Tag: controlli

  • 22 February 2017

    Mipaaf, Operazione ICQRF: scoperte imprese che producevano falsi Prosciutti DOP

    Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf) rende noto che dall’alba di oggi l’Ispettorato Centrale Repressione Frodi (ICQRF), su delega della Procura della Repubblica di Torino, sta effettuando decine di perquisizioni in Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto all’interno di imprese attive nel settore suinicolo e nella fornitura di materiale genetico agli allevamenti. L’operazione mira a tutelare le produzioni a denominazione di origine protetta Prosciutto di Parma DOP e Prosciutto di San Daniele DOP. Indagati oltre 30 titolari di imprese, accusati di associazione per delinquere finalizzata alla frode in commercio aggravata, che avrebbero utilizzato suini non ammessi dal disciplinare di produzione, vale a dire senza le caratteristiche di qualità e tipicità richieste per produrre prosciutti DOP. “Il Mipaaf – afferma il Ministro Maurizio Martina – conferma la massima attenzione nella tutela delle produzioni italiane di qualità ...
  • 17 February 2017

    Sicilia DOP: i controlli funzionano

    Sono 30 i casi sospetti di violazioni delle regole di etichettatura e commercializzazione riscontrati nei vini a marchio Sicilia DOP. È questo il risultato del primo anno di attività della task force attivata dal Consorzio di tutela Vini Sicilia DOP. Le etichette controllate all'interno di supermercati, enoteche, ristoranti e siti di e-commerce sono state complessivamente più di 300, sia in Italia sia in Germania e Svizzera. I casi sospetti sono stati trasmessi agli uffici della Repressione frodi (Icgrf) a cui spetta il compito, una volta accertata l'irregolarità, di applicare le sanzioni previste. Tra le irregolarità rilevate dal Consorzio di tutela quella più comune riguarda l'uso improprio del termine «Sicilia». «Il sistema di vigilanza - ha evidenziato in una nota il direttore del Consorzio, Maurizio Lunetta - segue un piano di lavoro concordato annualmente con i vertici nazionali della Repressione frodi. Nel 2016 sono stati effettuati i controlli privilegiando ...
  • 15 February 2017

    DQA, operazione Aristeo: “Funziona la sinergia tra i sistemi di certificazione e quello dei controlli”

    L’operazione della Guardia di Finanza di Caserta, nell'ambito di un'indagine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere in materia di contrasto alle frodi agroalimentari ed in particolare nella filiera di produzione della Mozzarella di Bufala Campana DOP, ha evidenziato come la sinergia tra i sistemi di certificazione e quello dei controlli funzioni perfettamente. L’operazione Aristeo, che ha visto coinvolti allevatori e trasformatori del casertano, è partita subito dopo l’entrata in vigore dell’attuale sistema dei controlli che impone ad allevatori, raccoglitori e caseifici di dichiarare quotidianamente tutte le proprie produzioni. Con il decreto sulla tracciabilità del latte bufalino, entrato in vigore alla fine del 2014, infatti, tutte le produzioni sono strettamente controllate. Il Dipartimento Qualità Agroalimentare (DQA), l’ente di certificazione della filiera della mozzarella Dop, è impegnato, oltre che nell’attività di certificazione ...
  • 24 January 2017

    Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari: sequestrate 3 tonnellate di pesce senza etichettatura

    I Carabinieri del Comando Politiche Agricole e Alimentari (organo ausiliario del Mipaaf dal 2009), con l’ausilio dell’Arma territoriale, hanno controllato circa 100 operatori del commercio all'ingrosso delle province di Milano, Torino, Firenze e Napoli. I militari hanno individuato e sequestrato circa 3 tonnellate di pesce, mancante dell’etichettatura e della documentazione di “filiera”, in violazione delle leggi comunitarie e nazionali che stabiliscono i principi ed i requisiti generali per la sicurezza alimentare. L’azione del Reparto specializzato dell’Arma, a presidio di beni essenziali di largo consumo, ha scongiurato che finissero sulle tavole dei cittadini diverse specie  ittiche, fresche e congelate, di cui non si conosce luogo e data di cattura nonché le modalità di trasformazione. Al termine delle verifiche sono state elevate sanzioni amministrative a carico di diversi operatori del settore, per complessivi euro 29mila, nonché una segnalazione ...
  • 23 January 2017

    Mipaaf: nel 2016 oltre 160mila controlli e sequestri per un valore di 36 mln di euro

    Il 2016 si è chiuso con una raffica di controlli e di sequestri nel settore agroalimentare, un'attività rafforzata che ha consentito di eliminare dai mercati (non solo nazionali) i falsi made in Italy. Il Mipaaf ha infatti tracciato il bialancio delle operazioni svolte nello scorso anno dai quattro organismi di controllo e cioè Ispettorato repressione frodi (ICQRF), Nuclei Antifrodi Carabinieri/Comando Carabinieri politiche agricole e alimentari (NAC), Corpo forestale dello Stato e Capitanerie di Porto-Guardia Costiera. Un azione che ha portato a effettuare oltre 160mila controlli, di cui più di 1500 sul web, per un valore complessivo di oltre 36 milioni di euro di sequestri nell'agroalimentare italiano e più di 6mila sanzioni. Con la tutela «ex officio», delle DOP IGP comunitarie - sottolinea una nota del Mipaaf - sono stati esaminati 240 casi che hanno permesso di far togliere dagli scaffali in molti Paesi d'Europa falsi prosciutti, formaggi, oli extra vergini di ...
  • 19 January 2017

    Prosecco DOP e Mozzarella di Bufala Campana DOP: un accordo per tutelare il consumatore

    Salvaguardare il consumatore finale, garantendo l’autenticità dei prodotti a Dop e consentendone la corretta identificazione: questo l’obiettivo dell’incontro “L’evoluzione dell’attività di vigilanza tra nuove tecnologie e sinergie tra consorzi” organizzato per oggi 18 gennaio 2017 presso il Ministero delle Politiche Agricole in Via XX Settembre a Roma da Consorzio Prosecco DOC e Consorzio Mozzarella di Bufala Campana DOP. Il focus è su “Prosecco DOP e Mozzarella di Bufala Campana DOP: accordo Nord-Sud per vigilare sul mercato” e lo scopo primario di questa collaborazione che vede coinvolti due prodotti fortemente rappresentativi del settore enogastronomico italiano è di migliorare, attraverso l’accordo raggiunto, la diffusione e la capillarità dei controlli sul territorio nazionale. Questi i dati sui quali si baserà l’attività: 7 regioni interessate equivalenti al 35% del territorio nazionale (Campania, Sicilia, Puglia, Calabria, Veneto, ...
  • 18 January 2017

    Prosecco DOP e Mozzarella di Bufala Campana DOP: accordo nord-sud per vigilare sul mercato

    I Consorzi di tutela del Prosecco DOP e della Mozzarella di Bufala Campana DOP, insieme per vigilare sul mercato. Se ne parlerà durante l'incontro che si sviluppa nell’ambito di studio dell’evoluzione dell’attività di vigilanza tra nuove tecnologie e sinergie tra consorzi, che si terrà a Roma, il 18 gennaio - ore 12.00 - nella sala Cavour del Ministero delle politiche agricole, in via XX Settembre. Parteciperanno Luica Bianchi Capo dipartimento Mipaaf con un intervento sulle sinergie tra i consorzi di tutela; Stefano Zanette presidente del consorzio Prosecco DOP e Domenico Raimondo presidente del consorzio Mozzarella di Bufala Campana DOP approfondiranno i temi del protocollo di vigilanza Prosecco - Bufala Campana; Raffaele Borriello direttore generale Ismea, interverrà in relazione alla piattaforma informatica Ismea per lo scambio e la raccolta di informazioni. Concluderà l’incontro Stefano Vaccari Capo dipartimento ICQRF con un’analisi dell’impatto di ...
  • 12 January 2017

    Il piano Ice spinge il made in Italy in Usa

    Mozzarella di Bufala Campana DOP e Prosecco DOP davvero made in Italy sugli scaffali di Walmart, una delle più pervasive catene di ipermercati Usa? Quanto è riuscita la scommessa lanciata, quasi 2 anni fa, dall'allora vice (e oggi ministro per lo Sviluppo Economico) Carlo Calenda? I primi dati li snocciola l'Ice, braccio operativo del Mipaaf. Se, complessivamente, nel biennio 2015-2016, per il complessivo Piano Straordinario per il made in Italy il plafond è stato di circa 200 milioni di euro l'anno, ai soli interventi dedicati al Nord America sono andati 103 milioni: il 92% agli Usa e l'8% al Canada. Spiega l'Ice: a fronte di un investimento promozionale di 3,5 milioni di dollari, l'acquisto di prodotti food&beverage italiani è cresciuto, in media, del +18% rispetto al 2015, per un valore complessivo di acquisti di 24,milioni di dollari. Proprio quest'anno, infatti, sono stati siglati accordi con importanti player della grande distribuzione organizzata a stelle e ...
  • 7 December 2016

    Sicurezza Agroalimentare, controlli dei NAC nelle province di Bari e Brindisi

    L’olio extravergine di oliva è uno dei prodotti più rappresentativi del sistema agroalimentare nazionale, la cui materia prima è quasi del tutto autoctona, e che mostra una grande riconoscibilità all’estero come prodotto italiano. In tale contesto, nell’ultima settimana, il Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari, attraverso i N.A.C. (Nuclei Antifrodi Carabinieri ) dipendenti, ha disposto una vasta azione di monitoraggio della filiera di produzione di olio extravergine di oliva di pregio, nel territorio del Sud-Est ed in particolare nella zona tra la bassa Murgia barese ed il nord Salento brindisino (Binetto, Alberobello, Castellana Grotte, Turi, Noicattaro e Noci in provincia di Bari e Francavilla Fontana, Fasano, Carovigno, Erchie, San Michele Salentino, Ostuni, Latiano, Oria, Cisternino e Ceglie Messapica in provincia di Brindisi) ove insistono oliveti secolari, perfettamente integrati nel paesaggio. I controlli hanno comportato verifiche e accerta...
  • 6 December 2016

    Contraffazione: l’Italia perde ogni anni 680 mln in prodotti falsi DOP e IGP

    Natale si avvicina, ma i dati sulla contraffazione non sono un bel regalo. Anzi, il peggior "pacco" all'economia. Perché ogni anno, l'Unione europea perde 83 miliardi di euro di vendite e quasi 8oomila posti di lavoro a causa di contraffazione e pirateria. Un danno che per l'Italia si traduce attorno ai 7 miliardi. Ma se si calcolano anche le perdite indirette al business (cioè i mancati introiti in logistica, distribuzione e terziario connesso) la stima arriva anche a 8 miliardi di euro e oltre 1oomila posti di lavoro che non si riescono a creare. La mappatura del fenomeno - a livello europeo e per settori - l'ha fatta l'Agenzia Ue che tutela la proprietà intellettuale (Euipo), che, attraverso il suo Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale, ha, negli ultimi due anni, analizzato e quantificato il fenomeno dei falsi e della loro diffusione nei settori farmaceutico, alcolici e dei vini, gioielli e orologi, borse e valigie, giocattoli, ...
  • 1 December 2016

    Agnello di Sardegna IGP, controlli straordinari per Natale

    Semplificazione, nuovi mercati e intensificazione dei controlli. Il Consorzio di tutela Agnello di Sardegna IGP mette in campo una serie di iniziative per favorire il consumo della carne di agnello e tutelare consumatori e produttori dalle frodi. "Siamo alle porte del Natale - commenta il presidente del Consorzio Battista Cualbu - il periodo topico visto che adesso si consumeranno la metà degli agnelli che produciamo in Sardegna. Come Consorzio abbiamo studiato e stiamo mettendo in campo una serie di iniziative. Si facilita la vendita, le esigenze del mercato sono in continua evoluzione e non ci permettono di stare fermi. Da quest'anno, infatti, sarà possibile vendere l'agnello IGP con tagli anche più piccoli rispetto ai quarti. Allo stesso tempo abbiamo semplificato il lavoro dei macellatori che dovranno usare una sola etichetta e non una ogni taglio". Soluzioni che agevoleranno le vendite che saranno comunque garantite grazie all'intensificazione dei controlli. "L'Agn...
  • 21 November 2016

    Controlli, così Accredia verifica le regole

    L'accreditamento è uno strumento, riconosciuto a livello europeo e internazionale, in base al Regolamento Comunitario n. 765 del 2008 che ha fissato le regole sul suo esercizio in tutti i paesi Ue. In Italia è stata designata come ente di accreditamento Accredia, un'associazione privata senza scopo di lucro che opera sotto la vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico e svolge un'attività di interesse pubblico, a garanzia delle istituzioni, delle imprese e dei consumatori. Cosa fa Accredia? Controlla i controllori: il suo compito infatti è quello di attestare la competenza degli organismi di certificazione e dei laboratori a svolgere valutazioni della conformità di prodotti, servizi, processi, sistemi di gestione e professionisti. Queste valutazioni sono svolte secondo standard nazionali e internazionali di riferimento applicabili in tutti i Paesi del mondo. In Italia la sicurezza dei prodotti alimentari oggi poggia su 4 pilastri: i sistemi ispettivi e di ...
  • 18 November 2016

    CETA, Accredia: esportazioni più facili per imprese con nuovo accordo su certificazioni

    Il CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement), l'Accordo Economico e Commerciale Globale sottoscritto tra Canada e Unione europea, può contare su un ulteriore strumento per rafforzare i rapporti commerciali e favorire gli scambi tra i Paesi firmatari. EA-European Cooperation for Accreditation e SCC-Standards Council of Canada hanno infatti firmato un Accordo per gestire il mutuo riconoscimento degli organismi di certificazione e dei laboratori di prova accreditati previsto dal CETA. Ciò garantirà l’accettazione reciproca, da parte del Canada e dei Paesi dell’Unione, delle certificazioni di prodotto e delle prove accreditate in Canada da SCC e in Europa dai vari Enti nazionali di accreditamento che operano secondo il Regolamento (CE) 765/2008. Per l’Italia, sarà Accredia l’Ente di accreditamento coinvolto, l’unico incaricato dal Governo per qualificare gli organismi di certificazione e i laboratori di prova, e garantire, insieme alle Autorità statali ...
  • 4 November 2016

    Pecorino Romano DOP, guerra a tutto campo tra Lazio e Sardegna

    Nei giorni scorsi si è assistito prima al sequestro e successivamente al dissequestro da parte dei Carabinieri dei Nac di 500 caciotte (comercializzate col brand "Cacio romano") prodotte dal caseificio laziale Formaggi Boccea e che riportavano in etichetta il nome "romano". Ìl prodotto dopo il ricorso presentato dal produttore, affiancato dalla Coldiretti regionale, è stato dissequestrato e restituito insieme alle etichette "incriminate" al caseificio che adesso potrà nuovamente immetterlo sul mercato. Una decisione contro la quale è però insorto il Consorzio del Pecorino Romano DOP. «La decisione dell'ufficio sanzioni del Icqrf-Vico II del Mipaaf è inspiegabile e ci lascia stupefatti - spiega il Presidente del Consorzio di tutela del formaggio DOP Salvatore Palitta che a dispetto del nome è realizzato per il 97% in Sardegna e solo per il 3% nel Lazio, - perché si tratta di un provvedimento a nostro avviso in aperto contrasto non la normativa Ue sulle denoninazioní ...
  • 4 November 2016

    Ragusano DOP, certificazioni e controlli a rischio

    Ragusano DOP, un piano di controllo sui processi di lavorazione e di produzione del formaggio. Il «Corfilac», il consorzio per la ricerca filiera lattiero casearia è stato autorizzato dal ministero - oramai da anni - come ente di certificazione del formaggio a marchio DOP. Un laboratorio con tecnici qualificati che rischia di essere definitivamente smantellato. Un ulteriore danno per la provincia di Ragusa e per un centinaio di aziende associate. Il direttore del Consorzio di tutela del Ragusano DOP, Enzo Cavallo, è pronto a fare le barricate e, qualora la situazione dovesse precipitare, ricorrere ad enti esterni accreditati dal Mipaaf. Fonte: Giornale di Sicilia SCARICA L'ARTICOLO COMPLETO
  • 31 October 2016

    Consorzio Prosciutto Veneto Berico-Euganeo DOP: bloccato prosciutto anonimo venduto come DOP

    Nell’ottica di un’azione preventiva, iniziata da un paio di anni con la collaborazione di Agenti Vigilatori con qualifica di Pubblica Sicurezza e con ICQRF – Istituto Centrale per la Qualità e la Repressione Frodi –, il Consorzio di Tutela del Prosciutto Veneto Berico-Euganeo DOP intende dare risalto e visibilità, fra le altre, anche alle evidenze delle attività di controllo e verifica ex-ufficio da parte del Corpo Forestale dello Stato e di altri Enti di Stato. E’ oramai quotidiana la lotta alle irregolarità e alle frodi sull’esatta qualifica del Prosciutto Veneto Berico-Euganeo DOP (il riferimento è ovviamente agli innumerevoli e ripetuti abusi sulla denominazione “Prosciutto di Montagnana”, utilizzata quasi esclusivamente da chi non ne ha alcun titolo). E’ permesso solamente ai prosciuttifici attivi prima del 1996 – anno di attribuzione della Denominazione di Origine Protetta – con sede nel comune, citare “Montagnana” come parte integrante ...