Tag: internazionalizzazione

  • 26 May 2017

    Paesi Terzi: vino export primo trimestre 2017 a +6,3%

    L’export di vino italiano cresce del 6,3% sui mercati extra UE e, nel primo trimestre del 2017, tiene il passo della media mondiale degli scambi (+6,1%), e vince il confronto con tutti i principali competitor, ad eccezione del Cile (+17,8%), ora davanti alla Spagna per valore, mentre la Francia chiude a +3,9%. Secondo l’analisi dell’Osservatorio Paesi Terzi di Business Strategies nei top 12 mercati, che rappresentano una quota pressoché totale (96%) delle importazioni extra UE di vino, l’inizio del 2017 si è rivelato in generale favorevole per gli scambi enologici, con la Francia sempre top player con un valore di 1,27 miliardi di euro, seguita dall’Italia a 710 milioni di euro. “Tra le note positive - commenta la Ceo di Business Strategies, Silvana Ballotta - c’è sicuramente la performance in Cina, dove a fronte di una fase di riflessione della domanda (+1,3%), l’Italia, con un incremento del +15,9%, fa meglio di gran parte dei suoi competitor. È presto ...
  • 19 May 2017

    Cina: sbloccato export agrumi italiani e firmato protocollo d’intesa su attività agricole

    Il Mipaaf ha dichiarato finalmente concluso il negoziato relativo all'apertura del mercato cinese agli agrumi italiani: saranno avviate le prime spedizioni già a partire dalla prossima campagna commerciale. È stato inoltre firmato un Protocollo di intesa con il Ministro dell'Agricoltura della Repubblica Popolare Cinese, Han Changfu. A rappresentare l'Italia era presente l'ambasciatore Italiano in Cina Ettore Sequi. "La conclusione del negoziato rappresenta un passo in avanti importante per la nostra agrumicoltura che oggi può approcciare un mercato dal grande potenziale come quello cinese. Sono molto soddisfatto del lavoro diplomatico portato avanti in questi mesi." Così il Ministro Maurizio Martina. "Il protocollo firmato con le autorità cinesi - conclude Martina - rafforza la collaborazione strategica nel settore agricolo e si inserisce in un più ampio quadro di relazioni tra i nostri Paesi. La costruzione di una nuova via della seta potrà favorire anche gli ...
  • 12 May 2017

    Al Prowine di Hong Kong anche una degustazione di ‘Gelato al Chianti DOP’

    E' stato realizzato stanotte e degustato stamani con grande interesse da parte del pubblico, il gelato al 'Chianti DOP' in occasione dell'ultima giornata del Prowine di Hong Kong che vede il Consorzio Vino Chianti protagonista con uno stand di 192 metri quadri, 41 aziende partecipanti per un totale di 327 etichette in degustazione. Il gusto è stato realizzato dal maestro gelataio Domenico Croce e distribuito alla fiera del food Hofex 2017, fra le più importanti dell'Asia, in abbinamento alla Prowein Asia 2017. Un'occasione per il Consorzio di raccontare la Denominazione attraverso un seminario riservato alla stampa e agli operatori del settore con un'attenzione particolare dedicata al Chianti Superiore d.o.c.g., con 6 diverse etichette. Il 15 maggio il Consorzio partirà alla volta di Singapore, sarà una seconda volta dopo la prima esperienza maturata nel 2015. Una trasferta dedicata a incontri b2b con buyer locali e buyer provenienti da Paesi limitrofi: Cina, Vietnam, ...
  • 10 May 2017

    Assemblea Consorzio Aceto Balsamico di Modena IGP: si punta su comunicazione e internazionalizzazione

    Dall'assemblea dei soci del Consorzio di tutela dell’Aceto Balsamico di Modena IGP emergono i nuovi progetti di comunicazione e internazionalizzazione, spunti per la programmazione futura, approvazione delle modifiche al disciplinare di produzione e allo statuto consortile e consuntivi sul 2016 - chiuso oltre quota 94 milioni di litri - oltre al rapporto sulla prolifica attività di tutela, controllo e certificazione. A suscitare interesse i nuovi importanti progetti di comunicazione e promozione sui mercati Italia, Germania, Francia e soprattutto il Progetto USA sulla promozione e valorizzazione dell’Aceto Balsamico di Modena IGP, partito nel mese di aprile 2017 e attivo per 36 mesi fino ad aprile 2020 negli stati di New York, California e Florida, che prevede il coinvolgimento di istituti culinari, chef e blogger in eventi e attività web e sui social network. Così come altrettanto interessante è il progetto di comunicazione al consumer sia sul web che ...
  • 2 May 2017

    Brunello di Montalcino DOP: chiuse le celebrazioni per i 50 anni, ora si punta su web e clienti cinesi

    Il Brunello di Montalcino DOP guarda al futuro. Se ne è discusso durante l'incontro condotto dal giornalista del Corriere della Sera Luciano Ferraro con il fondatore della app Vivino Heini Zachariassen, il responsabile di Wine Monitor per Nomisma Denis Pantini, Marcello Masi conduttore Linea Verde (RAI) e Giuseppe De Filippi vicedirettore TG5. Per i vini italiani sono molte le prospettive di crescita, soprattutto sui mercati esteri, in particolar modo intercettando i Millennials, cioè quei consumatori che hanno una fascia d'età compresa tra 18 e 35 anni e che sono i consumatori del futuro. Secondo i dati di Wine Monitor, sono loro i maggiori bevitori di vino rosso negli Usa (62%) e tra i principali in Canada (66%). Stando alle diverse ricerche realizzate da Wine Monitor, per il futuro vanno tenuti in considerazione anche altri aspetti che esulano dalla sola denominazione e che attengono principalmente i Millennials americani. «A nostro avviso - spiega Pantini - la vera ...
  • 2 May 2017

    Il Pecorino Toscano DOP vola in Canada per la Fiera dell’alimentazione internazionale

    Dopo gli Stati Uniti d’America e gli Emirati Arabi, il Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP vola in Canada. Da oggi, martedì 2 a giovedì 4 maggio, l’attività di promozione e valorizzazione internazionale del Pecorino Toscano DOP farà tappa a Toronto, in occasione di Sial, il Salone mondiale dell’alimentazione. Insieme a una folta delegazione di prodotti DOP e IGP italiani, il Consorzio del Pecorino Toscano punterà a rafforzare la sua presenza in Canada, cercando di conquistare i palati più raffinati di buyer e distributori con incontri bilaterali e degustazioni guidate per addetti ai lavori. Il Canada ama già il Pecorino Toscano DOP. Il Pecorino Toscano DOP è un prodotto Made in Italy che negli ultimi anni sta sempre più incontrando il gusto e l’interesse internazionale. Nel 2016, infatti, le esportazioni, nel complesso, sono cresciute rispetto all’anno precedente del +28,64 per cento, a conferma del trend positivo che si registra da oltre cinque anni. ...
  • 24 April 2017

    Export, comunicazione e lotta ai falsi: il piano Bertinelli per il Parmigiano Reggiano DOP

    Bertinelli, 44 anni, ai vertici dell'azienda agricola di famiglia a Medesano (PR), è il nuovo presidente del Consorzio di tutela del Parmigiano Reggiano, eletto all'unanimità l'8 aprile. Due lauree (Scienze agrarie ed Economia e commercio), un master in Canada , ha preso le redini dell'azienda di famiglia rinnovando il modello di business all'insegna di filiera integrata (dai foraggi alla stagionatura e distribuzione delle forme) e distintività. Ha rinnovato l'offerta del prodotto con prodotti innovativi come il Parmigiano Reggiano DOP Millesimato, il Parmigiano DOP Kosher per gli ebrei osservanti e il formaggio prodotto con la certificazione Halal (dall'arabo «lecito»). Produce linee gourmet come il Parmigiano di Vacche Rosse e di Vacche Brune. Bertinelli, allora è rivoluzione ai vertici dello storico Consorzio del Parmigiano Reggiano DOP? Un privato dove avevano sempre comandato cooperazione e organizzazioni agricole? «Chiariamo: sono un privato agricoltore che ...
  • 24 April 2017

    Indicazioni Geografiche: cooperazione internazionale per tutelare DOP e IGP

    Se non puoi sconfiggere il tuo nemico, fattelo amico. Le parole di Giulio Cesare guidano la geopolitica agroalimentare europea. Nel mondo c'è chi alza muri e minaccia dazi e chi dice «costruiamo ponti», come il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini nel suo intervento a Origo Global Forum, il primo incontro internazionale dedicato alle Indicazioni Geografiche tenutosi a Parma prima di Pasqua. Evento, organizzato dal Mipaaf, Regione Emilia-Romagna, Unione Parmense degli industriali e Fiere di Parma, dove si sono gettate le basi di una rete mondiale per valorizzare i prodotti con denominazione d'origine. Paolo De Castro, vicepresidente della commissione Agricoltura europea, sposa questa forma di soft power perché «se le regole vengono applicate anche fuori dall'Unione Europa si è più forti nella tutela delle nostre eccellenze». Bersagliate dalle falsificazioni. Chi non conosce la brutta copia del Parmigiano Reggiano DOP, il Parmesan? Imitazioni ...
  • 19 April 2017

    UE-Norvegia, conclusi i negoziati per migliorare il commercio di prodotti agricoli

    L'UE e la Norvegia hanno raggiunto il 7 aprile un accordo che faciliterà il commercio bilaterale di prodotti agricoli, consentendo agli esportatori europei di rafforzare la loro posizione nel loro ottavo maggior mercato per l'esportazione di prodotti agricoli. Le esportazioni di prodotti agricoli dell'UE verso la Norvegia sono state in costante crescita negli ultimi dieci anni e sono quasi raddoppiate in questo periodo a € 2,5 miliardi. La Norvegia è un importatore netto di prodotti agricoli e la bilancia commerciale agricola è a favore dell'UE. Per quanto riguarda il totale degli scambi, la Norvegia gode di una bilancia commerciale positiva con il EU. Il Commissario per l'agricoltura, Phil Hogan, ha detto: "Accolgo con favore questo accordo, che faciliterà gli scambi tra l'UE e la Norvegia. Questo fornirà maggiori opportunità di mercato per i nostri produttori dell'UE e contribuirà al proseguimento del nostro successo nelle esportazioni del settore Food. l'UE è il ...
  • 11 April 2017

    OrIGo, tutto pronto a Parma per il forum mondiale delle Indicazioni Geografiche

    Non è un caso che sia Parma, capitale della Food Valley emiliano-romagnola e Città creativa della gastronomia Unesco, a ospitare l'11 e il 12 aprile la prima edizione di Origo, il Forum mondiale delle Indicazioni Geografiche. Origo, promosso da Regione Emilia-Romagna e il Mipaaf, con il patrocinio della Commissione europea, e la partership delle più importanti organizzazioni di settore tra cui la Fondazione Qualivita, vede in prima linea tra gli organizzatori l'Unione parmense degli industriali e Fiere di Parma. E' il primo grande evento fieristico B2B dedicato alle sfide e alle opportunità su scala globale del sistema delle Indicazioni Geografiche dell'Unione europea e farà da apripista a Cibus Connect, il Salone internazionale dell'alimentazione in programma alle Fiere il 12 e 13 aprile. «Quando si è manifestata l'idea di organizzare un confronto di respiro internazionale tra gli attori del settore di produzione di DOP IGP, la collocazione a Parma è sembrata del ...
  • 10 April 2017

    Indicazioni Geografiche, le DOP e IGP di tutto il mondo in vetrina ad Origo

    Sarà il primo appuntamento internazionale dedicato ai prodotti agroalimentari DOP IGP di tutto il mondo: si tratta dell'Origo Global Forum, in programma dall'11 al 13 aprile a Parma cuore della Food Valley emiliano-romagnola e città creativa della gastronomia Unesco. Alla fine del 2016 il comparto delle DOP e IGP europeo aveva toccato la cifra record di 2.959 prodotti (compresi 23 extra Ue) con 69 nuovi ingressi. Un trend che non scalfisce però il primato dell'Italia, che vanta 814 prodotti Food e Wine. Tra i protagonisti ci saranno produttori e Consorzi di questo comparto dell'agroalimentare europeo: Origo Global Forum sarà appunto il primo appuntamento internazionale dedicato a un settore che riveste non solo un importante valore economico, ma che rappresenta anche un modello di agricoltura sostenibile. uno strumento dì presidio del territorio, un volano di sviluppo per le  comunità locali. Il Ministero italiano delle politiche agricole, Regione Emilia-Romagna, ...
  • 3 April 2017

    DOP e IGP, quei dazi invocati da Trump che accontentano solo le lobby americane

    Tutto ciò che sembrava rappresentare un pezzo rilevante della nuova America fortemente voluta da Obama, dalle politiche di salvaguardia ambientale alla cultura del cibo sano fino alle timide aperture del trattato di libero scambio commerciale, sono state spazzate via dalle misure adottate dal presidente Usa Trump in questo inizio di mandato. Con le nuove politiche protezionistiche annunciate proprio in questi giorni si potrebbero accendere scontri commerciali capaci di mandare in tilt l'asse internazionale del commercio agroalimentare mettendo in seria difficoltà tutte le imprese europee - soprattutto italiane e francesi - che hanno puntato sul mercato a stelle e strisce. "Servono nuove garanzie - ha dichiarato il ministro Maurizio Martina - per la tutela dell a distintività delle produzioni, libere di circolare nel mondo senza essere imitate, non una nuova stagione di chiusure" Nel settore agroalimentare gli Stati Uniti infatti, sono il terzo mercato di destinazione ...
  • 3 April 2017

    DOP e IGP le più colpite dalla nuova politica protezionistica americana

    Incredulità e preoccupazione: sono i due sentimenti che gli imprenditori italiani manifestano dopo la minaccia americana di imporre dazi fino al 100% su 90 prodotti importati, di cui 75 Indicazioni Geografiche o preparati alimentari. Un documento del Dipartimento Usa per il Commercio (Ustr) risalente alla fine dello scorso anno fa riferimento a due liste sotto osservazione. La prima comprende 80 prodotti "monitorati" su cui possono scattare aumenti di dazi fino al 100 per cento. La seconda è una lista di prodotti europei già sottoposti a dazi. C'è solo l'imbarazzo della scelta: dai prosciutti alla Vespa, dai fiori alle cipolle, dal tessile ai succhi di frutta e al pomodoro in qualsivoglia versione. Non si fa (almeno per ora) cenno a pasta, mozzarella, olio e vino, ma l'allarme è scattato anche in questi comparti. Prodotti a base di carne. «Siamo preoccupatissimi esordisce Vittore Beretta, presidente dell'omonimo gruppo degli insaccati -. Abbiamo negli Stati Uniti due ...
  • 31 March 2017

    Dazi USA, Consorzio Prosciutto di Parma DOP: “si rischiano danni fino a 80 milioni di euro”

    «Speriamo di rimanerci fuori. Gli Stati Uniti sono il nostro primo mercato di esportazione, è un mercato che cresce molto. È stato aperto venticinque anni fa, continua a crescere, ci dà tante soddisfazioni. Se fossimo colpiti per noi sarebbe un grandissimo problema», spiega Stefano Fanti, direttore generale del Consorzio di tutela del Prosciutto di Parma. Quanto vale per voi il mercato americano? «Vale il 22-23 per cento del totale delle nostre esportazioni: parliamo di 623 mila prosciutti a fronte di una produzione totale di 8,7 milioni di pezzi. Corrisponde ad un controvalore di 80 milioni di euro». Preoccupato per un'eventuale escalation? «Beh, auspichiamo che gli americani non vogliano privarsi della possibilità di mangiare un prodotto come il nostro che è unico e che da loro non si trova. Perché prodotti un poco più generici, come possono essere la pasta, l'acqua minerale o le passate di pomodoro, possono anche essere di produzione locale, ma i prodotti ...
  • 31 March 2017

    Il Vino Nobile di Montepulciano DOP al G7 della Cultura

    Sono stati i ministri della Cultura di Canada, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna e Usa ospitati dal ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, a brindare all'incontro del primo G7 della cultura in programma ieri a Firenze con il Vino Nobile di Montepulciano DOP. La prima Docg italiana è infatti la denominazione scelta dall'organizzazione come vino di questo grande appuntamento per accompagnare il menu della cena di gala in programma ieri sera a Palazzo Vecchio. Erano presenti, inoltre, il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni e anche il commissario europeo per la cultura Tibor Navracsis con il segretario generale dell'Uriesco Irma Bokova, oltre al sindaco di Firenze, Dario Nardella. "Una grande occasione per la nostra denominazione di poter raccontare anche a tavola la cultura - spiega il presidente del Consorzio del Vino Nobile, Andrea Natalini - perché il vino italiano è cultura e a Montepulciano più che mai visto che da sempre il vino ha accompagnato ...
  • 30 March 2017

    Asti DOP, Provolone Valpadana DOP e IVSI lanciano un programma triennale di promozione negli USA

    La Commissione dell’Unione Europea, con apposito bando, ha riconosciuto un investimento di 6milioni di euro al Consorzio per la Tutela dell’Asti in partnership con l’Istituto di Valorizzazione dei Salumi italiani e il Consorzio di Tutela del Provolone Valpadana. Il programma di informazione, conoscenza e promozione delle Denominazioni di Origine Protette europee ed in particolare dei tre Consorzi avrà durata triennale e sarà rivolto al mercato degli USA . Su 10 progetti italiani ammessi ad usufruire di questi importanti contributi, per un totale di 30milioni, quello che vede come capofila il Consorzio dell’Asti è stato il primo in termini di investimenti e l’unico piemontese. Tra le finalità è prevista anche un’azione sinergica di coinvolgimento delle realtà rappresentative di eccellenze produttive IGP e DOP del territorio che desiderano avvicinarsi ed esplorare il mercato statunitense, offrendo un’importante opportunità di vetrina ai piccoli produttori ...