Tag: consorzi di tutela

  • 29 May 2017

    AICIG: Cesare Baldrighi è il nuovo presidente

    Cesare Baldrighi è il nuovo Presidente di AICIG. Dopo l’assemblea che si è svolta presso la sede di Confcooperative a Roma, il Consiglio ha ringraziato il Presidente uscente Giuseppe Liberatore che ha guidato l’Associazione dalla sua nascita nel 2006 ad oggi per l’importante lavoro svolto portando i soci a ben 64, e preso atto delle dimissioni per incompatibilità con l’incarico di AD che ricoprirà a Valoritalia, ha annunciato la nomina di Cesare Baldrighi, attualmente Presidente di AFIDOP e del Consorzio Tutela Grana Padano. Tra le priorità enunciate nel programma del neo Presidente per il futuro dell’Associazione, previste azioni di aggregazione fra le associazioni al fine di fare sempre più sistema e azioni formative per le attività dei Consorzi di Tutela, che di fatto rappresentano un importante elemento di continuità con la precedente Presidenza. L’intento è infatti quello di proseguire con gli incontri che si prefiggono di dare ai Consorzi e agli ...
  • 29 May 2017

    Pasta di Gragnano IGP, sfida i mercati con 10mila quintali di produzione al giorno

    La Campania delle produzioni agroalimentari di alta qualità è una certezza confermata dai numeri divulgati da Ismea: 23 produzioni a Indicazione Geografica (13 DOP e 10 IGP) e due STG (Pizza Napoletana STG e Mozzarella SG) che incidono, numericamente, per oltre l'8% sul totale dei riconoscimenti nazionali. Il numero di operatori coinvolti in queste produzioni supera le 3.000 unità, spalmati su quasi i 2.000 ettari di superficie. Facendo leva su questi dati, il Consorzio di tutela Pasta di Gragnano IGP, ha organizzato, presso Città della Scienza, «Ligami di pasta» un incontro-confronto con l'obiettivo di riunire i maggiori marchi certificati in grado di garantire, attraverso nuove sinergie, un'accelerazione di posizionamento del brand «Campania» nel mondo. «I fondi di investimento - ha spiegato Giuseppe Di Martino, presidente del Consorzio della Pasta di Gragnano IGP - sono entrati nell'Indicazione Geografica dimostrando di credere nel valore immateriale del ...
  • 29 May 2017

    La Finocchiona IGP si racconta in tv

    La Finocchiona IGP protagonista in tv, per raccontare come nasce un prodotto di eccellenza legato alla storia e alle tradizioni gastronomiche della Toscana. L’appuntamento è stato domenica 28 maggio, intorno alle ore 12.45, nella trasmissione "Gustibus", in onda ogni settimana su La7 e dedicata a prodotti, luoghi e sapori della tradizione italiana. Il servizio ha raccontato la produzione del tipico salume, dalla selezione delle carni al prodotto finito, passando per la speziatura dell’impasto - arricchito da semi o fiori di finocchio, sale, pepe e aglio - l’insaccatura e la fase di stagionatura. Per conoscere da vicino la Finocchiona IGP e il Consorzio di tutela, con la sua storia, la produzione e il legame con la Toscana che la rende un salume unico nel suo settore, è possibile seguire la pagina Facebook e il profilo Twitter. Fonte: Consorzio di tutela dell Finocchiona IGP SCARICA IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO
  • 26 May 2017

    Formazione e tutoraggio ai Consorzi di tutela DOP IGP: il programma Ismea

    Secondo gli ultimi dati Ismea-Qualivita, in Italia il valore dei prodotti a Indicazione Geografica raggiunge i 13,8 miliardi di euro, con un peso del 10% sul fatturato totale dell’industria agroalimentare nazionale. L’Italia, con 816 prodotti certificati, è in vetta alla classifica europea, seguita dalla Francia. Il contesto competitivo in evoluzione e le opportunità che questi prodotti hanno a livello nazionale e internazionale richiedono un continuo adeguamento e rafforzamento degli operatori e delle loro strutture di coordinamento. A questo scopo l’Ismea - Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare – nell’ambito di un progetto approvato dal Mipaaf, avvia una selezione per un programma di formazione e tutoraggio destinato a Consorzi di tutela, Associazioni di produttori di prodotti DOP e IGP - e alle imprese loro associate - sulle tematiche di maggiore interesse ai fini dello sviluppo delle produzioni a Indicazione Geografica. Il percorso prevede ...
  • 26 May 2017

    AICIG e Afidop: servono tempi più brevi per modificare i disciplinari

    Dall'incontro "I Consorzi di tutela e l’evoluzione della normativa: disciplinari e statuti" organizzato da AICIG (Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche) e Afidop è emerso che “I tempi eccessivamente lunghi e tortuosi per la registrazione delle modifiche ai disciplinari dei consorzi di tutela, creano difficoltà e oggettive perdite di opportunità ai vari comparti produttivi”. Lo ha denunciato il presidente dell'Associazione Formaggi Italiani DOP IGP Nicola Baldrighi. “Le modifiche ai disciplinari si rendono molto spesso necessarie al fine di adeguare la realtà produttiva all’evoluzione della filiera e alle esigenze del mercato. L'attuale sistema– prosegue Baldrighi - prevede che, dopo la procedura nazionale per l’approvazione delle modifiche, ci sia una seconda lettura da parte della Commissione Europea, la quale talvolta richiede ulteriori informazioni con conseguente allungamento dei tempi ben oltre quelli previsti dal Regolamento n.1151/...
  • 25 May 2017

    Olio Sardegna DOP, scadenza adesioni al sistema di certificazione 30 giugno 2017

    L'agenzia Agris Sardegna, autorità pubblica di controllo per l'olio extravergine di oliva Sardegna DOP ha diramato un comunicato agli operatori per informare che il 30 giugno 2017 scadono i termini per la presentazione delle domande di nuova adesione o rinuncia al sistema di certificazione per la campagna produttiva 2017/2018. Sono interessati a presentare domanda di nuova adesione o rinuncia tutti gli operatori: olivicoltori, frantoiani, confezionatori e intermediari. Le istanze devono essere inoltrate all'agenzia, entro e non oltre il 30 giugno 2017, secondo le seguenti modalità: a mano o a mezzo servizi postali, via fax o via posta elettronica certificata. Fonte: agronotizie.it
  • 25 May 2017

    Grana Padano DOP scelto da oltre 23 milioni di famiglie italiane

    «Sono 24.598.000 le famiglie che in Italia, nei dodici mesi compresi tra marzo 2016 e marzo 2017, hanno acquistato formaggi duri vaccini; di queste il 94% (23.553.000) ha scelto, almeno una volta il Grana Padano DOP». Lo afferma Stefano Berni, direttore generale del Consorzio di tutela Grana Padano DOP, il prodotto a denominazione più consumato del mondo con oltre 4.860.000 forme annue, commentando una rielaborazione interna al Consorzio dei dati resi noti dall’IRI, istituto indipendente e leader mondiale nella gestione di informazioni di mercato. «Grana Padano DOP - prosegue Berni - rispetto all'ultima rilevazione cresce del +1%. Un segnale importante in un momento di crisi generalizzata che va ad aggiungersi all'eccezionale +7% fatto registrare nel 2016 nel settore delle esportazioni internazionali. Ogni famiglia ha acquistato mediamente 5 kg di Grana Padano DOP su 9,4 Kg (di cui gli altri 2,9 kg di Parmigiano Reggiano DOP e i restanti 1,5 kg di formaggi simila...
  • 24 May 2017

    Il Chianti DOP torna dall’Asia “Il futuro del vino è qui”

    Il Consorzio del Vino Chianti DOP fa ritorno in Toscana dopo aver concluso il tour che lo ha visto protagonista per due settimane nel continente asiatico. Oltre 40 aziende hanno partecipato al primo Prowine di Hong Kong, con uno stand di 192 metri quadri a disposizione, è stata poi la volta di Singapore e infine, una primissima esperienza a Seoul. “Abbiamo riscontrato un grande interesse – ha spiegato Marco Alessandro Bani, direttore del Consorzio – e abbiamo avuto la possibilità di confrontarci con un pubblico più maturo e consapevole rispetto al passato per quanto riguarda il nostro prodotto. Ad Hong Kong, in particolare, l'organizzazione è stata ottimale e nel complesso le nostre aziende hanno incontro oltre 150 buyers arrivati da tutti i territori limitrofi. E' indubbio che torneremo in Asia già nel 2018 in quanto il mercato lo impone dati i numeri che il consumo interno di questo paese sta registrando. Ogni seminario che abbiamo organizzato ha riscosso enorme ...
  • 24 May 2017

    Consorzio Olio Toscano IGP: il 26 maggio assemblea generale dei soci

    L’assemblea generale annuale ordinaria del Consorzio di tutela dell’Olio Toscano IGP  si svolgerà venerdì  26 maggio 2017, a Firenze,  presso lo stadio Artemio Franchi, in  viale Manfredo Fanti. Prima di arrivare alla convocazione generale, il consiglio di amministrazione del Consorzio dell’Olio Toscano IGP, ha convocato diverse adunanze parziali per le  categoria degli olivicoltori,  molitori e imbottigliatori,  nelle quali sono stati  eletti i delegati che parteciperanno all’assemblea generale ordinaria. Il Consorzio per la tutela dell’olio extravergine di oliva Toscano IGP nasce nel 1997 per iniziativa di alcuni olivicoltori toscani. In oltre 15 anni di attività, il Consorzio è cresciuto fino a superare gli 11.000 associati, un traguardo che è merito della qualità del lavoro svolto, capace di tutelare e promuovere l'olio extravergine di oliva Toscano in Italia e all’estero. L’olio extravergine di oliva Toscano - patrimonio unico del territ...
  • 24 May 2017

    Pecorino Toscano DOP: presentati i risultati del progetto scuole e il DOP Kit Junior

    Sono stati presentati giovedì 18 maggio a Grosseto i risultati finali del progetto “A scuola con la DOP” promosso da Legambiente, in collaborazione con il Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP, per sensibilizzare gli studenti sull’importanza della sana alimentazione attraverso una maggiore consapevolezza alimentare e un approfondimento sul marchio DOP. Le classi coinvolte sono state 22, per un totale di 350 studenti facenti parte delle scuole primarie di Grosseto, Marina di Grosseto, Istia d’Ombrone, Albinia, Follonica, Monterotondo Marittimo e Isola del Giglio. Gli studenti, oltre ad aver svolto le attività in classe, hanno anche fatto visita ai caseifici della provincia di Grosseto: al Caseificio Follonica di Francesco Spadi, al Caseificio Sociale di Manciano, al Caseificio Alival di Castel del Piano e al Caseificio Maremma di Spadi Fortunato. “Abbiamo partecipato con convinzione al progetto promosso da Legambiente nelle scuole primarie – ha affermato Andrea ...
  • 23 May 2017

    Asparago Verde di Altedo IGP: convegno sui trend di mercato

    L’andamento del mercato in Italia e all’estero e le opportunità delle certificazioni DOP e IGP. Questi i temi al centro del convegno sull’asparago che si terrà il 26 maggio ad Altedo in occasione della 48esima Sagra dell’Asparago Verde di Altedo IGP: i lavori si apriranno alle 10 con i saluti del sindaco di Malalbergo Monia Giovannini e del presidente del Consorzio di tutela Gianni Cesari, a seguire diversi operatori del settore parleranno di normative vigenti applicate alle certificazioni DOP e IGP, tracciabilità nelle filiere di qualità e il ruolo e le funzioni dei consorzi di tutela. In Italia, in questi ultimi anni, l’andamento tendenzialmente positivo dell’asparago ha fatto aumentare le superfici dedicate alla coltivazione arrivate ormai a 9mila ettari. Uno sviluppo favorito dall’incremento della coltivazione di asparagi verdi in Puglia che hanno raggiunto livelli superiori ai 3.500 ettari, da quelli verdi e bianchi coltivati in Veneto (1.600 ...
  • 23 May 2017

    Arancia Rossa di Sicilia IGP, aperte le iscrizioni per la stagione 2017/18

    Il Consorzio di Tutela dell’Arancia Rossa di Sicilia IGP, riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dal mese di giugno 2015 e le cui attività principali sono la promozione, valorizzazione, tutela del prodotto e di informazione al consumatore, iscrizioni campagna agrumicola 2017/2018. L’adesione al Consorzio di Tutela consente di poter fregiare (commercializzare) le Arance Rosse (Tarocco, Moro e Sanguinello), con la Indicazione Geografica Protetta "Arancia Rossa di Sicilia IGP", oggi molto richiesta sia dalla grande distribuzione sia dai consumatori, dato anche il recente andamento positivo, del 41%, occupato nella crescita complessiva del largo consumo dai segmenti benessere e naturale. Ottenere l’IGP, non è una semplice e sterile certificazione, ma dà la certezza di immettere sul mercato un prodotto di qualità e di avere alle spalle una struttura organizzata votata a favorire l’incremento dei consumi di arancia rossa IGP e ...
  • 22 May 2017

    Corsa continua ai nuovi vigneti: presentate domande per 164mila ettari

    Continua la corsa ai vigneti. Dopo il boom già registrato nel 2016 in Italia le nuove domande di autorizzazione all'impianto (le licenze che bisogna detenere insieme alla titolarità del vigneto per produrre vino) nel 2017  hanno fatto registrare un nuovo record. A fronte di una disponibilità di 6.458 ettari l'anno (un budget pari all'1% del vigneto Italia) sono state presentate richieste di nuove autorizzazioni per 164mila ettari: 25 volte di più. Significativi anche i dati regionali. Secondo le cifre rese note dall'Unione italiana vini le prime regioni per numero di richieste sono ancora una volta quelle del Nord Est. Sulla scorta dei due fenomeni enologici di questi anni, Prosecco DOP e Pinot Grigio DOP, Veneto e Friuli Venezia Giulia hanno presentato domande per piantare rispettivamente 9omila e 29mila nuovi ettari di vigneto (a fronte di una disponibilità di 866 ettari il Veneto e 249 il Friuli). E considerato che in Veneto ci sono 86mila ettari di superfici vitate e ...
  • 22 May 2017

    Il Consorzio Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOP rinnova il CdA

    Innocente Nardi è stato confermato presidente del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOP. Sarà affiancato in questo mandato dai vicepresidenti Valerio Fuson, direttore tecnico di Villa Sandi, e Giuseppe Collatuzzo, rappresentante della Cantina Sociale di Conegliano e Vittorio Veneto. «In questi sei anni il lavoro di squadra del consiglio di amministrazione e dei soci del Consorzio ha permesso di raggiungere obiettivi importanti per la denominazione, creando valore per il territorio e per la comunità del Conegliano Valdobbiadene. La stessa candidatura Unesco - afferma Nardi rappresenta un passo importante nella valorizzazione e tutela del territorio. Ma non solo: abbiamo perfezionato il nostro protocollo viticolo che si conferma uno strumento molto avanzato sulla strada della sostenibilità ambientale». «La riconferma di Innocente Nardi è garanzia di scommessa vincente per i viticoltori delle colline di Conegliano e Valdobbiadene - dichiara il ...
  • 19 May 2017

    Consorzi del Prosecco DOP, al via vigneti hi-tech per salvaguardare il territorio

    Il futuro delle viti in collina? In mano a bracci meccanici dotati di sensori ottici. Ma anche a strumenti in grado di nebulizzare fitofarmarci senza disperderli. Non c'è altra via per rendere la miniera d'oro dei filari del Prosecco sempre più sostenibile e meno schiava di pesticidi e diserbanti. Almeno secondo i Consorzi di Tutela Prosecco DOC, Asolo Montello Prosecco DOP e Conegliano Valdobbiadene DOP, nonché Condifesa Treviso, l'associazione che si occupa di proteggere le attività agricole del territorio. Eppure c'è chi vede nella meccanizzazione spinta un pericolo. L'affondo viene dal consigliere regionale del Pd Andrea Zanoni, dopo l'ok della Terza Commissione alla delibera di Palazzo Balbi che stanzia 16,2 milioni di euro (fondi in gran parte comunitari) per la ristrutturazione e riconversione dei vigneti. «Così il territorio diventa una monocultura ad altissimo impatto, vista la pioggia di contributi per far fuori i vecchi vigneti e favorire la meccanizzazi...
  • 19 May 2017

    DOP IGP: gioco di squadra tra i marchi Ue campani

    Gioco di squadra per le DOP campane: Mozzarella di Bufala Campana DOP, Melannurca Campana IGP e San Marzano dell'Agro Sarnese-Nocerino DOP, ma il brand chiave è la Pasta di Gragnano IGP. Gioco di squadra tra prodotti diversi in particolare sui mercati esteri e sinergie reali tra brand territoriali e brand aziendali. Sono questi i due principali obiettivi per i prodotti alimentari campani DOP e IGP così come emerso nei giorni scorsi all'incontro "La Pasta di Gragnano IGP incontra i prodotti DOP e IGP della Campania" che si è tenuto nell'ambito della manifestazione "Ligami di pasta" alla Città della Scienza a Napoli. A livello nazionale la Campania con 25 marchi DOP e IGP (ai quali vanno aggiunte 29 etichette di vini a denominazione d'origine) tra le regioni è preceduta solo da Emilia Romagna, Veneto, Lombardia, Toscana e Sicilia e viene prima del Piemonte che ne ha 23. Di grande rilievo anche il numero di operatori: tra produttori agricoli, allevatori e trasformat...