pervasiva dei presidi gastronomici locali, delle produzioni a chilometro zero, l'abbandono di coloranti e conservanti, sembra essere diventata parte integrante dell'industria agroalimentare. Almeno questo ci raccontano le 41 mila etichette esaminate dall'osservatorio Immagino. E la proposta piace ai consumatori. L'anno scorso, la spesa per prodotti "regionali" ha generato un giro d'affari pari a 818 milioni di euro e ...
  • 17 July 2017

    Mozzarella di Bufala DOP, la sfida di Raimondo: “frozen” per l’export

    Domenico Raimondo, 46 anni, salernitano, ha inaugurato in giugno il suo terzo mandato alla presidenza del Consorzio di tutela della Mozzarella di Bufala Campana DOP. Il suo obiettivo e quello del consiglio che lo ha riconfermato alla guida di una filiera che nell'area della DOP  conta 15 mila addetti con un fatturato al consumo di 56o milioni di euro, è quello di rafforzare la posizione sul mercato, specie straniero, sdoganando anche il prodotto congelato attraverso una modifica all'attuale disciplinare di produzione, e di preservare il marchio da aggressioni e campagne spesso denigratorie. Nei primi cinque mesi del 2017 il volume del prodotto è aumentato del 6,5 per cento rispetto allo stesso periodo del 2016 perché maggiore è la domanda dei mercati, eppure ciclicamente si segnalano   presunte truffe o contraffazioni. "Io non credo che oggi, in Italia, vi sia un prodotto più controllato del nostro. Lo dicono i numeri degli accertamenti sui nostri consorziati, oltre 1o mila ...
  • 12 July 2017

    Accordo UE-Giappone: tutelati 10 formaggi DOP italiani

    Unione europea e Giappone hanno raggiunto un accordo di libero scambio nei giorni scorsi. Il negoziato era partito nel 2013 ed ha visto ben 18 round. Il partenariato vero e proprio, che prevede l'abbattimento dei dazi, dovrebbe essere raggiunto, alla meglio, il prossimo anno. Ma nei giorni scorsi, il premier giapponese Shinzo Abe ha incontrato il presidente della commissione Ue, Jean-Claude Juncker, il presidente del consiglio Ue, Donald Tusk, e la commissaria per il commercio Cecilia Malström per sancire la prima intesa, dopo anni di negoziato sotto traccia. E l'agroalimentare (pesca inclusa) è uno dei settori cardine dell'accordo, che riguarda anche altri settori, tra cui moda e auto. Nel food, in particolare, è Assolatte a svelare le carte. L'organizzazione spiega che l'accordo bilaterale tutela 10 formaggi DOP italiani, che rappresentano il 42% dei formaggi UE sotto tutela. Sono: Asiago DOP, Fontina DOP, Gorgonzola DOP, Grana Padano DOP, Mozzarella di Bufala Campana DOP, ...
  • 12 July 2017

    Consorzio Vini Sicilia: produzione a 30 milioni di bottiglie e +11% sul mercato

    Il Consorzio Vini  Sicilia DOP ieri ha calcolato che nei primi sei mesi di quest'anno la produzione di bottiglie con etichetta certificata si avvia verso quota 30 milioni di unità, cioè più di quante ne sono state riempite nel primo semestre del 2016. La scelta della qualità, cioè puntare sulla DOP  e sull'imbottigliamento, sta quindi dando risultati concreti alle aziende vitivinicole siciliane.  Il consorzio stima un aumento di produzione di almeno il 10% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Quanto alle vendite, si mantiene il trend già registrato lo scorso mese di un incremento di quasi l'11%, soprattutto sui mercati esteri. La curiosità, rileva il direttore del Consorzio Maurizio Lunetta, sta nel fatto che a trainare lo sprint dell’imbottigliato è soprattutto una delle due "new entry" del mondo delle DOP Sicilia, il Sicilia DOP Grillo, che, avendo appena fatto capolino quest'anno con l'obbligo di etichetta certificata, si è già inserito in oltre 2 ...
  • 11 July 2017

    Accordo Ue-Giappone: più tutela per oltre 200 IG europee

    L'Unione europea e il Giappone hanno raggiunto un'intesa di massima sui contenuti principali di un accordo di partenariato economico che aprirà il mercato, nel Paese del Sol Levante, alle principali esportazioni agricole comunitarie. A renderlo noto è stata la Commissione europea informando che il testo definitivo dell'accordo è atteso entro la fine di luglio. La Commissione procederà poi alla verifica giuridica e alla traduzione dell'accordo che per entrare in vigore dovrà essere approvato dal Parlamento europeo e da tutti i parlamenti degli stati membri. "L'intesa- ha commentato Phil Hogan - commissario europeo allo Sviluppo rurale - è vantaggiosa per entrambi i partner, ma rappresenta una vittoria per l'Europa rurale. I dazi sulle esportazioni vinicole scompariranno dal primo giorno di entrata in vigore dell'accordo e questo significa, per i produttori di vino, un risparmio di 134 milioni di euro l'anno. Ma ad essere tutelate saranno altre duecento indicazioni geogra...
  • 6 July 2017

    Bresaola della Valtellina IGP: torna la carne italiana 100%

    Prove di divorzio, fra la Bresaola della Valtellina IGP e lo zebù (Bos taurus indicus, con corna arcuate, gobba e grande giogaia). Le pratiche saranno lunghe ma l'iter è stato avviato. Fra la Filiera agricola italiana della Coldiretti e la Rigamonti Spa, azienda leader del settore, è stato infatti firmato un accordo che prevede l'uso di bovini italiani al posto degli zebù nati e cresciuti in Brasile e in altri Paesi dell'America del Sud. Diventeranno bresaola, entro tre anni, 30mila capi italiani ma l'obiettivo è più ambizioso. «Per la bresaola tutta italiana - dice Alberto Marsetti, presidente della Coldiretti di Sondrio - vogliamo arrivare presto alla produzione di 500mila bovini all'anno. Si creerà lavoro e soprattutto verrà ricostruita la filiera della carne italiana, ormai quasi scomparsa». Trattativa lunga e difficile, come era un tempo per i divorzi fra gli umani. Tutto inizia nel gennaio 2008, quando l'Europa mette limiti pesanti alle importazioni di carne dal ...
  • 5 July 2017

    CETA, Radicchio Rosso di Treviso IGP: il Consorzio felice a metà: Rosso ok, timori sul variegato

    «C'è l'orgoglio per il riconoscimento del Radicchio Rosso di Treviso IGP tra i prodotti tutelati, ma anche preoccupazione perla possibilità di maldestre imitazioni». Così Paolo Manzan, presidente del Consorzio di Tutela del Radicchio Rosso di Treviso IGP e Variegato di Castelfranco IGP nel dibattito sul trattato Ceta. «Che il Rosso sia uno dei 41 prodotti Made in Italy tutelati dal Ceta, su 291 DOP e IGP, ci dà soddisfazione, è il riconoscimento di 20 anni di lavoro, tanti sono gli anni di impegno del Consorzio nella tutela e promozione internazionale di questo prodotto», precisa, «ma siamo in allerta per il mercato nordamericano, tra i più insidiosi per cicorie generiche vendute con il nome "Treviso", con enormi volumi di affari ai danni dei nostri piccoli produttori». E c'è paura per il comparto dei radicchi veneti: «Sono stati esclusi il Radicchio Variegato di Castelfranco IGP, il Radicchio di Chioggia IGP e il Radicchio di Verona IGP, e continueremo a fare ...
  • 27 June 2017

    Turismo enogastronomico: l’agroalimentare è la prima voce del budget delle vacanze

    Gli ultimi due ponti (25 aprile e 2 giugno) hanno dato sprint alla presenza dei turisti, molti dei quali hanno privilegiata la scelta degli agriturismi . Una ricerca realizzata, dalla Coldiretti ha ricordato che sono presenti in Italia oltre 22mila agriturismi. Lo studio evidenzia anche che circa un terzo della spesa di italiani e stranieri in vacanza in Italia è destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche, con una decisa svolta verso prodotti ad alto valore salutistico. «L'Italia - ha evidenziato il report - è leader mondiale nel turismo enogastronomico, ma anche ha conquistato nel 2017 il primo posto come Paese più sano al mondo secondo la classifica Bloomberg Global Health Index che analizza le condizioni di salute di 163 Nazioni». L'agroalimentare è la principale voce del budget delle vacanze che ha superato persino quella dell'alloggio e complessivamente si ...
  • 27 June 2017

    Accordi commerciali UE-Giappone: forte impegno per tutelare le Indicazioni Geografiche

    I negoziati commerciali UE-Giappone, in corso da marzo 2013, stanno muovendo verso un importante upgrade, possono cioè essere in vista di un "accordo in linea di principio". Per il commercio europeo, secondo la commissaria Cecilia Malmström, un accordo con il Giappone è oggi la priorità principale. È quindi un momento opportuno per fornire una breve panoramica dei negoziati, concentrandosi sul loro significato, sugli obiettivi, sullo stato dei giochi, nonché sul controllo effettuato dal comitato internazionale del commercio del Parlamento europeo. Un accordo con il Giappone è un pezzo importante nel puzzle commerciale dell'UE per motivi economici e strategici. Secondo la valutazione indipendente dell'impatto sulla sostenibilità del 2016, le esportazioni UE in Giappone aumenteranno del +34% e il prodotto interno lordo dell'UE di +0,76%. L'obiettivo è quello di ottenere un accordo commerciale su beni, servizi e investimenti che elimina le tariffe, le misure non tariffarie ...
  • 27 June 2017

    Enoturismo, 14 milioni di arrivi nel 2016

    L’enoturismo si conferma una risorsa economica e culturale per l'Italia, con ampi margini di crescita, e nonostante la qualità delle infrastrutture sia giudicata insufficiente da Comuni e Strade del Vino, con il 76% delle Strade che non ha una App per smartphone e il 4% neanche un sito internet, nel 2017 operatori e amministratori locali prevedono il sorpasso sul 2016. Così il XIII Rapporto Nazionale sul Turismo del Vino curato, per Città del Vino, dall’Università di Salerno, presentato alla Convention di Città del Vino, in Umbria, al Simposio Europeo sull’Enoturismo. Nel 2016 gli arrivi in cantina e il valore dell’enoturismo sono aumentati per il 40,22% dei Comuni e il 60,87% delle Strade Vino, per un totale di 14 milioni di arrivi e un giro d’affari di 2,5 miliardi di euro, in crescita sul 2015 per l’80% degli intervistati. Il livello medio dei servizi offerti dagli operatori del settore enoturistico agli enoturisti è giudicato dai Comuni sufficiente/discreto ...
  • 26 June 2017

    Giovanni Busi: “il Chianti Colli Senesi DOP è un’eccellenza assoluta riconosciuta in tutto il mondo”

    Nessun vino, più del Chianti DOP, rappresenta la toscanità e il buon bere, e le diverse produzioni riunite sotto il Consorzio Vino Chianti DOP ben rappresentano il valore delle produzioni locali di tutta la Toscana. Il Chianti Colli Senesi DOP soprattutto, che vanta tra le maggiori produzioni all'interno del Consorzio e rappresenta degnamente il grande valore enologico del territorio senese: «Sulla qualità del Chianti non si discute», afferma il presidente del Consorzio Vino Chianti DOP Giovanni Busi, che sottolinea come la ricerca dell'eccellenza sia un obiettivo costante del Consorzio. Quali sono i principali mercati per il Chianti Colli Senesi DOP? «Seguiamo un po' quella che è l'onda del Chianti DOP: Germania, Stati Uniti e Giappone. In particolare, per il Giappone il Chianti DOP è "il" vino italiano per definizione. E non si pensi che il cibo giapponese si sposi male con il Chianti DOP: quando siamo stati in Giappone abbiamo proposto abbinamenti con il cibo ...
  • 26 June 2017

    Bilancio 2016 in chiaroscuro per l’Agnello di Sardegna IGP

    Il Consorzio per la Tutela dell'Agnello di Sardegna IGP ha espresso soddisfazione per i risultati ottenuti nel corso del 2016: gli agnelli macellati lo scorso anno con il marchio IGP riceveranno 5,32 euro dal sostegno accoppiato, per un totale di oltre 4 milioni, pari al 73,5% dei 5.464.292 euro del plafond nazionale, del quale usufruiscono anche l'Agnello del Centro Italia IGP e Abbacchio Romano IGP. Il presidente del Consorzio Battista Cualbu ha dichiarato che «anche quest'anno la Sardegna fa la parte del leone. Pur essendovi nell'Isola il 45% degli ovini allevati in tutta Italia riceviamo quasi il 74% del sostegno accoppiato. Questo significa che crediamo più degli altri nella certificazione IGP, il Consorzio infatti cresce di anno in anno come soci e come numero di agnelli a marchio macellati. In dieci anni siamo passati da 251 iscritti a oltre 4.000, mentre i capi certificati, cioè gli agnelli venduti marchiati IGP, sono passati da 69.000 ai 755.000 del 2016». Cualbu ha ...
  • 23 June 2017

    IPSOS – Parmigiano Reggiano DOP e Grana Padano DOP fra “The most influential brands” in Italia

    A seguito del successo ottenuto dall’edizione 2016 dell’evento di presentazione della classifica ‘The Most Influential Brands’, Ipsos ha presentato ieri i risultati dell’indagine globale per comprendere l’impatto delle marche sulla nostra vita quotidiana, con un focus su due specifici target: i Millennials (9 milioni di italiani fra i 22 e i 34 anni) e i Boomers (15 milioni di italiani fra i 52 e i 70 anni). Prendendo in considerazione i mezzi di comunicazione e il rapporto che Boomers e Millennials hanno con essi, le differenze principali si ravvisano non tanto nella preferenza del mezzo, quanto nella modalità di fruizione. Considerando invece i criteri di selezione dei prodotti, i Millennials sono più attenti a recensioni e prezzo, mentre i Boomers attribuiscono maggior valore alle marche e alla genuinità. E fra questi marchi così influenti - dove fanno da padroni colossi mondiali dell'Hi-tec come Google, Whatsapp, Microsoft, Amazon, Apple - si evidenzia la ...
  • 23 June 2017

    Qualivita rileva la pesante offensiva USA sui marchi DOP e IGP

    Se da un lato Italia e Cina cercano accordi per sviluppare la collaborazione in campo alimentare dall'altro dagli USA arriva una chiara offensiva nei confronti dei prodotti a denominazione d'origine europei. E di conseguenza anche all'Italia che è leader in Europa per marchi DOP e IGP. L'allarme è stato lanciato nei giorni scorsi dalla Fondazione Qualivita che ha analizzato "L'Agenda 2017 delle politiche del commercio USA". In particolare nel rapporto governativo annuale sulla proprietà intellettuale "2017 Special 301 Report" si sottolinea «il continuo impegno dell'amministrazione Trump a limitare i danni creati dal riconoscimento delle Indicazioni Geografiche (IG) da parte dell'Unione europea». La relazione - spiegano alla Fondazione Qualivita - evidenzia le minacce per le aziende USA che usano i nomi comuni dei prodotti agroalimentari, all'interno degli USA e nel commercio globale. Nel merito, IUSTR evidenzia «gli effetti negativi che l'approccio dell'UE nei confronti ...
  • 23 June 2017

    L’Erbaluce di Caluso DOP festeggia i 50 anni con una presidenza in rosa

    L'Erbaluce di Caluso DOP festeggia l'anniversario della denominazione e guarda avanti con ottimismo: cinquant'anni e una nuova giovinezza. L'unica DOCG (dal 2010) del capoluogo piemontese ha aperto le celebrazioni del cinquantennio con l'anteprima a cura di Confagricoltura Torino in cui sono stati forniti i dati di produzione e analizzate le prerogative dell'ultima annata. L'appuntamento vero e proprio con i festeggiamenti sarà a ottobre insieme al Consorzio di tutela Caluso Carema Canavese. Le novità iniziano proprio da qui, con un futuro dalle sfumature rosa per la presidenza affidata a una donna: Caterina Andorno, sommelier, espressione della Cantina della Serra di Piverone, titolare di un'azienda agricola e agrituristica ad Albiano d'Ivrea e con un'ampia esperienza nel mondo della comunicazione del vino. Andorno succede a Gian Lugi Orsolani, titolare dell'omonima maison appartenente al Comitato Grandi Cru d'Italia. Completano lo staff di presidenza i vice Alessandro ...
  • 23 June 2017

    Prosciutto di San Daniele DOP, al via la 33sima edizione di “Aria di Festa”

    Inizia oggi la trentatreesima edizione di «Aria di Festa». La storica kermesse,  che fino a domenica 25 giugno celebrerà a San Daniele del Friuli l'omonimo Prosciutto di San Daniele DOP. Il taglio della prima fetta di questa eccellenza friulana all'interno del Parco del Castello sancirà alle ore 19 l'apertura del festival e del suo fitto calendario, che proseguirà con un concerto della Premiata Forneria Marconi. E gli appuntamenti del weekend vedranno tra gli ospiti Cristiana Capotondi, Philippe Daverio, Flavio Insinna, Paolo Cevoli, Andrea Scanzi, Mario Tozzi e Massimo Cirri. Per la prima volta, poi, vi sarà l'area gli «Autori del Prosciutto di San Daniele DOP», dedicata ai produttori. E non finisce qui, il festival a luglio arriverà a Firenze, a settembre a Roma e a ottobre a Bari. Fonte: Corriere della Sera SCARICA L'ARTICOLO STAMPA COMPLETO