Tag: tutela

  • 28 March 2017

    WIPO, secondo incontro informativo a Ginevra sulle Indicazioni Geografiche

    L'Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (WIPO) organizza per il giorno 28 marzo a Ginevra una sessione informativa sulle Indicazioni Geografiche (IG). Durante il seminario, accademici e produttori di prodotti DOP IGP spiegheranno i diversi sistemi di protezione disponibili, illustrando Case History di protezione delle IG nel mondo. Il seminario può essere seguito on-line gratuitamente e costituisce l'occasione per acquisire informazioni sui prodotti a certificazione e per ottenere consigli pratici sulla loro effettiva protezione. Il Convegno che si terrà dalle 9.15 alle 18.30, inizierà il dibattito sulle caratteristiche e le esperienze pratiche relative ai differenti sistemi nazionali e regionali di protezione delle Indicazioni Geografiche e concluderà la sezione pomeridiana con una panoramica sulla protezione delle IG in internet e sull’utilizzo dei domini di primo livello per identificare i Paesi di origine. La sessione animata da Mme Gail Evans, ...
  • 22 March 2017

    Agroalimentare: ammontano a circa 3 miliardi i furti in Italia

    Una volta c'erano i ladri di polli, adesso nelle nostre campagne scorrazzano bande super organizzate, gente pronta a razziare ogni cosa, dai trattori a interi raccolti di arance, e poi olive, Nocciola del Piemonte IGP, Limone Costa di'Amalfi IGP e prodotti ancora più pregiati come formaggi e vini. Nel Salernitano e in Puglia sono all'ordine del giorno furti di ingenti quantitativi di olio extravergine. In provincia di Barletta per prevenire i furti di olive sono arrivati ad organizzare ronde notturne e a ingaggiare vigilantes. Nel Lazio e nel Cuneese, grossi furti di nocciole sono all'ordine del giorno. Preoccupante anche l'aumento di furti di Limoni IGP in Costiera amalfitana, mentre nel Catanese sono spariti centinaia di migliaia di chili di arance. E del resto anche al dettaglio vini, liquori e formaggi sono tra i preferiti dai ladruncoli di tutti i giorni che dagli scaffali dei supermercati arrivano a sottrarre in un anno quasi 3 miliardi di euro di prodotti agroaliment...
  • 22 March 2017

    Consorzio Tutela Radicchio Rosso di Treviso IGP alle aziende: «Massima vigilanza»

    La legalità comincia dal campo per arrivare alla tavola. Il Consorzio Tutela Radicchio Rosso di Treviso IGP e Variegato di Castelfranco IGP sta pensando di inviare un'informativa a tutte le sue 120 aziende agricole associate per ribadire l'importanza di una condotta trasparente come ulteriore punto di forza nella promozione del prodotto che, oltre ad essere buono, deve anche essere etico. «Abbiamo a cuore il tema della legalità», sottolinea Paolo Manzan, presidente del Consorzio, «fino ad oggi nelle nostre aziende non sono state riscontrate grosse mancanze, ma è importante tenere sempre una buona condotta, sollecitando tutti gli imprenditori che sono iscritti al nostro Consorzio. La trasparenza nell'assunzione e nella gestione della manodopera è fondamentale anche per l'immagine del nostro radicchio». Una coltura che riesce meglio di altre a tenere il prezzo e a garantire un discreto guadagno agli agricoltori. Ma non va sempre così. «Purtroppo ci sono altre colture ...
  • 15 March 2017

    Mozzarella di Bufala Campana DOP, intesa con il Consorzio tutela Provolone Valpadana DOP: raddoppiano i controlli sul prodotto

    I controlli sull'autenticità della Mozzarella di Bufala Campana DOP raggiungeranno quota 3 mila. Sul mercato domestico sfioreranno 12.600 grazie a un accordo stipulato dal Consorzio di tutela campano col suo omologo del Provolone Valpadana DOP, che s'aggiunge a un altro patto col consorzio del Prosecco DOP. Agenti dell'ente di tutela cremonese effettueranno campionamenti di Mozzarella di Bufala Campana DOP nei negozi lombardi, piemontesi, valdostani, liguri ed emiliano romagnoli sulla messa in commercio, l'etichettatura e le indicazioni commerciali. Monitoreranno inoltre la presenza di prodotti imitativi, evocativi e usurpativi della DOP. Peri controlli all'estero il consorzio campano ha stretto accordi con gli omologhi di Parmigiano-Reggiano DOP, Grana Padano DOP, Aceto Balsamico di Modena IGP e Prosciutto di Parma DOP. "A conferma di una collaborazione che da sempre contraddistingue il Consorzio Tutela Provolone Valpadana - dichiara il presidente, Libero Stradiotti - ...
  • 13 March 2017

    Mozzarella di Bufala Campana DOP, intesa con il Consorzio Provolone Valpadana DOP: raddoppiano i controlli sul prodotto

    Il Consorzio di tutela raddoppia l’attività di vigilanza sulla Mozzarella di Bufala Campana DOP. Dopo l’intesa con il Consorzio di tutela del Prosecco DOP sull’avvio di controlli congiunti, l’organismo di tutela ha siglato un nuovo patto di collaborazione, stavolta con il Consorzio Tutela Provolone Valpadana. La convenzione prevede azioni di vigilanza e monitoraggio nazionale. In particolare gli agenti vigilatori del Consorzio Tutela Provolone Valpadana effettueranno, per conto del Consorzio mozzarella, campionamenti ufficiali per tutto il 2017 nei punti vendita, in particolare in Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria ed Emilia Romagna. Saranno verificate la regolare messa in commercio del prodotto a marchio DOP, l’etichettatura e le corrette indicazioni commerciali previste dalle leggi. Inoltre, sarà monitorata la presenza di prodotti imitativi, evocativi e usurpativi della DOP. "A conferma di una collaborazione che da sempre contraddistingue il Consor...
  • 8 March 2017

    Consorzio Asiago: DOP difendibili fuori dall’UE

    La piena tutela internazionale delle DOP e IGP europee non è una chimera. E anzi un risultato alla portata di tutti i Consorzi di Tutela nella gran parte dei paesi del mondo. E quanto tiene a sottolineare Flavio Innocenzi, direttore del Consorzio di tutela dell'Asiago, che ha appena visto coronata dal successo l'azione di tutela portata avanti in Messico. Uguale risultato ha ottenuto, in precedenza, in Australia, Cina e in molti altri importanti mercati di sbocco per il formaggio Dop dell'altipiano veneto. «In Messico», dichiara a Italia Oggi Innocenzi, «ci siamo assicurati il pieno ed esclusivo diritto a commercializzare formaggio Asiago. Abbiamo chiesto e ottenuto che primarie insegne della distribuzione messicana, come WalMart e Superama, non importassero imitazioni del nostro formaggio (Innocenzi si riferisce all'asiago del Wisconsin, ndr) e che le autorità messicane respingessero tutti i tentativi d'aziende nordamericane di registrazione del marchio a scopo di ...
  • 7 March 2017

    Aceto Balsamico di Modena IGP: case history del Made in Italy alla LUISS di Roma

    Costruire un’identità attraverso la definizione di contenuti, valori e confini per offrire trasparenza, affidabilità e chiarezza: questo il concetto chiave espresso da Federico Desimoni, Direttore Generale del Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP nel corso dell’intervento che lo ha visto protagonista al workshop da titolo “Made in Italy, nuove forme di tutela e strategie di promozione” tenutosi sabato 4 marzo alla School of Law dell’Università Luiss di Roma nell’ambito del Master in Food Law. L’intervento del Direttore del Consorzio Aceto Balsamico di Modena IGP si è inserito come History Case di eccellenza nella tutela del Made in Italy e dell’economia del Paese, stigmatizzando in particolare la necessità di costruire un’identità globale basandola sui drivers di autenticità, origine, gusto, tutela e garanzia. “Il Made in Italy è un concetto difficile da tutelare, da comunicare e da promuovere – ha sottolineatoFederico Desimoni ...
  • 6 March 2017

    CETA, per gli oli di oliva mancano tutte le principali DOP e IGP

    Il dato positivo è che sono ben 140 i prodotti DOP e IGP europei per i quali è riconosciuta una tutela nel CETA e di questi ben 41 sono made in Italy, il che rappresenta sicuramente un passo in avanti che lascia ben sperare soprattutto in vista di accordi futuri. Ma il principio condivisibile non implica che si siano effettuate scelte indiscutibili riguardo ai prodotti da tutelare. Vanno bene per i prosciutti, per i grandi formaggi, ma nel caso dell'olio d'oliva, altro prodotto simbolo del made in Italy alimentare, si riscontrano delle evidenti lacune. «Con l'intesa CETA - ha detto il presidente del CNO, Gennaro Sicolo - è stato fatto un grave torto al settore dell'olio d'oliva italiano e spero davvero che si possa rimediare presto aggiornando la lista dei prodotti riconosciuti in Canada». In quella lista infatti c'è un solo olio extra vergine di oliva (evo) italiano che il Canada si è impegnato a riconoscere ufficialmente e tutelare dalle imitazioni e dall'utili...
  • 6 March 2017

    Consorzio Lugana DOP: un successo grazie a volumi ed export

    L'unione fa la forza specie se, come nel caso del Consorzio di tutela Lugana DOP, tra Lombardia e Veneto, si sposa con un moderno spirito d'impresa. La strutture consortile, presieduta da Luca Formentini e diretta da Carlo Veronese, rappresenta una case history unica: volumi in costante aumento, export pari all'80% e si distingue anche per le iniziative sulla sostenibilità ambientale. «Una delle cose che stupisce i consumatori è la qualità media del ostro vino così elevata e così uniforme: tutta la DOP ha oggi altissimi livelli qualitativi - afferma il presidente Formentini - Ne consegue una responsabilità molto forte da parte di tutti nel mantenere la credibilità e la qualità del nostro prodotto, della sua materia prima e quindi anche del suo territorio. Partiamo avvantaggiati dall'essere collocati in una delle aree più pregiate e vocate dell'intero Paese, il nostro contesto ci aiuta a trasferire una certa percezione di valore del territorio, ma non dobbiamo darlo ...
  • 6 March 2017

    Nuovo marchio antifrodi del Grana Padano DOP per i produttori

    Il Consorzio di tutela Grana Padano DOP, ha realizzato un  nuovo marchio antifrodi. Si chiamerà "Il nostro latte" ed è un marchio a disposizione fin d'ora di tutti i produttori di Grana Padano DOP. Un'inziativa, ideata e realizzata dal Consorzio di tutela del prodotto DOP più consumato nel mondo (oltre 4 milioni e 850mila forme l'anno), che permetterà alle aziende che aderiranno al progetto di far conoscere al consumatore - attraverso un segno distintivo ben identificabile - le aree di provenienza del latte utilizzato per la realizzazione del Grana Padano DOP commercializzato. "Il logo "Il nostro latte", accompagnato dalla dicitura "proviene solo da qui" - ha spiegato Nicola Cesare Baldrighi, presidente del Consorzio di tutela - potrà essere utilizzato esclusivamente e su base volontaria solo per il Grana Padano DOP. Si tratta di un'immagine con sfondo giallo che rappresenta l'Italia divisa per regioni e che indicherà in nero le zone geografiche da cui proviene il ...
  • 4 March 2017

    Made in Italy – nuove forme di tutela e strategie di promozione

    Sabato 4 marzo, a Roma, alle ore 9:00,  Fondazione Qualivita interverrà, con il direttore generale Mauro Rosati, al workshop  Made in Italy - nuove forme di tutela e strategie di promozione organizzato da LUISS School of Law (LSL)- master in Food Law, in collaborazione con Linea Verde, Rai Uno. Durante il workshop verranno affrontati dei focus su “Il made in e gli scenari internazionali” e “Il made in Italy e l’economia del Paese”, con case history italiane come l’Aceto Balsamico di Modena IGP, con la presenza del direttore del Consorzio Federico Desimoni e del Chianti Classico DOP, con la partecipazione di Carlotta Gori in rappresentanza del Consorzio. LUISS School of Law (LSL) rappresenta un'innovazione nel campo degli studi legali in Italia. LSL è stato concepito nel quadro degli obiettivi strategici internazionali perseguiti dalla LUISS Guido Carli, ed è rivolta a chi intende acquisire o sviluppare ulteriormente la formazione giuridica o per ...
  • 3 March 2017

    UE-Canada: che cosa cambia con il CETA per DOP e IGP

    Nella settimana in cui si è celebrato l'avanzo record delle esportazioni italiane, che nel 2016 ha sfondato il muro dei 51 miliardi di euro, e il nuovo primato del valore dell'export agroalimentare (a 38,4 miliardi, anche se con bilancia commerciale ancora in saldo negativo), il Parlamento europeo ha approvato il Ceta, il trattato di libero scambio tra UE e Canada. Si completa così l'iter di ratifica a livello europeo dell'accordo che aveva ottenuto un primo sì nel 2013. Una volta arrivato l'ok formale anche di Ottawa, il trattato entrerà in applicazione provvisoria, probabilmente in aprile, in attesa del via libera di tutti i Parlamenti nazionali e regionali per un processo che durerà anni. Nel frattempo, l'accordo funzionerà a tutti gli effetti, fatta eccezione per la parte relativa agli investimenti. Secondo elaborazioni Nomisma su dati Istat, nel 2015 l'Italia ha esportato in Canada prodotti agroalimentari per oltre 720 milioni di euro, principalmente prodotti ...
  • 2 March 2017

    Prosciutto di San Daniele DOP: al via le analisi sui falsi prosciutti certificati

    La verità arriverà dagli esami di laboratorio. Oltre 200 campioni di sangue dei maiali finiti al centro dell'inchiesta della Procura della Repubblica di Pordenone (si parla di 220 su un totale di 400) sono stati inviati nelle sedi d'analisi dalla magistratura d'accusa e dai carabinieri del Nas di Udine. S'intende verificare se gli allevatori della ventina di aziende finita al centro dell'inchiesta siano in regola o se abbiano aggirato i paletti imposti dal disciplinare di produzione del Prosciutto di San Daniele DOP. Nell'eventualità in cui, a conclusione dei riscontri, i test sul Dna sui campioni suini individuino violazioni del disciplinare, spetterà al Consorzio di tutela estromettere dalla DOP le aziende responsabili delle mancanze. Con le analisi in mano, saranno poi individuate anche le partite di prosciutti per le quali sono state utilizzati carni di maiali non conformi. In quel caso le fettine non potranno fregiarsi più della corona San Daniele DOP. L'ipotesi ...
  • 28 February 2017

    Caso Nocciola del Piemonte IGP: “subiamo un danno quotidiano”

    “La Nocciola del Piemonte IGP subisce un danno quotidiano. In queste ore stanno vendendo in tutta Italia piantine di nocciole che potranno essere commercializzate come Tonda Gentile delle Langhe, anche se coltivate in Puglia. Non basta togliere il nome dalle fascette, è necessario eliminarlo dal Registro nazionale delle piante da frutto”. Bisognerà ancora pazientare fino al 4 aprile, data della prima udienza al Tar del Lazio dopo il  ricorso presentato da un centinaio di sindaci ,enti e associazioni locali, per avere aggiornamenti sul caso “nocciola”, scoppiato ormai alcuni mesi fa, dopo la registrazione della dicitura “Tonda gentile delle Langhe” nel Registro: un'iscrizione che di fatto ne autorizza l'uso in tutta Italia, tranne che nella regione d'origine dove il disciplinare della Nocciola Piemonte IGP prevede l'indicazione “Tonda gentile trilobata”. “L'ostinazione del Governo mi rammarica - commenta l'eurodeputato Alberto Cirio - se il mondo ...
  • 24 February 2017

    Grana Padano DOP, il marchio “Il nostro latte” indicherà la provenienza del latte utilizzato

    Si chiamerà "Il nostro latte" ed è un marchio a disposizione di tutti i produttori di Grana Padano DOP fin d’ora. Un'iniziativa, ideata e realizzata dal Consorzio di tutela del prodotto DOP più consumato del mondo (oltre 4 milioni e 850 mila forme annue), che permetterà alle aziende che aderiranno al progetto di far conoscere al consumatore - attraverso un segno distintivo ben identificabile -  le aree di provenienza del latte utilizzato per la realizzazione del Grana Padano DOP commercializzato. «Il logo "Il nostro latte", accompagnato dalla dicitura proviene solo da qui - spiega Nicola Cesare Baldrighi, presidente del Consorzio Grana padano DOP - potrà essere utilizzato esclusivamente e su base volontaria solo per il Grana Padano DOP. Si tratta di un'immagine con sfondo giallo che rappresenta l'Italia divisa per regioni e che indicherà in nero le zone geografiche da cui proviene il latte utilizzato per la produzione di una determinata confezione di Grana Padano ...
  • 20 February 2017

    Nocciola del Piemonte IGP: i Paesi bassi rinunciano al marchio “Tonda gentile delle Langhe”

    I Paesi Bassi hanno avviato la procedura di cancellare dal proprio registro delle varietà vegetali la «Tonda gentile delle Langhe». L'iscrizione era attiva dal 2012 e adesso la moral suasion esercitata dal governo italiano con una lettera inviata a dicembre dal ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina ha permesso di ottenere il passo indietro: «Ringrazio il ministro Martijn van Dam - spiega Martina - per l'attenzione alla nostra richiesta, che serve a tutelare i produttori piemontesi. Le nocciole sono una delle produzioni che più si identificano col territorio delle Langhe e dobbiamo fare in modo che non ci siano forzature nell'utilizzo di queste denominazioni». Dal suo punto di vista il «governo continua il lavoro insieme alla filiera per valorizzare le produzioni made in Italy». La soluzione positiva della querelle con l'Olanda dovrebbe mettere la parola fine alle polemiche nate nei mesi scorsi con la decisione del ministero, in accordo con le Regioni, ...