Tag: Unione Europea

  • 22 June 2018

    CETA, la politica dei Tafazzi

    Tutti sanno chi è Tafazzi, il simpatico omino interpretato da Giacomo Poretti che, saltellando felice, si colpisce l'inguine con una bottiglia. In politica, ì Tafazzi per antonomasia sono sempre stati i rappresentanti della Sinistra, grazie anche a Walter Veltroni che dalle colonne dell'Unità ne fece certificare la simbiosi. Tuttavia Tafazzi è ormai un valore universale che ha dato il nome anche ad una proteina, la tafazzina, il cui processo di ricerca era stato così laborioso da esser quasi masochistico. Anche un paese come l'Italia può quindi tranquillamente aspirare ad avere i suoi bei momenti in cui saltella con la bottiglia. Prendiamo il recente annuncio del neo ministro dell'Agricoltura, Centinaio, per il quale l'Italia arresterà la ratifica del CETA, l'accordo di libero scambio tra Canada e Unione europea. Il Trattato, che richiede l'approvazione di tutti i parlamenti nazionali, istituisce un regime di libero scambio e protezione della proprietà intellettual...
  • 14 June 2018

    Produzione e etichettatura prodotti biologici – GUUE L 150

    UNIONE EUROPEA - Regolamento (UE) 2018/848 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici e che abroga il regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio Fonte: GUUE L 150 del 14/06/2018
  • 11 June 2018

    Accordo UE – Islanda relativo alla protezione delle indicazioni geografiche – GUUE L 146

    ACCORDI INTERNAZIONALI - Avviso riguardante l'entrata in vigore dell'accordo tra l'Unione europea e l'Islanda relativo alla protezione delle indicazioni geografiche dei prodotti agricoli e alimentari Fonte: GUUE L 146 del 11/06/2018
  • 7 June 2018

    UE: anche se cambiano i confini di Stato le IG rimangono valide

    Non vi sono disposizioni nel regolamento (UE) n. 1151/2012 sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari (1) che possano impedire il mantenimento dell’Indicazione Geografica (IG) a seguito di una modifica dei confini marittimi. Una modifica a un disciplinare di produzione potrebbe essere necessaria al fine di specificare che la zona geografica viene modificata nel senso di ridurre o di aumentare la superficie di una Indicazione Geografica, ancora appartenente a un unico paese, o di approvare il nuovo status di indicazione geografica transfrontaliera, la cui zona geografica è ripartita tra più di un paese. Questi sono esempi di indicazioni geografiche transfrontaliere: il «Maasvallei Limburg» (vino), è una denominazione di origine protetta (DOP) belga e neerlandese, l’«Istarski pršut/Istrski pršut» (prosciutto) è una DOP croata e slovena, il «Miód z Sejneńszczyny/Łoździejszczyzny»/«Seinų/Lazdijų krašto medus» (miele) è una DOP polacca e ...
  • 6 June 2018

    Scoperta falsa Mozzarella di Bufala Campana DOP a Bruxelles

    Confezioni di formaggio fresco di dubbia provenienza ma etichettate come Mozzarella di Bufala Campana DOP sono state trovate in vendita nel reparto gastronomia di una nota catena di supermercati a Bruxelles, in Belgio. Si tratta di un prodotto privo di tracciabilità, ovvero senza la possibilità di risalire alla sua origine e pertanto senza garanzie per il consumatore. La presunta Mozzarella di Bufala veniva confezionata in loco e venduta al costo di ben 30 euro al chilo. L’irregolarità è stata scoperta nell’ambito del monitoraggio dei mercati esteri effettuato dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana DOP in sinergia con i Consorzi Parmigiano Reggiano DOP, Grana Padano DOP, Aceto Balsamico IGP, Prosciutto di Parma DOP e Prosecco DOP. È subito scattata la segnalazione da parte del Consorzio all’Ispettorato centrale qualità e repressione frodi del ministero delle Politiche agricole (Icqrf), che ha avviato la procedura “ex officio” prevista ...
  • 1 June 2018

    Avviso di consultazione pubblica Indicazioni geografiche della Colombia – GUUE C 187

    COLOMBIA - Avviso di consultazione pubblica Indicazioni geografiche della Colombia da proteggere come indicazioni geografiche nell’Unione europea Fonte: GUUE C 187 del 01/06/2018
  • 24 May 2018

    INTERVISTA – Opportunità e futuro delle IG europee

    Intervista esclusiva di Consortium al Commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale Phyl Hogan Phil Hogan, Commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, rilascia un’intervista esclusiva a Consortium in occasione dell’edizione 2018 di Origo, il Forum mondiale delle Indicazioni Geografiche, tenutosi a Parma lo scorso 8 maggio. Semplificazione normativa e regole uniformi per i controlli, fondi di promozione e nuovi accordi bilaterali, rafforzamento delle IG online e sviluppo di pratiche sostenibili sono i temi prioritari sul futuro del settore delle DOP, IGP e STG affrontati nell'intervista. Il crescente successo del sistema delle DOP IGP che si registra in molti Paesi europei impone sicuramente una riflessione su come la legislazione possa sostenere in maniera più puntuale e precisa questa crescita. È auspicabile una riforma del regolamento che faciliti l’uniformità delle norme dei tre settori Food, Wine and Spirits delle Indicazioni ...
  • 24 May 2018

    Il CETA e le opportunità per i Paesi europei

    I primi riscontri sugli scambi UE-Canada sono incoraggianti Dopo essere trascorsi mesi dall'avvio provvisorio dell’Accordo economico e commerciale tra l’UE e il Canada (CETA), gli scambi tra le due parti stanno registrando un andamento positivo: scende l’import dei frumenti canadesi, cresce l’export agroalimentare europeo verso il Paese nordamericano. L’accordo - che prevede, tra le altre cose, la protezione di 41 denominazioni DOP-IGP italiane dalle imitazioni sul mercato canadese - sta iniziando già a mostrare reali vantaggi per il nostro Paese. Grazie alla sua implementazione, ad esempio, è stata risolta l’annosa vicenda del divieto di esportazione del Prosciutto di Parma DOP. I primi riscontri I primi dati che sono stati rilevati sciolgono alcuni timori legati ai rischi dell’attuazione del CETA: per il momento, infatti, non si registra un grande volume di importazioni di frumenti dal Nord America in Italia, evidenza che smentisce la tesi secondo la ...
  • 24 May 2018

    Il Giappone tutela le IG sul modello europeo

    Nuovo quadro normativo per la difesa della proprietà intellettuale Fondere insieme la consistenza della carne di Kobe con l’aroma fragrante e la splendida buccia dell’agrume Kito Yuzu… In Giappone vi sono numerosi prodotti agroalimentari caratteristici e di alta qualità, che hanno acquisito prestigio grazie alle condizioni naturali delle zone di origine e ai metodi tradizionali di produzione unici. Il Paese ha fondato un modello ad hoc, finalizzato sia a garantire la tutela della proprietà intellettuale dei nomi dei prodotti tipici, sia a preservare la loro unicità. Nel giugno 2015, è entrata in vigore la Legge sulla protezione dei nomi dei prodotti specifici agricoli, forestali e ittici, e degli alimenti (Legge n° 84 del 2014), denominata anche semplicemente “Legge sulle IG”. Si tratta di un sistema di tutela delle Indicazioni Geografiche (IG) sui generis, che affonda le radici nell'Accordo sugli aspetti commerciali dei diritti di proprietà intellettuale ...
  • 9 May 2018

    Grana Padano DOP, ricerca europea sulla sostenibilità con il PoliMI e Qualivita

    Baldrighi, presidente del Consorzio Grana Padano DOP: "Puntiamo ad un continuo miglioramento ambientale della filiera".  Il futuro dell’alimentazione e il suo rapporto con l’ambiente saranno al centro del Seed & Chips – Global Food International Summit, in programma dal 7 al 10 maggio prossimi al MICO – Milano Congressi nel capoluogo lombardo. Il Consorzio Tutela Grana Padano DOP parteciperà all’evento portando la propria esperienza nella sostenibilità ambientale, maturata in oltre un decennio di studi in grado di valutare l’impatto dell’intera filiera produttiva del formaggio a denominazione d’origine protetta più consumato nel mondo, che nel 2017 ha prodotto 4.942.054 forme, delle quali circa 1,8 milioni vendute all’estero. Il 10 maggio, alle 15,45, la sua attività sarà al centro dell’intervento del prof. Jacopo Famiglietti del Department of Energy del Politecnico di Milano, che parlerà di “Nuove basi per le produzioni di qualità – ...
  • 7 May 2018

    Cioccolato di Modica IGP: pubblicata la domanda di registrazione sulla Gazzetta Europea

    Pubblicata oggi, 7 maggio, nella Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea, la domanda di registrazione della IGP Cioccolato di Modica ai sensi dell’art. 50 (paragrafo 2, lettera a) del Regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Nel corso della conferenza stampa convocata dal Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica è stato illustrato il Documento Unico pubblicato. Il direttore del Consorzio ha ripercorso l’iter del riconoscimento a partire dalla data di costituzione del Consorzio; al primo tentativo, conclusosi con il rigetto della richiesta nel 2009; alle pressioni per la modifica del Regolamento Ue con l’inclusione del Cioccolato fra i prodotti ammissibili a tutela ; al deposito del Dossier e fino ai pareri di Regione e Ministero; alla riunione di pubblico accertamento che ha registrato la unanime approvazione dei produttori tutti del disciplinare di ...
  • 26 April 2018

    Accordo UE-Messico, i vantaggi per l’Italia

    Un accordo tardivo, ma foriero di importanti significati economico-commerciali e politici. L'Unione europea e il Messico hanno siglato un'intesa per l'eliminazione di numerosi ostacoli agli scambi commerciali. L'accordo commerciale bilaterale aggiorna quello in vigore dal 2000: ora il 99% dell'interscambio di merci, compresi i prodotti agricoli, non sarà più soggetto a dazi e tariffe. Oltre alla pasta beneficeranno di questo nuovo trattamento i formaggi, tra cui il gorgonzola, i prodotti a base di carne di maiale e la cioccolata. Saranno garantiti 34o IGP, ovvero prodotti con Indicazione Geografica Protetta. Il presidente della Commissione Jean Claude Juncker ha dichiarato che «con questa intesa il Messico si aggiunge a Canada, Giappone e Singapore nella lista dei Paesi che vogliono lavorare con la Ue per difendere un commercio equo e aperto». L'accordo raggiunto - che si prevede venga formalizzato entro la fine dell'anno per essere poi sottoposto all'approvazione del ...
  • 18 April 2018

    UE, ok etichetta origine su ingrediente principale

    I Paesi membri dell'Ue, inclusa l'Italia, hanno approvato a larga maggioranza, con le sole astensioni di Germania e Lussemburgo, il regolamento esecutivo sull'indicazione in etichetta dell'origine dell'ingrediente principale degli alimenti, come il grano per la pasta o il latte. Le norme specificano le modalità con cui i produttori saranno obbligati a fornire informazioni sull'origine in etichetta quando il luogo di provenienza dell'alimento è indicato o anche semplicemente evocato e non è lo stesso di quello del suo ingrediente primario. Il regolamento lascia molta flessibilità sulla portata geografica del riferimento all'origine (da 'Ue / non Ue', fino all'indicazione del paese o della regione), non si applica ai prodotti DOP, IGP e STG (già provvisti di un disciplinare di produzione molto chiaro), né quelli a marchio registrato. Il regolamento entrerà in vigore dopo tre giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ue e si applicherà dall'aprile 2020. Resta da ...
  • 3 April 2018

    Corte di giustizia UE, DOP e lGP: liberi tutti?

    La Corte di giustizia UE emette una sentenza rivoluzionaria su DOP IGP, che va contro la posizione dei consorzi sull'utilizzo dei nomi di denominazioni d'origine o indicazioni geografiche. Sarà presto "liberi tutti"? Secondo quanto ha sentenziato la Corte di giustizia dell'Unione Europea il 20 dicembre 2017, i presupposti ci sarebbero. L'organo comunitario, chiamato dalla Corte federale di giustizia tedesca a dirimere un contenzioso in cui erano opposti il retailer Aldi Stid e il Comité Interprofessionnel di Vin de Champagne, ente che tutela l'eccellenza francese, ha infatti emesso una sentenza rivoluzionaria, che, di fatto, renderebbe indipendente, dal nulla osta di consorzi o da quanto scritto nei disciplinari, l'utilizzo dei nomi delle denominazioni da parte delle aziende produttrici. Con la causa C-393116, infatti, il Comité Interprofessionnel di Vin de Champagne aveva contestato ad Aldi Stid lo sfruttamento della DOP Champagne nel nome di un prodotto surgelato ...
  • 27 March 2018

    UE, taglio fondi IG: missione a Bruxelles dei produttori veneti. Il Direttore Consorzio Asiago nominato portavoce

    Nessun taglio dei fondi Ue per i prodotti tipici di origine protetta: è la richiesta che i produttori veneti hanno portato a Bruxelles, insieme ai loro colleghi di 31 regioni europee, in rappresentanza di oltre 700 associazioni di produttori che aderiscono alla rete europea dei produttori d’origine (Arepo). “La nuova politica agricola comunitari dovrà salvaguardare e investire sui prodotti di alta qualità – commenta l‘assessore all’agricoltura Giuseppe Pan – che costituiscono il vero punto di forza della competitività del settore agroalimentare europeo, e in particolare italiano". A Bruxelles i produttori veneti d’origine, insieme ai colleghi della rete Arepo, hanno rappresentato le proprie ragioni alla Commissione Agricoltura del Parlamento europeo e in particolare a Paolo De Castro ed Herbert Dorfmann, rispettivamente vicepresidente e componente della Commissione europea, e al presidente del Comitato europeo delle Regioni, Karl-Heinz Lambertz. Al ...
  • 20 March 2018

    Semplificazioni e accordi bilaterali dell’UE in merito alle IG: oriGIn UE imposta il suo programma

    In seguito alla strategia di decentralizzazione approvata nel 2017 dall'Assemblea Generale oriGIn - Organizzazione per una Rete Internazionale delle Indicazioni Geografiche - i membri europei si sono incontrati oggi a Bruxelles per lanciare oriGIn UE, il satellite della lega delle organizzazioni mondiali delle IG, con sede a Buxelles. "Nel corso degli anni, oriGIn ha contribuito sensibilizzare le coscienze in merito all'universalità del diritto alla proprietà intellettuale - quella delle Indicazioni Geografiche - che risulta cruciale per lo sviluppo sostenibile dei produttori locali. Quindici anni dopo la fondazione di oriGIn, abbiamo avvertito l'esigenza di sostenere le nostre azioni globali attraverso attività mirate alle realtà locali. OriGIn UE aiuterà le organizzazioni europee delle Indicazioni Geografiche a rinvigorire il dialogo tra loro e a coordinare le iniziative a livello europeo", ha spiegato il presidente di oriGIn Claude Vermot-Desroches. "In questi anni, ...