Argomento: ASSICA

  • 13 giugno 2018

    Assica, dati 2017 dei salumi italiani: in ripresa fatturato, produzione, consumi ed export

    ASSICA (l’Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi aderente a Confindustria), nella sua Assemblea annuale che si è tenuta a Milano,  ha posto al centro della discussione il tema dell’internazionalizzazione, oltre a presentare i dati economici di un settore, quello dei salumi, che torna a crescere nel fatturato, nell’export, e registra una ripartenza nei consumi interni. L’Assemblea è stata anche l’occasione per chiedere al nuovo Governo, con il quale l’Associazione auspica di avviare quanto prima un confronto franco e diretto sulle più importanti problematiche, attenzione per le tante sfide con cui il settore è chiamato a confrontarsi con particolare attenzione alla internazionalizzazione e alla promozione all’estero.  Le aziende associate ad ASSICA – circa 180 rappresentative dei più importanti marchi della salumeria italiana – esprimono l’80% del fatturato industriale della produzione delle carni trasformate (salumi, carni in scatola, ...
  • 9 maggio 2018

    A Milano torna SalumiAmo, per avvicinare i giovani ai salumi DOP e IGP

    SalumiAmo è l’iniziativa che l’Istituto Valorizzazione Salumi Italiani (IVSI) da ben 13 anni porta in giro per il mondo per avvicinare i giovani al mondo dei salumi DOP  e IGP, attraverso il consolidato fenomeno dell’aperitivo. Il 10 maggio arriva a Milano con SalumiAmo and the city, appuntamento ufficiale nel calendario di Milano Food City 2018, e sarà l'occasione per gustare i salumi della tradizione in un modo nuovo ed originale. A Palazzo Bovara, uno dei luoghi cult del FuoriSalone della Milano Design Week, l'Istituto Valorizzazione Salumi Italiani (IVSI) in collaborazione con ASSICA-Associazione Industriali Carne e Salumi e TUTTOFOOD, alle 18.30 presenterà i salumi, o meglio delle piccole opere d’arte create dal food designer Paolo Barichella: Cono di Bresaola della Valtellina IGP al gelato di rucola e Parmigiano Reggiano DOP, Capodanno tutto l'anno (con Cotechino Modena IGP), A1 BO-MO (un piccolo bicchierino di Mortadella Bologna IGP riempito ...
  • 12 marzo 2018

    Taiwan apre alle carni suine e ai salumi italiani. Era l’ultimo mercato asiatico inacessibile

    Dopo una lunga negoziazione durata oltre cinque anni, con ben due missioni in Italia da parte degli ispettori del Bureau of Animal and Plant Health Inspection and Quarantine Food and Drug Administration (BAPHIQ), di cui l’ultima svoltasi lo scorso settembre, le Autorità di Taiwan hanno approvato l’esportazione di carni suine e salumi dall’Italia. “La trattativa è stata lunga e complessa ma l’impegno che il Ministero della Salute italiano, l’Agenzia ICE di Taipei e la Commissione europea hanno costantemente riservato a questo obiettivo, portato avanti dalla nostra Associazione con forte tenacia, ha consentito di raggiungere il risultato sperato”, ha affermato con soddisfazione Nicola Levoni, Presidente di ASSICA, Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi. “Ringrazio tutte le Istituzioni nazionali e comunitarie, che hanno lavorato collaborando con professionalità, dimostrando quanto possiamo essere efficaci quando facciamo Sistema”. “La ...
  • 20 novembre 2017

    La Bresaola della Valtellina IGP vola sul mercato giapponese «Uno stimolo per continuare a crescere»

    Il Giappone ha dato il via libera all’importazione di Bresaola della Valtellina IGP prodotta con carne italiana e per le aziende questa novità è fonte di grande soddisfazione. «Alla base di questa valutazione c’è la rilevanza economica e strategica del Giappone, che rappresenta il terzo mercato di esportazione dei prodotti della nostra salumeria - afferma Nicola Levoni, presidente di Assica, l’associazione che riunisce le imprese dei salumi e delle carni aderente a Confindustria - . Si tratta di un primo importante risultato e speriamo che a questa prima fondamentale apertura ne possano presto seguire altre». Da quasi vent’anni i consumatori giapponesi gustano e apprezzano i salumi italiani e da oggi avranno la possibilità di portare sulle loro tavole l’intera gamma dei prodotti del Belpaese, completata dalle eccellenze delle produzioni bovine. «Per questo straordinario risultato dobbiamo ringraziare le nostre istituzioni - continua Nicola Levoni - in ...
  • 16 giugno 2017

    Levoni confermato alla guida di Assica: “export traino irrinunciabile”

    Nonostante gli scenari internazionali non favorevoli e una crisi dei consumi interni che persiste ormai da anni, il comparto dei salumi italiani riesce ad avere sui mercati esteri sbocchi interessanti registrando numeri positivi: a evidenziarlo è Assica che nel corso della sua Assemblea annuale ha presentato i dati economici del settore. Anche sul fronte interno, gli italiani non rinunciano ai salumi: la produzione e fatturato infatti sono sostanzialmente stabili. Le aziende associate ad Assica rappresentano oltre 80% del fatturato industriale della produzione delle carni trasformate (salumi, carni in scatola, grassi suini lavorati) pari a circa 8 miliardi. Di questi, 1,4 miliardi di euro sono provenienti dall’export. Nicola Levoni, Presidente di Assica dal 2015 e riconfermato alla presidenza per un altro biennio, ha commentato: “il 2016 è stato un anno ancora molto complesso per i produttori di salumi. Il settore, come il resto del comparto alimentare, ha continu...
  • 15 giugno 2017

    ISMEA – Scenario mondiale e posizionamento all’estero dei salumi italiani

    Con un valore complessivo di quasi 1,38 miliardi di euro, nel 2016, l'Italia ha conquistato la leadership mondiale per le esportazioni di preparazioni e conserve suine, superando la Germania. Lo storico sorpasso è avvenuto soprattutto grazie alla crescita della quota detenuta dall'Italia nei primi tre mercati di sbocco - Germania, Francia e Regno Unito - che, complessivamente, rappresentano quasi la metà del valore generato dalle vendite all'estero dei salumi nostrani. "I salumi italiani vincono il confronto competitivo, pur posizionandosi su una fascia alta di prezzo - ha dichiarato Raffaele Borriello, Direttore Generale dell'Ismea, intervenuto il 13 giugno all'Assemblea Generale di Assica, l'Associazione degli industriali delle carni e dei salumi -:  il posizionamento dei prodotti italiani è nel segmento premium, ma lo scenario competitivo è più articolato e soprattutto con notevoli prospettive di espansione anche in considerazione dell'apertura di due mercati ...
  • 20 aprile 2017

    Assica a Tuttofood con convegni su etichettatura, export e nutrizione

    ASSICA (Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi aderente a Confindustria) sarà presente a TUTTOFOOD,  la fiera milanese che si terrà dall’8 al’ 11 maggio, con un ricco programma di approfondimenti per le aziende del settore. “Abbiamo  aderito a TUTTOFOOD sin dalla sua prima edizione credendo fortemente nel progetto di Fiera Milano. Gli obiettivi di TUTTOFOOD combaciavano con i nostri:  accrescere la dimensione internazionale delle nostre imprese. Oggi ancora più che negli anni passati appare assolutamente chiaro come il nostro futuro passi dalla capacità di crescere all’estero, di far conoscere i nostri prodotti, di conquistare nuovi mercati. Se oggi possiamo essere soddisfatti del nostro export è anche grazie a eventi internazionali come TUTTOFOOD, sicuramente un volano per il made in Italy nel mondo”- ha affermato Nicola Levoni, Presidente di ASSICA. Gli incontri saranno tutti gratuiti e si terranno nello spazio Academy 2, un’area dedicata ai ...
  • 14 marzo 2017

    Export, Taiwan è il nuovo traguardo per la carne e i salumi italiani

    Per l’export della carne suina e dei salumi italiani una buona notizia. Il Bureau of Animal and Plant Health Inspection and Quarantine (BAPHIQ) di Taiwan ha finalmente ufficializzato il riconoscimento dell’Italia quale Paese indenne da Peste suina africana (PSA), con l’eccezione della Regione Sardegna. “Con l’apertura di Taiwan abbiamo circa 23 milioni di consumatori da affascinare con le nostre carni e i nostri salumi. In questo siamo avvantaggiati perché è un Paese dove i prodotti italiani sono già molto apprezzati” – ha affermato il Presidente di ASSICA - Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi - Nicola Levoni. “Per il nostro settore queste sono il tipo di notizie che vorremmo sentire tutti i giorni e che danno fiducia ai nostri produttori che da anni vivono le difficoltà del mercato interno. Taiwan adesso e le Filippine lo scorso dicembre ci danno segnali positivi e confermano che il nostro lavoro in collaborazione con il Ministero della ...
  • 29 settembre 2016

    Cina: via libera all’export di carni suine italiane

    Il 27 settembre 2016 l’Ambasciata italiana in Cina ha formalizzato al Ministero della Salute la decisione della “General Administration of Quality Supervision, Inspection and Quarantine“ (AQSIQ) di riconoscere l’indennità da Malattia vescicolare della Macroregione del Nord (Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Valle D’Aosta, Veneto e Province Autonome di Trento e Bolzano). Si tratta di un passaggio fondamentale che permetterà ora l’attivazione delle procedure operative con le Autorità cinesi per l’effettiva apertura del mercato alle carni suine fresche e ai prodotti a breve stagionatura. L’apertura della Cina alle nostre esportazioni di Carni suine, grassi e frattaglie potrebbe generare già nella fase iniziale un fatturato export pari a 50 milioni di euro, permettendo al nostro Paese di recuperare posizioni importanti rispetto ai principali competitor europei. L’esportazione di questi prodotti, infatti, ...
  • 16 giugno 2016

    Assemblea Assica: scenario incerto per i salumi. Bene l’export.

    Il dato più incoraggiante è l'aumento del +10% dell'export nel primo trimestre 2016. L'industria delle carni e dei salumi rappresentata da Assica (170 associati che rappresentano i due terzi del settore per ricavi e il 90% per export) si è riunita e ha analizzato i dati del 2015 che mostrano timidi segnali positivi per produzione e vendite dopo quattro anni in caduta. Ma da soli non bastano per parlare di ripresa, anzi, il presidente di Assica Nicola Levoni definisce il 2015 "l'anno della crisi e della pressione mediatica, tra l'allarmismo creato dallo Iarc sulle carni cancerogene e gli attacchi di vegani e animalisti, che mettono in discussione l'esistenza stessa della filiera zootecnica, un asset basilare del nostro made in Italy e che hanno gelato la ripresa estiva incidendo anche sui primi mesi del 2016. Al pericoloso sentimento antindustriale si sommano le nubi che offuscano il mercato europeo, dove si concentra l'82% dell' export di carni e salumi". I DATI ...
  • 19 maggio 2016

    Gli italiani vogliono mangiare carne italiana al 100%

    Il CLAI, la cooperativa agricola  imolese che produce salami con carne al 100% italiane, ha pubblicato i risultati di un sondaggio in cui s'indagava le abitudini di acquisto degli italiani in merito alla carne con un focus in particolare sul salame. Il 65,3% degli intervistati ha dichiarato di acquistare carne esclusivamente italiana e pur di avere un prodotto che sia al 100% Made in Italy, il 39,7% degli intervistati ha dichiarato di essere disposto a spendere il 5% in più, mentre il 31,4 % di arrivare a sborsare fino al 20% in più. Da questa ricerca emerge l'importanza dei prodotti Made in Italy che continuano a rappresentare per i consumatori un sinonimo di sicurezza e di qualità. Ma il made in Italy risulta apprezzato anche all'estero, infatti Secondo ASSICA – Associazione Industriali delle Carni e dei salumi aderente a Confindustria – di cui fa parte anche CLAI, nel corso del 2015 l’export italiano ha raggiunto quota 165.250 tonnellate (+10%) per un fatturato ...
  • 12 aprile 2016

    Export salumi italiani 2015: +7,1% per un valore di 1,35 miliardi

    Incremento a due cifre per le esportazioni di salumi italiani nel 2015. Secondo le elaborazioni ASSICA – Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi aderente a Confindustria - sui primi dati ISTAT nel corso del 2015 il nostro export ha raggiunto quota 165.250 tonnellate (+10,7%) per un fatturato di 1,35 miliardi di euro (+7,1%). Un ottimo risultato sia in termini di valori, sia soprattutto in termini di volumi, maturato a dispetto di un contesto economico che ha visto nel corso dell’anno molte ombre allungarsi sulla crescita globale e soprattutto il commercio mondiale rallentare. Entrambi penalizzati dalla moderazione nella crescita registrata dalle economie emergenti, Cina in primis, e dall'andamento del prezzo del petrolio. Nel corso dell’anno ha mostrato un trend positivo in quantità anche l’import (+5,2% per 51.410 tonnellate) che ha registrato, però, una flessione in termini di fatturato (-3,6% per 187,1 milioni di euro). Grazie a questa dinamica il ...
  • 22 marzo 2016

    Impronta idrica e carni italiane, un sistema virtuoso

    In occasione della Giornata mondiale dell’Acqua, prevista per oggi, Carni Sostenibili, iniziativa delle associazioni di categoria delle tre filiere italiane della carne (Assocarni, Assica e Unaitalia), ha evidenziato i dati sul water footprint della produzione nel nostro Paese. Per produrre 1 Kg di carne servono 11.500 litri di acqua, il 25% in meno rispetto ai 15.415 della media mondiale, di cui solo il 13% (pari a 1.495 litri) viene effettivamente consumato. Il restante 87%, è quindi “green water”, ovvero acqua piovana impiegata nella coltivazione delle materie prime per l’alimentazione degli animali. Per impronta idrica, o water footprint si intende la quantità d’acqua contenuta in un alimento più quella che serve per produrlo. Si esprime in litri d’acqua per chilo di prodotto, e si divide in acqua blu (quella dei corsi d’acqua e delle falde), acqua verde (ossia quella delle precipitazioni) e acqua grigia (cioè quella che serve a riportare la concent...
  • 27 novembre 2015

    Assica: un convegno sulle novità per esportare in Usa

    Venerdì 27 novembre, nella sala Barilla di Fiere Parma, Assica, l’Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi, in collaborazione con la Camera di Commercio di Parma, organizza un momento di approfondimento e confronto sul mercato degli Stati Uniti d’America. In particolare si farà il punto della situazione a seguito dell'emanazione di alcune disposizioni del Ministero della Salute sugli aspetti applicativi del sistema di autocontrollo e di controllo ufficiale ai fini dell’export in USA di carni suine e di prodotti a base di carne (in particolare quelli a breve stagionatura). Il Convegno vedrà la partecipazione delle Autorità competenti (Ministero della Salute, Regione Emilia-Romagna e Regione Lombardia) e degli esperti della Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari (Ssica) e dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'Emilia Romagna che presenteranno i dati dei primi studi sull’utilizzo del sistema HPP (alte ...
  • 6 novembre 2015

    Assica – 1° semestre 2015: bene export salumi, soprattutto in USA

    Assica: l'export dei salumi italiani nel primo semestre 2015 è balzato al 6%, con 74.000 tonnellate e 615 milioni di euro (+3,9% a valore). A trainare la crescita è stato soprattutto il mercato europeo e il boom di quello statunitense (+2o,8% in quantità e +25,9% a valore), grazie anche allo stop alla penalizzazione derivante dal provvedimento 100% reinspection Usa (ovvero blocco della merce in dogana per esami sanitari), che ha permesso alle aziende di fare magazzino in loco e "fluidificare" il processo commerciale. Il successo negli Usa non è bastato comunque a compensare il rallentamento di alcuni importanti mercati (Germania, Svizzera e Austra) nonché le difficoltà legate all'embargo russo. Rispetto agli import il semestre ha registrato una lieve crescita in quantità, +1,5%  per 25.000 tonnellate, ma una contrazione in valore, -2,5% per circa 9o milioni. Il saldo commerciale del settore ha registrato un incremento rilevante: ...
  • 20 ottobre 2015

    Assica a Pechino per l’apertura del mercato cinese

    Proseguono i negoziati per l’apertura del mercato cinese a carni suine e a prodotti a breve stagionatura. Guidata dal Presidente Nicola Levoni, una delegazione di aziende associate ad Assica, Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi, ha partecipato ai lavori del III Dialogo sino-italiano sulla “food safety”, tenutosi presso l’Auditorium dell’Ambasciata d’Italia a Pechino lo scorso 16 ottobre e che ha visto la partecipazione di oltre 200 persone. Il seminario annuale, giunto alla terza edizione, rappresenta un importante momento di confronto tra Autorità cinesi e italiane in tema di sicurezza alimentare e di controlli lungo la filiera di produzione di alimenti. L’evento è stato organizzato dalla Ambasciata italiana a Pechino, in collaborazione con la China Food and Drug Administration (CFDA), Autorità cinese in campo di sicurezza alimentare e con la collaborazione di China Economic Net, Italian Trade Agency (ITA) Pechino e Camera di Commercio Italiana ...