Argomento: Testo Unico Vino

  • 12 maggio 2017

    Vino, da luglio tutte le operazioni su registro telematico

    Slitta dal 30 aprile al 30 giugno 2017 la tenuta in forma dematerializzata dei registri nel settore vitivinicolo: dal 1° luglio, perciò, tutte le operazioni dovranno essere registrate nel registro telematico. La prima annotazione che dovrà essere effettuata sarà relativa alle giacenze dei prodotti detenuti al 1° gennaio 2017. Queste le istruzioni sul registro telematico contenute nella circolare del Mipaaf del 9 maggio 2017. Dopo la prima annotazione relativa ai prodotti detenuti al 1° gennaio potrà essere riportata, per ogni prodotto, in alternativa all'annotazione delle singole operazioni, la sommatoria delle variazioni dei volumi intervenute a seguito di operazioni di cantina documentalmente dimostrabili (ad es. operazioni di carico/scarico, tagli, perdite/ superi, pratiche enologiche che hanno portato a variazione dei volumi). Fino al 30 giugno 2017, per gli operatori che abbiano abilitato lo stabilimento al registro telematico, l'omessa o l'irregolare annotazi...
  • 2 maggio 2017

    Vino, riprende il confronto fra Mipaaf e operatori sui fondi di promozione

    Nei giorni scorsi si è tenuto al Ministero delle politiche agricole il Tavolo di filiera vino - a cui hanno preso parte i rappresentanti delle principali organizzazioni del settore alla presenza del Ministro Maurizio Martina - e nel quale sono stati raggiunti due risultati principali: apertura a una revisione dei criteri di spesa dei fondi promozione e individuazione di un interlocutore ministeriale per la messa a punto dei decreti attuativi del Testo Unico del vino. Il responsabile vino della CIA, Domenico Mastrogiovanni, sottolinea che la presenza del Ministro Martina rappresenta di per sé un segnale importante, dopo un periodo di incertezza in seguito ai ricorsi al Tar registrati a partire dalla scorsa estate contro il bando nazionale (che ha assegnato 13 milioni sui 26 della dotazione gestita dal Mipaaf per l'annualità 2016-17). Durante questo periodo di incertezza, si era ventilata l'ipotesi che il Ministero per assegnare le risorse rimaste in sospeso intendesse ...
  • 27 aprile 2017

    Vino, Ministro Martina incontra filiera

    Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che si è tenuta oggi al Mipaaf una riunione della filiera vitivinicola alla presenza del Ministro Maurizio Martina. All'incontro erano presenti le principali rappresentanze ed organizzazioni del settore per un confronto su alcune priorità del comparto. In particolare sono stati tre gli assi di lavoro: attuazione del testo unico del vino, nuovo decreto Ocm promozione per la campagna 2017/2018 e operatività del registro telematico del vino. Sul primo punto si è stabilito un metodo di lavoro per la partecipazione di tutti i soggetti della filiera nella fase di adozione dei decreti attuativi, che prevede un confronto stringente da svolgersi già nelle prossime settimane sul pacchetto di provvedimenti pronti. C'è stata una prima analisi delle esigenze di miglioramento del decreto relativo alla promozione, che sarà condiviso anch'esso con le rappresentanze del settore. Sul fronte del registro telematico ...
  • 16 febbraio 2017

    Testo unico del vino: il nuovo quadro normativo per il settore vitivinicolo

    La legge 12 dicembre 2016, n. 238, sulla Disciplina organica della coltivazione delle vite e della produzione e del commercio del vino, meglio conosciuta come Testo unico del vino, è entrata in vigore il 12 gennaio 2017 e costituisce la disciplina nazionale di riferimento del settore vitivinicolo italiano. Essa, infatti, ha abrogato e sostituito il decreto legislativo 10 agosto 2000, n. 260, la legge 20 febbraio 2006, n. 82 e il decreto legislativo 8 aprile 2010, n. 61, razionalizzando, semplificando e innovando la disciplina vitivinicola nazionale. Da qui, nasce l'idea di una Guida al Testo unico del vino, per fornire a quanti interessati uno strumento di lettura facile e immediato che consenta un primo approccio alle novità normative introdotte. Nella guida sono riportati tutti gli articoli del Testo singolarmente commentati uno ad uno, evidenziando le novità introdotte. Per le disposizioni sanzionatorie si è preferito tratteggiare esclusivamente i punti salienti ...
  • 7 dicembre 2016

    Federdoc testimonial dell’efficienza italiana DOP IGP in Germania

    Federdoc con il presidente Riccardo Ricci Curbastro e il Consorzio Vino Chianti Classico con Giuseppe Liberatore testimonial dell'efficienza italiana in Germania. Il sistema delle denominazioni DOP e IGP e dei Consorzi di tutela, che hanno contribuito nel tempo a codificare il valore del terroir nella definizione del concetto di qualità, sono stati scelti come riferimento dai tedeschi che hanno analizzato vizi e virtù dell'Europa del vino: il nostro Paese è stato invitato e preso a modello in occasione di Intervitis, la fiera di Stoccarda dedicata alle tecnologie enologiche in cui si è svolta la convention internazionale organizzata dalla Deutscher Weinbauverband (l'associazione dei viticoltori tedeschi) e dedicata alle politiche europee per il comparto vitivinicolo. Tra i punti di forza italiani emersi a Stoccarda c'è il Testo Unico della vite e del vino, che ha semplificato i procedimenti grazie al lavoro di tutta la filiera affidato poi alla politica, e c'è anche ...
  • 30 novembre 2016

    Testo unico, i vini DOP e IGP li controlla uno solo

    Un solo ente controllore certificherà i vini a denominazione d'origine e indicazione geografica, mentre le imprese più piccole potranno inserire in etichetta il territorio della denominazione, sfruttando il vantaggio competitivo della denominazione regionale o comunque maggiore rispetto a quella del vino imbottigliato. Il testo unico del vino è legge. Approvato all'unanimità dalla commissione agricoltura alla camera, in sede legislativa, il provvedimento semplifica in 91 articoli tutta la normativa del vitivinicolo, dalla produzione alla vendita. «Abbiamo risposto alle sollecitazioni di tutta la filiera con uno snellimento burocratico notevole per la vita delle imprese», ha detto a ItaliaOggi Luca Sani, presidente della Comagri a Montecitorio. «Abbiamo optato per un testo così corposo per limitare i regolamenti attuativi, molte norme saranno in vigore da subito. Altre dovranno essere disciplinate da regolamenti». Fra le novità il coordinamento degli organi di ...
  • 29 novembre 2016

    Vino: il Testo Unico è legge. Martina: tagliamo burocrazia per un settore da 14 mld

    Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali comunica che, con l'approvazione definitiva di lunedì 28 novembre alla Camera dei Deputati, il Testo unico del vino è legge. "Il Testo unico del vino - afferma il Ministro Maurizio Martina - è legge. Un risultato al quale abbiamo lavorato molto in questi mesi insieme al Parlamento e che oggi è realtà. Finalmente diamo ai produttori una sola legge di riferimento con 90 articoli che riassume tutta la normativa precedente. Un'operazione di semplificazione che era attesa da anni e che consente di tagliare burocrazia, migliorare il sistema dei controlli, dare informazioni più trasparenti ai consumatori. Col Testo unico possiamo contribuire a rafforzare la crescita di un settore che già oggi vale più di 14 miliardi di euro e con un export che supera i 5,5 miliardi". SCHEDA - TESTO UNICO DEL VINO In particolare la legge si concentra su un'operazione concreta di semplificazione su produzione, commercializzazi...
  • 22 novembre 2016

    Testo Unico, maxi multe a chi truffa vino DOP

    Pagherà da 30 mila a 100 mila euro chi si rende colpevole di contraffazione o alterazione dei collarini posti intorno ai colli delle bottiglie DOP (Doc e Docg) e stampati dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato o da altre tipografie autorizzate. Stessa multa per chi acquista, detiene, cede ad altri ovvero usa i contrassegni alterati. E punita, poi, con la stessa ammenda la contraffazione o l'alterazione, ma anche l'acquisto, la detenzione e la cessione, dei codici di identificazione alternativi ai contrassegni, così come l'uso di codici alterati, contraffatti o rilasciati da soggetto non autorizzato nonché l'utilizzo su più recipienti dello stesso codice. E questa la modifica principale introdotta dai tre emendamenti al ddl 2535 "Testo unico della vite e del vino", approvati all'unanimità nei giorni scorsi dalla commissione agricoltura del Senato (si veda articolo a lato). Il provvedimento è stato rinviato per la terza lettura alla Camera dove, domani, sarà ...
  • 21 novembre 2016

    Vino, Testo Unico al rush finale

    Il prossimo 28 novembre il Testo Unico della vite e del vino diventerà legge. L'annuncio venuto con un twitt del ministro per le Politiche agricole, Maurizio Martina, ha chiarito che il ddl, che semplifica in 91 articoli le attuali 4mila pagine di provvedimenti e che promette di dimezzare gli adempimenti burocratici per le aziende, dopo due anni dilavoro è ora giunto al rush finale. La pubblicazione in Gazzetta ufficiale è prevista massimo entro il prossimo 4 dicembre. Il Testo Unico nei giorni scorsi è stato approvato all'unanimità dalla Commissione Agricoltura del Senato che ha dovuto però inviarlo di nuovo alla Commissione Agricoltura della Camera perché «ritoccato» con alcuni emendamenti. La principale modifica (insieme a due piccole correzioni relative a riferimenti normativi errati) è stata richiesta dalla Commissione Giustizia del Senato e riguardale sanzioni previste in caso di contraffazione dei contrassegni stampati dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello ...
  • 7 settembre 2016

    Testo Unico del vino già da questa vendemmia

    Battute finali per l'approvazione dei Testo Unico del vino. A poco più di tre mesi dall'approvazione della Camera dei Deputati e dalla ribalta della 50° edizione dei Vinitaly (v. Terra e Vita n. 1512016), Luca Sani, Presidente della Commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati, è fiducioso sulle ultime tappe di un percorso normativo che, dopo l'esame del Senato entro settembre, potrà ragionevolmente concludersi entro il 2016. È tra l'altro confermato il confronto del disegno di legge in sede legislativa in Commissione che consentirà di evitare il passaggio nell'aula parlamentare e quindi di accelerare i tempi di attuazione. Ciò dimostra la preliminare convergenza dei gruppi parlamentari sull'impostazione della legge, risultato di un lavoro di squadra e di un approccio bottom up che ha visto la partecipazione della filiera vitivinicola al lavori preparatori edalla discussione dei testo. Un'accelerazione dell'iter normativo che può consentire l'applicazione di ...
  • 28 luglio 2016

    Vino: “Testo Unico, ci siamo quasi”

    L’iter parlamentare del Testo Unico sul Vino entra nel vivo, nessuno può prevederne con certezza le tempistiche, ma è lecito attendere l’approvazione definitiva della Camera entro ottobre, per poi spostare il dibattito in Senato, nella speranza che i 95 articoli della legge che dovrà regolamentare e, soprattutto, snellire le pratiche burocratiche dell’intero settore enoico, possano vedere la luce a gennaio 2017. “Se la Commissione riuscisse ad ottenere la sede legislativa, con l’appoggio di tutti - spiega  l’onorevole Luca Sani, presidente della Commissione Agricoltura della Camera  - il lavoro sarebbe agevolato. Ma i punti cardine della legge sono solidi: dal Registro Vitivinicolo Nazionale alla sburocratizzazione e l’alleggerimento procedurale per i piccoli produttori, la comunicazione delle planimetrie, la detenzione di sostanze non destinate alla vinificazione, il ravvedimento per chi si accorge di aver commesso un’infrazione di car...
  • 15 giugno 2016

    Settimane decisive per il Testo unico sul vino

    Nella filiera del vino c'è molta attesa per la sorte del Testo unico della vite e del vino, all'esame della Commissione agricoltura della Camera, che contiene la disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e del commercio del vino. Il testo è il frutto dell'unificazione di progetti di legge di iniziativa parlamentare integrati da emendamenti approvati nel corso dell'esame finora svolto in sede referente. Sull'approvazione del provvedimento il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina è molto ottimista. Tuttavia il Governo è stato invitato dalla Commissione bilancio a predisporre una relazione tecnica per rispondere ai numerosi rilievi sul testo unico, sia sui piano della compatibilità con le norme dell'Unione Europea, sia sul piano della copertura finanziaria. La relazione tecnica dovrebbe sciogliere le riserve e permettere ai deputati di approvare direttamente in sede legislativa, cioè senza passaggio in Aula, il testo che è molto ...
  • 12 aprile 2016

    Presentato il Testo Unico del Vino

    Un testo che in 89 articoli raccoglie e mette a sistema la complessa normativa del vino del Belpaese, con innovazioni importanti sul fronte della “semplificazione burocratica e degli adempimenti dei produttori, del sistema dei controlli e delle sanzioni (con l’introduzione del ravvedimento operoso), del riconoscimento giuridico del “vitigno autoctono”, e su pratiche vinicole che allineando ancora di più l’Italia all’Europa, e il vino riconosciuto come patrimonio nazionale dell’Italia ecco gli atout del “Testo Unico” del vino, approvato in Commissione Agricoltura alla Camera, nei giorni scorsi, e presentato oggi a Vinitaly, e spiegati dal relatore, Massimo Fiorio. “Un testo per cui ringrazio tutti i parlamentari e le organizzazioni della filiera che hanno collaborato - ha detto il Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina - e che ci porta all’avanguardia in Europa sul fronte della legislazione vinicola. In un percorso che ora deve compiersi il ...
  • 11 aprile 2016

    Testo Unico del vino, presentazione al Vinitaly

    L' 11 Aprile 2016 a partire dalle ore 11.30, si terrà la presentazione ufficiale del Testo Unico del vino al Vinitaly di Verona da parte del Ministro delle Politiche Agricole e Forestali Maurizio Martina. La Fondazione Qualivita sarà presente all'evento, che avrà luogo nello spazio del Mipaaf, con il Direttore Generale Mauro Rosati in veste di moderatore. Saranno inoltre presenti all'evento Luca Sani, Presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati e il deputato Massimo Fiorio, primo firmatario del Testo Unico del vino. Il Testo, approvato in Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, rappresenta uno strumento fondamentale per semplificare la vita delle imprese e ha trovato pieno sostegno da parte di tutta la filiera. A distanza di trent'anni dallo scandalo del metanolo, come ha dichiarato Martina, l’Italia punta adesso ad avere una sola norma di riferimento per il settore vitivinicolo. Il testo unico è uno strumento fondamentale di ...
  • 11 aprile 2016

    Testo unico del vino e innovazione alla 50ª edizione di Vinitaly

    È in pieno svolgimento la cinquantesima edizione del Vinitaly, la grande vetrina internazionale del vino italiano, che festeggia questo importante anniversario in un momento storico che sembra segnare una grande evoluzione e lo fa presentando al mondo il primo testo unico di norme che regolano tutto il settore del vino, appena approvato dalla Commissione Agricoltura della Camera il 6 aprile. Toccherà al Ministro delle politiche agricole Maurizio Martina illustrare come, ancora una volta, il comparto abbia saputo rinnovarsi per rispondere alle nuove sfide. “Il testo unico - ha dichiarato il Ministro Martina - è uno strumento fondamentale della strategia di rafforzamento del vino italiano e del percorso di semplificazione burocratica che stiamo portando avanti. È stato fatto un lavoro importante di sintesi e di innovazione”. Un momento che porta con sé l’opportunità di migliorarsi, come trent’anni fa quando il caso del metanolo ci ha dato la spinta per crescere, ...
  • 7 aprile 2016

    Testo unico del vino approvato in commissione alla camera

    Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che è stato approvato oggi in Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati il Testo unico del vino. "L'approvazione di oggi in Commissione del Testo unico del vino è un passo in avanti molto significativo. A Vinitaly presenteremo nel dettaglio il provvedimento che è stato condiviso con tutta la filiera. A trent'anni dallo scandalo del metanolo - ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina - l'Italia punta ad avere una sola norma di riferimento per il settore vitivinicolo, unificando, aggiornando e razionalizzando le leggi esistenti. Il testo unico è uno strumento fondamentale della nostra strategia di rafforzamento del vino italiano e del percorso di semplificazione burocratica che stiamo portando avanti. "È stato fatto un lavoro importante - prosegue il Ministro - di sintesi e di innovazione alla Camera da parte dei deputati, che voglio ringraziare per il loro impegno a partire dal Presidente ...