Argomento: ISMEA

  • 1 febbraio 2018

    Rete Rurale Nazionale, via ai workshop sulle IG come strumento di sviluppo del territorio

    Giovedì 1 febbraio 2018, a Roma, Mauro Rosati, Direttore Generale della Fondazione Qualivita, modererà il workshop dedicato alle Indicazioni Geografiche come strumento di sviluppo del territorio e alle azioni per un possibile cambio di passo,  organizzato da Mipaaf, Arsial Regione Lazio e Ismea. Una giornata di lavoro intenso, dedicata ai prodotti IG regionali. Scopo del workshop, analizzare le possibili traiettorie di ulteriore sviluppo dei prodotti DOP IGP che hanno già qualche risultato  e una struttura organizzativa solida e impostare strategie che accrescano le probabilità di successo di quelle Indicazioni Geografiche, la cui situazione organizzativa non è ancora chiara e definitiva. Le domande a cui provare a rispondere sono: al fianco delle strutture produttive e consortili, la Regione può ulteriormente stimolare la costruzione di un “ecosistema” che favorisca lo sviluppo e il raggiungimento dei risultati alle IG? Esistono azioni che entità terze ...
  • 29 gennaio 2018

    Italia leader DOP e IGP, una garanzia sui mercati

    Uno scudo per difendersi è sicuramente qualcosa di indispensabile, purché si abbia la lancia per offendere. Lo scudo sono le DOP e le IGP, ossia i marchi europei che tutelano i prodotti italiani di qualità, la lancia sono i consorzi. E se i primi ci vedono al top della classifica della Ue non altrettanto possiamo dire per il funzionamento reale dei Consorzi che spesso, soprattutto al Sud, restano organismi sulla carta. Ad ogni buon conto il bilancio del rapporto Ismea-Qualivita presentato a Raffaele Borriello, direttore Ismea, Mauro Rosati, direttore generale Qualivita e Luca Bianchi dirigente del ministero Aficoltura e Foreste racconta che si rafforza il primato mondiale dell'Italia per numero di prodotti DOP IGP con 818 Indicazioni Geografiche registrate a livello europeo. Il comparto esprime i risultati più alti di sempre anche sui valori produttivi con 14,8 miliardi di valore alla produzione e 8,4 miliardi di valore all'export. Dati che testimoniano una crescita ...
  • 26 gennaio 2018

    Il Consorzio del Cioccolato di Modica si presenta al XV Rapporto Ismea – Qualivita

    È stato presentato a Roma il 23 gennaio 2018 presso l’Hotel Quirinale, il XV Rapporto Ismea – Qualivita sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane DOP IGP STG, l’indagine annuale che analizza i più importanti fenomeni socioeconomici del comparto della qualità alimentare certificata. I dati del rapporto, illustrati dal Direttore Generale della Ismea Raffaele Borriello, hanno confermato la importanza economica della qualità agroalimentare certificata DOP IGP, che risulta essere il comparto che forse meglio di ogni altro rappresenta la peculiarità e la forza delle produzioni made in Italy. Segnali di crescita a due cifre sia per il numero dei Prodotti registrati +40% che per il valore della produzione + 70%; a tre cifre per valore dell’export +143% che riferito al solo Food arriva alla percentuale straordinaria del +262%. L’evento, aperto dall’intervento del Presidente della Fondazione Cesare Mazzetti, è stato coordinato dal Direttore ...
  • 26 gennaio 2018

    Vola l’export “targato” DOP IGP

    In dieci anni vendite all'estero cresciute del 140%.  Volano le esportazioni di DOP e IGP. In dieci anni le vendite all'estero di prodotti DOP IGP sono cresciute del 140 per cento. È il dato più significativo emerso dal XV Rapporto IsmeaQualivita sull'universo dei prodotti DOP IGP. Il rapporto ha per la prima volta effettuato un confronto decennale tra alcuni dati sensibili del settore e il dato più importante è proprio quello relativo alle vendite all'estero. L'export in dieci anni è passato da una quota del 15 al 22% del fatturato del settore agroalimentare per un giro d'affari di circa 8 miliardi. Tra le principali novità emerse dal Rapporto anche il rafforzamento dei consorzi (cresciuti in dieci anni del 60%) e il rinnovato rapporto con l'industria agroalimentare, che sempre più spesso ricerca materie prime DOP e IGP per i propri prodotti trasformati.  La 15 esima edizione del dossier evidenzia l'evoluzione del sistema italiano della qualità certificata. Vola ...
  • 23 gennaio 2018

    Presentazione XV Rapporto Ismea-Qualivita

    Roma 23 gennaio 2018 – ore 09.30 – Hotel Quirinale, Via Nazionale 7 Presentazione del XV Rapporto Ismea-Qualivita L’indagine socio-economica del comparto italiano agroalimentare e vitivinicolo DOP IGP Sarà presentato a Roma il martedì 23 gennaio 2018 ore 09.30, presso l'Hotel Quirinale, Via Nazionale 7, il XV Rapporto Ismea - Qualivita sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane DOP IGP STG, l’indagine annuale che analizza i più importanti fenomeni socio-economici del comparto della qualità alimentare certificata. Il Ministro Maurizio Martina concluderà la presentazione commentando i dati del rapporto 2017. La qualità agroalimentare certificata DOP IGP è il comparto che forse meglio di ogni altro rappresenta la peculiarità e la forza delle produzioni made in Italy. Lo confermano i numeri di settore analizzati nel XV Rapporto Ismea-Qualivita che anche per il 2016 descrive lo scenario delle Indicazioni Geografiche nel mondo e riporta a livello ...
  • 23 gennaio 2018

    DOP IGP: Un sistema territoriale trainato dal Centro-Nord

    Parma sempre più leader nell’agroalimentare, cresce Mantova. Verona traina con Treviso e Siena il vitivinicolo. Il Rapporto Ismea-Qualivita riporta l’analisi territoriale degli impatti economici delle produzioni DOP IGP per provincia italiana, che evidenzia un comparto che coinvolge capillarmente tutto il Paese. Per quanto l’impatto del sistema IG risulti concentrato geograficamente – con le prime aree del Nord-Est in cui si trova la maggioranza dei distretti più rilevanti economicamente (58% valore Food, 56% valore Wine), dalla “Food Valley” emiliana al “sistema Prosecco” veneto-friulano – non sono pochi i territori che hanno beneficiato della forte crescita relativa delle proprie filiere di riferimento. Produzioni più piccole, che esprimendo al massimo il proprio potenziale, riescono a trainare il settore agroalimentare di qualità da nord a sud del Paese. COMPARTO FOOD Parma si conferma la provincia che maggiormente contribuisce al valore ...
  • 20 dicembre 2017

    Formazione IG: successo per il corso del Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia IGP con LUISS e ISMEA

    Enorme successo per la prima giornata del corso «Servizio di formazione e tutoraggio rivolto a consorzi di Tutela», promosso dal MiPAAF, organizzato dall’Ismea e realizzato con il supporto della LUISS Business School in collaborazione con il Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia IGP. Il corso, articolato in tre giornate la cui ultima sarà a dicembre, si svolge a Catania all’interno del MAAS (Mercato AgroAlimentare Sicilia) ed è aperto alle aziende del settore agrumicolo al fine di creare rete con il Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia IGP e fornire gli strumenti per di marketing, internazionalizzazione e innovazione. La prima giornata, introdotta da Fabio Del Bravo dell’ISMEA, ha visto numerosi partecipanti che entusiasti hanno seguito la lezione di Marco Francesco Mazzù, docente di marketing alla LUISS. “Questo primo modulo - spiega Giovanni Selvaggi, presidente del Consorzio promotore dell’iniziativa in Sicilia - ha il macro ...
  • 18 dicembre 2017

    ISMEA – Vini DOP IGP in UE: crescita produzione, valore ed export

    Nei mercati del Food and Beverage il vino rappresenta uno dei prodotti più globalizzati con dinamiche evolutive e di crescita che non trovano riscontro negli altri comparti, ma i vini a Indicazione Geografica comunitari evidenziano performance comunque superiori. Cresce la quota delle superficie vitate (dall'81,9% del 2012 all'83,2% del 2016), crescono i prezzi (+1% è la crescita media annua dei vini DOP e +4% quella vini IGP), l'incidenza (quella dei vini IG passa dal 62% del 2012 al 63,4% del 2016) e se il valore della produzione ai prezzi di base del vino cresce con una media annua del +4%, il tasso dei vini a IG è del +5,3%; anche l'export delle IG fa registrare incrementi del +4,2% medio annuo. È quanto emerge dall'analisi del ruolo e delle principali dinamiche in atto per i vini DOP e IGP a livello europeo commissionata all'Ismea e presentata a Bruxelles, nel corso del "Primo congresso europeo dei vini a indicazione geografica", organizzato dall'EFOW (Eu...
  • 28 novembre 2017

    Formazione IG, Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia IGP con Luiss e Ismea

    Enorme successo per la prima giornata del corso «Servizio di formazione e tutoraggio rivolto a consorzi di Tutela», promosso dal Mipaaf, organizzato dall’Ismea e realizzato con il supporto della LUISS Business School in collaborazione con il Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia IGP. Il corso, articolato in tre giornate la cui ultima sarà a dicembre, si svolge a Catania all’interno del MAAS (Mercato AgroAlimentare Sicilia) ed è aperto alle aziende del settore agrumicolo al fine di creare rete con il Consorzio di Tutela Arancia Rossa di Sicilia IGP e fornire gli strumenti per di marketing, internazionalizzazione e innovazione. La prima giornata, introdotta da Fabio Del Bravo dell’ISMEA, ha visto numerosi partecipanti che entusiasti hanno seguito la lezione di Marco Francesco Mazzù, docente di marketing alla LUISS. Il corso rappresenta una risposta concreta a quanto già emerso in occasione del workshop sulle strategie di sviluppo del sistema delle Indicazi...
  • 23 giugno 2017

    Ortofrutta fresca e trasformata primo comparto dell’export agroalimentare

    "L'ortofrutta fresca italiana mostra performance positive, con un valore alla produzione di 12,3 miliardi di euro, pari al 25% della produzione agricola, una dinamica positiva dell'export che prosegue anche nel 2017, con un + 6% su base annua nel primo trimestre, e un saldo del commercio estero che, nel 2016, segna un +40% rispetto all'anno precedente, grazie soprattutto alla riduzione della spesa per le importazioni. Considerando cumulativamente l'export di ortofrutta fresca e trasformata, il settore risulta essere il primo dell'export agroalimentare per un valore di 8,3 miliardi di euro" - ha dichiarato il Direttore Generale di Ismea, Raffaele Borriello, introducendo oggi a Firenze i lavori dell'evento Think Fresh 2017. I numeri del settore mettono in evidenza anche i prodotti più vocati all'export: kiwi (Italia 2° esportatore mondiale dietro alla Nuova Zelanda); nocciole (2° esportatore mondiale dietro la Turchia), mele (3° esportatore mondiale, dietro Cina e Usa); ...
  • 16 giugno 2017

    ISMEA – Export vino italiano I Trim 2017

    Da gennaio a marzo 2017 esportati quasi 5 milioni di ettolitri di vini e mosti, con una progressione del +8% sullo stesso periodo dell'anno precedente; era da molto tempo che non si registravano incrementi percentuali così importanti sul fronte volumi. Un aumento pari al +8% anche del valore dell'export di vini, in linea con la crescita dell'agroalimentare italiano nel suo complesso. Le elaborazioni Ismea su dati Istat descrivono, per il primo trimestre 2017, un settore in buona salute. La nota dolente per il settore vinicolo è che la crescita a volume è pari a quella a valore e ciò evidenzia, di fatto, come non aumenti il valore medio delle esportazioni nazionali e questo non aiuta a ridurre il gap con la Francia che nel primo trimestre 2017 ha messo a segno un +15% a valore a fronte di una crescita dei quantitativi pari al +6%. Ragionando in termini di valore medio si ha un netto miglioramento anche della Spagna che, nonostante un lieve calo dei volumi esportati ...
  • 15 giugno 2017

    ISMEA – Scenario mondiale e posizionamento all’estero dei salumi italiani

    Con un valore complessivo di quasi 1,38 miliardi di euro, nel 2016, l'Italia ha conquistato la leadership mondiale per le esportazioni di preparazioni e conserve suine, superando la Germania. Lo storico sorpasso è avvenuto soprattutto grazie alla crescita della quota detenuta dall'Italia nei primi tre mercati di sbocco - Germania, Francia e Regno Unito - che, complessivamente, rappresentano quasi la metà del valore generato dalle vendite all'estero dei salumi nostrani. "I salumi italiani vincono il confronto competitivo, pur posizionandosi su una fascia alta di prezzo - ha dichiarato Raffaele Borriello, Direttore Generale dell'Ismea, intervenuto il 13 giugno all'Assemblea Generale di Assica, l'Associazione degli industriali delle carni e dei salumi -:  il posizionamento dei prodotti italiani è nel segmento premium, ma lo scenario competitivo è più articolato e soprattutto con notevoli prospettive di espansione anche in considerazione dell'apertura di due mercati ...
  • 6 giugno 2017

    L’agroalimentare DOP e IGP sempre più strategico per la Campania

    «La Pasta di Gragnano IGP, insieme ad altri prodotti campani tutelati da marchio come il Pomodoro San Marzano dell'Agro-Sarnese Nocerino DOP o la Melannurca Campana IGP, offre una grande opportunità dì espansione nei mercati internazionali e rappresenta un elemento strategico per tutto il Sud. La Campania con i propri prodotti può fare da traino allo sviluppo agroalimentare del Paese». Così Mauro Rosati, direttore di Qualivita, è intervenuto a «Legami di Pasta», l'iniziativa organizzata dal Consorzio Pasta di Gragnano e Gnam Village di Città della Scienza sul futuro delle produzioni di qualità. Un messaggio immediatamente raccolto dal presidente del Consorzio Pasta di Gragnano, Giuseppe Di Martino che, con l'iniziativa Ligarni di pasta ha inteso spingere per un'unione dei prodotti a marchio di qualità DOP e IGP in grado di garantire un maggiore sviluppo dell'intero comparto e dell'export delle produzioni di qualità: «i fondi di investimento - ha detto - sono ...
  • 29 maggio 2017

    Pasta di Gragnano IGP, sfida i mercati con 10mila quintali di produzione al giorno

    La Campania delle produzioni agroalimentari di alta qualità è una certezza confermata dai numeri divulgati da Ismea: 23 produzioni a Indicazione Geografica (13 DOP e 10 IGP) e due STG (Pizza Napoletana STG e Mozzarella SG) che incidono, numericamente, per oltre l'8% sul totale dei riconoscimenti nazionali. Il numero di operatori coinvolti in queste produzioni supera le 3.000 unità, spalmati su quasi i 2.000 ettari di superficie. Facendo leva su questi dati, il Consorzio di tutela Pasta di Gragnano IGP, ha organizzato, presso Città della Scienza, «Ligami di pasta» un incontro-confronto con l'obiettivo di riunire i maggiori marchi certificati in grado di garantire, attraverso nuove sinergie, un'accelerazione di posizionamento del brand «Campania» nel mondo. «I fondi di investimento - ha spiegato Giuseppe Di Martino, presidente del Consorzio della Pasta di Gragnano IGP - sono entrati nell'Indicazione Geografica dimostrando di credere nel valore immateriale del ...
  • 26 maggio 2017

    Formazione e tutoraggio ai Consorzi di tutela DOP IGP: il programma Ismea

    Secondo gli ultimi dati Ismea-Qualivita, in Italia il valore dei prodotti a Indicazione Geografica raggiunge i 13,8 miliardi di euro, con un peso del 10% sul fatturato totale dell’industria agroalimentare nazionale. L’Italia, con 816 prodotti certificati, è in vetta alla classifica europea, seguita dalla Francia. Il contesto competitivo in evoluzione e le opportunità che questi prodotti hanno a livello nazionale e internazionale richiedono un continuo adeguamento e rafforzamento degli operatori e delle loro strutture di coordinamento. A questo scopo l’Ismea - Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare – nell’ambito di un progetto approvato dal Mipaaf, avvia una selezione per un programma di formazione e tutoraggio destinato a Consorzi di tutela, Associazioni di produttori di prodotti DOP e IGP - e alle imprese loro associate - sulle tematiche di maggiore interesse ai fini dello sviluppo delle produzioni a Indicazione Geografica. Il percorso prevede ...
  • 25 maggio 2017

    ISMEA – Export agroalimentare: focus mercato USA

    Gli Stati Uniti si confermano un mercato di sbocco molto importante per i prodotti agroalimentari italiani: dopo Germania (17,5%) e Francia (10,9%), è il Paese oltre atlantico a costituire una delle mete principali dei prodotti italiani, con una quota del 10% dell'export. Guardando allo scambio con gli Usa, il surplus per l'Italia nel 2016 è stato di 2,9 miliardi di euro, 350 milioni di euro in più rispetto all'anno precedente: importiamo dagli Stati Uniti meno di quanto esportiamo, come confermato anche dai primi due mesi del 2017. In controtendenza rispetto al resto dell'agroalimentare italiano, che ha mostrato un peggioramento del deficit rispetto a gennaio/febbraio 2016, la bilancia commerciale con gli Usa vede una crescita del surplus di +24 milioni di euro in avvio del 2017, grazie all'aumento delle esportazioni (+4,2%) e alla stabilità delle importazioni (-0,3%). Negli ultimi due anni la crescita degli acquisti Usa dall'Italia è stata maggiore rispetto all'espa...